FANDOM


Disambiguazione Per il samurai del Paese di Wa, vedi Kyoshiro

Koshiro è il maestro del dojo di Shimoshiki. Era l'insegnante di Zoro e il padre di Kuina.

Aspetto Modifica

Koshiro è un uomo alto e magro con lunghi capelli neri che porta legati dietro la schiena in una lunga coda di cavallo. Sul viso ha molte rughe e porta un paio di occhiali con la montatura nera e le lenti rotonde. Indossa un kimono grigio e talvolta anche una giacca beige con il simbolo di due spade incrociate sui baveri.

Carattere Modifica

È fermamente convinto che le donne siano per natura più deboli degli uomini e quindi inadatte a diventare delle guerriere. Inoltre considera molto importanti il talento e la perseveranza, al punto che ritiene poco importante che Zoro sia diventato un pirata, purché continui ad inseguire il suo sogno. Nonostante sorrida quasi sempre, sembra non provare nessuna emozione, infatti quando rivela a Zoro che la figlia è morta, aggiunge solo un commento sulla fragilità umana. Quando cerca di rivelare al suo allievo il segreto per tagliare l'acciaio, è frustrato dal fatto che il ragazzo sembra non capire.

Forza e abilità Modifica

È uno spadaccino con sufficiente abilità da aprire un dojo a cui molti bambini giungevano per iscriversi. È probabile che sia capace di tagliare l'acciaio, avendo cercato di insegnare a Zoro il modo per farlo.

Storia Modifica

Passato Modifica

Wado Ichimonji Koshiro

Koshiro offre la Wado Ichimonji a Zoro.

Un giorno Roronoa Zoro si presentò al dojo del villaggio in cerca di uno sfidante. Koshiro gli fece affrontare la propria figlia, Kuina, e lo sfidò a diventare un suo discepolo se fosse uscito sconfitto dal duello. Zoro accettò la scommessa e, dopo avere perso, tenne fede alla sua parola.

Koshiro aiutò almeno una volta l'Armata rivoluzionaria fornendo loro del cibo. In quell'occasione parlò con un uomo con la testa enorme.

Una notte Koshiro e un altro degli insegnanti del dojo discussero dei progressi di Zoro e il primo rivelò che secondo lui un giorno il ragazzo sarebbe diventato più forte della figlia. La ragazza sentì tutto e si sentì offesa, dichiarando che sarebbe diventata la spadaccina più forte del mondo. Koshiro replicò che in quanto femmina ciò non sarebbe mai stato possibile.

Un giorno, Kuina cadde dalle scale e morì. Su richiesta di Zoro, Koshiro gli donò la spada che la ragazza utilizzava, la Wado Ichimonji.

Molti anni dopo, Zoro lasciò il dojo, intenzionato a tenere fede alla promessa fatta.

Saga dopo Enies Lobby Modifica

I suoi studenti gli chiedono se è vero che Zoro si è allenato in quello stesso dojo. Koshiro ripensa a quel periodo, si augura che il pirata continui sempre ad inseguire il suo sogno e pensa che non importa che tipo di persona egli diventerà.

Dalle tolde del mondo Modifica

Quando la notizia del ritorno dei Pirati di Cappello di paglia si sparge nel mondo, Koshiro fa visita alla tomba della figlia portando con sé il giornale.

Dalle tolde del mondo - La saga dell'uomo da cinquecento milioni Modifica

Osserva sconsolato che tutti i suoi allievi imitano Zoro usando un cerotto sul loro occhio sinistro e riproducendo la tecnica a tre spade mediante l'uso di tre shinai.

Differenze tra manga e anime Modifica

Aspetto Modifica

Nell'anime, quando Zoro lascia il villaggio, Koshiro ha alcuni capelli bianchi. Quando il pirata riceve la sua seconda taglia dopo gli eventi di Enies Lobby però, i suoi capelli appaiono completamente neri.

Passato Modifica

Nell'anime, nota che da quando Zoro si è iscritto al suo dojo, anche Kuina è diventata molto più forte, per via dei continui duelli tra i due. Inoltre il suo sessismo è sottolineato dal fatto che considera Zoro un erede più degno della sua stessa figlia solo perché è un maschio.

Traduzioni e adattamenti Modifica

Il suo nome è Yushiro su One Piece Blue.

Curiosità Modifica

  • Shi in giapponese significa "quattro" e condivide la caratteristica di avere un numero nel nome con Shimotsuki Kozaburo.
  • Il suo cibo preferito è l'anguria.[1]

Note

Navigazione Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.