One Piece Wiki Italia
Advertisement
One Piece Wiki Italia

La famiglia Kurozumi era una di quelle più influenti nel Paese di Wa.

Membri[]

Storia[]

Passato[]

La famiglia Kurozumi era una delle sei più influenti del Paese di Wa e governava una delle sue regioni. Poiché il precedente shogun non aveva eredi e dunque iniziò una faida tra i cinque daimyo, il nonno di Orochi decise di avvelenare gli avversari per prendere il potere, ma i suoi piani furono scoperti dopo la nascita di Kozuki Sukiyaki. L'assassino fu costretto ad uccidersi, mentre il resto della famiglia fu privata delle proprie proprietà e cadde in miseria. Un gruppo di giustizieri perseguitò i suoi membri, picchiandoli e uccidendoli, anche gettandoli nel fiume.

Molti anni dopo, Higurashi rivelò a Orochi la verità dei fatti e gli offrì il frutto Serpe Serpe modello Yamata no Orochi. Gli spiegò inoltre i dettagli del piano che lo avrebbe portato a divenire shogun sfruttando anche le risorse della nazione per ottenere potenti alleati. Orochi poi chiese a Kanjuro di diventare uno dei seguaci di Oden, informandolo di ogni sua mossa. Trentanove anni prima dell'inizio della narrazione si fece così assumere da Yasuie e lo derubò, per poi chiedere molti prestiti a Oden. Ventisei anni prima dell'inizio della narrazione sfruttò i poteri di Higurashi per fare credere a Sukiyaki di avere l'approvazione di Oden e ai daimyo che Orochi sarebbe stato lo shogun reggente durante l'assenza dell'erede. Da lì a poco, Sukiyaki morì.

Orochi si alleò poi con Kaido, divenendo un dittatore. Ventitré anni prima dell'inizio della narrazione, Oden fece ritorno nel Paese di Wa e raggiunse Orochi per vendicarsi di ciò che aveva fatto in sua assenza, ma senza successo.

Cinque anni dopo, Oden e i suoi servitori cercarono di fare uscire la nazione dall'isolazionismo, ma grazie alle informazioni di Kanjuro, Orochi venne a conoscenza del piano e informò Kaido, il quale intercettò il gruppo ad Udon e lo sconfisse. In seguito alla cattura, Oden fu ucciso dall'imperatore nella Capitale dei fiori e il suo castello dato alle fiamme.[1]

Orochi rese poi illegali tutti i dojo di arti marziali e sequestrò le armi dei cittadini, ad esclusione dei samurai, per evitare possibili rivolte.[2]

Due anni prima dell'inizio della narrazione, Orochi e Kaido iniziarono a scambiare armi prodotte nel Paese di Wa con gli Smile.[3] Lo shogun, stanco dei lamenti degli abitanti di Ebisu che piangevano i loro morti, nascose gli Smile difettosi, ai quali era stato staccato un solo morso, tra gli scarti della Capitale dei fiori, in modo che quelle persone se ne cibassero, per far sì che continuassero a ridere e non potessero così più lamentarsi delle loro condizioni.[4]

Successivamente iniziò ad avere affari con il CP0.

Salto temporale[]

Kanjuro lo informa dei poteri di Toki, attraverso i quali lui, Momonosuke ed altri quattro servitori di Oden sono stati spediti vent'anni più avanti e del loro piano per cercare alleati a Zo.

Saga del Paese di Wa[]

Orochi viene informato che un messaggio di rivolta è stato diffuso tra i seguaci della famiglia Kozuki e della cattura di Shimotsuki Yasuie. Si reca così appositamente a Rasetsu per ucciderlo.

Quando Toko si avvicina al corpo del suo defunto padre, lo shogun le spara, ma la bambina viene salvata dai due ricercati Zorojuro e Sangoro. Lo spadaccino affida la bambina al cuoco e attacca lo shogun, che però viene protetto da Kyoshiro. Orochi ordina così di uccidere il suo assalitore e di sedare la rivolta mentre viene scortato via.

Il giorno prima della festa del fuoco, apprende da Kanjuro la verità sulla situazione: la ribellione a Udon, il messaggio criptato di Yasuie e che Hiyori è viva. Decide così di porvi rimedio, ordinando di distruggere molti dei ponti che collegano le regioni del Paese di Wa.

Il giorno dopo, lo shogun parte dal porto Habu con la sua flotta per raggiungere Onigashima e partecipare all'annuale banchetto.

Al porto Togake, Kanjuro rivela agli altri samurai di essere sempre stato al servizio di Orochi e rapisce Momonosuke, ma si stupisce vedendo prima l'arrivo delle navi di Rufy, Law e Kidd e poi di cinquemilaquattrocento alleati guidati da Kyoshiro, che in realtà è Denjiro, il quale rivela che in realtà il messaggio di Yasuie prevedeva di riunirsi al porto Habu e che quindi l'attacco dei Pirati delle cento bestie al porto Tokage è stato vano.

Orochi viene decapitato da Kaido.

Kanjuro riesce a portare Momonosuke ad Onigashima e lo consegna a Kaido e Orochi, rivelando che il piano per eliminare i servitori di Oden è fallito. Lo shogun fa quindi crocifiggere il bambino. Kanjuro raggiunge invece l'entrata posteriore di Onigashima, portando con sé alcuni uomini, sicuro che i servitori della famiglia Kozuki sarebbero giunti da lì. Le due fazioni iniziano a combattere e Kanjuro viene sconfitto da Kikunojo. Poco dopo, Kaido decapita Orochi per non essere d'accordo con lui, che riesce tuttavia a sopravvivere, iniziando a dare fuoco al palazzo. Il samurai invece crea un disegno di Oden che controlla a distanza con l'intenzione di farlo esplodere per eliminare i restanti seguaci del daimyo, tuttavia solo Ashura Doji viene coinvolto, salvando gli altri.

Poco dopo alcuni servitori di Oden si imbattono in Orochi, che si trasforma, venendo nuovamente decapitato. In seguito Kanjuro viene attaccato Kikunojo, il quale però esita, venendo trafitto a morte. Kin'emon tuttavia lo vendica, uccidendo il nemico.

Differenze tra manga e anime[]

Passato[]

Nel manga, la persecuzione contro la famiglia Kurozumi viene rivelata quando Orochi la spiegò a Oden, mentre nell'anime quando il primo fuggì da alcuni inseguitori.[5]

Curiosità[]

  • Kurozumi in giapponese significa "carbone nero".

Note

  1. Vol. 91capitolo 920 ed episodio 911.
  2. Vol. 92capitolo 926.
  3. Vol. 70capitolo 698 ed episodio 625, Law spiega il rapporto fra Do Flamingo e Kaido.
  4. Vol. 94capitolo 943, Shinobu racconta come Kaido ha ottenuto gli Smile.
  5. Episodio 965.

Navigazione[]