Manshelly è una nana e la principessa del regno di Tontatta.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Come tutti gli altri nani, Manshelly è piccola e ha una grande coda soffice insieme ad un naso a punta. Ha i capelli ondulati di colore biondo molto lunghi. Sfoggia due piccoli fiori verdi tra i capelli e un abito corto bianco.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

Manshelly è emotiva e di buon cuore, dato che appena si è resa conto che era stata ingannata da Do Flamingo si è rifiutata di guarire gli ufficiali feriti del suo equipaggio sapendo che avrebbero continuato a ferire le persone e a danneggiare i nani del suo regno. Inoltre, consapevole di non potere sconfiggere Do Flamingo, ha comunque cercato di rendersi utile guarendo gli abitanti di Dressrosa che erano feriti. Tutto ciò è confermato da Kab, che sostiene che Manshelly è gentile con tutti.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Leo[modifica | modifica sorgente]

Manshelly ha un'enorme cotta per Leo, come ha dimostrato nel reagire felicemente quando lui l'ha salvata chiamandolo "principe azzurro" e arrossendo quando lui l'ha presa al volo. Tuttavia ciò non le ha impedito di sfogare la sua rabbia nel momento in cui Leo le ha fatto notare di essere aumentata di peso.

Leo da parte sua la ritiene egoista e antipatica, perché non riconosce i sentimenti che Manshelly prova per lui e interpreta le sue richieste amorose come richieste di una ragazza viziata e scorbutica.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

Essendo una nana è incredibilmente veloce, più di molti altri stando alle parole di Leo, che la definisce una scheggia.[4] È anche forte nonostante le sue piccole dimensioni ed è capace di coltivare qualsiasi tipo di pianta. Inoltre, come principessa dei nani, ha autorità su tutti ed è seconda solo al padre Gancho.

Frutto del diavolo[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Cura Cura

Manshelly dona all'acqua poteri curativi grazie al frutto Cura Cura.

Manshelly ha mangiato il frutto del diavolo Cura Cura di tipo Paramisha. Grazie ad esso le sue lacrime hanno ottenuto proprietà curative miracolose. Chiunque venga bagnato da una di esse, infatti, recupera tutte le energie in pochi secondi, indipendentemente dalla gravità delle ferite. Gli effetti delle sue cure sono però momentanei e scaduto il tempo il ferito ritorna a com'era prima della guarigione. Dopo la battaglia di Dressrosa, tuttavia, Manshelly ha dimostrato di potere curare alcune ferite in modo permanente.

È anche in grado di riparare qualsiasi oggetto distrutto, accorciando però la propria vita.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Cinquecento nani, tra cui Manshelly, furono rapiti dai Pirati di Donquijote dopo che Do Flamingo prese il potere a Dressrosa, otto anni prima dell'inizio della narrazione. Ogni volta che i sottoposti di quest'ultimo tornavano feriti, la nana era costretta a guarirli usando la sua abilità.

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Nel palazzo reale, Manshelly viene obbligata a fare riprendere i sensi a Sugar.

In seguito Jora porta di fronte a lei i corpi di molti sottoposti svenuti, tra cui quelli di Machvise, Lao G, Sugar e Dellinger. La donna cerca di obbligarla a curarli, ma Manshelly si rifiuta consapevole che una volta guariti faranno del male alle persone. Jora allora la afferra e con le sue lacrime di dolore un uomo di Do Flamingo viene curato. vedendo ciò, Jora cerca di costringerla a piangere sferrandole alcuni schiaffi per guarire anche i quattro ufficiali, ma Kab interviene togliendoli dalla traiettoria delle lacrime, mentre Leo sconfigge Jora.[4]

Dopo che Manshelly obbliga a farsi portare in spalla da Leo, i tre raggiungono il campo di girasoli dove incontrano Robin, Kyros e Rebecca. Lì Manshelly si offre di curare le ferite di Kyros, ma lui declina sostenendo che il suo potere prima deve essere usato sugli altri feriti.

Manshelly disperde lacrime per Dressrosa per curare i feriti.

Durante la battaglia finale tra Rufy e Do Flamingo, Manshelly e Leo riattaccano il braccio a Law. Dopodiché la nana scende dal campo di girasoli insieme a Robin, Kyros, Rebecca, Leo e Kab grazie ad una barriera a forma di scala creata da Bartolomeo e poi guarisce i gladiatori sconfitti e feriti grazie ai suoi poteri. Subito dopo Manshelly prende il volo in groppa a Kab e disperde le sue lacrime su Dressrosa in modo che i civili abbiano abbastanza forze per scappare dalla gabbia.

Nei tre giorni successivi alla sconfitta di Do Flamingo, Manshelly fa regolarmente visita all'accampamento della Marina per usare i suoi poteri ed estrarre l'energia dai marine volontari per curare i feriti. Il terzo giorno, quello in cui è prevista la fuga di Rufy dall'isola, Manshelly estrae una quantità di energia maggiore del solito, come suggerito d Kyros, in modo che i marine crollino a terra esausti mentre tentano di catturare Rufy e i suoi alleati.

Dopo che i Pirati di Cappello di paglia ed i loro alleati sono riusciti a fuggire dall'isola, Manshelly e Gancho si presentano agli abitanti di Dressrosa rendendo pubblica la loro esistenza.

Saga di Zo[modifica | modifica sorgente]

Giorni dopo, in vista del Reverie, Manshelly accompagna Rebecca al palazzo, dove Viola le propone di accompagnarla a Marijoa come damigella e lei accetta.

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

Durante il viaggio, riceve le ultime notizie che parlano delle recenti imprese di Rufy, il cui nome ora è accostato a quelli dei quattro imperatori.

Dopo che Kobi e Hermeppo hanno impedito ad una ciurma pirata di attaccare le navi dei regni di Dressrosa e Prodence, che sono senza scorta, il primo afferma che i marine li accompagneranno fino a destinazione. Appena Kobi nota la foto di Rufy sul giornale di Rebecca, legge le notizie e si commuove. Comprendendo che è un amico di Cappello di paglia, Manshelly, Leo e Rebecca gli chiedono di parlarne, promettendo che lo manterranno segreto.

Giunta a Marijoa con Rebecca e i suoi compagni, fa subito amicizia con Nefertari Bibi. Mentre si confidano le loro avventure con Rufy, si unisce a loro anche la principessa sirena Shirahoshi.

Poco dopo, Sai li raggiunge e saluta Rebecca e Leo; dopodiché, Wapol approccia Bibi e inizia a insultare suo padre, quando viene interrotto dall'arrivo di Dorton e Kureha, che lo ignorano per unirsi al gruppo degli estimatori di Rufy.

In seguito, il nobile mondiale Charloss tenta di catturare Shirahoshi per farne una sua schiava. Leo e Sai però non si trattengono e partono all'attacco, venendo però fermati da Rob Lucci, sopraggiunto insieme ad altri agenti del CP0; Manshelly corre così in soccorso di Leo. Vede poi Nettuno accingersi ad aggredire Charloss, il quale ordina a Lucci di uccidere il tritone. Il nobile mondiale viene però colpito con una mazza chiodata da un suo parigrado.

Manshelly ricorre poi ai suoi poteri per curare le ferite di Shirahoshi.

Prototipi per One Piece[modifica | modifica sorgente]

I prototipi di Manshelly.

In One Piece Magazine Vol. 2 sono presenti vari prototipi del personaggio.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Alla sua prima apparizione, il suo viso viene mostrato per intero anziché solo in parte come nel manga.

Successivamente Manshelly, Leo e Kab informano Robin che vogliono restare con Law.[5] Viene poi mostrato quando la nana cura il pirata.[6]

Kab e Manshelly continuano a volare su Dressrosa e la principessa utilizza ancora il suo potere.[7]

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

Nel manga, Manshelly corre da Leo dopo che Lucci lo ha scaraventato a terra, mentre nell'anime è Kab a farlo.

Note

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.