Brogi è un gigante originario di Erbaf ed era uno dei due capitani dei Pirati giganti guerrieri assieme a Dori.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Brogi a cinquantotto anni.

Brogi è un robusto gigante con una lunga barba bionda pettinata come la lama di un'ascia, degli occhi piccoli e un naso simile a quello di un maiale. Indossa inoltre un costume da vichingo, consistente in una tunica rossa con finiture in pelo, una fascia di pelle sulla spalla destra e sulla cintura, dei pantaloni gialli a strisce nere anch'essi adornati di pelo, delle scarpe gialle e un elmo con due corna.

Cento anni prima dell'inizio della narrazione, la barba era molto più corta.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

Brogi è una persona buona e amichevole. Crede inoltre fermamente nelle tradizioni della sua patria e le segue fino in fondo. Per questo motivo combatterebbe anche se gravemente ferito.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Dori[modifica | modifica sorgente]

Brogi iniziò cento anni prima dell'inizio della narrazione un duello mortale con Dori, che divenne così il suo perenne rivale. Tuttavia lo considera comunque un onorevole compagno e un fratello d'armi, tanto da piangere per una sua presunta morte.

Pirati di Cappello di paglia[modifica | modifica sorgente]

Brogi è riconoscente verso i Pirati di Cappello di paglia per aver preservato l'onore del suo duello con Dori.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

Il manifesto da ricercato di Brogi e Dori.

Brogi aveva insieme a Dori il comando sulla sua ciurma e sulla sua testa pende una taglia di 100.000.000 Simbolo Berry.png, indice della sua pericolosità.

In combattimento, è riuscito a tenere completamente testa per cento anni a Dori, un altro gigante estremamente forte anche rispetto agli altri individui della sua razza. La potenza dei due giganti è infatti tale che Galdino, nonostante avesse avuto la meglio su un pirata con una taglia di 42.000.000 Simbolo Berry.png, ha affermato di non poterli in alcun modo sconfiggere senza ricorrere all'inganno, nemmeno con l'aiuto di Miss Golden Week, Mr 5 e Miss Valentine.[4]

Brogi è anche capace di uccidere facilmente i dinosauri di Little Garden, prede che caccia quotidianamente, rimanendo addirittura pressoché impassibile ad un loro morso.[5] Insieme a Dori è inoltre riuscito a bucare un gigantesco Re del mare, nonostante la grande distanza che li separava. Lo stesso Rufy, dopo averli visti compiere tale gesto, ha affermato come i due fossero mostruosamente potenti.[6]

Capacità fisiche[modifica | modifica sorgente]

Così come gli altri giganti, possiede una forza e una resistenza sovrumana. Tuttavia, essendo stato uno dei due capitani dei Pirati giganti guerrieri, egli era estremamente forte anche rispetto agli altri individui della sua razza. A dimostrazione di ciò, insieme a Dori è riuscito a sconfiggere delle creature talmente grandi che nemmeno gli altri giganti della loro ciurma sarebbero stati capaci di catturare.[7]

La forza di Brogi è inoltre tale da permettergli di liberarsi dalla cera di Galdino, nonostante fosse dura come l'acciaio.[8]

Armi[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Blue the Axe

Per combattere utilizzava uno scudo e un'ascia chiamata Blue the Axe. Con questa può scagliare un fendente volante simile a un cannone blu, abbastanza potente da uccidere un Re del mare. Tuttavia, dopo cento anni di duelli, la lama ha perso l'affilatura e alla fine si è spezzata.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Più di cento anni fa, Brogi prese le redini dei Pirati giganti guerrieri assieme a Dori, con il quale divenne uno dei più temuti pirati al mondo.

Un giorno, durante una battuta di caccia, ognuno di loro uccise un Re del mare. Durante i festeggiamenti per l'impresa, una ragazzina gli chiese quale dei due mostri fosse più grande. I due non riuscirono a mettersi d'accordo, per cui, secondo le regole d'onore di Erbaf, cominciarono a duellare sull'isola di Little Garden per stabilire chi tra loro due fosse il più forte.

Saga di Little Garden[modifica | modifica sorgente]

Nota una nave e chiede ad Usop e Nami, che vi sono a bordo, se hanno del vino. Il primo dice di averne un pochino e lui ne è felice, ma un dinosauro lo morde al sedere, così urla di dolore, si volta e con l'ascia lo decapita. Brogi poi si presenta affermando di essere il guerriero più forte di Erbaf e dato che ha appena preso la carne, chiede ai due di essere suoi ospiti e di fare festa.

Dopo averli condotti nella sua dimora, cucina l'animale che ha ucciso dicendo che la carne di dinosauro è molto buona. I due gli chiedono quanto tempo impiega il Log Pose per registrare il magnetismo e lui rivela che necessita di un anno, quindi dice loro di mettersi comodi.

L'ennesimo scontro tra i due giganti.

Rivela poi di duellare su quell'isola con un avversario, ma non ricorda nemmeno la ragione dello scontro. Quando il vulcano erutta, si alza e va a combattere contro Dori, al quale chiede conferma che anche lui abbia nostalgia del villaggio. L'avversario gli risponde che è per quello che vorrebbe farlo fuori per tornarci. Fa quindi un affondo, così Brogi salta allargando le gambe, in modo da evitare la spada dell’avversario che si conficca nella roccia, mentre Brogi colpisce con la ascia l'elmo di Dori. I due si scambiano vari colpi finché cadono a terra. Brogi quindi ride e rivela che un ospite gli ha regalato del vino, così Dori afferma che è da tanto che non lo assaggia, chiedendogli di dargliene un po'. Dori vede poi gli ospiti di Brogi e i due giganti ridono assieme.

Tornato alla sua dimora, parla con Nami e Usop, il quale gli dice che un giorno vorrebbe diventare un coraggioso guerriero del mare. Brogi chiede cosa sia e il cecchino dice che vorrebbe essere come lui e il suo avversario. Brogi domanda dunque se intende diventare un gigante, ma Usop gli dice no, spiegandogli che vorrebbe vivere con orgoglio. Brogi allora ride e rivela che i giganti vivono più a lungo degli umani, per questo vogliono morire con onore. Spiega infatti che il denaro e la vita un giorno arriveranno alla fine, ma se non viene meno l'orgoglio del guerriero, la morte arriva con onore, e ciò costituisce un tesoro che viene tramandato.

Poco dopo, durante l'ennesimo duello con Dori, Brogi riesce ad avere la meglio, non sapendo che il suo avversario era stato gravemente ferito con un trucco da Mr. Three con l'aiuto di Mr. Five. A quel punto lo stesso Mr. Three si mostra chiaramente e intrappola a terra Brogi coprendolo di cera dura come l'acciaio.

In seguito alla sconfitta degli agenti della Baroque Works e con la distruzione della cera da parte di Usop, Brogi viene liberato e scopre che Dori è ancora vivo, perché dopo cento anni di combattimenti le loro armi avevano perso l'affilatura. Mentre i Pirati di Cappello di paglia abbandonano l'isola seguendo la rotta per il regno di Alabasta indicata da un Eternal Pose, i due giganti uccidono un Re del mare che stava per mangiare la nave e augurano loro buona fortuna.

Miss Golden Week e l'operazione denominata "Meet Baroque"[modifica | modifica sorgente]

Dori e Brogi riprendono il loro duello iniziando a combattere a mani nude.

Dalle tolde del mondo[modifica | modifica sorgente]

Due anni dopo, Dori e Brogi sono ancora intenti a duellare per determinare un vincitore.[9]

Traduzioni e adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Oda ha dato due versioni diverse del nome originale di Brogi: nel manga viene scritto Brogy mentre in seguito appare come Burogy in uno dei databook.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il suo nome è simile a quello di Bruiser Brody.
  • La sua risata tipica è "gegyagyagyagya!".
  • Nel Color Walk 2, la sua altezza è indicata come di 10,2 metri; in seguito alla rivelazione sull'altezza minima di 12 metri per i giganti, essa è stata cambiata in 21,30 metri.[3]

Note

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.