Charlotte Galette è la diciottesima figlia femmina di Big Mom e un membro della sua ciurma. Inoltre è il ministro del burro di Tottoland.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Galette è una donna di media statura, pallida e formosa, con i capelli fucsia mossi sulle punte che le arrivano alle spalle e occhi gialli e senza sopracciglia. Indossa un abito corto di colore fucsia, un mantello di piume viola e due corna nere in testa. Porta guanti rossi e scarpe a tacco alto dello stesso colore.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

È incline a sottovalutare gli altri, dato che ha espresso sorpresa quando Nami ha richiamato un grande fulmine.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Disambiguazione.svg Per le relazioni di parentela complete, vedi famiglia Charlotte

In quanto membro della famiglia Charlotte, viene rispettata, ma come altri suoi fratelli è impotente davanti a sua madre. Tiene molto alla sua famiglia, infatti ha implorato sua madre di non uccidere Moscato ed è rimasta scioccata quando ha visto Cracker sconfitto. Poire è sua sorella gemella.[5]

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

In quanto ministro del burro ha una certa autorità su Tottoland e governa Margarine.[1] Come ufficiale,[2] ha un certo ruolo di comando all'interno della ciurma e possiede di certo una notevole forza, poiché gode della fiducia della madre, che l'ha mandata a sistemare gli intrusi Nami e Rufy. Insieme a Smoothie e Daifuku è riuscita a sottomettere Sanji, Reiju e Rufy, anche se quest'ultimo era pesantemente indebolito.

Possiede una grande forza di volontà, dal momento che ha resistito all'Ambizione del re conquistatore della madre ed è rimasta cosciente nonostante le sue grida assordanti.[6]

Frutto del diavolo[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Bata Bata

Galette usa i poteri del suo frutto del diavolo.

Galette possiede il frutto del diavolo Bata Bata di tipo Paramisha, che le permette di produrre e controllare il burro, che spesso usa per immobilizzare gli avversari.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Saga di Whole Cake Island[modifica | modifica sorgente]

Quando Big Mom perde il controllo ed attacca Sweet City in preda ad una delle sue crisi alimentari, Galette ed altri suoi fratelli cercano di fermarla, ma la donna finisce per privare Moscato di quarant'anni di vita e solo l'arrivo di Jinbe con il cibo che desiderava la placa completamente. Dopo di ciò Galette ordina alle guardie di rimuovere il corpo di Moscato.

Galette si unisce all'armata.

Due giorni dopo Rufy sconfigge Cracker e lo scaraventa contro il castello di Big Mom. Galette, Mont d'Or ed Opera lo soccorrono e poi lanciano l'allarme a Sweet City ordinando a tutti di barricarsi in casa. Subito dopo Galette si unisce ad un'armata che attacca Rufy e Nami, dove abbassa la guardia permettendo a quest'ultima di usare le nubi temporalesche create da Zeus per generare dei fulmini. Riesce tuttavia ad immobilizzarla ricorrendo al suo potere. Dopo avere catturato i due nemici, scoprono che possiedono una Vivre Card appartenente a Laura. I due pirati vengono portati nella biblioteca dei prigionieri di Whole Cake, dove Mont d'Or li rinchiude in un libro.

In seguito Galette assiste assieme a quest'ultimo, Myukuru, Opera e Perospero al colloquio tra Rufy e l'imperatrice, dopo il quale vengono avvisati da Anglaise della presenza di un intruso nel castello. Partecipa quindi alla riunione in cui viene dichiarato che tutti gli intrusi a Whole Cake Island sono morti o sono stati catturati.

Il giorno dopo partecipa alla cerimonia nuziale, tuttavia, dopo che Big Mom ha rilasciato l'Ambizione del re conquistatore a causa del trauma subito quando la foto di Carmel è stata distrutta dall'intervento di Rufy e dei suoi alleati, Galette si meraviglia nel vedere l'imperatrice ferita. Dopo il fallimento del piano di Bege, Galette si ripara dall'urlo della madre grazie a dei tappi creati da Katakuri. La famiglia Charlotte circonda Rufy, Bege e i loro alleati, prima che lo stesso Bege si trasformi in un gigantesco castello.

Quando Bege annulla la trasformazione, Galette attacca i nemici insieme alla sua famiglia e riesce a bloccare a terra Rufy in attesa che Big Mom lo uccida. Improvvisamente lo scrigno fatato esplode, causando il crollo di una parte del castello. Galette si aggrappa ad una sporgenza per evitare di cadere e supplica Katakuri di aiutarla. Improvvisamente Streusen trasforma le macerie in pandispagna e crema, salvando così tutti gli abitanti di Sweet City.

Successivamente sale a bordo della Queen Mama Chanter, con cui raggiunge la Thousand Sunny nei pressi di Cacao. Qui assiste alla distruzione della nave dei Pirati del Sole e poco dopo dà ordine di attaccarne i membri, decisi a permettere la fuga della ciurma di Cappello di paglia.

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

Galette raggiunge le acque del Paese di Wa a bordo della Queen Mama Chanter, che grazie a diverse carpe giganti risale la cascata che porta alla nazione, ma King sopraggiunge e la fa precipitare. Essa finisce ai confini delle acque dell'isola e i figli di Big Mom a bordo si separano dalla madre, caduta in acqua, e discutono dell'attuale situazione della ciurma.

Saputo dell'alleanza tra sua madre e Kaido, risale nuovamente le cascate a bordo della nave, affermando che devono prendere la testa di Rufy. Tuttavia Marco respinge la nave, facendola cadere ancora.

Prototipi per One Piece[modifica | modifica sorgente]

Il concept art di Galette.

In One Piece Magazine Vol. 4 è presente un prototipo del personaggio.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Armi[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime punta una Walker contro la famiglia Vinsmoke e la usa per sparare a Capone Bege e Caesar Clown.

Saga di Whole Cake Island[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime, viene mostrato il momento in cui Galette blocca le mani a Nami mentre quest'ultima è su King Baum e la trascina a terra. Rimane poi stupita quando sente la reazione della madre dopo che Nami nomina Laura.

Galette e Mont d'Or trovano il cadavere di Bobbin il giorno del matrimonio e si chiedono chi possa averlo ucciso. Mont d'Or si chiede così se possa essere stato un membro della ciurma di Rufy, ma la sorella gli rivela che Opera ha affermato di avere bruciato il corpo del capitano e di Nami quando hanno cercato di scappare. Tuttavia, poiché lui rimane scettico al riguardo, decide, dopo essere stato informato del fatto che alcuni testimoni hanno visto Sanji dirigersi verso i bassifondi della città, di recarsi insieme alla sorella alla stanza del cuoco.

Giunti sul posto, Galette osserva il fratello discutere con Sanji sulle reali intenzioni di quest'ultimo. Dopo alcune accuse da parte di Mont d'Or, il cuoco afferma di volere seguire i piani di suo padre e di Big Mom e che, se dovesse presentarsi in ritardo alla cerimonia a causa di Mont d'Or, l'imperatrice si infurierebbe. Così quest'ultimo si allontana assieme a Galette.

Dopo che Bege si è trasformato in una fortezza, i Pirati Firetank aprono il fuoco contro di lei e i suoi compagni, costringendola a ripararsi. Mentre Caesar Clown osserva lo scontro tra Rufy e Big Mom, Galette e alcuni suoi compagni sparano allo scienziato, ma i proiettili vengono intercettati dalla famiglia Vinsmoke.

Raggiunge Rufy, che si trova a terra privo di forze, e lo immobilizza ricorrendo ai suoi poteri, per poi fare altrettanto con Reiju e Vinsmoke Sanji. Quando Whole Cake inizia a crollare, nota la scomparsa dei nemici.

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

Su ordine di Perospero, Galette tenta di abbattere King usando una grossa mitragliatrice, ma il pirata riesce ad evitare i colpi, per poi apparentemente ritirarsi.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La galletta è un tipo di cialda francese.

Note

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.