One Piece Wiki Italia
Advertisement
One Piece Wiki Italia
Scopri altri articoli pronti alla lettura! Gente! Questo è un articolo fatto come si deve!

"Benn Beckman" è un articolo completo ed esauriente!

Benn Beckman è il vicecapitano dei Pirati del Rosso.[3]

Aspetto[]

Benn Beckman a trentotto anni.

È un uomo con un fisico longilineo e capelli grigi. Ha una cicatrice a forma di X alla tempia sinistra e un'altra sull'avambraccio sinistro.

Indossa una maglia nera a maniche corte e con il collo a V, larghi pantaloni grigi con molte tasche, stivali di cuoio con fibbie e una fascia intorno alla vita nella quale infila il fucile come se fosse una semplice pistola. Infine ha un mantello viola con un motivi celesti. Inoltre è solito fumare una sigaretta.

A trentotto anni aveva i capelli più lunghi, che erano neri e raccolti in una coda di cavallo, indossava lunghi pantaloni verde oliva e non aveva nessuna cicatrice oltre a non portare il mantello.

Carattere[]

Sembra essere il meno amante del divertimento di tutta la ciurma e anche il più rilassato. Nonostante questo appare divertito dal comportamento del suo capitano, come quando si è fatto prendere dal panico dopo avere perso di vista Rufy. È inoltre una delle persone più fidate di Shanks insieme a Lucky Lou e Yasop, e colui che capisce il suo capitano meglio di chiunque altro.[2]

Ha intuito subito che Rufy diventerà un grande pirata. È un uomo silenzioso e dignitoso, che fuma per rimanere rilassato anche durante le battaglie.[2]

Forza e abilità[]

Benn Beckman sconfigge tutti i masnadieri di Higuma.

Benn Beckman ha il più alto quoziente intellettivo di tutti i personaggi presentati nella saga del mare orientale.[4] In quanto braccio destro di uno dei quattro imperatori, la cui figura incute timore persino nel Nuovo Mondo,[2] si presume essere molto forte. Durante la battaglia di Marineford, Beckman puntò il fucile contro l'ammiraglio Kizaru, il quale decise di non affrontarlo, sebbene avesse appena combattuto contro Marco e Barbabianca.[5] Ha saputo farsi una certa fama ed ha una taglia molto alta.[6]

Beckman ha anche sconfitto con grande facilità tutti i compagni di Higuma, suggerendogli di chiamare una flotta di navi da guerra come rinforzo per poter affrontare lui e la sua ciurma alla pari.

Armi[]

Beckman ha un fucile ad acciarino ed è probabilmente molto abile nel suo utilizzo: seppur non lo si sia mai visto sparare, è stato capace di usarlo con innegabile efficacia come arma contundente contro la banda di masnadieri di Foosha.

Storia[]

Passato[]

Nacque nel mare settentrionale.[2] Una volta cresciuto, si unì ai Pirati del Rosso e ne divenne il vicecapitano.

Undici anni prima dell'inizio della narrazione, durante l'assalto a una nave del Governo Mondiale,[7] Lucky Lou trovò il frutto Gom Gom.[8]

Benn Beckman raggiunse poi con la ciurma Foosha, che divenne il punto di appoggio per i loro viaggi. Qui conobbe Monkey D. Rufy, che chiese più volte di portarlo con loro.

Un anno dopo vide il bambino salire sulla polena e ferirsi con un pugnale sotto l'occhio per dimostrare il suo coraggio. Con il resto della ciurma raggiunse il Partys Bar dove brindò per Rufy e per il loro viaggio.

Vedendo il bambino allontanarsi da Shanks dopo che quest'ultimo aveva rifiutato nuovamente di portarlo con loro, gli disse che doveva capire la preoccupazione del capitano. Rufy non capì, così lui gli spiegò che Shanks guidava tutto l'equipaggio e che, oltre a conoscere la bellezza della vita da pirata, era al corrente dei pericoli e delle fatiche che ne conseguivano. Aggiunse quindi che il capitano non voleva frustare il suo desiderio di diventare un pirata. Rufy però gli rispose di non capire in quanto Shanks si stava divertendo solamente alle sue spalle, tanto che in quel momento il capitano chiamò il bambino palla di cannone. Benn Beckman sostenne quindi che Rufy aveva ragione dato che Shanks lo stava prendendo in giro.

Vide poi entrare un uomo con i suoi sottoposti, il quale ruppe una bottiglia di sakè offertagli da Shanks per scusarsi che la sua ciurma aveva finito le scorte, riversandone il contenuto sul pirata. Saputo che si trattava di masnadieri, e dopo avere visto Higuma prendersi gioco di Shanks, li vide uscire dall'osteria.

La ciurma poi rise per quanto subito dal suo capitano. Ascoltò quindi Rufy criticare Shanks per non avere reagito e, assieme al resto della ciurma, rimase a bocca aperta quando vide il braccio del bambino allungarsi. Lucky Lou fece presente ai suoi compagni che il frutto Gom Gom che avevano rubato non c'era più, così fece un disegno che mostrò a Rufy, chiedendogli se lo avesse mangiato, cosa che egli confermò. Lui e il resto della ciurma partirono poi per un altro dei loro viaggi.

I Pirati del Rosso di fronte ai masnadieri.

Al loro ritorno, molti giorno dopo, si diressero al Partys Bar, davanti al quale videro i masnadieri e Higuma intenzionato ad uccidere Rufy. Vide così Shanks avvicinarsi e un masnadiero puntargli una pistola alla testa, ma Lucky Lou gli sparò, uccidendolo. I nemici li definirono vigliacchi così lui domandò loro con chi credevano di avere a che fare e se pensavano fossero degli stinchi di santo. Sentì quindi la conversazione tra Shanks e Higuma, dopo la quale quest'ultimo ordinò ai suoi sottoposti di attaccarli. Benn Beckman disse così al suo capitano di lasciarli a lui, sostenendo che da solo sarebbe bastato. Spense quindi la sigaretta sulla fronte di un nemico, avendo poi la meglio su tutti. Puntò quindi la pistola contro Higuma sostenendo che non doveva alzare la cresta e che se volevano litigare con loro, avrebbero dovuto procurarsi una bella nave da guerra. Il masnadiero provò a giustificarsi dicendo che era stato il bambino a provocarli, ma Shanks gli replicò che, anche se erano andate così le cose, lui era comunque un ricercato con una taglia sulla testa. Higuma ricorse però ad un fumogeno e si dileguò portando Rufy con sé.

Shanks ammise di essersi distratto e sottolineò che Rufy era stato rapito, chiedendo ai suoi sottoposti cosa potevano fare. Lucky Lou gli replicò di stare calmo, dandogli del puzzone, e sostenne che se lo avessero cercato tutti assieme, lo avrebbero trovato di sicuro. Benn Beckman, sorridendo, sottolineò così che il suo capitano fosse un tanghero.

Shanks salvò Rufy dal Padrone della scogliera che aveva appena divorato Higuma, perdendo però il braccio sinistro.

In seguito si preparano per lasciare definitivamente Foosha e sentì il bambino urlare che sarebbe diventato un pirata e che avrebbe trovato dei compagni più in gamba di loro, oltre a trovare i tesori più preziosi del mondo e che sarebbe diventato il re dei pirati. Benn Beckman vide quindi Shanks lasciare il suo cappello al bambino, dicendogli che glielo avrebbe restituito quando sarebbe divenuto un grande pirata. Quando il capitano gli passò vicino, Benn Beckman gli disse che non c'era dubbio che Rufy si sarebbe fatto strada. Shanks rispose che era d'accordo visto che gli assomigliava molto quand'era piccolo. La ciurma poi salpò.

I Pirati del Rosso incontrano i Pirati di picche.

Due anni prima dell'inizio della narrazione, i Pirati di picche irruppero nella grotta in cui i Pirati del Rosso stavano festeggiando, ma nessuno di loro fu sorpreso della visita improvvisa. Ace si presentò a Shanks, dicendogli dove era nato e cresciuto, citando Makino e i suoi insegnamenti sulle buone maniere. Nel sentire quel nome, i membri della ciurma dell'imperatore cominciarono a prestare più attenzione al discorso e accettarono il dono di Ace, ovvero una bottiglia di liquore. Il ragazzo disse a Shanks che Rufy era suo fratello e i Pirati del Rosso urlarono che avrebbe dovuto dirlo subito. La festa proseguì e i due capitani parlarono di Rufy e quando Shanks gli chiese se avesse visitato Rogue Town, Ace disse di non essere interessato a diventare il re dei pirati come suo fratello: lui voleva solo che la sua fama raggiungesse ogni angolo del mondo. L'imperatore allora gli chiese come potesse accrescere la sua fama se non puntasse a diventare il re dei pirati, ma il ragazzo rispose che il suo scopo era sconfiggere gli imperatori. Tuttavia, Shanks non era tra i suoi obiettivi, così gli chiese chi lo fosse, sentendosi rispondere il nome di Barbabianca. Tutti i Pirati del Rosso rimasero sorpresi da tale affermazione, ma Ace affermò senza indugio che i suoi nemici fossero la Flotta dei sette, gli imperatori e i draghi celesti.

Ace chiese a Shanks chi gli avesse procurato quella cicatrice sul volto e rimase sorpreso nel sentire che il responsabile fosse un semplice membro della ciurma di Barbabianca. Anche i Pirati del Rosso furono sorpresi visto che Shanks non parlava spesso di quella cicatrice. Il Rosso affermò che non sapeva cosa quel pirata stesse facendo, ma che in quei giorni la cicatrice non gli faceva male.

Quando i Pirati di picche se ne andarono, Beckman e Shanks parlarono tra loro. Il capitano affermò che avevo percepito l'Ambizione del re conquistatore di Ace fin da quando era al largo della costa, come se avesse un fuoco dentro, chiedendo conferma a Beckman, il quale rispose affermativamente, tanto che la neve si era sciolta e ora che se ne era andato, aveva ricominciato a nevicare. Shanks gli chiese poi cosa ne pensasse di Ace e lui gli rispose che era più ingenuo di quanto sembrasse, e che gli dava l'idea di essere un combattente più che un pirata. Secondo lui avrebbe dovuto unirsi all'Armata rivoluzionaria se il suo obiettivo era quello di distruggere il mondo, aggiungendo che con quel passo non sarebbe mai divenuto il capitano di una flotta di navi. Secondo Beckman, inoltre, Ace non avrebbe dovuto ricevere la proposta da parte del Governo Mondiale per diventare un membro della Flotta dei sette, perciò si domandò se ci fosse qualche altra ragione per cui avesse ricevuto una taglia più alta di 100.000.000 Simbolo Berry.png. Così Shanks rispose che Ace aveva detto di essere nato a Baterilla e sorrise. Beckman guardò il suo capitano e pensò che stesse sorridendo in modo leggermente diverso dal solito.

Saga di Rogue Town[]

Quando Drakul Mihawk porta a Shanks la notizia della prima taglia di Rufy, la ciurma decide di dare subito un'altra festa nonostante avessero appena finito di darne una.[9]

Saga di Jaya[]

A Yukiryu, Beckman sente Rockstar informare che Barbabianca ha strappato una lettera di Shanks senza nemmeno leggerla. A conversazione conclusa, il suo capitano informa lui e altri ufficiali che partiranno, quindi di prepararsi a salpare. Sente poi Lucky Lou chiedere a Shanks se andranno a fare visita all'imperatore, cosa che viene confermata. Lui quindi afferma che se facessero una cosa simile il Governo Mondiale non starebbe con le mani in mano, ma Shanks non se ne preoccupa, sostenendo che potranno anche intromettersi, ma non li lasceranno di certo fare i comodi loro. Sente poi il suo capitano ordinare la partenza, invitandoli a fare una bella scorta di alcolici perché ne avranno bisogno.[10]

Saga dopo Enies Lobby[]

Benn Beckman e compagni assistono all'incontro fra Shanks e Barbabianca.

L'equipaggio distrugge una flotta della Marina messa alle loro costole.

Con la sua ciurma raggiunge la Moby Dick. Mentre Shanks sale a bordo di quest'ultima per incontrare Barbabianca, Benn Beckman rimane sulla Red Force insieme ai suoi compagni. Poco dopo vede il cielo spezzarsi in due.[11]

Saga di Impel Down[]

Assieme alla ciurma intercetta Kaido, il quale a sua volta stava cercando di fermare Barbabianca prima che arrivasse a Marineford.[12]

Saga di Marineford[]

Benn Beckman ferma Kizaru.

Raggiunta Marineford con la sua ciurma, Beckman impedisce a Kizaru di attaccare Rufy e Law puntandogli contro il suo fucile e intimandogli di non muovere un muscolo. Questa minaccia basta a fermare l'ammiraglio e a fargli alzare le mani in segno di resa, anche se con un accenno di sarcasmo.[5]

Dopo aver messo fine alla guerra, i Pirati del Rosso lasciano il campo di battaglia portando con loro i corpi esanimi di Ace e Barbabianca.

Saga dopo la guerra[]

Beckman, assieme al resto dei Pirati del Rosso e alla flotta di Barbabianca, partecipa ai funerali di Ace e Newgate sull'isola natale di quest'ultimo, nel Nuovo Mondo. In seguito salpa con la Red Force.[13]

Salto temporale[]

La sua ciurma si scontra con i Pirati di Kidd e priva il loro capitano del braccio sinistro.[14]

Dalle tolde del mondo - La saga dell'uomo da cinquecento milioni[]

Beckman viene a conoscenza dei fatti di Dressrosa mentre si trova su un'isola per partecipare ad un matrimonio insieme al resto della ciurma.[15]

Traduzioni e adattamenti[]

La Star Comics lo ha chiamato anche "Ben Beckman".[3]

Curiosità[]

  • Il suo cibo preferito sono gli involtini di pesce.[2]

Note

Navigazione[]

Advertisement