FANDOM


Isuka è una guardiamarina.[1]

Aspetto Modifica

Isuka concept art

Bozza di Isuka.

Isuka è una ragazza con i capelli rossi lunghi fino alle spalle e gli occhi castani. Ha inoltre una cicatrice da ustione sul dorso della mano. Indossa una camicia chiara, pantaloncini scuri, guanti e una giacca della Marina appoggiata sulle spalle.

Carattere Modifica

Isuka rifiuta di prendere degli ostaggi. Masked Deuce la considera onesta e gentile, ma anche incurante. Isuka ritiene che i bambini non debbano subire lo stesso dolore che patì lei da piccola a causa dei pirati.[1]

Ha una forte fede nella giustizia, ma non da prendere ostaggi pur di ottenerla, per questo sembra seguire la "giustizia morale".

Relazioni Modifica

Draw Modifica

Draw la salvò da un incendio che bruciò il villaggio della ragazza e causò la morte dei suoi genitori. Isuka lo ammirava e si arruolò in Marina per salvare le persone dai pirati. Tuttavia Isuka era ignara che quell'incendio fosse stato causato dallo stesso Draw. Dopo aver saputo la verità, la ragazza scoppiò in lacrime.

Portuguese D. Ace Modifica

Isuka attaccò Ace e il suo equipaggio per arrestarli. Tuttavia, quando Ace le gettò un salvagente per salvarla dall'annegamento, si convinse che il ragazzo fosse una brava persona e cercò di allontanarlo dalla pirateria. Dopo la sconfitta di Draw, Ace le propone di unirsi al suo equipaggio, ma Isuka rifiutò l'offerta e gli raccomandò di non morire.

Forza e abilità Modifica

In qualità di guardiamarina, ha autorità su molti subordinati.

Sembra possedere una notevole fama, dato che Skull la riconobbe. Isuka è riuscita ad evitare tutti gli attacchi dei Pirati di picche e a bloccare un colpo di pistola sparato da Mihar con la sua spada.[1]

Armi Modifica

Isuka brandisce una spada e sembra essere molto abile ad usarla. Può utilizzare la sua arma per respingere i proiettili. Il suo stile di combattimento, che le ha fatto guadagnare il soprannome di "Inchiodatrice", consiste nel trafiggere il nemico con la sua spada come se stesse mettendo dei chiodi.[1]

Storia Modifica

Passato Modifica

Quando era bambina, un incendio appiccato da Draw finì per distruggere il suo villaggio, causando la morte dei suoi genitori. Isuka fu salvata dallo stesso marine, ma si ustionò la mano. Ignara della vera natura di Draw, Isuka cominciò ad ammirarlo e si arruolò in Marina per salvare le persone dai pirati, raggiungendo il grado di guardiamarina.

Isuka salì a bordo della nave dei Pirati di picche per arrestarli. La donna attaccò Ace, così la ciurma provò a fermarla, ma la marine riuscì ad evitare tutti gli attacchi finché non puntò la sua spada contro Ace. Le navi della Marina intanto sopraggiunsero, ma Deuce aveva attuato un piano per farle schiantare contro la barriera corallina, che ebbe successo. Isuka allora si gettò in acqua per salvare i suoi compagni e Ace le gettò un salvagente, salvandola dall'annegamento. Da quel giorno, Isuka incontrò e affrontò i Pirati di picche numerose volte.

Isuka incontrò casualmente la ciurma all'arcipelago Sabaody e intimò ad Ace di uscire dalla nave, ma il pirata, dopo averle fatto una battuta, le chiese se era a conoscenza di qualche specialità da mangiare. Subito dopo avere avuto la risposta corse via, così la donna lo seguì. Il ragazzo e Deuce salirono poi sulla ruota panoramica e Isuka entrò nella loro stessa cabina. La donna confidò di essersi arruolata in Marina dopo essere stata salvata da un marine in seguito all'attacco di alcuni pirati al suo villaggio. Cercò poi di convincere Ace a lasciare la pirateria per diventare un marine, affermando di potere mettere una buona parola con la Marina per tutti i membri del suo equipaggio. Il pirata però scese dalla giostra salutandola, così Deuce le chiese se dovesse considerarsi un ostaggio, ma lei rispose che chi crede nella giustizia non prende ostaggi, invitandolo ad andarsene.

Isuka, assieme al viceammiraglio Draw, raggiunse nuovamente lui e Deuce portando ad Ace la proposta degli astri di saggezza di diventare un membro della Flotta dei sette, ma egli però rifiutò. Draw attaccò così i pirati con i suoi due lanciafiamme, colpendo un'abitazione piena di bambini, che Ace cercò di portare in salvo mentre Deuce tenne occupato il viceammiraglio, nonostante fosse stato colpito dalle fiamme, riuscendo a rimuovere le taniche di benzina che alimentavano le sue armi. Isuka scoprì così la verità sull'attacco al suo villaggio e scoppiò in lacrime.

Dopo la sconfitta del viceammiraglio, Ace le porse la mano e le propose di diventare una cacciatrice di taglie, salendo sulla sua nave. La donna rifiutò e i tre poi fuggirono grazie alle informazioni di Isuka sulle zone in cui la Marina era presente. Giunti al porto, la nave della ciurma si stava muovendo lentamente, così i due pirati salirono a bordo, ma Isuka restò a terra, affermando di essere una marine e raccomandando ad Ace di non morire.

Curiosità Modifica

  • Come altri personaggi femminili, il suo nome deriva da quello di un uccello, nel suo caso il crociere rosso.
    • Il crociere è soprannominato "uccello di Cristo" in quanto, secondo il folklore, un crociere avrebbe tentato di alleviare le sofferenze di Cristo sulla croce provando a rimuovere i suoi chiodi. Oda ha basato il soprannome di Isuka su questa leggenda.[2]

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 One Piece Magazine Vol. 2.
  2. One Piece Magazine Vol. 3, Oda appunta la leggenda del crociere per il nome di Isuka.

Navigazione Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.