Scopri altri articoli pronti alla lettura! Gente! Questo è un articolo fatto come si deve!

"Borsalino" è un articolo completo ed esauriente!

Borsalino, noto anche come Kizaru, è un ammiraglio della Marina.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Kizaru è un uomo molto alto e magro. Ha varie rughe che gli percorrono il volto, dei corti capelli neri e una sottile barba. Tende a sorridere in modo rilassato nella maggior parte delle occasioni.

Indossa un vestito giallo a righe con la classica giacca degli ufficiali di alto rango della Marina appoggiata sulle spalle. Porta anche un paio di scarpe bianche, degli occhiali da sole con una colorazione ambrata, una camicia verde scuro e una cravatta viola sotto al vestito giallo.

Venticinque anni prima dell'inizio della narrazione, indossava un berretto tipico dei marine e la barba era meno accentuata. Non portava gli occhiali da sole e indossava degli indumenti simili a quelli attuali. Sotto il vestito giallo a righe non portava però né la camicia né la cravatta.

Dodici anni dopo, indossava un cappello grigio scuro e un paio di guanti neri. Non portava la barba ed i suoi abiti avevano una colorazione violacea chiara. La camicia posta sotto il vestito a righe era invece di colore grigio scuro mentre la cravatta era verde acqua. Inoltre era solito fumare le sigarette.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Carattere[modifica | modifica sorgente]

Kizaru chiede informazioni a due pirati che avevano cercato di ucciderlo.

Kizaru è una persona molto tranquilla e rilassata, sia nel modo di fare che nel modo di parlare. Spesso parla infatti in modo eccezionalmente lento tanto da non riuscire a terminare nemmeno le frasi. Prende inoltre tutto alla leggera, indipendentemente dalla gravità della situazione: sull'arcipelago Sabaody infatti non si è minimamente preoccupato del fatto che due pirati avessero appena cercato di ucciderlo, ma al contrario ci ha dialogato chiedendogli se sapessero dove si trovasse il suo subordinato. Tende poi a sorprendersi innocentemente quando gli avversari utilizzano strani poteri, come ad esempio quando Hawkins è riuscito sopravvivere a due dei suoi colpi o quando Marco ha subito in pieno un suo attacco rimanendo illeso. Parla anche in maniera molto cortese e si diverte a prendere in giro i pirati per la loro debolezza, come ha fatto con Rufy durante la guerra per la supremazia.

Borsalino è anche un uomo svagato e irresponsabile, tanto da sradicare una mangrovia con un calcio per poi accorgersi di avere probabilmente ecceduto nella forza. Inoltre sbaglia spesso ad utilizzare il lumacofono nero che porta al polso, cercando di effettuare delle chiamate con esso sebbene quella tipologia di lumacofoni servano solo per le intercettazioni.

Non si fa alcuno scrupolo ad offrirsi volontario per risolvere situazioni difficili o che necessitano di particolare attenzione, dimostrando di avere una grande fiducia in se stesso. A dimostrazione di ciò, aseguito dell'attacco di Rufy al nobile mondiale Charloss, Kizaru si è offerto volontario per andare a sistemare la faccenda, affermando di poterla risolvere in un attimo.[4] Successivamente, quando i marine intercettano la telefonata fra Kaido e Big Mom, Borsalino si offre nuovamente volontario con Sakazuki per intervenire personalmente, nonostante la presenza di due imperatori.[5]

Segue la "giustizia vaga" (どっちつかずの正義, Dotchitsukazu no Seigi?)[6] e perciò non si preoccupa troppo delle sue azioni. Preferisce inoltre seguire gli ordini con il suo ritmo anziché impartirli.[3]

Tuttavia Kizaru ha dimostrato di essere anche spietato, pur mantenendo un atteggiamento che fa pensare l'opposto. Non ha infatti alcuna pietà per i pirati e durante la guerra per la supremazia, nonostante Little Odr Junior fosse ferito gravemente e avesse perso una gamba, ha valutato come fosse il caso di sparargli un raggio laser alla testa per finirlo.

A volte ha avuto anche un atteggiamento sarcastico. Infatti, durante la fase finale della guerra per la supremazia, quando Benn Beckman gli ha puntato contro il suo fucile, ha interrotto il suo attacco alzando le mani in segno di resa, per poi riprendere l'inseguimento del sommergibile dei Pirati Heart come se nulla fosse.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Marina[modifica | modifica sorgente]

Sentomaru[modifica | modifica sorgente]

Sentomaru si riferisce a Borsalino con il termine "zio" (黄猿のオジキ, Kizaru no Ojiki?), lo stesso usato dalla mafia giapponese nei confronti del boss. Inoltre, i due si rapportano da pari a pari e sembrano essere in buoni rapporti.

Sakazuki[modifica | modifica sorgente]

Borsalino si arruolò in Marina insieme a Sakazuki.[3]

Pirati[modifica | modifica sorgente]

Kizaru non ha pietà per i pirati, al punto da avere provato a catturare Silvers Rayleigh nonostante avesse abbandonato la pirateria e da interrompere la sua missione per catturare Basil Hawkins, una supernova con una taglia di 249.000.000 Simbolo Berry.png. Sospetta anche delle vere intenzioni dei membri della Flotta dei sette.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

Kizaru affronta Rayleigh.

Come ammiraglio, Kizaru ha il comando su un vastissimo numero di subordinati e ricopre la seconda carica più alta nella Marina. Inoltre ha il diritto di invocare un Buster Call su ogni isola che ritiene essere una minaccia per il Governo Mondiale e può concedere questo privilegio anche agli agenti governativi che non dispongono di tale potere.

La sua sola presenza sull'arcipelago Sabaody è stata sufficiente a scatenare il panico tra tutti i pirati presenti e a preoccupare severamente le supernove. Infatti Scratchmen Apoo definì incredibile la forza di Kizaru dopo averlo visto all'azione contro alcuni pirati e lo stesso Hawkins, durante il loro incontro, calcolò che le probabilità di sconfitta contro l'ammiraglio erano del cento per cento.[7] Durante questa missione Borsalino è riuscito a sconfiggere Urouge, lo stesso Apoo ed X Drake con una facilità disarmante, venendo in piccola parte aiutato da un Pacifista. In questa occasione cattura inoltre ben cinquecento pirati.[8]

Ha anche combattuto alla pari con Silvers Rayleigh, il braccio destro del re dei pirati, riuscendo per le lunghe a metterlo in difficoltà. Infatti mentre il pirata sembrava affaticato, Kizaru appariva calmo e perfettamente lucido, complice la più giovane età rispetto al nemico. La sua forza è tale che lo stesso Sentomaru, che sembra conoscerlo da molto tempo, ha affermato che all'infuori di Rayleigh non aveva mai visto nessuno capace di metterlo in difficoltà.

Inoltre ha combattuto alla pari contro Marco, il comandante della prima divisione dei Pirati di Barbabianca, ed ha tenuto testa a Edward Newgate, riuscendo persino a colpirlo con uno dei suoi raggi laser. Altra testimonianza della sua forza è il fatto che sia uscito del tutto illeso dalla guerra per la supremazia.

Kizaru ha anche sconfitto con estrema facilità Arlong, uno dei più forti membri dei Pirati del Sole, quando ricopriva ancora il ruolo di viceammiraglio.[9]

Capacità fisiche[modifica | modifica sorgente]

Kizaru possiede anche una grande forza fisica, essendo stato capace di tenere giù il bisento di Barbabianca con un solo piede.[10] Ha anche dimostrato di avere una buona resistenza, avendo subito un calcio da Marco potenziato con l'Ambizione dell'armatura senza riportare alcuna ferita.[11]

Possiede poi un udito eccezionale, essendo riuscito a captare i movimenti sottomarini dei Pirati di Barbabianca prima che iniziasse la battaglia di Marineford. Durante le fasi finali della guerra ha inoltre dimostrato di possedere una buonissima mira, riuscendo a distruggere la chiave che Rufy aveva in mano con un raggio laser nonostante la grande distanza.

Frutto del diavolo[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Pika Pika

Borsalino ha mangiato il frutto del diavolo Pika Pika di tipo Rogia, che gli dona l'intangibilità, facendo passare attraverso di sé gli attacchi nemici e scomporre il proprio corpo nel proprio elemento, in questo caso in particelle di luce. Proprio perché è capace di muoversi e di attaccare alla velocità della luce, la sua potenza è elevatissima, al punto che può causare esplosioni in grado di distruggere edifici e sradicare piante enormi. Grazie ad esso, Borsalino è riuscito facilmente a intercettare Rufy in Gear Second e a colpirlo violentemente con un calcio.

Ambizione[modifica | modifica sorgente]

Durante la guerra per la supremazia, Kizaru ha utilizzato l'Ambizione dell'armatura, assieme a quella degli altri due ammiragli, per bloccare un attacco di Barbabianca diretto verso il patibolo su cui si trovava Ace. È uno dei pochi personaggi ad avere dimostrato di saperla usare per colpire il bersaglio senza il diretto contatto fisico, indice della sua abilità con essa.[12]

Sa utilizzare anche l'Ambizione della percezione.[3]

Armi[modifica | modifica sorgente]

Kizaru crea una una spada di luce.

Tramite il suo frutto del diavolo, Kizaru può creare anche una spada fatta di luce con cui contrastare gli attacchi degli spadaccini in grado di utilizzare l'Ambizione. Ha dimostrato di essere molto abile nel suo utilizzo, avendo combattuto alla pari con Silvers Rayleigh.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Borsalino nacque nel mare settentrionale. In seguito, si arruolò in Marina insieme a Sakazuki all'età di ventisei anni.[3]

Venticinque anni prima dell'inizio della narrazione, era presente quando Garp e Sengoku discussero su come comportarsi riguardo alla battaglia di Ed Waugh tra Gol D. Roger e Shiki.[13]

Borsalino sconfigge Arlong.

Dodici anni dopo, mentre era viceammiraglio, incaricò Kadal di localizzare i Pirati del Sole e di riferirne la posizione. Tuttavia Strawberry lo informò che il contrammiraglio era stato sconfitto e la sua nave affondata. Borsalino dichiarò che Kadal non avrebbe dovuto attaccarli, ma Strawberry affermò che il contrammiraglio si era solo avvicinato alla nave nemica per identificarla, e che a quel punto gli uomini-pesce erano sbucati dall'acqua. Borsalino commentò così quanto fosse pericoloso l'equipaggio.

Tre anni dopo, la Marina fece un'imboscata ai danni dei Pirati del Sole su Full Shout, da cui però riuscirono a fuggire. Borsalino allora incontrò Arlong, il quale giunse nuovamente sull'isola per vendicare la morte di Fisher Tiger, provocata da una eccessiva perdita di sangue. Dopo avere facilmente sconfitto l'uomo-pesce, Borsalino lo portò alla base G-2 affinché venisse interrogato ed arrestato.

Saga delle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

Kizaru si trova a Marijoa assieme a Sengoku quando Sicily riferisce dell'incidente causato da Rufy alla casa d'aste di umani dell'arcipelago Sabaody, in cui sono presenti anche i Pirati di Kidd e i Pirati Heart. In quest'occasione precisa che tre nobili mondiali sono in ostaggio, ma che non sono ancora pervenute richieste di riscatto, oltre al fatto che sull'isola ci siano undici pirati con taglie superiori ai 100.000.000 Simbolo Berry.png. Kizaru si offre quindi volontario per risolvere la faccenda e Sengoku acconsente.

In seguito raggiunge l'arcipelago con una flotta di navi della Marina e sbarca sul Grove 27 cavalcando una palla di cannone. Cerca di contattare Sentomaru tramite un lumacofono nero, non ottenendo però nessuna risposta. Un pirata si fa coraggio e gli spara un colpo alla testa, ma il proiettile lo attraversa. Il pirata ed un suo compagno fuggono così terrorizzati, ma Kizaru li raggiunge e chiede loro se sappiano dove si trovi Sentomaru. Poiché i due fuggono senza rispondergli, l'ammiraglio spara un laser verso di loro, che li manca ma colpisce una mangrovia Yarukiman, causando una gigantesca esplosione.

Hawkins attacca Kizaru dopo essersi trasformato.

Poco dopo incontra Basil Hawkins al Grove 24 e rivolge la stessa domanda fatta in precedenza ai due pirati. Quest'ultimo, mentre calcola le proprie possibilità di vittoria, risponde svogliato che non ha idea di chi stia cercando. Per questo motivo l'ammiraglio assume un atteggiamento sarcastico, affermando che questo problema sta iniziando ad irritarlo e che quando è irritato, non ha certamente voglia di lasciare in libertà un uomo con una taglia di più di cento milioni sulla propria testa, riferendosi allo stesso Hawkins. Per questo lo attacca immediatamente con due colpi devastanti che però non feriscono minimamente la supernova, sorprendendo Kizaru. Prima che il combattimento possa proseguire, Urouge, X Drake ed un Pacifista si ritrovano a duellare nello stesso posto.

All'inizio Kizaru lascia che affrontino il cyborg della Marina, ma poco dopo decide di occuparsi personalmente dei tre fuorilegge. Colpisce Urouge con un calcio scagliandolo attraverso vari edifici e trafigge Hawkins con numerosi laser. Prima che gli possa dare il colpo di grazia, viene però interrotto da Scratchmen Apoo che prima distrae l'ammiraglio, poi gli taglia un braccio e subito dopo lo fa esplodere con il suo potere. L'ammiraglio, sorpreso per l'accaduto, ricostruisce il proprio corpo e si vendica raggiungendo in pochi istanti Apoo, che si era messo in fuga, e mandandolo al tappeto con un solo colpo. Dopodiché torna a concentrarsi sulle altre supernove, sconfiggendo X Drake con un solo calcio e Hawkins con uno dei suoi laser. A quel punto, riceve però una telefonata da Sentomaru, che gli chiede da quale, tra Monkey D. Rufy, Eustass Kidd e Trafalgar Law, voglia cominciare.

Rayleigh salva Zoro da Kizaru.

Kizaru si presenta di fronte ai Pirati di Cappello di paglia e colpisce Zoro, già molto affaticato, facendolo crollare a terra. Quando sta per ucciderlo, viene fermato da Silvers Rayleigh. Mentre Usop e Brook cercano di portare in salvo il loro compagno, l'ammiraglio cerca di ostacolarli, ma viene fermato nuovamente da Rayleigh, seriamente intenzionato ad affrontarlo per permettere ai pirati di mettersi in salvo. Kizaru crea così una spada di luce e i due cominciano a duellare. Durante il combattimento fa la sua comparsa Orso Bartholomew, che uno dopo l'altro fa scomparire Rufy e i suoi compagni. L'ammiraglio esige di sapere il perché delle sue azioni, ma Orso si rifiuta di rispondergli. In seguito cattura ben cinquecento pirati.[8]

Saga di Marineford[modifica | modifica sorgente]

Kizaru combatte contro Marco.

Il giorno fissato per l'esecuzione di Portuguese D. Ace, Borsalino si presenta di guardia nei pressi del patibolo, pronto ad affrontare i Pirati di Barbabianca.

Quando la Moby Dick emerge dalle acque della baia di Marineford, Borsalino decide di attaccare direttamente Barbabianca scagliandogli una pioggia di laser. Tuttavia la mossa è vanificata dall'intervento di Marco, che sferra poi un calcio al marine, che lo para con un braccio ed afferma che gli ha fatto male. Il pirata controbatte dicendogli che è un bugiardo e subito dopo lo scaglia a terra. L'ammiraglio tuttavia si rialza senza un graffio, commentando come i Pirati di Barbabianca siano individui molto forti e dice alla squadra dei giganti di fare attenzione alle proprie teste.

All'arrivo di Rufy, Kizaru si limita a commentare che non pensava che l'avrebbe rivisto così presto. Chiede poi a Sengoku se gli evasi da Impel Down possono venire considerati come condannati a morte, ricevendo risposta affermativa.

Kizaru si rivolge quindi a Rufy affermando che se non lo ferma, i draghi celesti andrebbero su tutte le furie. Cerca quindi di colpirlo con un laser, ma il pirata viene prontamente salvato da Emporio Ivankov, che lo sposta con l'onda d'urto generata dal suo occhiolino. Successivamente l'ammiraglio ordina ad alcuni subordinati di attaccare Rufy, mentre si occupa personalmente di sparare laser sui vari pirati che cercano di avanzare. Quando Sentomaru si presenta alle spalle dei pirati con un'intera armata di Pacifista, Kizaru gli dice di non preoccuparsi per le navi della Marina, ma di limitare il più possibile i danni.

Ad un certo punto Barbabianca lancia un'onda d'urto verso il patibolo, ma i tre ammiragli uniscono le loro Ambizioni dell'armatura per bloccare il colpo, che riesce però comunque a distruggere buona parte degli edifici sottostanti. Quando Akainu si lamenta con Aokiji perché il ghiaccio impedisce al muro di cinta di alzarsi, Kizaru gli replica che, grazie ai suoi poteri, avrebbe potuto scioglierlo.

Quando Little Odr Junior riprende i sensi, Kizaru decide di dargli il colpo di grazia sparandogli un laser alla testa, per poi venire interrotto dall'improvvisa comparsa di Rufy nella piazza principale. Il pirata scaglia così un pezzo di legno proveniente da una nave fatta a pezzi contro i tre ammiragli per cercare di aggirarli e proseguire la sua corsa. Kizaru però lo raggiunge affermando che è troppo lento. Lo colpisce così per l'ennesima volta con un calcio, allontanandolo dal patibolo.

Borsalino ferisce Marco.

Dopo che anche Momonga e Dalmata hanno ulteriormente ferito Rufy, l'ammiraglio lo colpisce nuovamente e lo deride, affermando che la volontà da sola non basta a salvare le persone, ma che è necessaria anche la forza sufficiente a raggiungere i propri obiettivi. Poi lo scaglia tra le braccia di Barbabianca e critica l'imperatore sostenendo come mandare avanti un novellino sia una tattica patetica. Kizaru resiste poi ad un'onda d'urto scagliata da Barbabianca.[14]

Quando Marco cerca di raggiungere il suo capitano, preoccupato per le sue condizioni di salute, Kizaru lo colpisce alle spalle con due laser. Onigumo riesce poi ad ammanettarlo con l'agalmatolite e così, approfittando della privazione dei poteri rigenerativi del pirata, l'ammiraglio gli spara un altro raggio ferendolo ulteriormente.

Kizaru attacca Barbabianca.

Vedendo Rufy rilasciare l'Ambizione del re conquistatore, Kizaru afferma che il giovane sta diventando molto pericoloso. Prima di colpire nuovamente il pirata viene bloccato da Barbabianca in persona, il quale viene però colpito al petto da un suo raggio laser. Quando Cappello di paglia finalmente raggiunge il patibolo ed estrae la chiave con cui aprire le manette di Ace, donatagli da Boa Hancock, Kizaru la distrugge con un laser. Questo intervento viene però vanificato da Galdino, che produce una nuova chiave fatta di cera e libera il pirata.

Quando dopo la morte di Edward Newgate arriva Law, Kizaru gli dice di avere avuto una bella faccia tosta ad essergli sfuggito alle Sabaody. Torna poi a concentrarsi su Rufy, cercando prima di abbattere Bagy, che lo sta trasportando insieme a Jinbe, per poi prendere di mira il sottomarino dei Pirati Heart. Tuttavia interviene Benn Beckman, giunto insieme al resto dei Pirati del Rosso per porre fine alla guerra, che lo minaccia con il suo fucile.

Nonostante l'ammiraglio alzi inizialmente le mani in segno di resa, approfittando della distrazione di Beckman, fa piovere laser nel tentativo di affondare l'imbarcazione subito dopo che Kuzan ha ghiacciato la baia nel tentativo di intrappolarla. Afferma poi che solo un'enorme dose di fortuna avrebbe permesso ai pirati di salvarsi. Quando Sengoku ordina la fine delle ostilità, Borsalino cessa di combattere.

Saga di Zo[modifica | modifica sorgente]

Al quartier generale della Marina, Borsalino viene a sapere della sconfitta di alcuni ex alleati di Barbabianca per mano di Edward Weeble e commenta la pericolosità di quest'ultimo.

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

I marine intercettano una comunicazione tra Big Mom e Kaido e si allarmano; Borsalino si propone per intervenire, ma Sakazuki gli dice di aspettare poiché non sono ancora note le forze presenti nel Paese di Wa. Borsalino gli chiede allora se si sta riferendo ai samurai.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Borsalino è stato addestrato da Zephyr.[15]

Saga di Marineford[modifica | modifica sorgente]

Assieme agli altri due ammiragli della Marina si prepara a difendere Marineford.

Quando Barbabianca cerca di attaccare Akainu, Kizaru lo ferma. In seguito, attacca alcuni pirati in fuga. Infine attacca il sottomarino dei Pirati Heart più volte.

Speciale TV 8[modifica | modifica sorgente]

La Flotta dei sette viene convocata per fronteggiare Byrnndi World al quartier generale della Marina, mentre sta venendo ricostruito a seguito della guerra per la supremazia ed è in corso il suo trasferimento nel Nuovo Mondo. Qui Borsalino, Sakazuki, Tsuru e Brandnew discutono di cosa possa accadere se World si alleasse con qualche pirata e di come venne catturato trent'anni prima. Sente poi il grand'ammiraglio ordinare di preparare le navi da guerra.

Film 12[modifica | modifica sorgente]

Kizaru affronta Z sull'isola Firs.

La Neo Marina riesce a rubare le pietre Dyna dalla base della Marina sull'isola Firs. Durante la ritirata interviene Borsalino, che affronta così Z. Trovandosi in svantaggio per via della velocità dell'avversario, Z rompe il contenitore di una delle pietre che, a contatto con l'aria, esplode spazzando via anche l'intera isola. Sia Kizaru che Z riescono però a salvarsi.

Successivamente Kizaru affronta nuovamente Z sull'isola Piriodo, dove riesce ad ucciderlo.

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

Nell'ufficio di Sakazuki, Borsalino discute con quest'ultimo di Rufy.

Film 14[modifica | modifica sorgente]

Chiede un secondo Buster Call su Delta e riceve l'ordine di fermare Douglas Bullet a ogni costo, incluso quello di sacrificare i marine presenti sull'isola. Dopo la sconfitta dell'ex compagno di Roger, tenta di affondare le navi pirata che stanno lasciando l'isola, ma Sabo lo ferma creando un muro di fuoco.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il suo volto e il suo compleanno sono ispirati a quelli dell'attore giapponese Kunie Tanaka. Inoltre l'abbigliamento e il suo nome sono basati su un personaggio interpretato da Tanaka stesso in uno dei film della saga cinematografica di Truck Yarō.[16]
  • Il suo nome è un chiaro riferimento al borsalino, cappello che lui stesso indossava quando ricopriva il ruolo di viceammiraglio.
  • Il suo atteggiamento è simile a quello del protagonista del film poliziesco Borsalino.
  • Il suo alias e quello degli altri ammiragli presenti prima del salto temporale derivano dalla leggenda di Momotarō. Quest'ultimo incontra un fagiano, una scimmia e un cane che lo accompagnano nel suo viaggio.
  • Alcuni degli attacchi di Borsalino prendono il nome dalle insegne imperiali del Giappone.
  • Il suo potere è stato mostrato velatamente la prima volta quando un proiettile gli ha attraversato la testa senza ferirlo. Allo stesso modo anche il frutto Rombo Rombo ha avuto una presentazione simile, quando Kamakiri ha cercato di trafiggere Ener alla testa con la sua lancia. Curiosamente entrambi i frutti donano, oltre all'intangibilità, una velocità sovrumana.
  • In una SBS viene rappresentato il suo aspetto se fosse donna.[17]
  • Alla sua prima apparizione si presenta a bordo di una palla di cannone. Ciò può essere un riferimento ad una delle avventure del Barone di Münchhausen.
  • I suoi cibi preferiti sono il ramen miso, lo zenzero e le banane.[3]

Note

  1. SBS del volume 59.
  2. Volume 1000.
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 3,4 3,5 3,6 One Piece Vivre Card.
  4. Vol. 52capitolo 504 ed episodio 398, Borsalino si offre volontario con Sengoku.
  5. Vol. 90capitolo 907 ed episodio 887, Borsalino si offre volontario con Sakazuki.
  6. SBS del volume 64.
  7. Vol. 52capitolo 508 ed episodio 401, Hawkins lo afferma.
  8. 8,0 8,1 Vol. 54capitolo 523 ed episodio 441, un marine lo rivela a Sengoku.
  9. Vol. 63capitolo 623 ed episodio 543.
  10. Vol. 58capitolo 571 ed episodio 480, Kizaru colpisce Barbabianca.
  11. Vol. 57capitolo 554 ed episodio 463, Kizaru affronta Marco.
  12. Vol. 58capitolo 564 ed episodio 473, Barbabianca attacca il patibolo.
  13. Vol. 0capitolo 0 ed episodio 0.
  14. Vol. 58capitolo 566 ed episodio 475.
  15. One Piece film: Z.
  16. SBS del volume 57.
  17. SBS del volume 87.

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.