Disambiguazione.svg Per il suo omonimo, vedi Minatomo

Minatomo è un noto falegname.[1]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Minatomo è un uomo basso e anziano con la carnagione scura, i capelli grigi, barba rada e uno sguardo severo. Ha una cicatrice sulla guancia sinistra e porta sempre dei chiodi nelle narici e in bocca e indossava abiti da lavoro di varie tonalità di blu.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

È pignolo e scorbutico, ma non sa stare con le mani in mano.[1] Non sopporta le porte rotte e appena ne vede una corre a ripararla.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Minatomo[modifica | modifica sorgente]

È un parente del suo omonimo del Paese di Wa.[2]

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

È veloce ed esperto, al punto da riparare una porta girevole in pochi secondi senza essere notato.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

È originario del Paese di Wa, ma giunse nel mare orientale dopo essere salito su una nave.[2]

Dieci anni prima dell'inizio della narrazione, quando Higuma ruppe la porta di accesso al Partys Bar, Minatomo la riparò immediatamente.[1]

Saga di Drum[modifica | modifica sorgente]

È testimone delle angherie di Wapol sugli abitanti di Drum al suo ritorno sull'isola.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Saga di Rogue Town[modifica | modifica sorgente]

Minatomo è tra gli spettatori della gara di cucina alla quale Sanji partecipa.

Saga di Warship[modifica | modifica sorgente]

Appare al fianco di Bokuden quando la ciurma di Cappello di paglia salpa dall'isola.

Saga di Drum[modifica | modifica sorgente]

Minatomo aggiusta la porta del ristorante di Cocoa Weed.[3]

Note

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.