L'Armata rivoluzionaria è un gruppo di ribelli che punta a cambiare il mondo con azioni che ne minacciano la stabilità, opponendosi ai nobili mondiali che manovrano il Governo Mondiale.[1]

Simbolo[modifica | modifica sorgente]

La bandiera simbolo dell'Armata rivoluzionaria.

Il loro simbolo è costituito dal muso stilizzato di un drago nero tra le lettere R e A su sfondo rosso.[2] Il gruppo ha anche come simbolo una bandiera rossa di forma triangolare.

Reazioni del Governo Mondiale[modifica | modifica sorgente]

Chiunque si unisca all'Armata rivoluzionaria diventa un ricercato dal Governo Mondiale.

Mentre le motivazioni che guidano i rivoluzionari sono sconosciute, le loro azioni minacciano il Governo Mondiale in quanto il loro obiettivo sono i nobili mondiali, agendo quindi al di fuori della legge.[3][4][5]

Ogni regno che mostra segni di rivoluzione rischia di diventare un bersaglio del Governo Mondiale. Infatti quando gli abitanti di Drum decisero di cambiare re, Wapol li avvertì che quest'azione non sarebbe mai stata tollerata dal Governo Mondiale.[6]

Dopo avere scoperto che Rufy è il figlio di Dragon, la Marina ha messo in cima ai suoi obiettivi la sua eliminazione a causa della sua discendenza.

Forza[modifica | modifica sorgente]

I membri dell'Armata rivoluzionaria sono decisamente forti e ben organizzati, capaci di sovvertire interi regni e di incutere timore al Governo Mondiale.

Non è chiaro il numero di uomini che compongono il gruppo, ma i suoi membri di spicco sono noti a livello mondiale. Ad esempio il vicecomandante dell'intera armata rivoluzionaria, Sabo, che possiede i poteri di un Rogia e padroneggia ad un alto livello l'Ambizione dell'armatura, è stato in grado di sconfiggere con discreta facilità Jesus Burgess, un ufficiale di un imperatore. Un altro combattente degno di nota è Emporio Ivankov, in possesso di un frutto del diavolo e talmente pericoloso da essere stato rinchiuso al quinto livello di Impel Down. Alcuni suoi membri sono in grado di utilizzare il karate degli uomini-pesce e il jujutsu degli uomini-pesce. In passato i rivoluzionari potevano contare anche su Orso Bartholomew, che è riuscito ad ottenere il titolo di membro della Flotta dei sette.

La rete di informazioni dei rivoluzionari consente loro anche di venire a conoscenza di informazioni tenute nascoste dal Governo Mondiale. Inoltre la locazione della loro base è rimasta segreta per anni, fino a quando i Pirati di Barbanera non l'hanno scovata e distrutta.

Membri[modifica | modifica sorgente]

Armata rivoluzionaria

Comandante supremo

Capo di stato maggiore

Comandanti

Non canonici

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Dragon è il comandante supremo dell'organizzazione, mentre Sabo è il secondo in comando. L'Armata rivoluzionaria è divisa in cinque armate, che operano nei quattro mari e nella Rotta Maggiore, ognuna guidata da un comandante, il quale può avere un vice comandante che funge anche da assistente.[7]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Dragon salva Sabo dall'annegamento.

Dieci anni prima dell'inizio della narrazione, i rivoluzionari salvarono le persone che vivevano al Grey Terminal, nel regno di Goa, da un incendio voluto dal re per eliminare i rifiuti in vista dell'arrivo del nobile mondiale Jalmack. Qualche giorno dopo, Dragon salvò Sabo, gravemente ferito, dall'attacco del nobile mondiale e lo portò con sé a Baltigo nonostante avesse perso la memoria.

Due anni dopo, Dragon ordinò agli altri rivoluzionari di cercare Nico Robin, soprannominata la "torcia della rivoluzione" e di proteggerla, qualora l'avessero trovata, dal Governo Mondiale.[8]

L'anno seguente, Hack introdusse Koala nell'Armata rivoluzionaria.[9] Un anno dopo, il re Taras Lucas portò alla luce il problema costituito da Dragon. Egli affermò che il suo movimento stava diventando sempre più forte e che in cinque o sei anni sarebbe diventato una minaccia per il Governo Mondiale.[6]

Ad un certo punto, Emporio Ivankov e Inazuma furono incarcerati ad Impel Down poiché membri dell'Armata rivoluzionaria. Da quel momento in poi hanno atteso che Dragon dichiarasse guerra al mondo intero per evadere di prigione e unirsi alla battaglia.

Saga di Rogue Town[modifica | modifica sorgente]

L'Armata rivoluzionaria supporta un colpo di Stato, che ha successo, a Vila.[10][11]

Saga di Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Tre assassini del CP9 ricevono l'incarico di assassinare tre membri di spicco dei rivoluzionari. La missione ha successo, ma il gruppo fu costretto ad uccidere venti persone in più perché Fukuro aveva rivelato loro quale fosse il loro obiettivo.[12]

Saga dopo Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Qualche tempo dopo la distruzione di Enies Lobby, i rivoluzionari dichiarano di avere vinto una battaglia nel mare meridionale, sull'isola di Sant'Urea.[13] Stando alle dichiarazioni di Nico Robin molti regni sono già caduti per mano loro.

Saga di Impel Down[modifica | modifica sorgente]

Ivankov e Inazuma fanno la conoscenza di Rufy e scoprono che è il figlio di Dragon. Credendo che anche Portuguese D. Ace lo sia, data l'imminente esecuzione di quest'ultimo, i due decidono che è giunto il momento di scappare di prigione.

Saga di Marineford[modifica | modifica sorgente]

Ivankov ed Inazuma assistono Rufy durante la battaglia di Marineford. Al termine della battaglia fanno ritorno a Momoiro.

Le varie avventure della ciurma di Cappello di Paglia[modifica | modifica sorgente]

I rivoluzionari attaccano Tequila Wolf liberando tutti gli schiavi che vi lavoravano, tra cui Robin, che vi era stata spedita da Orso Bartholomew. Dopo averle spiegata che la cercavano da dieci anni, le chiedono di seguirla fino a Baltigo, ma Robin rifiuta, interessata solamente a riunirsi con i compagni. Tuttavia quando legge sul giornale la notizia dell'incursione di Rufy a Marineford, scopre il messaggio segreto che il suo capitano vuole mandare all'equipaggio, e cioè di rimandare di due anni il ritrovo. Per questo motivo decide di unirsi ai rivoluzionari e si fa scortare fino al loro quartier generale per incontrare Dragon.

In una conversazione via lumacofono tra Dragon e Ivankov, il leader dell'armata afferma che presto i comandanti sparsi per il mondo dovranno riunirsi per prepararsi alle conseguenze della morte di Barbabianca, ovvero cambiamenti radicali in tutto il mondo.[14]

A seguito della morte di Ace, Sabo riacquista la memoria, scegliendo comunque di non abbandonare l'Armata rivoluzionaria.

Salto temporale[modifica | modifica sorgente]

Numerosi soldati dell'Armata rivoluzionaria vengono inviati a Dressrosa per fermare il traffico di armi dal porto mercantile sotterraneo, ma vengono tutti trasformati in giocattoli da Sugar.[15] Inoltre i membri dell'organizzazione si scontrano spesso con Rob Lucci del CP0.[16]

Sabo si reca a Sphinx per fare visita alla tomba di Ace.

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Sabo giunge a Dressrosa insieme a Koala e ad Hack per porre fine al commercio di armi che sta fomentando guerre in tutto il mondo.

Sabo partecipa al torneo.

Hack si iscrive al torneo del colosseo delle corride per la vittoria del frutto Foco Foco. Tuttavia viene sconfitto al primo turno, imprigionato e trasformato in un giocattolo da Sugar, che lo manda a lavorare come schiavo nel porto mercantile sotterraneo. Sabo invece prende il posto di Rufy travestendosi da "Lucy" al fine di vincere il frutto che era stato di Ace. Sabo, appena ne ha l'occasione, mangia il frutto e distrugge il ring con un pugno di fuoco, finendo quindi nel porto sotterraneo. Quasi nello stesso momento, Usop fa perdere i sensi a Sugar, permettendo a tutti i membri dell'Armata rivoluzionaria trasformati in giocattoli di tornare alle loro sembianze originali.[17] I rivoluzionari scoprono poi che le armi distribuite da Dressrosa non vengono prodotte sull'isola.

Dopo che Do Flamingo attiva la sua gabbia intrappolando tutta Dressrosa, Hack raggiunge il vecchio altopiano reale, mentre Koala indaga nel porto commerciale scoprendo che alcune navi sono in realtà mercantili travestiti da navi pirata. Sabo invece blocca la Marina con un muro di fiamme, in modo da permettere a Rufy di affrontare Do Flamingo. Dopo avere facilmente sconfitto alcuni marine e il viceammiraglio Bastille, affronta Fujitora, che però abbandona la lotta dopo qualche scambio di colpi. Successivamente Sabo sconfigge Jesus Burgess che aveva provato ad attaccare Rufy.

In seguito i rivoluzionari recuperano la lista dei traffici clandestini di Do Flamingo e si impossessano di tutte le armi presenti nel porto commerciale. Decidono poi di abbandonare l'isola per sfuggire al CP0.

Saga di Zo[modifica | modifica sorgente]

Koala fa rapporto a Dragon sulla missione e lo informa che nelle armi recuperate a Dressrosa hanno rinvenuto un materiale raro denominato alcolite; a quel punto Dragon convoca una riunione con tutti i comandanti dell'Armata rivoluzionaria.

Saga di Whole Cake Island[modifica | modifica sorgente]

Due settimane dopo, Baltigo viene distrutta dai Pirati di Barbanera e la locazione dell'isola viene rivelata al mondo.

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

Morley plasma il terreno per attaccare i pirati.

I rivoluzionari trasferiscono la propria base nel regno di Kamabakka e vi indicono un incontro per stabilire il piano con cui dichiarare guerra ai nobili mondiali. Mentre aspettano l'arrivo dei comandanti ancora assenti, Ivankov si mostra entusiasta per le notizie riguardanti Rufy e Sanji, mentre Dragon commenta che il regno di Germa è stato espulso dal Governo Mondiale. Koala poi sottolinea come Sabo sia sdraiato a terra ripensando a quanto accaduto a suo fratello.

Mentre sono in viaggio verso Momoiro, quattro comandanti raggiungono il regno di Lulusia, che è nel panico a causa della ciurma di Barbarosa. Lindbergh quindi contatta Sabo per comunicargli che lui e gli altri comandanti arriveranno in ritardo all'incontro; poi i quattro affrontano gli aggressori e li sconfiggono facilmente. In seguito Belo Betty invita i cittadini a reclamare la taglia su Barbarosa e a contattare i rivoluzionari qualora avessero bisogno. Infine, i comandanti si allontanano.

Belo Betty raggiunge Momoiro, dove discute con Koala sul loro obiettivo, mentre Sabo, Karasu, Morley e Lindbergh raggiungono la Marijoa e, sottoterra, discutono su come salvare Orso Bartholomew dalla sua attuale condizione di schiavo.

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

Il quarto giorno del Reverie, dunque, i quattro rivoluzionari ingaggiano battaglia contro Issho e Ryokugyu.

Dopo la fine del Reverie, i rivoluzionari che si trovano a Momoiro rimangono sgomenti e increduli nel leggere ciò che il Quotidiano dell'economia dice di Sabo, non riuscendo nemmeno a contattare lui o gli altri comandanti che si erano recati a Marijoa.

Base[modifica | modifica sorgente]

La base dell'Armata rivoluzionaria era a Baltigo, lungo la Rotta Maggiore, un'isola dal terreno bianco e molto ventosa,[13] prima che essa venisse distrutta dai Pirati di Barbanera.

La base è stata quindi spostata a Momoiro.[2]

Navi[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Wind Granma

I rivoluzionari dispongono di più navi, ma solo quella di Dragon, chiamata Wind Granma, è stata mostrata per intero.

I rivoluzionari che hanno accompagnato Nico Robin a Baltigo hanno utilizzato una nave con tre alberi e vele chiare.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Viene mostrata la scena in cui Dragon tornò sulla sua nave dopo avere salvato Sabo. Subito dopo molti membri dell'Armata rivoluzionaria chiesero animatamente degli aiuti medici.

Film 13[modifica | modifica sorgente]

Il CP0 raggiunge la raggiunge la Gran Tesoro e poco dopo inizia a bombardarla. Tuttavia Sabo usa i suoi poteri per impedire alle cannonate di colpirla, riferendo a Rob Lucci di non intralciare Rufy; i due iniziano così a combattere, per poi fermarsi quando Gild Tesoro viene scaraventato sul ponte della nave. A quel punto Lucci rinuncia a combattere e dà ordine di catturare quest'ultimo.

In seguito i rivoluzionari si allontanano a bordo della loro nave.

Film 14[modifica | modifica sorgente]

Tre navi dell'Armata rivoluzionaria raggiungono Delta. Sabo vi sbarca e partecipa al combattimento contro Douglas Bullet, che alla fine viene sconfitto.

L'organizzazione soccorre Hacchan, Kayme, Pappagu e Ann facendoli imbarcare su una delle loro navi. Dopo avere avuto facilmente la meglio su Buena Festa, anche Sabo sale a bordo di una delle navi che salpano dall'isola e crea un muro di fuoco per fermare le corazzate della Marina. L'Armata rivoluzionaria lascia poi i quattro ospiti su un'altra isola.

Note

  1. Vol. 90capitolo 905.
  2. 2,0 2,1 Vol. 90capitolo 904 ed episodio 880, vengono presentati quattro comandanti e la nuova base operativa.
  3. Vol. 60capitolo 586 ed episodio 501, Dragon giunge nel regno di Goa.
  4. Vol. 56capitolo 546 ed episodio 455, Robin viene liberata dai rivoluzionari.
  5. Vol. 90capitolo 905 ed episodio 883, Koala riferisce a Belo Betty l'obiettivo dell'Armata rivoluzionaria.
  6. 6,0 6,1 Vol. 16capitolo 142 ed episodio 91, il consiglio dei re discute della minaccia di Dragon.
  7. SBS del volume 93.
  8. Bunny Joe lo riferisce a Robin quando la incontra a Tequila Wolf.
  9. SBS del volume 80.
  10. Vol. 11capitolo 96 ed episodio 45.
  11. One Piece Yellow: Grand Elements.
  12. Vol. 39capitolo 375 ed episodio 264, gli agenti del CP9 discutono di una loro missione.
  13. 13,0 13,1 Vol. 45capitolo 440 ed episodio 324, i rivoluzionari discutono della loro vittoria a Sant'Urea nella loro base assieme a Dragon.
  14. Vol. 60capitolo 593 ed episodio 510, Dragon e Ivankov discutono di Rufy e Orso Bartholomew.
  15. Vol. 75capitolo 744 ed episodio 678, Koala lo rivela dopo che Sabo ha mangiato il frutto Foco Foco.
  16. One Piece Vivre Card.
  17. Vol. 80capitolo 803 ed episodio 752, Dragon si congratula con Koala.

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.