Jora è un ufficiale dei Pirati di Donquijote appartenente all'armata di Trebol.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Jora è una grassa donna dai lineamenti facciali eccessivi con la parte superiore del corpo grassoccia e delle gambe invece molto esili. Indossa un abito viola a fiori arancioni e porta una collana di perle bianche. Il colore arancione e biondo dei suoi capelli, i suoi accentuati zigomi, il trucco pesante e i suoi occhiali bianchi mettono ancor più in evidenzia il suo viso singolare.

A quarantacinque anni era decisamente più snella, mostrando meno rughe in volto e un collo più lungo. Indossava un abito corto rosa e un cappotto adagiato sulle spalle. A cinquantuno anni, invece, cominciava a mostrare i segni di un'evidente presa di peso, con un viso paffuto e un'abbondante silhouette. Indossava inoltre un vestito fucsia e portava una giacca bianca sulle spalle.

Da bambina aveva i capelli raccolti ai lati ed indossava un vestitino.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Carattere[modifica | modifica sorgente]

Ha un'alta considerazione di se stessa e l'abitudine di fraintendere ciò che viene detto dai suoi avversari, credendo si tratti di complimenti come "principessa sirena", "top model", "miss Universo" e "Boa Hancock". La sua passione per l'arte tende ad offuscare il suo giudizio, dato che Brook riesce a distrarla e a ingannarla facendole ripristinare il suo violino e la sua Soul Solid per potere omaggiare con la musica le sue opere artistiche.

Jora fa piangere Manshelly per sfruttare i suoi poteri.

Jora mostra anche un lato molto crudele quando ad esempio schiaffeggia violentemente Manshelly, urlandole contro ripetutamente per farle usare i suoi poteri.

Ama prendersi cura dei bambini,[1] infatti ai tempi in cui Law era un membro dei Pirati di Donquijote, Jora rappresentava una specie di figura materna per i membri più giovani della ciurma, ossia Law stesso, Dellinger, Baby 5 e Buffalo. Jora è anche molto incline ai pregiudizi basati su false voci, credendo ad esempio che il morbo del piombo ambrato fosse contagioso solo perché si diceva così.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Ciurma[modifica | modifica sorgente]

Jora è molto fedele al suo capitano, tanto da incitarlo a combattere Law anche se quest'ultimo le stava puntando una spada alla gola.

Sembra essere buona amica di Lao G visto che i due giocano spesso a carte insieme ed entrambi si irritano quando Baby 5 accetta per l'ennesima volta una proposta di matrimonio. Come il resto dell'equipaggio, ritiene che i traditori come Law debbano essere puniti con la morte.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

In qualità di ufficiale dei Pirati di Donquijote, Jora possiede una certa autorità all'interno dell'equipaggio e comandava duemila soldati a Dressrosa.[2]

Frutto del diavolo[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Arte Arte

Il potere di Jora.

Jora ha mangiato il frutto del diavolo Arte Arte di tipo Paramisha che le permette di modificare la forma e l'aspetto di qualsiasi cosa, compresi organismi viventi, in una versione astratta dell'arte facendo perdere ad esso le proprie funzioni. Ha utilizzato questa capacità per sabotare la Thousand Sunny in modo da impedire alla ciurma di Cappello di paglia di lasciare Dressrosa.

Armi[modifica | modifica sorgente]

In passato Jora portava con sé un fucile, anche se non si sa quanto fosse abile nell'utilizzarlo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Jora e gli altri membri dei Pirati di Donquijote a cena.

Quattordici anni prima dell'inizio della narrazione, quando Jora vide Law dopo che il bambino si era unito alla ciurma, temette di venire contagiata dal morbo del piombo ambrato di cui egli soffriva, ma Do Flamingo la rimproverò dicendole che la malattia non poteva essere trasmessa. Una settimana dopo, Jora partecipò ad una missione insieme a Baby 5, Lao G, Machvise, Senor Pink e Gladius, e nell'occasione raccontarono alla bambina la storia di Flevance. Tornati dalla missione, Law cercò di fuggire, tuttavia Jora e Machvise lo recuperarono e lo portarono da Do Flamingo che lo promosse a ufficiale della ciurma. I Pirati di Donquijote si spostarono poi nella Rotta Maggiore per allargare i loro traffici clandestini.

Jora si occupò di crescere Dellinger e fu la causa del suo atteggiamento da effeminato.[5]

Tre anni dopo, la ciurma tornò nel mare settentrionale per impossessarsi del frutto Ope Ope. In quest'occasione scoprirono che Rosinante‎ era un traditore. Per questo Do Flamingo lo uccise; subito dopo Jora e gli altri si impossessarono dei tesori dei Pirati Barrels, sconfitti poco prima.

Otto anni prima dell'inizio della narrazione, Jora partecipò alla sommossa organizzata da Do Flamingo contro Dressrosa. Quando Mone aprì le porte del palazzo, i Pirati di Donquijote assaltarono la struttura.

Saga di Punk Hazard[modifica | modifica sorgente]

Jora gioca a carte con Lao G. In seguito, quando Sugar dice che Do Flamingo non è nella sua stanza, i due affermano che allora starà raggiungendo Punk Hazard da solo.[6]

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Jora si intrufola a bordo della Thousand Sunny dopo averla raggiunta grazie ad un sottomarino e trasforma Nami, Brook, Chopper, Momonosuke e la nave in opere d'arte. Cerca di rapire il bambino su ordine di Do Flamingo, ma non lo riconosce nella sua forma di drago. Il gruppo di Nami riesce ad allontanarsi dalla nave, ma quando Jora vede Momonosuke chiede loro di consegnarglielo.

Il gruppo sulla Sunny sconfigge Jora.

Subito dopo Nami, Brook e Chopper sconfiggono gli uomini di Jora e distruggono il loro sottomarino, ma la donna usando i poteri del suo frutto del diavolo riesce a trasformare anche le loro armi in arte. Subito dopo intrappola Nami, Chopper e Momonosuke in un dipinto che li avrebbe lentamente soffocati, uccidendoli nel giro di dieci minuti. Brook agisce con disinvoltura, apparentemente curandosi di più dell'opera piuttosto che della vita dei suoi amici, guadagnandosi l'amicizia di Jora. Lo scheletro si fa ridare da lei la forma al suo violino e al suo bastone per suonare una melodia, ma poi la colpisce con un fendente, annullando così il potere del suo frutto del diavolo. Nami poi la fulmina con il suo Sorcery Clima Takt, sconfiggendola.

In seguito Do Flamingo attacca la Sunny, che ha raggiunto Green Bit, e sconfigge Sanji. Per questo Law usa Jora come ostaggio per dare ai suoi alleati il tempo necessario per scappare verso Zo. La donna poi fugge rapidamente sul ponte che porta a Dressrosa dopo essere stata rilasciata, prima che inizi lo scontro tra Law e Do Flamingo.

Leo sconfigge Jora.

Tornata al palazzo, si reca nella stanza in cui è tenuta prigioniera Manshelly insieme ai corpi svenuti di Machvise, Lao G, Sugar e Dellinger per obbligare la nana ad utilizzare i suoi poteri e curarli. Manshelly si rifiuta di farlo, così Jora la obbliga a piangere con la forza. Dopo avere curato uno degli uomini di Do Flamingo la donna si appresta a curare i quattro ufficiali, ma Kab interviene togliendo i quattro pirati dalla traiettoria delle lacrime e subito dopo Leo, sfruttando i suoi poteri, lega Jora agli uomini di Do Flamingo presenti nella stanza e la sconfigge scagliandoglieli contro.

A seguito della sconfitta di Do Flamingo, Jora viene arrestata dalla Marina insieme al resto della ciurma e deportata ad Impel Down.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Il raid che fece assieme ad altri suoi compagni a Rakesh è allungato.

Saga di Alabasta[modifica | modifica sorgente]

Jora è presente assieme al resto della ciurma quando Do Flamingo parla dell'incremento di taglia avuto da Rufy.[7]

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime è Machvise ad urlare contro Baby 5 anziché Jora e Lao G.

Viene anche mostrato quando Jora trasforma l'equipaggio della Thousand Sunny e quest'ultima in arte. Inoltre nell'anime la scena in cui a Jora sembra di venire chiamata principessa sirena avviene prima che trasformi i nemici in arte, anziché dopo. Viene infine mostrato quando Nami distrugge il sottomarino che Jora aveva usato per raggiungere la nave.

Nel manga Jora, dopo essere stata colpita da Brook, viene subito messa fuori combattimento da un attacco combinato di tutti i presenti. Nell'anime, riprende i sensi e si trasforma in una creatura gigantesca fatta di arte astratta. Viene attaccata dalla ciurma, ma riesce ad evitare di essere colpita finché Nami non usa il cannone Gaon per farla tornare normale e la sconfigge definitivamente ricorrendo al suo Sorcery Clima Takt.

Successivamente, Jora scappa dal ponte solo quando Do Flamingo glielo ordina anziché appena rilasciata da Law.

Vede i due subordinati che trasportano Dellinger farlo involontariamente cadere. Per questo motivo Jora li punisce trasformandoli in opere d'arte.[8] Nel manga scopre ciò che possono fare le lacrime di Manshelly senza che le venga spiegato.[8]

Prima di perdere conoscenza, Jora cerca di usare un lumacofono.[9]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.