Issho, conosciuto anche come Fujitora, è un ammiraglio della Marina.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Fujitora è cieco ed ha gli occhi completamente bianchi, che è solito tenere chiusi. Ha una cicatrice a forma di croce sul lato sinistro della fronte che si è provocato da solo nel momento in cui decise di accecarsi. Ha i capelli neri e una barba dello stesso colore. Come gli altri ammiragli, è molto alto ed è di corporatura robusta.

Indossa l'uniforme di alto rango della Marina appoggiata sulle spalle, un mantello porpora e un kimono viola chiaro con una cintura di colore viola scuro. Porta con sé una spada contenuta all'interno di un bastone che utilizza anche per muoversi, data la sua cecità. Indossa poi due sandali, delle bende bianche che gli avvolgono gli avambracci e due paramani dello stesso colore.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

Fujitora è un uomo ragionevole che non è solito dubitare della gente, come dimostrato quando a Dressrosa, nonostante continuasse a vincere alla roulette, credette alle parole degli altri scommettitori che lo davano perdente. Nel momento in cui gli viene detto di essere stato truffato però si vendica subito, affermando che chi è cieco ha il privilegio di non vedere la corruzione del mondo. La cecità è infatti opera sua, in quanto un giorno rimase talmente disgustato dal male del mondo che decise di privarsi della vista. Fujitora si sente anche responsabile dei danni collaterali che provoca il suo potere, come dimostrato quando, dopo avere creato un enorme cratere in un locale per vendicarsi dei truffatori, ha fornito al proprietario del locale gli estremi affinché il danno venisse risarcito. Si è anche inginocchiato di fronte al re Riku Dold III sentendosi responsabile, in quanto membro della Marina, di ciò che era accaduto a Dressrosa per mano di Do Flamingo.

La risata di Fujitora.

Sembra seguire i suoi ideali piuttosto che aderire alla giustizia radicale di alcuni marine, per questo pare segua la giustizia morale.[2] Infatti ha preferito occuparsi di proteggere i civili che si trovavano in pericolo invece che arrestare direttamente il responsabile. Tuttavia non esita a fare rispettare la legge, come dimostrato quando ha scelto di condonare i reati di Caesar Clown in quanto sottoposto di Do Flamingo. Issho è anche capace di mettersi contro il Governo Mondiale e la Marina stessa pur di permettere alla giustizia di trionfare e di non venire insabbiata, come invece accaduto nel regno di Alabasta.

È molto modesto, al punto da non commentare le parole di Do Flamingo e Law relative alla sua reputazione e al suo potere. Inoltre, nonostante Fujitora sia normalmente calmo e serio, ha dimostrato anche un certo senso dell'umorismo e alcune espressioni esageratamente comiche.

Nonostante sia responsabile, gli piace molto il gioco d'azzardo. Infatti anche durante il lavoro si lascia influenzare dall'esito del lancio di un dado e spesso parla per analogie con tale gioco. Fujitora riesce a rimanere calmo anche nelle situazioni più disperate, come ad esempio durante l'inseguimento della Thousand Sunny.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Marina[modifica | modifica sorgente]

Issho tiene molto ai suoi subordinati. Quando diversi marine cadono sotto il controllo di Do Flamingo, decide di usare i suoi poteri per fermarli temporaneamente piuttosto che eliminarli. Li ha spinti ad inginocchiandosi come lui di fronte a Riku Dold III per scusarsi, nonostante per Sakazuki ciò fosse un affronto alla dignità dei marine stessi.

Sakazuki[modifica | modifica sorgente]

Dopo il suo gesto di inchinarsi davanti a Riku Dold III, Sakazuki lo rimprovera pesantemente e gli ordina di non mettere più piede in una base della Marina fino a quando non tornerà con le teste di Rufy e Law.

Smoker[modifica | modifica sorgente]

Durante il salto temporale, Issho ha instaurato un buon rapporto con il viceammiraglio Smoker. I due condividono l'opinione negativa riguardo alla Flotta dei sette. Visto che Smoker gli aveva raccontato che il Governo Mondiale decise di insabbiare il fatto che il regno di Alabasta fu salvato da un pirata, Issho ha deciso di non nascondere i dettagli riguardanti la sconfitta di Do Flamingo, in modo da non ripetere tale evento.

Flotta dei sette[modifica | modifica sorgente]

Fujitora contro Do Flamingo.

Issho voleva eliminare la Flotta dei sette, in quanto molti dei suoi membri hanno potuto sovvertire regni e creare traffici illegali grazie ai privilegi che godevano facendone parte. La cosa è poi avvenuta al Reverie, anche grazie a lui, dopo che ha richiesto di parlare in privato con i sovrani di Dressrosa e Alabasta.

Monkey D. Rufy[modifica | modifica sorgente]

Issho ha compiuto l'azzardo di non intervenire nello scontro tra la ciurma di Do Flamingo e Rufy in modo da consentire a quest'ultimo di fare ciò che egli non poteva fare in quanto membro della Marina: smascherare i crimini del membro della Flotta dei sette. Per questo motivo, gli fu grato e gli consentì di fuggire da Dressrosa distruggendo l'alleanza anti-Cappello di paglia. La personalità di Rufy incuriosì genuinamente l'ammiraglio che, normalmente cinico verso il mondo, si rammaricò per un momento di essersi tolto la vista.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

In qualità di ammiraglio della Marina, Issho ha autorità su un grandissimo numero di subordinati e ricopre la seconda carica più alta dell'organizzazione. Inoltre può eseguire un Buster Call su ogni isola che ritiene essere una minaccia per il Governo Mondiale e può concedere questo privilegio anche agli agenti governativi che non dispongono di tale potere.

Per via della sua alta carica, Issho è considerato una delle persone più forti dell'intero Governo Mondiale, tanto che lo stesso Sakazuki era fiducioso del fatto che avrebbe sconfitto sia Rufy che Law, sebbene fossero entrambi membri di spicco della peggiore delle generazioni e il secondo fosse anche un membro della Flotta dei sette.[3] La sua forza è stata inoltre elogiata da entrambi.

In termini di potenza, Do Flamingo ha affermato che Issho è un vero e proprio mostro, al pari di Ryokugyu.[4] Inoltre, insieme a Sengoku e a Tsuru, è riuscito ad avere la meglio su Jack, uno tra i membri di spicco della ciurma dell'imperatore Kaido con una taglia di 1.000.000.000 Simbolo Berry.png.[5] La sua forza è tale che i civili di Dressrosa, vedendo i suoi poteri all'opera, hanno temuto che si trattasse di un intervento divino.[6]

Ha anche bloccato un attacco di Do Flamingo, allora membro della Flotta dei sette con una taglia sospesa di 340.000.000 Simbolo Berry.png, senza mostrare alcuna preoccupazione. Inoltre ha combattuto alla pari con Sabo, il capo di stato maggiore dell'Armata rivoluzionaria, uscendone illeso, nonostante il ragazzo avesse recentemente acquisito i poteri del frutto Foco Foco e sia stato in grado di sconfiggere facilmente Jesus Burgess, uno dei comandanti della ciurma dell'imperatore Marshall D. Teach. Considerando come durante tale scontro Issho cercasse solamente di perdere tempo, in quanto il suo reale obiettivo era lasciare che Rufy affrontasse Do Flamingo, dimostra quanto possa essere un avversario temibile se affrontato al pieno delle proprie capacità.[7]

Capacità fisiche[modifica | modifica sorgente]

Fujitora possiede una grande resistenza fisica, avendo subito in pieno un pugno di Rufy in Gear Third potenziato dall'Ambizione dell'armatura uscendone con soltanto un leggero graffio al volto.[6] Ha anche un'enorme forza fisica, essendo stato capace di difendersi dai potenti attacchi di Zoro e Rufy senza sforzo apparente.

Nonostante sia cieco, Issho ha dimostrato di essere in grado di gestirsi perfettamente in un combattimento, tanto che la sua cecità non sembra provocargli alcun tipo di impedimento in battaglia. Possiede anche un udito eccezionale, dato che è riuscito a percepire un fulmine provocato da Nami nonostante fosse ad una certa distanza, mentre sia Do Flamingo che Law, al contrario di lui, non se ne sono accorti.

Frutto del diavolo[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Zushi Zushi

Issho usa i suoi poteri per controllare la gravità.

Issho ha mangiato il frutto del diavolo Zushi Zushi di tipo Paramisha che gli consente di manipolare la gravità intorno ad un luogo scelto a suo piacimento. Ogni volta che ricorre a questa capacità, sfodera la sua spada. Di solito usa tale abilità per fare precipitare dei giganteschi meteoriti dal cielo oppure, come dimostrato a Green Bit, la utilizza per aumentare la forza di gravità e immobilizzare a terra l'avversario.

Può anche invertire la gravità per creare una barriera circolare intorno a lui che respinge tutti gli attacchi subiti o per fare levitare una corazzata in maniera simile alle abilità del frutto Fuwa Fuwa. Può anche sollevare una roccia ed usarla come piattaforma semovente. Issho è anche in grado di utilizzare attacchi di gravità orizzontalmente, colpendo di conseguenza gli avversari e tutto ciò che c'è intorno.

Ambizione[modifica | modifica sorgente]

Ha dimostrato di sapere padroneggiare molto bene l'Ambizione della percezione, che utilizza per sopperire alla mancanza della vista. Infatti è stato capace di difendersi prontamente da un calcio di Do Flamingo a distanza ravvicinata così come di percepire l'attacco di Pica ancora prima che glielo comunicassero i suoi subordinati. Inoltre è stato in grado di percepire i pensieri e le emozioni degli abitanti di Dressrosa che inseguivano Cappello di paglia mentre cercava di raggiungere la nave per fuggire dall'isola. Ha affermato anche di sapere percepire il movimento delle nuvole ed ha percepito un attacco di Nami nei confronti di Jora nonostante la considerevole distanza fra di loro, cosa che Do Flamingo, un altro utilizzatore di tale potere, non è riuscito a fare.[8]

Issho ha anche adoperato l'Ambizione dell'armatura per affrontare fisicamente Sabo, un utilizzatore di un frutto Rogia, e per rivestire la propria spada con essa nel tentativo di fermare la gabbia per uccelli.[7]

Arte della spada[modifica | modifica sorgente]

Fujitora è uno spadaccino di alto livello, come dimostrato quando riesce a parare un potente fendente di Zoro senza troppe difficoltà.

Armi[modifica | modifica sorgente]

Fujitora possiede un bastone animato che impugna spesso con la lama rivolta verso il basso. Quando la tiene nel fodero utilizza tale bastone per aiutarsi a camminare.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Nacque in un luogo della Rotta Maggiore.[2] Ad un certo punto della sua vita, Issho rimase talmente disgustato dal male che vedeva attorno a sé da decidere di accecarsi con le sue stesse mani.

Saga di Alabasta[modifica | modifica sorgente]

Dopo la sconfitta di Crocodile, Issho comincia a dubitare della Flotta dei sette.[2]

Salto temporale[modifica | modifica sorgente]

Issho viene nominato ammiraglio tramite una selezione militare mondiale. Accetta il ruolo per potere portare a termine alcuni progetti, tra cui quello di porre fine alla Flotta dei sette.

Dopo essere entrato in carica, Issho fa la conoscenza di Smoker, il quale gli racconta i fatti di Alabasta e come il Governo Mondiale abbia insabbiato l'intera vicenda.

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Fujitora contro Law e Do Flamingo.

Fujitora viene inviato da Sakazuki per risolvere la faccenda riguardante Rufy e Law, che alleandosi hanno costituito una seria minaccia.

Si reca all'interno di un ristorante di Acacia dove si gioca d'azzardo ed inizia a scommettere alla roulette. Alcuni uomini di Do Flamingo iniziano a truffarlo e proseguono finché Rufy gli svela l'inganno. A quel punto Issho si infuria e utilizza il suo potere contro i truffatori, facendoli sprofondare in una voragine. Poi ringrazia Rufy senza rivelargli la propria identità e risarcisce il proprietario per il danno provocato al locale. Dopodiché esce e si reca al colosseo delle corride per assistere al torneo in programma quel giorno. Al termine del blocco A, Issho si allontana per proseguire con la missione e si dirige a Green Bit con una nave da guerra.

Fujitora e il suo equipaggio attaccano la Thousand Sunny.

Una volta sbarcato viene contattato da Sakazuki, che lo informa che le dimissioni di Do Flamingo sono in realtà una notizia fasulla. Issho continua a camminare e raggiunge il luogo in cui si trovano Do Flamingo e Law per effettuare la riconsegna di Caesar Clown. Poiché Do Flamingo è ancora un alleato del Governo Mondiale, Issho si interessa a Law e gli chiede quale sia il suo rapporto con i Pirati di Cappello di paglia. Law dichiara che lui e Rufy sono alleati alla pari e quindi Fujitora gli revoca il titolo di membro della Flotta dei sette; fa così cadere un meteorite sulla spiaggia, ma senza riuscire a recare alcun danno a loro tre, i quali riescono a difendersi usando le proprie abilità. Il combattimento prosegue e Law viene sconfitto dall'attacco combinato dei due nemici. All'improvviso però, Law riesce a sfuggirgli e mentre Issho rimane impassibile, Do Flamingo riparte al suo inseguimento. Risale poi sulla sua nave con i suoi sottoposti e una volta accortosi che la nave dei Pirati di Cappello di paglia è in avvicinamento, la attacca con un'altra meteora. Tuttavia Law riesce a difendere l'imbarcazione dei suoi alleati mandando, tramite il suo potere, tale meteora contro la nave della Marina. A quel punto Issho ordina di tornare a Dressrosa.

Fujitora ferma Zoro.

Giunge nei pressi del colosseo delle corride appena in tempo per bloccare l'attacco di Zoro diretto a Do Flamingo. Subito dopo quest'ultimo e il marine si recano al palazzo reale con Law prigioniero. Una volta entrati nell'edificio, l'ammiraglio sottolinea il fatto di non essere un alleato del pirata, ma che si sarebbe schierato dalla sua parte solo per ridurre al minimo il danno alla popolazione e che si sarebbe occupato di lui più tardi. Gli comunica poi che la sua volontà è quella di abolire la Flotta dei sette e, dopo aver citato l'incidente di Alabasta, Do Flamingo lo attacca. Tuttavia Issho para il colpo e lo assicura che per il momento i due sono dalla stessa parte, poiché la sua priorità è proteggere la popolazione.

Dopodiché torna dai suoi uomini e con essi assiste alla nuova trasformazione dei giocattoli nelle loro sembianze originarie. Osserva poi come Do Flamingo abbia intrappolato l'intera Dressrosa nella sua "gabbia" e costringa le persone ad attaccarsi a vicenda. Per questo usa i suoi poteri per tenere le persone sotto controllo del pirata a terra, in modo che non facciano del male né a se stessi né agli altri. Ordina poi a Bastille di non attaccare Do Flamingo, ma piuttosto di fare in modo che tutte le squadre si dedichino alla protezione dei civili e ad arrestare Law, Rufy e i suoi compagni. Poco dopo si imbatte proprio in questi due e Zoro, e attacca quest'ultimo, prima di venire interrotto dall'intervento di Pica.

Fujitora affronta Sabo.

Così Issho e i marine si mettono a guardia dell'altopiano dove si trova il palazzo reale per ostacolare il gruppo che vuole raggiungere Do Flamingo. Tuttavia Sabo li attacca per tenerli occupati e permettere a suo fratello e ai suoi alleati di proseguire. I marine di basso rango vengono sconfitti in pochi istanti dal rivoluzionario, così come il viceammiraglio Bastille. Allora Issho interviene e si scontra con Sabo. Il combattimento però non dura molto, in quanto l'ammiraglio decide di abbandonare la lotta una volta compreso che la Marina non è in grado di sistemare la faccenda. Inizia così ad augurarsi che Rufy riesca nel proprio intento e raggiunge il vecchio altopiano reale. In seguito però decide di tornare in città e ordina ai marine di radunare tutti i cittadini in un unico luogo per proteggerli al meglio.

Quando la gabbia che circonda l'isola inizia a restringersi, Fujitora raggiunge Zoro, Kin'emon e Kanjuro e li aiuta nel tentativo di rallentarne la chiusura. Alla fine la gabbia si dissolve nel momento in cui Rufy sconfigge Do Flamingo.

Fujitora chiede pubblicamente scusa a Riku Dold III.

Issho ordina a Maynard di raccontare l'accaduto ai cittadini di Apple Nine e ad altre due isole vicine prima di mettersi in contatto con il quartier generale. Mentre il viceammiraglio esegue il compito, Issho raggiunge Riku Dold III e gli chiede pubblicamente scusa in ginocchio da parte del Governo Mondiale. Quest'azione, trasmessa al mondo intero, scatena l'ira degli astri di saggezza e di Sakazuki, il quale lo contatta per rimproverarlo del gesto. Issho dichiara di avere voluto impedire che la faccenda venisse insabbiata e il grand'ammiraglio gli ordina di catturare Rufy e Law. Lui però decide di lasciare le sorti dei due pirati ad un lancio di dadi, il cui esito lo convince a rinviare di un giorno l'arresto. Il lancio dei dadi nei due giorni successivi ha lo stesso esito, perciò Issho rinvia ulteriormente il suo compito. Il giorno seguente giungono sull'isola Tsuru e Sengoku, così Issho le lascia tirare il dado dopo averle spiegato il motivo per cui non si è ancora mosso per catturare i criminali. Questa volta il risultato è diverso e quindi Issho ordina ai marine di arrestare i ricercati presenti sull'isola. Raggiunto il porto orientale, da cui i pirati hanno intenzione di salpare, sfrutta i suoi poteri per sollevare in aria le macerie dell'intero regno di Dressrosa, deciso a scagliarle sui nemici.

Rufy colpisce Fujitora.

Prima che possa sferrare l'attacco però, viene raggiunto da Rufy, il quale lo colpisce con un pugno in Gear Third potenziato dall'Ambizione dell'armatura. Durante la battaglia, il pirata dichiara in anticipo dove ha intenzione di dirigere i colpi e Issho, ritenendo fastidioso tale comportamento, lo colpisce con un'onda gravitazionale orizzontale, lanciandolo a grande distanza. Mentre tutti i criminali stanno fuggendo su un molo per raggiungere la Yonta Maria, Issho si prepara a fare cadere le macerie su di loro. Tuttavia all'improvviso gli abitanti di Dressrosa iniziano a percorrere quello stesso molo fingendo di inseguire Rufy. Issho comprende che stanno fingendo, ciononostante non può sferrare il suo attacco per non colpire centinaia di innocenti. Poiché una vasta flotta pirata compare al largo, i cui membri hanno intenzione di sconfiggere Cappello di paglia, colpevole di avere mandato a monte i loro affari con Do Flamingo, Issho fa cadere su di loro le macerie di Dressrosa, ringraziando Rufy per avere salvato l'isola e dispiacendosi per non potere vedere il suo viso.

Durante il viaggio per condurre Do Flamingo e la sua ciurma ad Impel Down, Issho riferisce a Sengoku che non intende chiedere scusa a Sakazuki e che finché non tornerà con la testa di Rufy o Law non potrà tornare al quartier generale. Poco dopo Jack attacca il convoglio per liberare Do Flamingo riuscendo ad affondare due navi, venendo però alla fine sconfitto.

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

Poco prima che inizi il Reverie, raggiunge Marijoa, dove le guardie tentano di impedirgli l'ingresso poiché Sakazuki gli aveva ordinato di non fare ritorno in alcuna base della Marina finché non avesse eliminato Rufy e Law. Issho aggira la questione sottolineando che non si tratta di una base della Marina e quindi entra nella terra sacra. Ryokugyu lo invita a pranzo e afferma di avere ricevuto l'ordine di cacciarlo per conto del grand'ammiraglio; Issho poi rivela che la nuova invenzione di Vegapunk renderà inutile la Flotta dei sette.

In seguito fa consegnare una lettera a Nefertari Cobra, nella quale chiede un incontro con lui e Riku Dold III, che avviene nel castello Pangea.

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

Il quarto giorno del Reverie, Issho e Ryokugyu ingaggiano battaglia contro i rivoluzionari giunti a Marijoa per liberare Orso Bartholomew dalla schiavitù.

Giorni dopo, mentre si trova a bordo della sua nave, Issho discute via lumacofono con Sakazuki dello scioglimento della Flotta dei sette e del progetto SSG. Il grand'ammiraglio gli comunica poi della recente alleanza tra Kaido e Big Mom.

Nave[modifica | modifica sorgente]

La nave di Issho.

Naviga a bordo di una grande nave della Marina dotata di quattro alberi. La vela di trinchetto ha impressa la scritta 一生 (Isshō, lett. un'intera vita?).

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime ha dimostrato riflessi sovrumani bloccando un filo di Do Flamingo mirato a prendere il controllo del suo corpo. Tale gesto si tratta di un'impresa che solo Rufy in Gear Fourth è riuscito a replicare.[9]

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Issho incontra Zoro e gli chiede se conosce un posto in cui sia possibile scommettere. In seguito viene mostrato mentre gioca alla roulette, prima che gli uomini di Do Flamingo arrivino e comincino a truffarlo. Inoltre nel manga utilizza la sua abilità non appena scopre di essere stato truffato, mentre nell'anime prima affronta i bari con la sua spada.

Fuori dal colosseo delle corride, Issho restituisce ad una bambina un palloncino che aveva perduto.

Nel manga Fujitora e Do Flamingo arrivano contemporaneamente alla spiaggia di Green Bit, mentre nell'anime il marine arriva poco prima del pirata. Viene poi mostrato quando i due e Law si addentrano nella foresta.

Quando Do Flamingo blocca Law al suolo e si prepara ad ucciderlo, Fujitora arriva e gli ordina di fermarsi.

Dopo avere attivato la gabbia per uccelli, Do Flamingo cerca di prendere il controllo di Fujitora, ma l'ammiraglio riesce ad impedirglielo.

In seguito Fujitora viene attaccato anche da Rufy e non solo da Zoro. Poco dopo contatta Bastille con un lumacofono e gli ordina di riunire i soldati. Inoltre il suo combattimento contro Sabo è allungato.

Viene anche mostrato quando Issho usa il suo potere per salvare gli abitanti di Dressrosa,[10] mentre non appare vicino al bambino che si riunisce a sua madre.[11]

Issho cammina tra le macerie di Dressrosa prima di incontrare Riku Dold III.[12] Nel manga chiede a Tsuru di lanciare il dado prima che Manshelly si presenti, mentre nell'anime lo fa in seguito.[13]

Issho lascia a Bastille il comando dell'accampamento quando si dirige al porto orientale.[14] Quando si avvicina a quest'ultimo, Zoro gli lancia un fendente.[15]

Lo scontro tra lui e Rufy è esteso, nel quale il pirata nomina ogni suo attacco,[16] così come la scena in cui Issho fa levitare le macerie di Dressrosa. L'ammiraglio abbassa poi qualche maceria quando i cittadini arrivano al porto.[17]

Film 14[modifica | modifica sorgente]

Issho e Zoro si scontrano.

Giunge a Delta per effettuare un Buster Call e si lancia contro Zoro, con il quale inizia uno scontro. Quando Douglas Bullet si prepara a confrontarsi contro la flotta della Marina, Fujitora fa precipitare un meteorite dal cielo contro i pirati e si allontana.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il suo aspetto è basato su quello dell'attore Shintaro Katsu, in particolare sul personaggio di Zatoichi. Egli infatti è uno spadaccino cieco che utilizza un bastone-spada ed ha la passione del gioco d'azzardo.[1]
  • L'animale che lo rappresenta, la tigre, è uno dei simboli che indicano il tempio nord-orientale dove risiede l'orco che Momotaro deve uccidere.
  • In una SBS viene rappresentato il suo aspetto se fosse donna.[18]
  • Un fan ha chiesto a Oda perché per il soprannome di Issho non ha usato (pron. murasaki o shi), il kanji che indica il viola, ma ha invece utilizzato una tonalità particolare come fuji (?). Oda ha spiegato di avere fatto questa scelta perché con nessuna delle due pronunce il soprannome gli suonava bene, al contrario di quanto avvenuto con tale termine.[19]

Note

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.