One Piece Wiki Italia
Advertisement
One Piece Wiki Italia
Scopri altri articoli pronti alla lettura! Gente! Questo è un articolo fatto come si deve!

"Mone" è un articolo completo ed esauriente!

Mone era un'arpia nonché la segretaria di Caesar Clown nella sua struttura di ricerca a Punk Hazard. In verità però era un ufficiale dei Pirati di Donquijote introdotta segretamente nell'organizzazione da Do Flamingo.

Aspetto[]

A causa dei poteri di Law,[1] Mone aveva delle ali piumate al posto delle braccia sul verde chiaro, degli artigli al posto dei piedi e una coda. Aveva una corporatura normale, anche se per via delle sue lunghe gambe era più alta della media, e lunghi capelli verde chiaro.

Indossava una canottiera verde con la scritta "HAPPY" sul petto e pantaloni gialli con strisce arancioni. Aveva un baby lumacofono legato alla cintura e di solito indossa degli occhiali durante la lettura.

All'età di vent'anni, aveva i capelli a caschetto ed indossava una maglietta a rombi azzurri e bianchi.

Da bambina portava già gli occhiali ed indossava una canottiera.

Galleria[]

Carattere[]

Mone arrossisce per gli apprezzamenti dei marine.

Mone aveva una personalità impertinente, dato che ha deciso di avvertire Caesar Clown dell'invasione del suo laboratorio dopo avere scoperto che gli intrusi sono i Pirati di Cappello di paglia, invece di intervenire immediatamente. Nonostante il clamore, ha mantenuto il sorriso entusiasta sul suo viso.

Altre volte però si comportava in modo responsabile, avvisando Caesar che la forza reale della ciurma di Cappello di paglia potrebbe essere al di sopra delle loro taglie. Non rimase sorpresa quando Rufy distrusse la sua barriera, sostenendo che un pirata normale non avrebbe potuto farcela. Sapendo di non potere battere Rufy in battaglia, cercò comunque di trattenerlo; fece la stessa cosa con Zoro, decidendo di puntare su bersagli più deboli come Nami, Chopper e Nico Robin.

Mone sapeva essere anche piuttosto civettuola, al punto di scherzare con Law quando quest'ultimo le disse che aveva bisogno di lei. Quando gli venivano rivolti complimenti sul suo aspetto e la sua bellezza, lei timidamente arrossiva.

Mone era crudele e sadica: godeva della sofferenza di Law durante il primo incontro con Vergo. Inoltre anche lei, come Caesar, ha dato a lungo ai bambini rapiti una terribile droga con il sorriso sulle labbra, pur sapendo che essa li avrebbe fatti morire nel giro di qualche anno. Quando Mocia si è trovata in pericolo, circondata dai bambini drogati ed infuriati, Mone l'ha derisa per la sua situazione pericolosa in cui si trovava. Non mostrò rimorso per ciò che stava accadendo ai bambini e dichiarò beffardamente che lei e Caesar hanno dato loro una vita spensierata anche se li usavano come cavie. Quando si divertiva durante una situazione o cercava di uccidere qualcuno, tirava fuori la lingua proprio come Do Flamingo.

Mone poteva essere terrificante quando si infuriava.

Relazioni[]

Sugar[]

Sugar era sua sorella minore. Quando erano bambine vivevano in condizioni disperate fino a quando non furono salvate da Do Flamingo.[5]

Donquijote Do Flamingo[]

Essendo Do Flamingo il suo capitano nonché suo salvatore, Mone decise di dedicargli la sua vita. Nonostante Mone abbia rivelato durante la battaglia contro Rufy che se fosse successo qualcosa a Caesar Clown, Do Flamingo l'avrebbe uccisa, dimostrando che la considerava sacrificabile, il suo capitano si fidava delle sue abilità, al punto di darle un compito importante come quello di sorvegliare le azioni dello scienziato. Un'operazione delicata e simile, le fu affidata quando si infiltrò nel palazzo di Dressrosa. Do Flamingo ha anche mostrato dispiacere nel chiederle di sacrificarsi e quando Mone ha smesso di comunicare al lumacofono, ha deciso di andare personalmente a Punk Hazard per capire cosa fosse successo.

Mone gli era molto fedele ed è stata disposta a sacrificare se stessa per le ambizioni di Do Flamingo, convinta che diventerà il re dei pirati.

Caesar Clown[]

A differenza dei centauri, Mone conosceva la vera natura di Caesar Clown. Fedele al suo compito di infiltrarsi nell'organizzazione dello scienziato, non esitò ad obbedire a tutti i suoi ordini, compreso quello di consegnare il proprio cuore a Law.

Bambini rapiti[]

Mone era molto gentile verso i bambini rapiti che venivano usati per gli esperimenti. Il suo atteggiamento amichevole verso di loro ha spinto alcuni dei bambini a vederla come una madre. In realtà Mone vedeva i bambini come nulla più che semplici cavie per esperimenti.

Forza e abilità[]

In qualità di ufficiale dei Pirati di Donquijote, possedeva una certa autorità all'interno dell'equipaggio.[2] In quanto arpia, aveva la capacità di volare ed usare gli artigli delle zampe per attaccare i nemici. Le sue piume erano inoltre abbastanza spesse da potere essere usate come mani. Infatti, anche se erano piuttosto grandi, Mone era in grado con esse di scrivere o sfogliare un giornale.

Era molto diligente, essendo stata in grado di trovare informazioni sulla ciurma di Rufy in un breve lasso di tempo ed informare subito Caesar del legame tra Law e il pirata risalente a due anni prima. Inoltre era abbastanza perspicace da intuire che la vera forza dei Pirati di Cappello di paglia poteva essere molto maggiore di quanto le loro taglie facessero pensare, vista la loro inattività per due anni.

In combattimento, Mone era abbastanza forte da ferire Nico Robin e mettere in seria difficoltà Nami e Chopper contemporaneamente.[6] Lo stesso Zoro ha affermato come quest'ultimi non fossero in grado di competere con lei.[7] Era inoltre riuscita a sottomettere numerosi marine del G-5 e a sconfiggere Tashigi con relativa facilità[8] e ad affrontare in uno scontro singolo sia Rufy che Zoro, pur ammettendo di non essere in grado di batterli, ma solo di tenerli a bada.

Frutto del diavolo[]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Neve Neve

Mone usa le abilità del frutto Neve Neve.

Mone aveva mangiato il frutto del diavolo Neve Neve di tipo Rogia che le permetteva di trasformarsi in neve e di creare un'infinita quantità di tale elemento.

Poteva produrre e manipolare la neve formando barriere solide abbastanza spesse da renderle difficili da distruggere, nelle quali Mone poteva invece passarvi attraverso. Poteva anche fare indebolire un nemico abbracciandolo col suo corpo gelido in modo da abbassare drasticamente la sua temperatura corporea, portandolo volendo anche fino alla morte.

Creando una tempesta di neve, era in grado di muoversi più velocemente nascondendosi nella neve a terra per mandare a segno attacchi furtivi. Poteva anche intrappolare i suoi nemici e trasformarsi in un enorme mostro. In questa forma, il suo morso non era solo forte, ma anche abbastanza freddo da congelare e strappare la parte del corpo colpita. Poteva anche lanciare palle di neve che colpivano il terreno con una forza tremenda, creando una bufera di neve che a sua volta generava una cortina fumogena utile per attacchi a sorpresa.

Armi[]

Mone attacca Zoro con i suoi punteruoli.

Mone brandiva un paio di giganteschi punteruoli che usava tenendoli con le sue zampe. Con essi ha dimostrato di sapere tenere testa, per breve tempo, ad uno spadaccino abile come Zoro.

Inoltre, grazie al suo frutto del diavolo, Mone poteva creare una lama di neve.

Storia[]

Passato[]

Mone nacque nel mare settentrionale.[1] All'età di diciassette anni, viveva insieme a sua sorella Sugar in un ambiente terribile, ma entrambe furono salvate da Do Flamingo. Così, undici anni prima dell'inizio della narrazione, dopo la morte di Rosinante, si unirono ai Pirati di Donquijote e decisero di dedicare la loro vita alla famiglia. Un anno dopo, mangiò il frutto Neve Neve, donatole da Do Flamingo.[5][9]

In seguito, qualche tempo prima che Do Flamingo giungesse a Dressrosa, Mone lavorò al palazzo reale del paese come cameriera. Otto anni prima dell'inizio della narrazione, durante la sommossa organizzata dai Pirati di Donquijote, catturò Viola ed aprì le porte dell'edificio permettendo ai suoi compagni di assaltare il castello.

Circa un anno prima dell'inizio della narrazione, Mone venne inviata a Punk Hazard da Do Flamingo per tenere d'occhio Caesar Clown e sorvegliare il suo operato. Mone cominciò a comportarsi come una figura materna nei confronti dei bambini dando loro le caramelle di NHC10 come ricompensa.

Salto temporale[]

Quando Trafalgar Law arriva sull'isola, Mone prende nota della cosa. Dopo avere realizzato che si tratta di un medico, gli chiede di aiutare le persone che hanno perso le gambe a causa del gas velenoso che si era abbattuto quasi quattro anni prima. Ad un certo punto, Law e Caesar Clown decidono, come assicurazione per evitare tradimenti, di scambiarsi il cuore di Mone con quello dello stesso Law. La donna, sorprendentemente, accetta con tranquillità questo accordo. Poi il capitano dei Pirati Heart utilizza i suoi poteri su Mone per renderla un'arpia.[1]

Saga di Punk Hazard[]

Mone abbraccia Rufy per indebolirlo.

In volo sulla parte infuocata dell'isola, Mone nota quattro intrusi affrontare il Drago numero tredici. Si dirige dunque verso la parte ghiacciata di Punk Hazard, informando durante il viaggio Caesar Clown.

Più tardi, all'interno del laboratorio, lo informa che si tratta della ciurma di Cappello di paglia, di cui i giornali parlano per via dell'improvviso ritorno sulla scena. Quando lo scienziato ottiene da il Joker il permesso di eliminare l'equipaggio, i marine e Kin'emon, Mone lo allerta che la loro forza potrebbe essere molto maggiore di quanto le loro taglie farebbero supporre.

Al ritorno di Law, Mone lo avvisa che Caesar Clown non è lì e che probabilmente è fuori a guardare la battaglia. Law le chiede di seguirlo perché ha bisogno dei suoi poteri, così Mone accetta. Mentre si incamminano, Law inizia a sentirsi male e Mone lo osserva apparentemente preoccupata chiedendogli se stia bene; tuttavia, appena appare Vergo, inizia a ridacchiare. L'arpia continua a osservare e ridacchiare mentre Vergo mette fuori combattimento Law.

Poco dopo Law, Rufy, Robin, Franky, Smoker e Tashigi vengono ammanettati con catene di agalmatolite e rinchiusi in una gabbia. Mone, su ordine di Caesar Clown, contatta i possibili acquirenti interessati ad armi di distruzione di massa affinché assistano alla potenza inarrestabile del Regno della morte.

Mone intrappola Nami e Chopper con la neve nella sua forma mostruosa.

Il piano non va come sperato e la ciurma di Cappello di paglia, la Marina e tutti gli altri entrano nel laboratorio pronti al contrattacco: Caesar ordina a Mone di fare entrare il Regno della morte nella struttura.

Più tardi resta in disparte mentre Rufy e Caesar si affrontano. Quando il pirata si prepara a lanciare l'attacco finale, Mone lo blocca con la sua abilità crea un muro di neve che protegge lo scienziato e gli permette di andarsene. Rufy tenta di inseguirlo ma Mone lo blocca spiegandogli che il Joker la ucciderebbe se dovesse succedere qualche incidente a Caesar. Dopo aver ascoltato la trasmissione delle azioni di Law nella stanza del S.A.D., comprende le vere motivazioni del pirata, dopodiché viene contattata da Do Flamingo che le ordina di tornare a Dressrosa appena Baby 5 e Buffalo fossero arrivati a sistemare le cose.

Mone intrappola Rufy in un igloo di neve e lo abbraccia; quest'ultimo comincia a sentirsi debole in quanto l'arpia sta cercando di fargli perdere conoscenza abbassandogli la temperatura corporea. Rufy, nel tentativo di liberarsi, precipita tra le fondamenta del laboratorio, così Mone se ne va, convinta che il ragazzo non abbia possibilità di uscirne.

Zoro taglia Mone in due.

Poco dopo Mone arriva nella stanza dei biscotti bloccando l'uscita con una barriera di neve e impedendo a Mocia di fuggire con le caramelle destinate ai bambini. Mone affronta Nami, Chopper, Robin e Zoro, rimasti per impedirle di inseguire Mocia. Quando Zoro si rende conto che la donna ha mangiato un frutto di tipo Rogia decide di intervenire personalmente, in quanto è l'unico del gruppo a sapere utilizzare l'Ambizione dell'armatura.

Sanji, Tashigi e i marine della base G-5 entrano improvvisamente nella stanza dei biscotti mentre Mone e Zoro stanno ancora duellando. I marine si complimentano con Mone per la sua bellezza facendola arrossire. Dopo avere capito che stanno cercando i bambini, Mone ritorna nella sua forma demoniaca e attacca i marine con furia mordendo la spalla di uno di loro. Tashigi poi la colpisce con un fendente di Ambizione ferendola e dichiarando che intende affrontarla personalmente.

Dopo che Tashigi si è schierata dalla parte di Zoro, il pirata decide di restare in disparte mentre le due donne si affrontano. Dopo alcuni attacchi Mone riesce ad affondare i denti nella spalla del capitano di vascello, così Zoro colpisce l'arpia costringendola a mollare la presa. Rimane poi paralizzata dalla paura quando vede lo spadaccino correre verso di lei, che la taglia verticalmente in due.

Caesar pugnala il cuore di Mone.

Mone sopravvive poiché Zoro non ha utilizzato l'Ambizione dell'armatura; dopo avere realizzato di essere ancora viva solamente per questo motivo, si terrorizza al punto che non riesce più a ricomporre il suo corpo. Appena Zoro si allontana, Mone riforma parte del suo corpo e tenta di pugnalarlo alla schiena con i punteruoli, ma Tashigi le assesta il colpo finale.

Appena riprende conoscenza, Mone riesce a fuggire in una diversa zona della struttura e mentre il laboratorio inizia a crollare contatta Do Flamingo scusandosi del suo fallimento e dicendogli che intende attivare l'arma che distruggerà l'intera isola uccidendo tutti quanti tranne Caesar Clown, che si salverà perché può trasformarsi in gas. Do Flamingo condivide il piano della sua sottoposta. Tuttavia prima che possa premere il pulsante, viene uccisa involontariamente da Caesar Clown, che pugnala il cuore che Law gli aveva consegnato, credendo fosse quello di Smoker, ma che in realtà è quello della sua segretaria.

Prototipi per One Piece[]

Il concept art di Mone.

Inizialmente sarebbe dovuta essere un centauro in sovrappeso.[1]

Differenze tra manga e anime[]

Aspetto[]

Mone ha occhi marroni nel manga, mentre nell'anime sono del colore dell'ambra. Inoltre nel manga le sue gambe sono umane fino al ginocchio, mentre nell'anime possiede gambe complete da uccello.

Passato[]

Quando Kyros raggiunse il palazzo reale, Mone lo accompagnò da Do Flamingo.

Saga di Punk Hazard[]

Mone versa del caffè a Vergo e gli chiede se vuole del latte.

In seguito lo scontro tra Mone e Rufy è allungato e i due si scambiano più colpi prima che lei lo intrappoli. Successivamente Mone e Caesar Clown si stupiscono quando scoprono che Rufy sa utilizzare l'Ambizione del re conquistatore.

Viene mostrato l'inizio del combattimento tra Mone e la ciurma di Cappello di paglia, inoltre il duello contro Zoro e l'attacco dell'arpia ai marine è allungato. Inoltre Mone chiede a Tashigi come stia Smoker e lei le risponde che lui non si farà sconfiggere. In seguito Zoro è davanti a Mone dopo averla tagliata in due, anziché dietro di lei come nel manga.

Più tardi Mone rilascia della neve prima di avvicinarsi al pulsante per distruggere completamente il laboratorio. Inoltre nell'anime, quando Caesar Clown trafigge il cuore di Mone, non si vede il buco presente nel petto dell'arpia. Infine nell'anime viene prima mostrato che Mone prova dolore e poi che lo scienziato ha pugnalato il cuore, mentre nel manga è il contrario.

Curiosità[]

  • La sua risata tipica era "ih ih ih ih ih".
  • La scritta "HAPPY" che appare sulla sua maglietta è un'allusione al fatto che le parole happy (ハッピー, felice?) e harpy (ハーピー, arpia?) siano molto simili sia come pronuncia che come scrittura.
  • La sua forma mostruosa ricorda uno yuki-onna, un mostro del folklore giapponese immaginato come una donna di neve che attacca gli uomini fino a farli morire di freddo. Anche le arpie della mitologia greca attaccavano gli uomini uccidendoli.
  • Era presbite e per leggere necessitava di un grande paio di occhiali.[1]

Note

Navigazione[]

Advertisement