FANDOM


La flotta delle cento bestie è l'insieme delle ciurme al servizio dei Pirati delle cento bestie.

Forza Modifica

La flotta è al servizio dei Pirati delle cento bestie, una delle ciurme più temibili nel mondo intero perché comandata da un imperatore.

Tra le ciurme subordinate ci sono i Pirati di Drake, i Pirati On Air e i Pirati di Hawkins, guidati da membri della peggiore generazione.

Membri Modifica

Flotta delle cento bestie

Storia Modifica

Saga dopo la guerra Modifica

X Drake e i suoi uomini raggiungono il Nuovo Mondo e sbarcano ad Onigashima, l'isola dove risiede Kaido. Lì incontrano Scotch, un suo alleato, e lo attaccano.

Salto temporale Modifica

Un anno dopo, X Drake, divenuto un sottoposto di Kaido, attacca con i suoi uomini Amigasa, sconfiggendo i cinque samurai guardiani.

L'anno seguente, alcuni sottoposti di Kaido, guidati da Jack, attaccano Zo con l'intenzione di farsi consegnare Raizo. Il combattimento devasta il regno dei visoni, i quali vengono sconfitti tramite il gas Koro.

Il kehihihih di Caribou nel Nuovo Mondo Modifica

Scotch cerca di reprimere una rivolta scoppiata sull'isola su cui si trova. Caribou, giunto in quel luogo in seguito ad un naufragio, si mette a capo dei ribelli e raggiunge la vittoria. X Drake, giunto poco dopo, sconfigge Caribou senza sforzo. In seguito salpa portandolo con sé.

Saga di Dressrosa Modifica

Jack lascia Zo con l'intento di liberare Don Quijote Do Flamingo, catturato dalla Marina dopo la sconfitta per mano di Rufy. Due corazzate vengono affondate, ma l'attacco non ha successo e Jack viene sconfitto.

Alcuni membri della ciurma dell'imperatore rimangono sull'isola per cercare Raizo. Il giorno successivo, il gruppo di Sanji raggiunge Zo e Sheepshead viene sconfitto. Per questo gli invasori abbandonano l'isola a mani vuote.

Saga di Zo Modifica

Jack giunge nuovamente in prossimità di Zunisha con una piccola flotta e questa volta per non perdere tempo pianifica di uccidere l'animale, ma alla fine tutte e cinque le navi vengono affondate da un colpo di proboscide di Zunisha stesso. A seguito di ciò, Scratchmen Apoo informa Kaido che si sono interrotte le comunicazioni con Jack.

Saga del Paese di Wa Modifica

Due membri della ciurma rapiscono Tama e raggiungono la spiaggia di Kuri dove Hihimaru sta affrontando un komainu e si imbattono in Rufy. Cercano così di rapire anche lui, ma vengono sconfitti. Quando Basil Hawkins viene a sapere che hanno perso il contatto con i due, sapendo che una nave è giunta illegalmente a Kuri, decide di recarvisi.

Spada Hawkins trasformata

Il mostro di paglia che fuoriesce dalla spada di Hawkins.

Lungo il tragitto, Hawkins e alcuni suoi sottoposti raggiungono una landa desolata, dove si imbattono in Roronoa Zoro e in Rufy. Ne nasce così uno scontro, in cui i sottoposti di Hawkins hanno la peggio. A quel punto, Komachiyo afferra Rufy e Zoro e fugge poiché la febbre di Tama si sta alzando. L'avversario li fa così inseguire dal suo gigantesco mostro di paglia, che però viene abbattuto da Zoro, quindi rinuncia a proseguire prevedendo che verranno aiutati.

Holdem manda Batman e Gazelleman a Okobore per rapire Tama, colei che ha addomesticato il loro babbuino, ritenendo che la sua abilità possa essere utile. I due riescono nell'impresa, portandola a Bakura, dove Holdem le tira la guancia con delle pinze per attivare i suoi poteri, ma fallisce. Improvvisamente, Urashima viene scaraventato contro il palazzo, distruggendolo, quindi Holdem esce allo scoperto e minaccia di uccidere la bambina se Rufy, Zoro e Kiku non si arrenderanno. Cappello di paglia però sconfigge l'avversario e libera Tama, mentre Zoro e Kiku si impossessano del carro pieno di provviste portato dai sottoposti di Speed. Nel frattempo, Hawkins raggiunge Bakura, ma viene fermato da un individuo.

Mentre i sottoposti di Holdem si stupiscono della sua sconfitta, Rufy sale in groppa a Speed insieme a Tama, che riesce ad addomesticarla grazie alla natura dello Smile mangiato dalla donna. Nel frattempo, dopo una prima schermaglia, Hawkins riconosce che quello che ha di fronte è Law, così gli dice di avere capito che tutti i membri della sua alleanza si trovano nel Paese di Wa; riceve poi la notizia da un suo sottoposto che Holdem è stato sconfitto e che della cosa è stato informato anche Jack. Lo scontro non prosegue in quanto il dottore sale sul carro di provviste che si allontana da Bakura. Speed conduce Rufy e Tama ad Okobore, che raggiungono insieme al carro delle provviste e ad un'enorme quantità d'acqua pulita, entrambi sottratti ai Pirati delle cento bestie e consegnati ai cittadini. In seguito Speed si dirige verso Amigasa per accompagnare Tama, ma viene intercettata e malmenata da Kaido.

Jack giunge ad Okobore in cerca di Rufy e non avendo avuto una risposta da Shutenmaru su dove esso sia, i due iniziano a duellare. Ad un tratto il cielo diventa scuro e minaccioso: Kaido, in forma di drago, ordina a Jack di portargli Cappello di paglia e Law. Propone poi a Shutenmaru di unirsi a lui in cambio del perdono per il suo affronto del passato. A quel punto, Hawkins interviene comunicando all'imperatore che i suoi obiettivi si trovano presso le rovine del castello di Kuri. Kaido dunque vola verso le rovine e le distrugge, ma subito dopo viene attaccato da Rufy, che lo colpisce alla testa. Quest'ultimo lo attacca ripetutamente, riuscendo ad assestare molti pugni e ad atterrare l'imperatore, che tuttavia si rialza e con un singolo colpo della sua mazza scaraventa a terra il giovane pirata. Ordina poi di rinchiuderlo in una cella, sperando di piegarne la volontà per farne un suo sottoposto. Dopo essere stato testimone dell'Ambizione del re conquistatore del ragazzo, si allontana per bere.

Nel frattempo, Hawkins impedisce a Law di portare in salvo Cappello di paglia, inibendone i poteri grazie ad un chiodo di agalmatolite. Il capitano dei Pirati Heart è costretto così a nascondersi nella foresta.

Alcuni sottoposti dell'imperatore conducono poi Rufy alle prigioni di Udon.

Jack raggiunge Onigashima dove viene rimproverato da King e Queen perché i tributi provenienti da Kuri sono in continuo calo.

I Pirati di Big Mom risalgono la cascata che conduce nel Paese di Wa facendo trainare la loro nave dalle carpe, ma una volta raggiunta la sommità, quest'ultima viene respinta da King. Nel frattempo, Page One affronta Sanji, il quale indossa la sua Raid Suit.

Queen raggiunge poi Udon, dove Rufy si ribella ai carcerieri che stanno maltrattando i prigionieri in seguito all'evasione di Kidd. Il Flagello chiede così al ragazzo di diventare un subordinato di Kaido.

Nel frattempo i presenti nella torre di comando scoprono che un ladro ha rubato le chiavi delle manette. Queen fa mettere dei collari a Rufy e Hyogoro che li decapiteranno se usciranno dal ring su cui dovranno combattere contro alcuni suoi sottoposti; per questo fa togliere loro le manette.

Intanto, nella Capitale dei fiori, X Drake e Hawkins non riescono a catturare Robin, Nami e Shinobu poiché Sanji le salva. Poi, cercano e catturano gli alleati della famiglia Kozuki avendo scoperto che essi hanno un tatuaggio sulla caviglia. Dopo avere decifrato il messaggio codificato diffuso dai servitori di quest'ultima, capiscono che devono sbrigarsi.

In seguito alcuni membri della flotta assistono all'esecuzione di Shimotsuki Yasuie. Poco dopo X Drake si scontra con Sanji, intervenuto assieme a Zoro per salvare Toko, mentre Hawkins affronta Law.

Alla prigione di Udon arrivano due criminali appena arrestati: Kidd e Kamazo. Queen li fa così appendere i due a testa in giù in una vasca piena d'acqua e afferma che li tirerà fuori solo quando Rufy e Hyogoro saranno morti sul ring; Cappello di paglia prova a colpire il Flagello, che però lo ferma senza sforzo. In quel momento, si ode un urlo proveniente dall'esterno delle mura e alcuni membri dei Pirati delle cento bestie rivelano a Queen di avere perso il contatto con le guardie al cancello. Poco dopo giunge Big Mom, che si scontra con Queen dopo che quest'ultimo gli ha negato di dargli il suo shiruko.

Navigazione Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.