Nami è la navigatrice dei Pirati di Cappello di paglia.

Indice

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Nami è una ragazza giovane e snella. Ha un tatuaggio nero sulla spalla sinistra che rappresenta un mandarino ed una girandola, un omaggio rispettivamente a Bellmer e Genzo, che va a sostituire quello che raffigurava il simbolo della ciurma di Arlong. Sul braccio sinistro porta un Log Pose assegnatole in custodia in quanto navigatrice della ciurma e, oltre a questa particolare bussola, indossa uno dei braccialetti di sua sorella Nojiko, regalatole dopo la sconfitta di Arlong.

Prima del salto temporale[modifica | modifica sorgente]

All'inizio Nami ha i capelli corti e le sue misure sono 86-57-86.[8] Durante la storia le sue misure sono aumentate e a Water Seven sono 95-55-85.[9][10]

Dopo il salto temporale[modifica | modifica sorgente]

Dopo il salto temporale i capelli di Nami sono diventati lunghi e voluminosi tanto da arrivarle in fondo alla schiena. Ha una silhouette a "clessidra" più pronunciata e le sue attuali misure sono 98-58-88 ed ha una coppa J.[11]

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Carattere[modifica | modifica sorgente]

Nami mentre disegna una carta nautica.

Insieme a Nico Robin, Nami è uno dei personaggi più intelligenti della ciurma di Cappello di paglia, ed è il terzo più intelligente tra quelli presentati fino alla saga del Baratie.[12] All'inizio della serie Nami disprezza qualsiasi pirata: li vede come persone malvagie, in quanto la ragazza ha perso sua madre adottiva a causa loro, ma cambia idea quando incontra Rufy. Prima del suo cambio di mentalità Nami non aveva nessun scrupolo a consegnare prigioniero a Bagy e i suoi scagnozzi un pirata come Rufy, perché non riusciva ad abbassarsi al livello delle loro scaramucce fra pirati. Inoltre riteneva che i frutti del diavolo fossero solo leggende finché non ha assistito con i propri occhi ai poteri del frutto Puzzle Puzzle di Bagy.

Nami è una ragazza avida, che accetta qualsiasi sfida o rischio le capiti purché il premio finale siano dei Berry. Il suo grande amore per il denaro ha origini fin da bambina, dato che aveva vissuto in povertà, spesso si lamentava di volere avere più soldi per comprare ciò che desiderava; l'unica cosa che Nami non farebbe mai per soldi è tradire un compagno, non importa quanti berry le vengano proposti. Spesso i suoi compagni cadono nelle sue strategie da "strozzina" indebitandosi per questioni banali, come quando ha prestato un cappotto a Rufy sapendo che l'avrebbe rovinato e successivamente avrebbe richiesto un risarcimento o quando ha prestato 100.000 Simbolo Berry.png a Zoro per comprarsi delle nuove spade chiedendo il 300% di interessi. Per questo motivo chi è in debito verso di lei, se non vuole vedersi aumentare gli interessi, spesso è costretto a lavorare alle sue dipendenze per estinguere il debito.

Nami ha anche il compito di controllare l'intero bottino della ciurma, svolgendo in pratica il ruolo di tesoriere, sorveglia quindi i normali acquisti che ogni membro fa o vorrebbe fare (ad esempio il desiderio di Rufy di spendere tutto il denaro in carne) e cerca sempre di evitare che il denaro a bordo venga speso tutto in una volta. Per questa ragione si dispera quando un membro sperpera grandi quantità di denaro oppure non coglie l'occasione di un facile guadagno.

Nami è molto attaccata al suo denaro ma, per quanto lo possa negare, i suoi amici e la loro sicurezza vengono sempre prima. A dimostrazione di ciò, nell'arcipelago di Sabaody era disposta a sacrificare tutto il proprio tesoro, ben 200.000.000 Simbolo Berry.png, per salvare la sua amica Kayme dalla schiavitù oppure nel regno di Alabasta, dopo la sconfitta della Baroque Works, ha rinunciato a 1.000.000.000 Simbolo Berry.png pattuito con Igaram per scortare Nefertari Bibi a casa per il bene della sua amica e della sua nazione. Questo denota una forte sensibilità nei confronti di quanti soffrono ed hanno bisogno di aiuto.

Gli occhi a forma di Berry di Nami.

Nami è molto prepotente e autoritaria; di solito impartisce ordini ai membri dell'equipaggio (pure a Rufy) pur non essendo il capitano, ma nessuno nella ciurma obbietta perché tutti hanno fiducia nelle sue capacità. Quando si trova in pericolo, la sua prima preoccupazione è la sua salvezza, spesso costringe altri membri della ciurma a combattere al suo posto perciò Nami stessa combatte poche volte, ma questa abitudine si è andato attenuando nel corso della storia man mano che ha affinato le proprie tecniche di combattimento. È abbastanza fifona, non allo stesso livello di Usop, ma la sua codardia ha più a che fare con l'istinto di sopravvivenza. È il membro dell'equipaggio più consapevole dei reali pericoli che ogni giorno incombono sulla ciurma, come la minaccia della Flotta dei sette; le mancano però alcune conoscenze sui personaggi più importanti del mondo nel quale vive. Nami può essere talvolta diabolica, tanto da arrivare a piantare in asso gli altri per salvarsi la vita. Un esempio lampante è quando durante il survival game a Skypiea, dopo avere visto tutti i più forti combattenti cadere, Nami decide per paura di salire sulla nave di Ener per salvarsi la vita, ma quando scopre i suoi progetti di distruzione, si rifiuta di seguirlo anche a costo di inimicarselo.

Tuttavia, a discapito dei suoi difetti, Nami è uno dei membri più compassionevoli ed emotivi della ciurma di Rufy perché facilmente si commuove e prova simpatia per chi ha avuto un passato duro o triste. È perfino disposta a perdonare il pentito Hacchan anche se in passato le ha causato molto dolore sofferenza, in qualità di ufficiale di Arlong. È molto comprensiva, per esempio quando si discuteva se riaccettare Usop nella ciurma oppure no, era disposta a sorvolare sulle sue azioni per fare rientrare l'amico, non comprendendo i discorsi sull'orgoglio di Zoro e Sanji. Nami è ossessionata dalla moda, infatti indossa sempre vestiti diversi e quando va a fare shopping si diverte a provare molti vestiti in negozi di alta moda, per poi andarsene dicendo che preferisce qualcosa di più semplice. Nami non sembra vergognarsi ad indossare vestiti provocanti o rivelanti, perfino a farsi fotografare in costume o farsi spiare mentre fa il bagno, come ad Alabasta, purché ci sia un adeguato compenso.

Dopo i due anni di separazione dalla ciurma Nami sembra diventata meno violenta in quanto non rimprovera più le azioni avventate che i suoi compagni eseguono di tanto in tanto. Quando Rufy e Zoro mettono in pericolo il rivestimento della Sunny sono Usop e Chopper a rimproverarli e dargli una lezione per il loro sconsiderato comportamento.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Ciurma[modifica | modifica sorgente]

All'inizio Nami era entusiasta di unirsi a Rufy, ma a causa della suo disprezzo iniziale per i pirati, divenne poi riluttante dopo avere scoperto che lui era un pirata, tanto da tradirlo ed augurarsi che morisse prima di formare un equipaggio completo. Dopo la sconfitta di Bagy, accettò comunque di accompagnare Rufy anche se lei affermava che fosse solo "un'alleanza". Quando alla fine tradì l'equipaggio e tornò nel suo villaggio natio, si era ormai affezionata a loro e scoprì che non era facile semplicemente andarsene, tanto da domandarsi se la avrebbero riaccettata di nuovo un giorno. Dopo la sconfitta di Arlong e la caduta di Arlong Park si è ufficialmente unita all'equipaggio, cambiando completamente la sua opinione sui suoi compagni.

Nami rispetta Rufy come capitano e leader, ma spesso si infuria per il suo modo irrazionale di pensare o la sua disattenzione. In questi casi tende ad essere violenta e, dopo avere dato una lezione a lui e a chi contribuisce alle sue stupidaggini, prende le redini del comando e impartisce ordini a tutti i suoi compagni compreso Rufy, sebbene sia lui il capitano. Nonostante ciò, tutti a bordo seguono i suoi ordini senza obiezioni, in quanto si fidano del suo istinto e delle sue abilità da navigatrice anche se Rufy, sebbene di solito segua le sue istruzione, certe volte si lamenta per capricci personali, come quando voleva andare a Skypiea o addomesticare il Kraken, ma questo succede raramente. Generalmente comunque è una dei membri che rispetta Rufy di più, essendo colui che l'ha salvata, e spesso confida nel suo aiuto in situazioni di pericolo. Durante gli scontri, Nami ha una grandissima fiducia in Rufy e le sue capacità, al punto da obbedire senza discutere ai suoi ordini e persino seguirlo in alcune follie: ne sono un esempio quando lo aiutò a scalare il Giant Jack per dare il colpo di grazia a Ener o quando imprigionò Rufy nel mondo degli specchi con Katakuri sotto sua richiesta.

Altri comportamenti irritanti per Nami, che le causano spesso reazioni violente, sono quando Franky la chiama ragazzina e gli atteggiamenti da pervertiti di alcuni suoi compagni, specialmente quando Brook le chiede di mostrargli le mutandine, a cui solitamente risponde con un deciso calcio sul cranio.

Nami approfitta delle abilità di inventore di Usop per mantenere e aggiornare la sua arma, evitando felicemente di contribuire alle spese. Quando i due si sono riuniti dopo due anni la ragazza lo ha abbracciato calorosamente complimentandosi a proposito di quanto sia cresciuto.

Nami approfitta anche della devozione di Sanji il quale felicemente esegue ogni ordine o lavoro che gli impartisce, ignorando completamente le sue avance. È anche molto affezionata a Chopper che considera molto grazioso ed è la prima a riconoscerlo come il dottore della ciurma.

Robin è la persona con cui Nami va più d'accordo e piace stare assieme ed è anche l'unico membro che non cerca di comandare prepotentemente, anzi, dopo essersi disperata per la sciocchezza e la sconsideratezza degli altri compagni, spesso trova conforto da lei, l'unica persona sui cui possa contare. Quando Nami va a fare shopping è spesso accompagnata da una sorridente Robin.

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Bellmer[modifica | modifica sorgente]

Nami con la sua famiglia adottiva.

Ha accettato Bellmer come sua madre. Quando era ancora in vita qualche volta litigò con lei e si lamentò per le condizioni di miseria in cui vivevano, ma dopo la sua morte ha sofferto molto la sua mancanza, sapendo quanto bene le volesse nonostante tutto. Dopo essersi unita ai Pirati di Arlong, Nami viene vista disegnare un suo ritratto e chiamare il suo nome in un momento di solitudine. Quando era ancora sull'isola, andava regolarmente in cima al promontorio dove era situata la sua tomba per riflettere e stare da sola con i suoi pensieri. Tiene una sua foto assieme a lei e Nojiko da bambine sulla scrivania nella sua stanza.

Nojiko[modifica | modifica sorgente]

Nojiko fu l'unica persona a sostenerla apertamente e confortarla nei suoi anni da ladra e per questo sta molto a cuore a Nami. Anche se non sono davvero sorelle, si vogliono bene e si supportano a vicenda. Quando Nami ricevette il tatuaggio di Arlong dopo essere entrata nella sua ciurma, Nojiko si fece fare un tatuaggio anche lei per poterla consolare. Quando Nami si levò quel tatuaggio, lo rimpiazzò con quello attuale come omaggio a Bellmer e Genzo.

Amici[modifica | modifica sorgente]

Coco[modifica | modifica sorgente]

Nami si unì alla ciurma di Arlong per potere accumulare il denaro necessario a liberare il villaggio e i suoi abitanti dalla tirannia dell'uomo-pesce. Durante la partenza dall'isola, Nami ha rubato agli abitanti tutti i portafogli e i preziosi che portavano, sebbene abbia lasciato loro i 93.000.000 Simbolo Berry.png che aveva accumulato fino ad allora.

Nefertari Bibi[modifica | modifica sorgente]

Nami ha un profondo legame con Bibi, che la considera quasi una sorella, per questo rimase profondamente addolorata, come tutta la ciurma, nel dovere continuare il proprio viaggio senza di lei, in quanto la principessa di Alabasta decise di fermarsi nel suo regno per riparare ai danni causati da Crocodile e dalla Baroque Works.

Laura[modifica | modifica sorgente]

È diventata anche una grande amica del facocero zombie Laura, al punto da assisterla perfino nel suo tentativo di sposare Absalom. La loro amicizia è così forte da essere impressa nell'ombra di Laura che, dopo la sconfitta dei nemici che abitano Thriller Bark, avrà una reminiscenza dell'incontro con Nami. La navigatrice sarà molto contenta di vedere che l'amica è sana e salva e di sapere che si ricorda di lei. Le regala perfino parte del suo tesoro, un gesto che non ha mai fatto verso nessuno, al quale Laura ricambia donandole la Vivre Card di sua madre.

Haredas[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere giunta su Weatheria per colpa di Orso Bartholomew, fa la conoscenza di un anziano signore vestito come un mago di nome Haredas. Quest'ultimo cerca di intrattenerla con qualche trucchetto per farsela amica e tirarle su il morale. Nami lo rispetta quando dimostra di essere un grande esperto di climatologia, ma in fondo lo trova un tipo abbastanza noioso. Haredas la difende quando Nami viene accusata del furto di certa tecnologia presente sull'isola. Alla fine Haredas accetta anche di insegnarle quello che sa. Durante il biennio trascorso a Weatheria, Nami sembra essere diventata amica di tutti quanti gli scienziati, tanto che essi non solo le consentono di partire portando dell'equipaggiamento speciale con sé, ma la aiutano anche durante la fuga della ciurma dall'arcipelago Sabaody.

Nemici[modifica | modifica sorgente]

Governo Mondiale[modifica | modifica sorgente]

Essendo una ricercata, Nami è una minaccia per il Governo Mondiale e una nemica della Marina, oltre ad un obiettivo dei cacciatori di taglie.

Pirati di Arlong[modifica | modifica sorgente]

Arlong e la sua ciurma sono stati i suoi principali nemici per lungo tempo e, sebbene si unì a loro, non ha mai mostrato nessun affetto nei loro confronti a causa della loro crudeltà verso i suoi compaesani e per essere i responsabili della morte di Bellmer.

Nami ha chiarito di non avere perdonato Hacchan per quello che le ha fatto, ma dopo averlo visto prendersi un proiettile nel tentativo di fermare Rufy e avergli sentito dire che sperava di potere fare ammenda aiutando la sua ciurma nel loro viaggio, sembra che Nami ci ripensi, accettando le scuse dell'uomo-pesce.

Nezumi[modifica | modifica sorgente]

Nami ha molto in avversione il marine per vari motivi: perché le ha sottratto il tesoro che serviva per riscattare il suo villaggio; perché mentre cercava questo ha distrutto parte della piantagione di mikan che apparteneva a Bellmer; perché ha cercato di ucciderla, finendo così inoltre per ferire la sorella; e perché a causa sua gli altri abitanti di Coco hanno rischiato di dovere affrontare la ciurma di Arlong e quindi di perdere la vita. Quando, dopo la sconfitta di Arlong, Nezumi torna ad Arlong Park per arrestare i Pirati di Cappello di paglia, Nami lo colpisce pesantemente e lo costringe a restituire l'oro rubato e a rimediare ai danni causati dall'uomo-pesce.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

In qualità di navigatrice della ciurma, Nami è responsabile della direzione in cui la nave si muove durante il viaggio lungo la Rotta Maggiore. Inoltre si ritiene la responsabile della tesoreria della nave. È anche un'abile ladra e borseggiatrice, capace di sottrarre piccoli oggetti come chiavi e portafogli senza farsi scoprire. Sulla sua testa pende una taglia di 66.000.000 Simbolo Berry.png.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Tecnica di combattimento[modifica | modifica sorgente]

Fino alle vicende del regno di Alabasta, Nami non è molto abile in combattimento; non possiede doti sovrumane e non conosce particolari tecniche al confronto con gli altri membri, restando nel "trio debole" insieme a Chopper e Usop. In realtà Nami ha velatamente mostrato in più occasioni di essere una buona lottatrice e di possedere doti superiori a quanto lei stessa credesse.

Già dalla sua entrata nella ciurma, ha dimostrato di sapere utilizzare con buona abilità un bastone, atterrando un membro dei Pirati di Bagy e uno dei Pirati Kuroneko con una bastonata ciascuno.[13]

Capacità fisiche[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere diventata una statua di cera, è stata avvolta da una vampata di fuoco generata da Usop per liberarla, uscendone con con delle ustioni poco gravi, per poi sconfiggere Miss Valentine della Baroque Works in una sola mossa combinata con Bibi. A Sandy ha fermato la carica di Miss Doublefinger, ricoperta di spine, nonostante suddetta tecnica fosse abbastanza forte da sfondare un muro e Nami avesse una gamba ferita.[14]

Nami ha anche una buona resistenza: in passato ha derubato molti pirati riuscendo a scappare da loro, una volta sopravvivendo a una pallottola a soli dieci anni. Si è rialzata dopo i letali e ripetuti colpi di Califa, membro del CP9, e ha evitato la rottura del braccio dopo aver usato un Impact Dial contro Hotori. Possiede anche un'ottima agilità, visto che a Water Seven salta da un tetto all'altro dei vari palazzi durante una fuga. Dopo i due anni di allenamento, Nami è diventata più forte e agile, avendo immobilizzato Wanda, un moschettiere dei visoni, in una mossa acrobatica, anche se quest'ultima era stata avvelenata.

Oltre alle sue doti fisiche, ha una enorme tolleranza all'alcol, tanto da sopportare quindici giri di alcolici prima di svenire, e poi svegliarsi qualche ora dopo perfettamente sobria. È lei che colpisce i membri della sua ciurma quando fanno qualcosa di stupido, con abbastanza forza da riuscire a fare male pure a Rufy, Zoro e Sanji, anche se è più un effetto comico che un vero pugno.

Intelligenza[modifica | modifica sorgente]

La sua mancanza di forza fisica viene spesso compensata dalla sua intelligenza. Nami infatti è il terzo personaggio più intelligente tra quelli introdotti fino alla saga del Baratie, dopo Kuro e Benn Beckman.[15] Ha capito il punto debole del Bubble Bubble di Califa, anche se grazie ad un po' di fortuna, così come ha dedotto che i biscotti di Cracker si potevano indebolire se bagnati.

Competenze da navigatrice e cartografa[modifica | modifica sorgente]

Nami è un'eccellente navigatrice e una cartografa di talento. A dimostrazione di ciò, nella sua stanza ad Arlong Park, c'erano numerosissime mappe geografiche e barometriche che vennero disegnate dalla ragazza fin dalla tenera età di dieci anni. Il suo talento nel creare entrambe le tipologie di mappe è tale da venire definita un genio da un individuo come Arlong, nonostante il suo odio per gli umani. L'uomo-pesce ha inoltre affermato come le creazioni di Nami fossero inarrivabili per la stragrande maggioranza della sua razza e che non sarebbe riuscito a trovare una migliore navigatrice di lei in tutto il mondo.[16]

È inoltre capace di eseguire calcoli complicati in pochi minuti con lo scopo di prevedere lo sviluppo dell'ambiente circostante, percependo con esattezza, ad esempio, il grado di umidità, la temperatura e persino l'oscillazione della pressione. Tale abilità gli permette perfino di prevedere i cambiamenti climatici, tanto da sentire l'arrivo di una tempesta della Rotta Maggiore, sebbene fossero ritenute imprevedibili, anche durante un attacco febbrile. In quest'occasione, la stessa Bibi rimase impressionata dall'abilità di Nami, tanto da affermare di non avere mai conosciuto un navigatore simile.[17]

Ha dato anche contributi vitali per far cavalcare alla Going Merry la Knock Up Stream ed ha anche condotto sana e salva la Thousand Sunny nella via sottomarina verso l'isola degli uomini-pesce, impresa che viene fallita dal settanta percento delle ciurme che la tentano.

Le sue doti sono complessivamente migliorate ancora di più dopo i due anni passati a studiare il clima del Nuovo Mondo sotto la guida di Haredas.

Armi[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere Arte del clima

Lo stile di combattimento di Nami.

Inizialmente Nami usava un semplice bastone che poteva essere diviso in tre parti, che portava nascosto sotto alla maglietta. Prima dei fatti del regno di Alabasta, consapevole che la sua arma può aiutarla a combattere solo pirati di basso livello, chiede ad Usop di costruirgliene una più potente. Il cecchino progetta per lei il Clima Takt, spiegandole che loro due non hanno la forza o i poteri del resto dell'equipaggio, e perciò devono sfruttare al massimo la loro inventiva e i loro talenti. Nel caso di Nami, Usop si riferisce allo straordinario talento di navigatrice e la capacità di prevedere i cambiamenti climatici.

All'inizio, durante lo scontro con Miss Doublefinger, Nami interpreta male il manuale di istruzioni e non riesce a usare la sua arma, ma poi impara a ottenere il massimo effetto. In seguito impara a utilizzare il Clima Takt così bene da non far nemmeno capire all'avversario cosa stia per succedere, prendendolo quindi di sorpresa. Ciononostante non esita ancora a ripararsi dietro ai suoi compagni più forti se la situazione si fa troppo pericolosa per lei.

In seguito, Usop potenzia l'arma con alcuni Dial ottenuti a Skypiea, dando vita al Perfect Clima Takt. Con questo potenziamento Nami riesce a tramortire un gran numero di marine ad Enies Lobby, oltre a sconfiggere Califa del CP9.

Dopo due anni, le sue abilità sono aumentate ancora di più, riuscendo a distruggere un bar con un solo potentissimo fulmine. Durante il confronto che ha assieme a Usop e Brook con l'Armata di Nettuno, sfoggia il suo nuovo Sorcery Clima Takt.

Durante lo scontro con i Nuovi pirati uomini-pesce, Nami riesce a sconfiggere un gran numero di nemici con la sua arma, che si rivela essere in grado di creare grandi nuvole temporalesche, ma anche di sparare proiettili d'aria. Subito dopo gli eventi di Zo, Usop potenzia ulteriormente l'arma di Nami aggiungendovi tutti i marchingegni presi dalla ragazza a Weatheria eccetto uno, ed anche dei Pop Green.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Nami viene salvata con Nojiko da Bellmer.

Nami, ancora neonata, divenne orfana al seguito di una battaglia tra la Marina e dei pirati a Oykot.[18] Fu trovata da Nojiko che la prese in braccio e vagò finché trovò Bellmer, una marine. La donna le portò così in salvo.

L'anno seguente,[19] dopo avere lasciato la Marina, Bellmer fece rotta assieme alle due bambine verso il suo villaggio natale, ma furono sorprese da una tempesta e a Nami e Nojiko salì la febbre. Dopo essere state curate, Bellmer decise di adottarle entrambe. La loro vita insieme fu però difficile a causa della povertà di Bellmer.

Quando vedeva Genzo, scoppiava a piangere perché impaurita, così il poliziotto mise sul proprio cappello una girandola, che la fece ridere.

Anni dopo, Nami venne afferrata da Genzo dopo averla sorpresa per l'ennesima volta a rubare. La bambina gli disse che avrebbe pagato la prossima volta e le chiese di lasciarla andare facendogli l'occhiolino, cosa che lo fece infuriare. Bellmer inoltre le rivelò di averla trovata sotto a un ponte.

Un giorno lei e Nojiko fecero piangere dei ragazzini perché le avevano fatte arrabbiare. Quando Nami aggiunse che loro avevano detto che i mandarini di Bellmer erano pessimi, la donna colpì uno di loro in testa con un pugno. Disse poi alle figlie che non dovevano perdere contro nessuno perché anche le bambine dovevano essere forti, di non odiare il giorno in cui erano nate e che il mondo era pieno di cose belle.

Otto anni prima dell'inizio della narrazione, Nami rubò l'ennesimo libro e Genzo le disse che non andava fatto. La bambina rispose che non aveva i soldi per comprare i libri e gli fece la linguaccia. Genzo la condusse da Bellmer e Nami assistette alla conversazione tra i due. Entrate in casa, Nami disse che voleva quel libro ad ogni costo, così Bellmer le chiese perché non glielo aveva detto. Nojiko affermò che lei lo avrebbe rubato senza farsi scoprire, così Bellmer rispose che rubare era sbagliato. Nami le disse che lei non comprava mai niente a loro, così Bellmer rispose che lo avrebbe fatto con i risparmi che aveva da parte, ma a causa del bel clima del momento i mandarini erano coltivabili ovunque, quindi non potevano aumentarne il prezzo vista la concorrenza.

Un giorno Nami disegnò la cartina dell'isola su cui abitava e quando Bellmer se ne accorse, la bambina disse che stava studiando navigazione e che avrebbe navigato in tutti i mari che esistono e disegnato la mappa del mondo.

Mentre erano a tavola, Nami chiese Bellmer se non mangiava, così lei rispose di avere mangiato dei mandarini perché era dieta. Nojiko disse quindi di non volere mangiare, ma Bellmer le chiese di farlo perché lei era una bambina. Nojiko le rispose di essere bugiarda, visto che non mangiava perché non aveva soldi. Bellmer sorrise ed affermò che grazie ai mandarini aveva una bellissima pelle, così Nami disse che lei aveva le mani gialle, facendola infuriare al punto da dirle di tacere e mangiare.

In seguito Bellmer cucì un vestito a Nami, la quale rispose che era stufa dei vestiti riadattati di Nojiko. Quest'ultima le rispose che era normale dato che lei aveva due anni in meno. Nami disse che anche lei voleva un vestito nuovo, ma Nojiko le rispose che anche suoi erano di seconda mano e che lei era sua sorella, perciò era normale che fosse così. Nami affermò che non erano sorelle perché non avevano lo stesso sangue. Bellmer quindi le diede un violento schiaffo, dicendole di non ripeterlo mai più. Nami le rispose che non era sua madre e che se lei e Nojiko non ci fossero state, avrebbe potuto mangiare meglio e comprarsi i vestiti che voleva, aggiungendo che era meglio se fosse stata adottata da una famiglia più ricca. Bellmer allora le disse di andare dove le pareva e Nojiko chiese di smetterla ad entrambe, così Nami corse via.

Più tardi Nami raggiunse Genzo e gli rivelò di essere scappata di casa, così lui rise perché era andata a pochi passi di distanza. La bambina gli disse che Bellmer sarebbe stata meglio senza di lei e Nojiko perché avrebbe avuto più soldi, inoltre gli abitanti la guardavano male a causa sua. Genzo rise nuovamente dicendo che se pensava agli altri allora era diventata grande e le rivelò che Bellmer aveva una cattiva fama alla sua età, ma che poi se ne andò dal villaggio, divenne una marine e fece in seguito ritorno. Nami affermò di non sapere che fosse stata una marine, così Genzo le raccontò di quando Bellmer fece ritorno con lei e Nojiko. La bambina gli disse che la donna le aveva detto di averla trovata sotto ponte, ma Genzo le rispose che era una bugia, raccontandole come Bellmer le incontrò, motivo per il quale il legame fra loro era più solido di quello del sangue.

A quel punto Nojiko trovò Nami e le disse di tornare a casa. Tuttavia in quel momento gli abitanti del villaggio gridarono che erano arrivati dei pirati, così Genzo disse alle due di fuggire nella foresta perché era pericoloso restare lì.

Bellmer protegge le sue figlie.

Le due si nascosero tra gli alberi, vedendo i pirati riscuotere un tributo da ogni abitante. Nami chiese a Nojiko se Bellmer stesse bene, la quale le rispose di stare tranquilla perché la loro casa non era visibile dal villaggio. Tuttavia gli uomini-pesce la individuarono dal fumo che saliva dal comignolo. Le due bambine corsero verso casa e Nami disse a Nojiko di sbrigarsi. Nei pressi dell'abitazione, Nami affermò che sarebbero scappate dal retro con Bellmer, ma Nako le intercettò, dicendo loro che non potevano andarci. Rivelò che non c'era nessuna prova che Bellmer fosse loro madre e le invitò ad abbandonare l'isola. Nami disse di volere restare, ma Nojiko capì la situazione ed affermò che se ne sarebbero andate. Videro Bellmer pagare, ma mentre i pirati stavano andando via, la donna disse che la somma era per le sue figlie e che mancava la sua parte, così Nami e Nojiko corsero verso di lei con la prima che affermò di avere detto una bugia quando sostenne di avere voluto essere adottata da una famiglia più ricca. La raggiunsero piangendo e poi la abbracciarono. Bellmer disse che avrebbe voluto comprare per loro tante cose come libri e vestiti, ma che era una frana come madre. Le bambine risposero che era bravissima e che doveva stare con loro. Bellmer disse di volere loro bene e poi si lasciò uccidere da alcuni colpi di pistola.

Subito dopo Nami corse verso Hacchan dicendogli di restituirle le sue carte nautiche che aveva trovato in casa. Arlong rimase stupito della bravura di Nami e ordinò ad Hacchan di portarla con loro. La bambina disse di lasciarla e vide Genzo venire ferito e i cittadini cercare di fermare gli uomini-pesce per aiutarla, così urlò di smetterla perché non doveva morire più nessuno.

Arlong si accordò poi con Nami dicendole che sarebbe diventata la cartografa della ciurma e che avrebbe disegnato carte nautiche. In cambio lui avrebbe smesso di chiedere il tributo mensile ad ogni abitante di Coco quando lei gli avrebbe consegnato 100.000.000 Simbolo Berry.png. Le diedero poi dei soldi e detto che le avrebbero comprato tutto ciò che voleva.

Nami fece poi ritorno al villaggio e rivelò agli abitanti di essere entrata nella ciurma di Arlong come cartografa. Le videro il tatuaggio del Jolly Roger dei Pirati di Arlong e Nami mostrò i soldi che le avevano consegnato, così Nojiko la assalì sbattendola a terra, dicendole che non le avrebbe permesso di fare parte di una ciurma. Nami rispose che se lei avrebbe vissuto come voleva Bellmer, poi sarebbe morta. Nojiko le ricordò che quest'ultima aveva dato la vita per loro, ma Genzo le disse di smetterla e a Nami di non mettere più piede nel villaggio. Nami quindi se ne andò.

In seguito raggiunse la tomba di Bellmer, dove arrivò anche Nojiko, alla quale le rivelò che tutte le navi mandate dal Governo Mondiale erano state affondate e che non ne avrebbero mandate altre, ma che se anche i marine fossero riusciti a sbarcare sarebbero stati sconfitti, per questo erano loro a dovere fare qualcosa. Proseguì rivelandole l'accordo con Arlong, così Nojiko sottolineò come la cifra necessaria per liberare il villaggio fosse troppo alta. Nami disse che non poteva chiedere aiuto a nessuno altrimenti sarebbe successo un massacro e che non voleva che le persone soffrissero. Nojiko le domandò se non le facesse ribrezzo stare con gli uomini-pesce, ma Nami si mise a ridere dicendo che aveva deciso di combattere da sola. Da quel giorno smise di piangere davanti alla gente e non chiese più aiuto perché non sopportava l'idea che qualcuno venisse ucciso da Arlong.

Nami nascose una cassa tra la piantagione di mandarini, dicendo a Nojiko che lì non l'avrebbe trovata nessuno. Nojiko le domandò se aveva rubato il denaro al suo interno ai pirati e Nami confermò, dicendole che ce n'erano molti in quel periodo. Nojiko notò poi che era ferita, ma Nami disse che però era riuscita a rubare 1.000.000 Simbolo Berry.png, sentendosi dire di farsi medicare subito.

Saga di Orange[modifica | modifica sorgente]

Nami trattiene e lega tra loro alcune parti del corpo di Bagy.

Un giorno si trova nella città di Orange e ruba a Bagy una mappa della Rotta Maggiore. Il clown ordina ai suoi uomini di rintracciare la ragazza; Nami si ritrova alle calcagna gli uomini del pirata e riesce a salvarsi solo grazie a Rufy che cade improvvisamente dal cielo e, al quale Nami attribuisce il ruolo di mandante. Sconfitti i pirati Nami chiede a Rufy se vuole mettersi in società con lei ma la ragazza ci ripensa quando viene a sapere dall'uomo di gomma che pure lui è un pirata.

La ragazza riesce a ingabbiare Rufy e a consegnarlo al pirata Bagy. Grazie alla consegna del pirata, Nami entra nella banda di Pirati di Bagy con l'unico intento finale di rubare tutti i tesori della ciurma. Sfortunatamente alla ladra, durante la festa di benvenuto, viene chiesto di sparare a Rufy con il "colpo speciale di Bagy". Nami non ha la forza di accendere la miccia dell'arma; si trova in una situazione di pericolo e viene salvata da Zoro il quale si è recato alla tenda di Bagy per salvare Rufy. Spostando il cannone in direzione contraria a quella orientata precedentemente, il trio guadagna tempo e riesce momentaneamente a scappare dai pirati. Successivamente, durante lo scontro tra Rufy e Bagy, Nami si interessa esclusivamente a rubare i tesori della ciurma del clown ma viene scoperta da Bagy, il quale, infuriato, si getta addosso alla ragazza tentando di portarle via i sacchi con dentro l'oro. Anche questa volta la ladra è salvata da Rufy e, successivamente, riusce a legare saldamente alcune parti del corpo del clown in modo che non ritornino al loro possessore al suo richiamo. Così facendo Rufy riesce a vincere la battaglia e Nami stringe momentaneamente un'alleanza con Rufy e Zoro.

Saga di Shirop[modifica | modifica sorgente]

La ciurma di Cappello di paglia attracca su di un'isola popolata da strani animali le cui sembianze e versi prodotti sono un miscuglio di diverse specie. Durante l'esplorazione Nami e Rufy devono passare una "prova" imposta da una divinità, la quale poi si rivela un essere umano. Una volta superato il test, questa persona, il cui nome è Gaimon, racconta ai due pirati che è sbarcato su quest'isola molto tempo fa, con un equipaggio di pirati alla ricerca del leggendario tesoro che si sarebbe dovuto trovare in questo luogo. Gaimon aveva eseguito una lunga ricerca e aveva trovato dei bauli situati su una altura ma, senza volerlo, era scivolato e caduto a terra incastrandosi in una cassa aperta sottostante. Quando aveva tentato di tornare alla nave ormai era troppo tardi perché i suoi compagni lo avevano abbandonato. Dopo questo racconto, l'uomo indica a Rufy l'altura e Rufy vi sale per aprire le casse d'oro ma dentro non vi è alcun tesoro. Gaimon rimane colpito dalla notizia, in quanto, per tutti quegli anni, era rimasto sull'isola a guardia del tesoro. Successivamente Rufy e Nami ritornano alla loro imbarcazione e Gaimon spiega loro che non vuole abbandonare l'isola perché ha deciso di difenderla dai cacciatori di pellicce che spesso attraccano in quel luogo per uccidere gli strani animali, la cui pelle vale molti Berry.

I Pirati di Cappello di paglia arrivano al villaggio di Shirop nell'arcipelago Geccho dove incontrano Usop, un ragazzo a capo di una banda di ragazzini che fingono di essere pirati. Dopo essersi conosciuti Rufy avanza l'idea di cercare una imbarcazione più grande di quella attuale e di cercare nuovi componenti per la sua ciurma. Usop consiglia alla ciurma di rivolgersi a Kaya, la cittadina più ricca di tutto il paese. Il gruppo decide di non farle la richiesta in modo da non essere maleducati ma, quando Usop si reca alla villa di nascosto per raccontare le sue avventure alla ragazza, il capitano cambia radicalmente idea, in quanto i componenti della ciurma di Usop spiegano che il ragazzo si reca spesso alla villa per tirare su di morale Kaya. I Pirati di Cappello di paglia si dirigono alla villa e pure loro entrano nel giardino di nascosto. Prima che Rufy possa chiedere alla ragazza se poteva consegnare loro la nave Krahador, il maggiordomo della villa, li invita ad andarsene. Nami e Zoro tornano al villaggio e poco dopo Usop li raggiunge di nuovo; lui e Rufy hanno appena scoperto che il maggiordomo e un altro uomo di nome Jango stanno organizzando un raid pirata previsto per il mattino seguente. Nami e gli altri decidono di aiutarlo a difendere i suoi compaesani.

I preparativi vengono compiuti nel punto sbagliato dell'isola e i pirati devono, molto velocemente, spostarsi dalla loro postazione a quella da dove arriveranno i corsari in pochi minuti, per evitare che arrivino al villaggio. I primi ad arrivare nel luogo dove avviene l'invasione sono Usop e Nami, ma i due si ritrovano in difficoltà durante la battaglia perché Nami getta all'indietro senza volerlo dei chiodi a cinque punte, bloccando così l'unica via di fuga disponibile. Avendo sprecato buona parte dei chiodi i due tentano di fermare i pirati con le loro armi: Usop utilizza una fionda e Nami il suo bastone componibile. I pirati però risultano essere in troppi per essere fermati e i due combattenti vengono messi fuori gioco in poco tempo. A risolvere la situazione sono Rufy e Zoro che respingono l'avanzata. Lo spadaccino si scontra con Buchi e Sham, che gli rubano due spade mettendolo in difficoltà; Nami riesce ad allungare a Zoro le sue due spade perse, in modo che lo spadaccino sconfigga i suoi avversari. Mentre Rufy combatte contro Kuro, la ragazza, indisturbata, pensa a derubare la ciurma nemica di tutti i tesori contenuti nella nave attraccata. Una volta sconfitto il falso maggiordomo i Pirati di Cappello di paglia decidono di far entrare Usop nella ciurma e Kaya, essendo stata coinvolta nella storia, decide di ringraziare i suoi salvatori donando loro la Going Merry.

Saga del Baratie[modifica | modifica sorgente]

Il primo incontro tra Nami e Sanji.

Durante la navigazione la ciurma incontra due cacciatori di taglie che in passato viaggiavano con Zoro: Johnny e Yosaku, i quali consigliano di cercare un cuoco al ristorante sul mare chiamato Baratie. Raggiunta la grossa nave ristorante Rufy la danneggia senza volerlo respingendo una palla di cannone sparata dalla Marina, e il rimbalzo indirizza il proiettile sul ristorante. Rufy viene costretto a fare il cameriere per un anno da Zef in modo da ripagare i danni.

Zoro, Nami e Usop entrano nel ristorante e si accomodano ad un tavolo. Una volta finito il pasto, la ragazza torna alla nave e comincia ad osservare un plico di avvisi di taglie, tirati fuori da Johnny e Yosaku. Nello sfogliargli, Nami trova quello di Arlong e le fa tornare in mente quale sia il suo obiettivo: derubare i pirati. La ladra imbroglia i cacciatori di taglie dicendo loro che deve cambiarsi la maglia, chiedendo di non guardarla; i due si voltano, ma vengono spinti in mare dalla stessa ragazza, che si allontana a bordo della nave.

Saga di Arlong Park[modifica | modifica sorgente]

Nami arriva all'arcipelago Konomi ed attracca al villaggio di Coco per recarsi poi ad Arlong Park. All'entrata della residenza la ladra incontra Chabo, che brandisce una spada con cui intende uccidere Arlong in modo da vendicare il padre. La ragazza lo colpisce varie volte con il suo bastone, dicendogli che Arlong non ha tempo da perdere e, inoltre, Nami lascia al ragazzo un mazzo di banconote con cui potrà proteggere se stesso.

Nami entra quindi nell'edificio, dove rivela ad Arlong che ha perso qualcosa al cuore, facendo ridere l'uomo-pesce che sottolinea come il tradimento sia la sua specialità, per poi chiederle da quando è diventata così sentimentale. Sente poi lo stesso Arlong dire ai suoi uomini di preparare una festa per lei.

In seguito Zoro viene portato legato ad Arlong Park e quando Nami lo vede gli spiega che appartiene alla ciurma di Arlong e il suo scopo è solamente derubare i pirati. Lo spadaccino si butta in acqua, così Nami si getta per riportarlo in salvo. Sulla terraferma Zoro sostiene che lei non riesce a fingere di essere malvagia perché non resiste a vedere morire di fronte ai propri occhi una persona. La ragazza sferra un pugno e dei calci a Zoro, stordendolo momentaneamente e, successivamente, ordina di trascinarlo in una cella. Dopo l'accaduto Arlong e parecchi uomini-pesce si dirigono a Coco, così Nami ne approfitta per liberare Zoro dalle corde con cui era legato, facendolo fuggire di prigione e invitandolo a lasciare l'isola per il suo bene.

Nami raggiunge poi Coco, dove nota due abitazioni distrutte e tutti gli abitanti tornano nelle proprie case appena la vedono, ad eccezione di Genzo e Nojiko. Quest'ultima sottolinea che è raro vederla lì, chiedendole cosa la porti al villaggio. Nami risponde che ha sentito un rumore e chiede se sia stato Arlong.

In seguito le due ragazze raggiungono la tomba di Bellmer, dove afferma che le mancano solo 7.000.000 Simbolo Berry.png per comprare il villaggio e con Arlong si può discutere perché tutto si risolvere con i soldi.

Nami torna poi ad Arlong Park, dove sente Kuroobi accusarla di avere liberato Zoro di prigione e vede che Usop è stato catturato. La ladra dice di smetterla con le insinuazioni dato che è con la ciurma di Arlong da otto anni e che presto consegnerà la somma di denaro richiesta per liberare il suo villaggio. La ragazza pensa tuttavia che Zoro sia un rompiscatole dato che ha rischiato di farla uccidere. Arlong si scusa quindi per avere dubitato di lei.

Nami finge di uccidere Usop.

Quando quest'ultimo si accinge ad uccidere Usop, Kuroobi dice a Nami che la vede pallida, la quale gli risponde che sembra abbia ancora dei dubbi su di lei, infatti l'uomo-pesce afferma di non fidarsi perché lei è troppo furba. La ragazza si chiede perché Usop sia venuto ad intralciarla dato che non vuole venire uccisa proprio ora che ha quasi recuperato la somma stabilita. Il cecchino afferma di essere deluso da lei e che Rufy non ha mai dubitato di lei nemmeno dopo che è scappata, chiedendole come possa imbrogliarlo senza minima esitazione. Nami le risponde quindi che lei si fida solo del denaro e chi si fa imbrogliare è stupido. La ladra estrae i tre pezzi che compongono il suo bastone da sotto la maglietta, e dopo averlo assemblato, colpisce violentemente al volto Usop. Gli dice che è colpa loro se Arlong si è innervosito e che è stato un suo errore condurre lì la ciurma, per questo lo ucciderà personalmente. Prosegue poi dicendo al cecchino che è meglio se dimentica la Nami che ha conosciuto fino a quel punto. Usop le risponde che non si farà uccidere da lei e genera una cortina fumogena, ma la ragazza afferma che è prevedibile e lo colpisce nuovamente al volto con il suo bastone. A quel punto finge di pugnalarlo, trafiggendosi la propria mano sinistra in modo che la scena sembri reale; poi getta Usop in mare in modo che possa fuggire da Arlong Park.

Kuroobi quindi si scusa per avere dubitato di lei, dato che è una loro compagna. Nami tuttavia gli risponde che è entrata nella ciurma solo per guadagnare 100.000.000 Simbolo Berry.png e comprare così da loro la libertà del villaggio. L'uomo-pesce le risponde che non capiva perché fosse così legata al villaggio finché non ha trovato nella sua stanza una mappa del tesoro. La ragazza afferma che è sua e dopo che Arlong ha chiesto a Kuroobi di restituirgliela, lei gliela prende di mano. Nami chiede quindi al capitano se intende ancora vendere il villaggio, il quale risponde che lui è uno di parola. La ladra quindi dice che con lui si può parlare e poi se ne va.

Lungo la srada per Coco, Nami incontra i Pirati di Cappello di paglia, Johnny e Yosaku e chiede loro cosa siano venuti a fare. Rufy le risponde che sono venuti a prenderla, ma lei dice che la infastidiscono. Johnny rivela agli altri che lei è dalla parte di Arlong per comprare il villaggio dove c'è un tesoro, che può uccidere chiunque, e che ha ingannato tutti. Nami chiede quindi se vogliono ucciderla per vendicare Usop e dice loro che Zoro ha fatto una sciocchezza, infatti Arlong vuole uccidere lui e suoi compagni, aggiungendo che nonostante siano forti, non possono vincere. Quando Nami afferma che Usop si trova in fondo al mare, Zoro fa per attaccarla, ma viene fermato da Sanji. La navigatrice dice loro di andarsene, che si è unita all'equipaggio per soldi e che avrebbe lasciato loro la nave, di cercare un nuovo navigatore, ma che devono andare via subito. Quando Rufy si distende a terra, Nami dice loro di fare come vogliono, avvertendoli che moriranno tutti.

Nami torna a casa e la mette a soqquadro. Nojiko la raggiunge, così le dice che vuole solo riposarsi e che è arrabbiata. Nojiko capisce che si tratta della ciurma di pirati e Nami chiede se li abbia visti, cosa che lei conferma. La navigatrice poi si addormenta e quando si sveglia si chiede dove sia Nojiko e che presto tutto sarebbe tornato come prima. Ripensa a quando ha iniziato ad accumulare denaro e che le basterà un ultimo viaggio per recuperare gli ultimi 7.000.000 Simbolo Berry.png mancanti.

Poco dopo viene raggiunta da Genzo e alcuni marine. Nezumi si presenta e le chiede se è lei la criminale chiamata Nami. La ragazza afferma di fare parte della ciurma di Arlong e che se avrebbe alzato le mani su di lei, l'uomo-pesce non ne sarebbe stato contento, chiedendogli poi cosa voglia. Subito dopo colpisce due marine con il suo bastone, dicendo loro che non possono entrare in casa d'altri senza permesso, affermando che dovrebbero occuparsi della banda di Arlong che ammazza persone e distrugge città, facendo degli abitanti i loro schiavi. Nezumi ordina di continuare a cercare e poi di scavare. Nami colpisce un altro marine, dicendo loro che non farà mai avere quei soldi. Sente quindi Genzo dire che servono per la liberazione del villaggio, rivelando a Nami che tutti gli abitanti sanno del suo accordo con Arlong poiché le sue parole di quel giorno non lo avevano convinto e aveva chiesto spiegazioni a Nojiko. Tuttavia se lei avesse saputo e voluto andare via, la loro speranza sarebbe stata un ostacolo.

Nojiko dunque li raggiunge e dice ai marine che se loro non intendono aiutarli devono andarsene perché presto la loro nave verrà attaccata. Nami vede Nezumi sorridere quando lui chiede se si riferisca ad Arlong, cosa che la stupisce. Il marine chiede quindi ai suoi sottoposti se non abbiano ancora trovato i 100.000.000 Simbolo Berry.png, così Nami capisce che è stato Arlong a mandarli. Essi sparano poi a Nojiko, ferendola ad un fianco. Nami corre quindi da lei per soccorrerla. Viene però raggiunta anche da Rufy, che Nami aggredisce pensando se ne fosse andato e gli dice di andarsene. Corre poi ad Arlong Park.

Entrata nell'edificio, si rivolge ad Arlong dicendogli di avere mandato i marine a rubare i suoi soldi nonostante avesse detto che avrebbe mantenuto la promessa a costo della vita. L'uomo-pesce le tappa la bocca e ride, per poi prenderla dal collo e dirle che è stata sfortunata. Arlong ride di nuovo e le dice che le basta mettere da parte altri 100.000.000 Simbolo Berry.png. Se però dovesse scappare, tutti gli abitanti di Coco verrebbero uccisi. Nami si libera con uno schiaffo e, disperata, fugge.

La ragazza pensa agli abitanti del villaggio e capisce che intendono prendere le armi, ma lei non vuole che nessuno muoia. Arrivata a Coco, cerca di dissuaderli dicendo loro che metterà da parte altro denaro. Genzo la abbraccia e le dice di essere stata bravissima, ma ora deve andarsene. Nojiko afferma che deve seguire i suoi sogni. Nami brandisce così un pugnale e dice loro di non volere che gli uomini-pesce facciano loro del male, ma Genzo afferra lama, ferendosi, e poi tutti abitanti si dirigono ad Arlong Park.

Rufy ferma Nami che vuole asportarsi il tatuaggio di Arlong.

Rimasta sola si ferisce con il pugnale per rimuoversi il tatuaggio, ma poi viene fermata da Rufy, restando sorpresa di vederlo. Nami gli chiede dunque aiuto e il ragazzo le mette il suo cappello in testa. La navigatrice si ricorda quindi quando lui le aveva detto che era il suo tesoro e poi lo vede incamminarsi, dicendo che certamente la aiuterà.

Rufy, Zoro, Sanji e Usop affrontano gli uomini-pesce e li sconfiggono. Dopo la vittoria gli abitanti del villaggio di Coco e i Pirati di Cappello di paglia festeggiano. La ragazza decide di farsi disegnare un nuovo tatuaggio sulla spalla sinistra che ricorda la forma di una girandola in ricordo di Genzo, con una foglia che fa venire in mente un mandarino, in ricordo di Bellmer.

Nami visita la tomba di Bellmer.

Il giorno dopo Nami non si ferma a salutare i suoi amici del villaggio e, per salire sulla nave, corre tra la folla salendo poi sulla nave con un balzo. Genzo e gli abitanti tentano di fermarla per salutarla ma, una volta salita sulla nave, la ragazza fa cadere sul pavimento tutti i portafogli a loro rubati. La prima reazione delle persone è quella di arrabbiarsi ma, subito dopo, sono comunque contenti che Nami parta con una ciurma allegra.

Saga di Rogue Town[modifica | modifica sorgente]

La ciurma arriva a Rogue Town, il luogo in cui il re dei pirati Gol D. Roger è nato ed è stato giustiziato. I pirati si separano per fare acquisti personali e Nami si reca in qualche negozio di vestiti e ne acquista molti. Una volta finiti gli acquisti si accorge che la temperatura e la pressione atmosferica stanno cambiano e si preannuncia in arrivo un tifone. Tenta di radunare i membri della ciurma ma incontra solo Usop con il quale si dirige alla Going Merry per prepararla alla partenza in attesa che gli altri compagni ritornino. Trovano Moji, il quale sta tentando di appiccare il fuoco alla nave di Cappello di paglia ma i due compagni riescono a metterlo fuori gioco in poco tempo. Rufy, Zoro e Sanji arrivano giusto in tempo alla nave per imbarcarsi e dirigersi verso la Reverse Mountain.

Saga di Lovoon[modifica | modifica sorgente]

Nami raduna i membri della ciurma all'interno della cabina per spiegare loro che per raggiungere la Rotta Maggiore è necessario salire su una montagna. Raggiunto l'ingresso della Reverse Mountain la nave imbocca un canale d'acqua che, grazie all'azione dei venti, riesce a spingere la nave e l'acqua di mare fin sopra al picco della montagna. Una volta in cima la nave scorre dall'altro lato della Reverse Mountain ma, ad ostruire l'uscita, vi è un'enorme balena che ingoia la nave in un solo boccone.

Dentro alla pancia la ciurma di Cappello di paglia fa la conoscenza di Crocus, un dottore che si è stabilito nello stomaco del cetaceo per prendersi cura di Lovoon, la balena. Il dottore racconta al gruppo di pirati la storia dell'animale; dopodiché dona alla ciurma un Log Pose, la speciale bussola che serve per navigare lungo la Rotta Maggiore spiegandone il funzionamento. Dopodiché la Going Merry salpa diretta verso Whisky Peak per accompagnare alla loro città Mr. Nine e Miss Wednesday, due persone che in precedenza avevano cercato di uccidere Lovoon.

Saga di Whisky Peak[modifica | modifica sorgente]

Nami beve alla festa organizzata dai cittadini di Whisky Peak.

Arrivati a Whisky Peak, Mr. Nine e Miss Wednesday si dileguano e la ciurma viene accolta calorosamente dai cittadini, tanto da dare inizio ad una festa che dura fino a notte fonda. Durante la festa Nami e i suoi amici mangiano e bevono a sazietà fino ad addormentarsi. Nami in realtà ha solo finto di addormentarsi, perché ha trovato strano che una città amasse i pirati.

Successivamente, durante il discorso tra Zoro e l'uomo che ha rivelato di chiamarsi Igaram, Nami contratta con l'uomo e pretende il pagamento di un miliardo di Berry per scortare la principessa fino al suo regno. Igaram si ritrova costretto ad accettare la proposta, così la ragazza incarica Zoro di eliminare i due membri della Baroque Works che stavano tentando di prendere Bibi.

Messi fuori gioco i due nemici Bibi spiega loro che la situazione nel suo paese è tragica e che la colpa è della Baroque Works, il cui capo è Crocodile, un membro della Flotta dei sette. Rufy, Zoro e Nami diventano bersagli del pirata e decidono di salpare di fretta per scampare ad un ulteriore attacco. Portano i loro due compagni ancora addormentati sulla nave e fanno la conoscenza di Miss All Sunday, che si offre di donargli un Eternal Pose per la loro destinazione. Rufy però lo distrugge e Nami si infuria, ma poi comprende le sue motivazioni.

Saga di Little Garden[modifica | modifica sorgente]

Nami intrappolata nella cera di Mr. Three.

Arrivati a Little Garden Usop e Nami decidono di rimanere sulla nave mentre i loro compagni vanno in esplorazione. All'improvviso il gigante Brogi si avvicina alla Going Merry facendo conoscenza con i due pirati a bordo e li invita a pranzare da lui; i due accettano l'invito per timore della sua reazione in caso di rifiuto. Dopo pranzo il gigante spiega che il Log Pose impiega un anno di tempo per registrare il nuovo magnetismo per la prossima isola e i due amici rimangono scioccati dalla notizia. Inoltre scoprono che Brogi da cento anni combatte contro il suo rivale Dori per una vecchia disputa e che Rufy e Bibi sono diventati amici di Dori stesso.

Durante il duello successivo Dori viene sconfitto da Brogi. Subito dopo si fanno vivi alcuni agenti della Baroque Works: Mr. Five, Miss Golden Week, Miss Valentine e Mr. Three. Quest'ultimo grazie ai poteri del frutto Dela Dela imprigiona Brogi, Nami, Bibi e Zoro e crea anche una costruzione di cera che in breve tempo dovrebbe trasformarli in statue di cera, ma Rufy, Usop e Karl intervengono in loro soccorso. I tre amici riescono a sconfiggere i nemici e a liberare i compagni intrappolati. La ciurma si prepara a ripartire perché Sanji ha recuperato dalla base di Mr. Three sull'isola un Eternal Pose per Alabasta.

Saga di Drum[modifica | modifica sorgente]

Nami ammalata.

Appena salpati da Little Garden Nami si ammala di una grave malattia che le fa alzare parecchio la febbre, non permettendole quindi di continuare a dare indicazioni ai suoi compagni per affrontare i pericoli del mare. Rufy, che già da molto tempo ci aveva pensato, decide di fare entrare nella ciurma un dottore e di cercarlo sulla prossima isola sulla quale sbarcheranno.

Il viaggio prosegue indisturbato fino a che attraccano la Going Merry sulla costa dell'isola di Drum; qui gli abitanti, brandendo le armi, ordinano ai Pirati di andarsene ma Rufy riesce a spiegare in che situazione si trovano attualmente e il pirata riesce a diventare amico del capo del villaggio Dorton. L'uomo spiega loro che nel suo paese è rimasta solamente una dottoressa chiamata Kureha che abita nel vecchio castello del monarca, su di una montagna. Rufy decide di portare Nami sulle sue spalle e, assieme a Sanji, si dirige verso il castello.

Quando i tre pirati raggiungono la cima della montagna Kureha e il suo assistente Chopper iniziano a curarli. Mentre Nami sta lentamente guarendo si fa raccontare la storia dell'isola dalla dottoressa. Poco tempo dopo l'ex re Wapol, giunto sull'isola per tornare sul trono, fa irruzione nel castello ed incontra Nami. La ragazza urla per il terrore e viene soccorsa da Rufy, che sconfigge il nemico.

Kureha minaccia Nami di restare a letto.

Nami chiede il permesso della dottoressa per ripartire la sera stessa, in quanto stare attraccati per cinque giorni a Drum sarebbe un periodo di tempo troppo lungo e ad Alabasta la situazione sta peggiorando di giorno in giorno; la dottoressa acconsente controvoglia. Nel frattempo Rufy chiede a Chopper di unirsi alla ciurma e la renna, dopo un primo tentennamento, accetta la richiesta. La Going Merry salpa così la sera stessa dell'arrivo a Drum verso Alabasta.

Saga di Alabasta[modifica | modifica sorgente]

La Going Merry si trova parecchio vicina ad Alabasta quando, ad un certo punto, Rufy pesca dal mare Mr. Two Von Clay, un membro della Baroque Works sulle tracce della ciurma di Cappello di paglia. Il nemico, non avendo visto l'identikit degli Unlucky, non riconosce Cappello di paglia ed i suoi amici e socializza con il gruppo di pirati. Il membro mostra loro i suoi poteri del frutto del diavolo Mimo Mimo che gli permette di trasformare il suo corpo in una perfetta copia di un altra persona dopo averla toccata un'altra persona; a fine dimostrazione Mr. Two ritrova la nave dalla quale era caduto in mare e si reca con il suo equipaggio ad Alabasta. Rufy e i suoi amici, compreso di avere incontrato un nemico che ora ha un vantaggio su di loro, decidono di adottare uno stratagemma per riconoscersi. Si disegnano una "X" nera sul braccio sinistro coperta da una benda bianca.

Una volta a terra la ciurma cambia abbigliamento per potersi mimetizzare e per spostarsi più comodamente in quel clima torrido. Nami e gli altri fanno la conoscenza di Ace, il fratello di Rufy, il quale gli dona una Vivre Card con cui potersi incontrare di nuovo in futuro. Dopo che Ace se ne è andato la Going Merry risale il fiume Sandora per avvicinarsi il più possibile a Yuba, la base dei rivoltosi. I pirati attraversano il vastissimo ed insidioso deserto fino a raggiungere la loro meta, ma scoprono che la città è stata abbandonata in seguito alla siccità. Esplorando la cittadina incontrano Toto, un anziano cittadino intento a scavare una buca nella sabbia per cercare l'acqua; l'uomo spiega ai pirati che i ribelli si sono trasferiti a Katorea.

Il mattino seguente Bibi tenta di convincere Rufy a dirigersi verso Katorea. Rufy invece convince Bibi che il vero nemico da fermare è Crocodile per risolvere il prima possibile l'attuale crisi; la principessa accetta la proposta di Rufy e il gruppo si incammina verso Rainbase, la città dove si trova la villa di Crocodile all'interno di un casinò. Durante il viaggio Usop consegna a Nami il Clima Takt, una particolare arma creata dal pirata su richiesta di Nami.

Arrivati in città i pirati vengono nuovamente braccati da Smoker e i suoi marine, ma riescono a fuggire dagli inseguitori rifugiandosi dentro il casinò di Crocodile. Mentre scappano però Bibi si dirige in direzione diversa da quella dei suoi amici e Sanji rimane fuori dal casinò a coprire i suoi compagni da un eventuale attacco. All'interno dell'edificio i pirati si dirigono in un corridoio che li porta in una prigione di agalmatolite. La gabbia viene spostata nei sotterranei dell'edificio che iniziano ad allagarsi. Il gruppo viene salvato da Sanji, che costringe Mr. Three, giunto ad Alabasta per riscattarsi agli occhi del suo capo, a creare una copia della chiave che apre la gabbia. Subito dopo i pirati riescono a fuggire e a ritornare all'esterno dell'edificio. Il gruppo decide di dirigersi verso Alubarna a bordo di un granchio gigante per fermare la battaglia ormai imminente, ma Rufy rimane indietro a fronteggiare Crocodile. Il granchio percorre in breve tempo il tratto di deserto che distanzia Rainbase dalla sponda del fiume e il gruppo riesce ad attraversare il corso d'acqua grazie ai dugonghi kung-fu.

Nami lancia verso Miss Doublefinger le sfere create dal Clima Takt.

Arrivati sull'altra sponda la squadra speciale anatre combattenti dal becco chiazzato a cui a capo vi è Karl aiuta il gruppo di pirati a raggiungere la capitale; in città ad attendere il gruppo di pirati ci sono i più pericolosi membri della Baroque Works. Nami si scontra con Miss Doublefinger e testa il Clima Takt per la prima volta; inizialmente ha qualche difficoltà nel generare attacchi atmosferici e si ritrova spesso in pericolo di morte ma, alla fine, riesce a sconfiggere l'avversaria con una potente scarica elettrica e uno speciale attacco che scaraventa in aria la nemica. Terminato il duello Nami si riunisce con i suoi compagni e Bibi li informa che un cannone sparerà sulla piazza facendo una strage. Tutti quanti cercano di localizzarlo per impedire che faccia fuoco; Bibi capisce che si trova nella torre dell'orologio e chiama a raccolta i pirati. Poiché mancano solo trenta secondi all'esplosione Nami organizza un metodo originale ma efficace per permettere a Bibi di raggiungere la cima della torre. La bomba esplode ma non ferisce nessuno, perché Pell la porta con sé in cielo evitando una strage. Pochi istanti dopo la battaglia tra le due fazioni ha termine perché Crocodile viene sconfitto e la pioggia ricomincia a cadere sul regno. I Pirati di Cappello di paglia riposano per alcuni giorni in attesa che Rufy si riprenda dallo scontro con Crocodile, dopodiché decidono che è giunto il tempo di riprendere il mare. Invitano Bibi a ripartire con loro e le danno appuntamento per il giorno seguente.

Il saluto tra la ciurma di Cappello di paglia e la principessa Bibi con Karl.

Il giorno dopo la Going Merry raggiunge il luogo dell'appuntamento, la quale nonostante li abbia raggiunti rivela che è venuta solo per salutarli un'ultima volta. A causa della presenza di alcune navi della Marina Nami impedisce a Rufy di rispondere al saluto; tuttavia il gruppo mostra la X che porta al braccio, segno della loro eterna amicizia. Infine Mr. Two Von Clay e il suo gruppo si sacrifica per permettere alla Going Merry di sfuggire all'accerchiamento della Marina.

Saga di Jaya[modifica | modifica sorgente]

Dopo avere salutato la loro amica la ciurma di Cappello di paglia si dirige al largo dell'isola per non essere catturata dalle navi della Marina che sorvegliano la zona. A bordo i pirati scoprono di avere una clandestina: Nico Robin, la quale non avendo nessun posto dove andare propone spontaneamente a Rufy di lasciarla entrare nella sua ciurma; Rufy accetta la sua richiesta pur essendo contestato dai suoi amici che rimangono dubbiosi sulle vere intenzioni di Robin.

Improvvisamente dalle nuvole cade un gigantesco e vecchio galeone che sprofonda in mare e, tra lo stupore generale, Nami osserva che l'ago del Log Pose è orientato verso il cielo. A quel punto Robin le spiega che probabilmente l'ago si è orientato sul magnetismo di un'isola nel cielo. Tra le parti del relitto ancora galleggianti Rufy trova la mappa di un'isola denominata Skypiea e Robin riesce a scoprire, grazie ad uno scheletro, che la nave ha più di duecento anni; la ciurma decide di cercare più informazioni per raggiungere Skypiea. Rufy, Sanji e Zoro, grazie a particolari tute formate da barili, si immergono in acqua per andare ad esplorare il galeone affondato.

L'ago del Log Pose si orienta verso il cielo.

In superficie una nave si avvicina al punto in cui il relitto è affondato e i membri della ciurma di Cappello di paglia rimasti a bordo della Going Merry fanno conoscenza con Mashira, il capitano esperto nel recuperare i relitti delle navi affondate. Nami e il gruppo tentano di distrarre il capitano per non fargli capire che anche la loro ciurma sta esplorando il relitto finché non riemergono i loro compagni. Improvvisamente, il cielo si oscura e compaiono tre gigantesche ombre che mettono in fuga Rufy e i suoi amici.

Dopo che Robin rivela di avere rubato un Eternal Pose per Jaya dalla nave di Mashira, la ciurma decide di dirigersi sull'isola per cercare informazioni su Skypiea. Nami accompagna Rufy e Zoro in esplorazione, temendo che combinino qualche guaio. Catturano l'attenzione di Bellamy e della sua ciurma, che venuto per testare se Rufy fosse degno della "nuova era" scopre che i tre sono in cerca della leggendaria isola del cielo. Tra lo stupore e lo scherno dei presenti Bellamy inizia a ridicolizzare i pirati sognatori come loro. Rufy decide di non reagire e ordina a Zoro di fare altrettanto; Nami, umiliata e profondamente irritata, trascina via i due compagni fuori dal bar. Lì incontrano un uomo che incoraggia i tre nel seguire i propri sogni.

Tornati alla nave Nami scopre che Robin ha trovato informazioni importanti su un uomo di nome Montblanc Cricket che potrebbe aiutarli. Arrivati alla residenza dell'uomo dall'altra parte dell'isola scoprono che è il discendente di Montblanc Noland, un famoso bugiardo che giurò di avere visto a Jaya una città d'oro. Cricket è anche capo della coalizione della montagna delle scimmie, di cui Mashira e suo fratello Orangutan fanno parte, e spiega che l'unico modo per raggiungere l'isola del cielo è quello di essere sparati in aria dalla mostruosa Knock Up Stream. Visto l'entusiasmo della ciurma Cricket, Mashira e Orangutan decidono di aiutarli nell'impresa ma prima la ciurma deve catturare un South Bird nella foresta.

Dopo molte difficoltà la ciurma riesce nell'impresa e salpa in direzione della Knock Up Stream. Raggiunto il punto previsto la Going Merry viene sparata in aria dalla Knock Up Stream e la nave vola verso il cielo.

Saga di Skypiea[modifica | modifica sorgente]

Nami colpisce violentemente il capitano McKinley.

Poco dopo l'arrivo nel mare del cielo il gruppo viene improvvisamente attaccato da uno Shandia; fortunatamente vengono aiutati da Gan Fall un cavaliere-mercenario che, sotto pagamento, protegge i forestieri che si recano a Skypiea. Il cavaliere dona loro un fischietto da utilizzare in caso di bisogno così Gan Fall si sarebbe recato a proteggerli dal pericolo incombente. La Going Merry prosegue la navigazione e raggiunge i cancelli sorvegliati da un'anziana signora addetta alla riscossione dei pedaggi. I pirati decidono di attraversare i cancelli senza pagare il pedaggio richiesto e, subito dopo, la Going Merry viene agganciata dalle chele di un gigantesco gambero che trasporta la nave fino a Skypiea. Arrivati in cima i pirati attraccano la nave a poca distanza da una spiaggia e scendono a terra.

I pirati fanno la conoscenza di una ragazza di nome Konis e di suo padre Pagaya. L'uomo ha appena finto di guidare uno waver e spiega agli estranei il funzionamento dell'oggetto. Nami ottiene il permesso di provarlo e si allontana da Angel Beach per arrivare a Upper Yard. Raggiunge la dimora degli dei ed assiste alla morte di una persona uccisa da un devastante fulmine e, per la paura di essere scoperta da chi aveva generato la saetta, si nasconde e riesce ad ascoltare quattro uomini che si informano a vicenda sulla ciurma di Cappello di paglia, entrata clandestinamente a Skypiea. La ragazza decide di ritornare ad Angel Beach per avvertire i suoi amici; al suo arrivo scopre che gli White Beret pretendono il pagamento di sette milioni di Berry, così si scaglia con violenza contro il loro capo, McKinley. Dopo una serie di malintesi McKinley li condanna ad essere giudicati dai quattro sacerdoti di Upper Yard. Nami racconta a Rufy quanto siano pericolosi i quattro sacerdoti e riesce a convincere il gruppo che è meglio allontanarsi dall'isola e a pensare a come tornare nel mare blu. Rufy, Sanji e Usop ritornano alla casa di Pagaya e di sua figlia per preparare le provviste per il viaggio, mentre Nami, Zoro, Chopper e Nico Robin si recano alla nave per prepararla alla partenza. Improvvisamente la nave viene agganciata al gambero super rapido e il gigantesco crostaceo comincia a spostare la nave al largo di Angel Beach.

Nami utilizza l'Impact Dial per eliminare Hotori.

Zoro, Nami e Robin, che si trovano assieme a Chopper all'altare delle vittime sacrificali, decidono di esplorare la foresta lasciando in custodia la nave alla piccola renna. Nami, assieme ai suoi due amici, avvista nella foresta un edificio molto simile alla casa di Cricket e, per osservarlo meglio, vi si reca scoprendo che l'isola chiamata Upper Yard non è altro che una parte dell'isola di Jaya che alcuni secoli fa si è staccata dal suolo grazie alla Knock Up Stream fino ad arrivare nel luogo in cui si trova attualmente. Dopodiché ritornano alla nave, dove vengono raggiunti dagli altri tre compagni. Durante la cena i pirati riescono a scoprire la collocazione dell'oro presente ad Upper Yard e decidono di impadronirsene.

Il mattino seguente i pirati si dividono in due team con differenti obiettivi: quello composto da Nami, Usop e Sanji ha il compito di portare la Going Merry al di fuori di Upper Yard ed ancorarla sulla spiaggia di fronte alle rovine dell'isola. Durante il tragitto Gan Forr parla al trio del Mantra. Improvvisamente però il suo discorso viene interrotto da Ener che compare sulla Going Merry e fulmina sia Sanji che Usop. Dopodiché scompare ed al suo posto compaiono Hotori e Kotori decisi a vendicare la sconfitta del loro fratello Satori.

Nami e il cavaliere del cielo affrontano il duo: Gan Forr riesce a mettere fuori gioco Kotori in quanto l'avversario l'aveva sottovalutato e la ragazza riesce a sconfiggere Hotori sfruttando una nebbia improvvisa generata grazie all'azione del Clima Takt e le fiamme che fuoriescono dal Dial del nemico colpendo infine l'avversario con un Impact Dial presente nel guanto di ferro di Gan Forr. Dopo la battaglia l'ex divinità lascia da sola Nami, ma improvvisamente si avvicina una barca sulla quale vi sono Konis e Pagaya giunti in soccorso dei loro amici.

Pagaya restituisce a Nami lo waver aggiustato. A bordo si trova anche una Shandia di nome Aisa, che si getta nel mare di nuvole per raggiungere i suoi amici; Nami si tuffa a sua volta per recuperare la bambina ed improvvisamente incontrano un pitone, così la ladra sale sullo waver assieme alla bambina ed inizia a scappare nella foresta. Lo waver raggiunge luogo dove si stanno affrontando Zoro, Gan Forr, Wiper e Ohm; il cavaliere del cielo a bordo di Pierre cerca di portare in un luogo più sicuro Nami ed Aisa ma i quattro vengono inghiottiti da Nola, il gigantesco pitone. Nello stomaco della bestia Nami incontra Rufy, il quale si era addentrato nella pancia del pitone scambiandola per una caverna. Alla prima occasione il gruppo cerca di fuoriuscire dall'animale ma solamente Nami e il cavaliere del cielo ci riescono.

Nami aiuta Rufy a raggiungere Maxim con il waver.

Una volta a terra Nami assiste alla folgorazione di Nola da parte di Ener; il dio si sbarazza anche di Wiper, Zoro, Nico Robin e Gan Forr, perciò Nami si ritrova da sola ed impotente nei confronti dell'avversario. Per non morire decide di seguire Ener e di raggiungere il Warth fatato e il dio accetta volentieri la richiesta della ragazza. Ener la porta fino al luogo in cui è custodita la gigantesca nave volante capace di trasportare il duo fino al warth fatato. Prima della partenza Rufy li raggiunge ed iniziano a combattere, ma alla fine Rufy ha la peggio e viene gettato fuori dalla nave. Nami spiega ad Ener che non vuole più seguirlo in quanto ottenere qualcosa senza gli amici non è affatto bello; il dio cerca di fulminare la ladra ma Nami riesce a schivare le varie saette e a pararle grazie al Clima Takt ma si ritrova alle strette. In suo soccorso giunge Usop; il ragazzo si mette a distrarre il dio per far guadagnare tempo all'amica affinché accenda lo waver. I due riescono a fuggire anche grazie all'aiuto di Sanji.

I sopravvissuti della ciurma di Cappello di paglia si radunano a terra per decidere come agire ma Rufy inizia a correre lungo la gigantesca pianta che sorge sopra le rovine di Shandora per raggiungere Maxim e Nami tenta di raggiungere il suo amico con lo waver per riportarlo a terra e a fuggire il prima possibile. Rufy viene di continuo ostacolato da Ener e non riesce a salire su Maxim finché Nami non lo raggiunge e cerca di persuaderlo a scappare da Skypiea, ma cambia idea e decide di aiutare Rufy. I loro compagni rimasti a terra abbattono una parte del tronco del Giant Jack per orientare l'enorme vegetale in direzione di Maxim. La ragazza raggiunge la massima velocità possibile dello waver e permette a Rufy di sconfiggere Ener.

A terra i pirati, gli abitanti dell'isola del cielo e gli Shandia festeggiano per tutta la notte la caduta di Ener; alle prime luci dell'alba Rufy propone di portare nel mare blu una grande quantità di oro. Chopper, Nami, Sanji e Rufy si introducono nella pancia del pitone addormentato e razziano tutto l'oro che trovano. Una volta usciti dal serpente il gruppo di pirati pensa di essere stato colto in flagrante dagli abitanti del cielo e fugge verso la Going Merry. Il gruppo di pirati saluta Konis e suo padre e prendono il largo.

Saga del Davy Back Fight[modifica | modifica sorgente]

Una volta sul mare Robin avvista una nuova isola all'orizzonte e, una volta attraccati, Rufy, Chopper e Usop si allontanano dalla nave per esplorare i dintorni mentre Nami e i restati componenti rimangono nei pressi della Going Merry. Improvvisamente un grosso galeone intrappola la nave dei pirati; i corsari a bordo del vascello spiegano alla ciurma di Cappello di paglia le regole del Davy Back Fight che il loro capitano ha proposto a Rufy e che è stata accettata. I membri della ciurma vengono divisi in tre gruppi; Nami, Usop e Nico Robin parteciperanno alla prima sfida, consistente nel circumnavigare l'isola sulla quale si trovano. Usop costruisce con alcune botti di legno una barca e il trio si prepara ad affrontare Polluce, Kapoty e Monda.

La gara inizia subito a svantaggio della ciurma di Cappello di paglia perché gli uomini di Foxy sulla riva dell'isola tentano di ostacolarli. Evitati per poco i loro attacchi il gruppo riesce a costeggiare l'isola; non riuscendo a recuperare gli avversari solamente remando Usop, con sorpresa di Nami e Nico Robin, utilizza un Impact Dial nell'acqua ottenendo l'effetto desiderato e riuscendo a superare il trio avversario. Il nemico riesce nuovamente a tornare in testa alla corsa ma Nico Robin crea una catena di braccia e si aggancia al mezzo avversario per fare trascinare la propria canoa e, in questo modo, riesce a non distanziarsi troppo da Polluce e i suoi compagni.

Poco dopo compare il primo ostacolo: una barriera di corallo posizionata tra diversi mulinelli che apparentemente sembrano impossibili da superare perché la loro corrente respinge di continuo l'imbarcazione avversaria facendola ritornare al punto di partenza. Nami riesce ad intuire la giusta entrata da prendere per attraversare i vari mulinelli e in questo modo la canoa viene condotta automaticamente dalla corrente al vortice più grosso. Arrivati al gigantesco mulinello Usop utilizza nuovamente l'Impact Dial per sorpassare l'ostacolo e, in questo modo, il gruppo distacca notevolmente gli avversari. Nami riesce a smascherare altre trappole poste lungo il tragitto da Foxy; Usop, su consiglio di Nami, abbatte un paio di canne di bambù le quali, cadendo in acqua, stordiscono Kapoty e Monda fermando la canoa avversaria. Tuttavia, quando il mezzo della ciurma di Cappello di paglia si trova a pochi metri dal traguardo Foxy utilizza il suo raggio Noro Noro che rallenta la canoa di Nami permettendo alla sua squadra di vincere.

Dopo essersi aggiudicato il terzo round la ciurma torna a casa di Tonjit mostrando all'anziano la bandiera dei corsari avversari simbolo della loro vittoria ma alla casa è presente l'ammiraglio della marina Aokiji che racconta al gruppo di essere venuto a controllare di persona da quanti e quali membri fosse composta la loro ciurma. Aokiji spiega inoltre che è intenzionato a eliminare Robin perché è la più pericolosa della ciurma, così Rufy decide di fronteggiare da solo il nemico permettendo agli altri di scappare. Nami fugge fino alla Going Merry ed aiuta Chopper ed Usop nello scongelare Robin, la quale era stata congelata. Successivamente i membri tornano sul campo di battaglia e recuperano Rufy rimasto congelato durante il combattimento.

Saga di Water Seven[modifica | modifica sorgente]

Nami si gode il denaro ottenuto vendendo il tesoro di Skypiea.

Subito dopo avere evitato per un soffio che la Going Merry venga travolta da un treno che viaggia sul mare la ciurma incontra una donna, Kokoro. La donna dona a Rufy la mappa per raggiungere la città di Water Seven. Giunti sul posto Rufy, Nami, e Usop noleggiano dei battelli guidati da animali chiamati Yagara Bull con cui girano per i canali della città. I tre raggiungono una banca e convertono l'oro di Skypiea in contanti. Due delle tre valige contenenti il denaro vengono rubate dalla Franky Family, ma un carpentiere di nome Pauly gliele restituisce. Poco dopo, però, Rufy e Nami si accorgono che Usop è scomparso e che le due valige recuperate in realtà sono vuote.

Nami torna verso la Going Merry per mettere al sicuro il denaro rimanente e lungo la strada trova Usop ridotto in fin di vita. Gli ordina di rimanere in attesa dell'arrivo di Chopper affinché lo curi e una volta raggiunta la destinazione manda i suoi compagni a recuperarlo. Quando tutti tornano Rufy informa Usop che ha intenzione di comprare una nuova nave per proseguire il viaggio; ne nasce una lite tra i due che termina con un duello. Nami e gli altri rimangono in disparte ad osservare lo scontro tra i due compagni.

Il mattino seguente la ciurma scopre che Iceburg è stato il bersaglio di un attentato, così Nami e Rufy decidono di andarlo a trovare. I due vengono attaccati da Franky, in cerca di vendetta per la distruzione del suo covo, avvenuta il giorno precedente per mano di Rufy, Sanji, Zoro e Chopper. I carpentieri interrompono subito lo scontro e accusano la ciurma di Cappello di paglia di quanto accaduto al loro presidente, il quale ha identificato in Robin uno degli aggressori. Durante il giorno Nami e gli altri si nascondono dalla popolazione che gli sta dando la caccia; alla sera Rufy decide di intercettare Robin nelle stanze di Iceburg, sicuro che la sua compagna ci ritornerà.

I pirati fanno irruzione nella sede della Galley-La company proprio mentre il CP9 sta attaccando. Assieme a Pauly raggiungono la stanza in cui Iceburg è curato e vi trovano i membri del CP9. Rufy e gli altri chiedono a Robin di rimanere nella ciurma ma la ragazza rifiuta l'offerta. Robin abbandona l'edificio mentre Lucci sconfigge rapidamente i presenti e li abbandona mentre l'edificio in preda alle fiamme sta lentamente crollando.

Zoro, Pauly e Rufy fuggono dall'Acqua Laguna.

Iceburg spiega a Nami che Robin puntava a recuperare i progetti di un'arma ancestrale, e che in cambio aveva richiesto l'immunità per i suoi amici. Nami parte con Chopper alla ricerca di Rufy, Zoro e Sanji mentre Pauly riscatta il nome dei Pirati di Cappello di paglia, ma tacendo i nomi dei veri aggressori. Inoltre mobilita i carpentieri affinché aiutino la ragazza e la renna alla ricerca dei compagni.

Un uomo porta a Nami una lettera scritta da Sanji: la informa che Usop, Franky e Robin sono partiti con l'ultimo treno del giorno, e che anche lui si è infiltrato sul treno. Poi trova Rufy incastrato tra due edifici nella zona bassa della città, gli racconta quello che Robin ha fatto per salvare gli altri e assieme sfuggono alla forza devastatrice dell'Acqua Laguna, grazie anche all'aiuto di Pauly.

Vedendo quanta determinazione c'è negli occhi di Rufy, deciso a recuperare la sua compagna, Kokoro e Iceburg mettono a sua disposizione un altro treno marino, il Rocket Man. Appare anche la Franky Family, supplicando il capitano pirata di permettergli di unirsi a lui per salvare il loro leader. Durante il viaggio, anche Peepley Lulu, Tilestone e Yokozuna si uniscono al gruppo. Poco prima dell'arrivo all'isola senza notte ritrovano Sanji e Usop, mascherato da Sogeking.

Saga di Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Kumadori immobilizza Nami.

Appena sbarcati ad Enies Lobby Nami prova la sua nuova arma, il Perfect Clima Takt, su un gruppo di marine. Raggiunto il tribunale dell'isola a bordo di Gomorra, la ciurma trova Baskerville a bloccargli la strada. La Franky Family riesce a sbarazzarsene e tutti assieme avanzano. Mentre aspettano che il ponte levatoio venga abbassato si dispongono sul tetto e convincono Robin ad accettare il loro aiuto. Quando scoprono che solo metà ponte riuscirà ad abbassarsi, Kokoro si offre di aiutarli utilizzando il Rocket Man per fargli scavalcare la cascata. Nami, assieme ai suoi compagni, viene presa di peso da Rufy e tutti assieme si gettano nel vuoto.

All'atterraggio, Fukuro rivela che l'unico modo per aprire le manette di Robin è usare la chiave giusta, e che potrebbe essere in possesso di uno qualsiasi degli agenti del CP9. I Pirati di Rufy decidono di dividersi e combattere separatamente finché non troveranno la chiave corretta. Nami si trova ad affrontare Kumadori e sebbene riesca a sottrargli la chiave senza che il nemico se ne accorga, non riesce a fuggire. In suo salvataggio arriva Chopper, così Nami può scappare e durante la fuga trova Sanji ridotto in una strana condizione. Quando capisce che a ridurlo così è stata Califa, una donna, Nami prende il suo posto ed affronta l'ex segretaria di Iceburg, mentre critica Sanji per l'inopportuna cavalleria che l'ha portato alla sconfitta.

All'inizio si trova in difficoltà, essendo preda del nuovo potere di Califa, e cioè la capacità di generare e controllare bolle di sapone. Scopre però che quando viene colpita il suo corpo riacquista la mobilità e che l'acqua ha lo stesso effetto. A questo punto Califa decide di usare le tecniche Rokushiki. Alla fine Nami riesce a sconfiggere Califa colpendola con un fulmine e le sottrae la chiave. Uscendo dal luogo della battaglia trova Franky e assieme decidono di avanzare.

La Going Merry riceve un funerale vichingo.

In seguito durante la fuga dal tunnel sottomarino che si sta riempendo velocemente d'acqua incontra Kokoro, Chimney e Chopper privo di sensi. Il gruppo incontra anche Zoro, Sogeking e Sanji, che come loro stanno fuggendo dall'enorme massa d'acqua in arrivo. Quando l'onda li travolge Kokoro salva tutti rivelando di essere una sirena e nuotando ad una velocità incredibile. Trovano una nave con cui prevedono di organizzare la fuga, ma i marine giunti per eseguire il Buster Call la distrugge, lasciandoli senza speranze.

Dopo la sconfitta di Lucci ad opera di Rufy, Nami e gli altri sentono una voce che gli dice di gettarsi in mare. Capiscono che è la voce della Going Merry, così tutti si gettano sulla nave giunta a salvarli e fuggono dalla Marina. Lungo la strada verso Water Seven incrociano una nave della Galley-La company guidata da Iceburg, arrivata giusto in tempo per recuperare i pirati, perché in quel momento la Going Merry si spezza in due. Rufy concede alla nave un funerale vichingo dandole fuoco e lasciandola affondare mentre con il resto dei compagni le dice addio in lacrime.

Saga dopo Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Nami origlia la conversazione tra Rufy e Kobi.

Durante la conversazione tra Rufy e Kobi, Nami ascolta di nascosto le informazioni riguardo al metodo usato dalla Marina per attraversare le fasce di bonaccia.

Alcuni giorni dopo, Nami riceve la sua prima taglia: 16.000.000 Simbolo Berry.png. Durante la discussione se Usop possa tornare o meno con loro, Nami vorrebbe che gli fosse permesso di tornare, mettendosi contro Zoro che invece esige che Usop chieda scusa. Quando Usop si riunisce all'equipaggio, mentre lui e Rufy piangono, ridono e ballano, anche Nami gioisce per il ritorno del compagno.

Saga di Thriller Bark[modifica | modifica sorgente]

Durante il viaggio sulla Thousand Sunny, Nami e gli altri trovano un barile che galleggia in mezzo al mare. Appena lo aprono, un razzo parte dal suo interno ed esplode in aria. A quel punto una tempesta arriva all'improvviso ma Nami porta la nave al sicuro. All'improvviso si rendono conto che vicino a loro è apparsa una nave fantasma. Sperando di trovarci qualche tesoro abbandonato Nami decide di seguire Rufy il quale semplicemente vuole solo esplorarla. A bordo del vascello incontrano uno scheletro di nome Brook; Rufy propone immediatamente a Brook di unirsi alla sua ciurma e lui accetta. Ritornati sulla Thousand Sunny, Brook si unisce alla ciurma di Rufy per la cena, durante la quale Brook racconta un po' di sé. All'improvviso i pirati si accorgono della presenza di un fantasma e sentono dei cigolii sinistri: si tratta di un cancello di una recinzione che circonda l'isola di Thriller Bark che si chiude. D'un tratto Brook saluta i suoi nuovi amici e si dirige verso l'isola.

Siccome Rufy vuole esplorare anche l'isola, Franky mostra all'equipaggio la Mini Merry 2. Questa sorpresa piace così tanto a tutti quanti che Nami decide di farle fare un po' di rodaggio con Chopper e Usop. Durante questo giro di prova Nami e i suoi amici vanno a schiantarsi contro il bordo esterno di un fossato e ci finiscono dentro. Lì i tre incontrano Cerbero che si mette a inseguirli finché i pirati non si nascondono in cima a un albero. Sull'albero fanno la conoscenza di Hildon il quale li invita alla residenza del dottor Hogback. Durante il viaggio in carrozza attraverso un bosco, accompagnati da Hildon, Nami, Usop e Chopper vedono un sacco di creature strane finché non vengono abbandonati in un cimitero. Lì subiscono l'attacco di un gruppo di zombie al quale scampano per miracolo. Finalmente raggiungono a piedi l'appartamento del dottor Hogback e fanno la conoscenza del dottore e della sua assistente, Cindry.

Dopo la cena, Nami decide di farsi un bagno, durante il quale viene attaccata da un'entità invisibile. Per fortuna Usop e Chopper, richiamati dalle grida della compagna, entrano e l'essere si allontana. Dopo questo incidente, Nami e gli altri scoprono che i dipinti, i tappeti e le teste di animali della sala in cui hanno mangiato sono in realtà degli zombie. I tre riescono a mettersi in salvo subito prima di venire catturati. Passando attraverso una porta segreta, Nami e i suoi compagni si ritrovano in una stanza piena di immagini di Cindry. Proprio mentre stanno per andarsene, i compagni si imbattono in uno scrigno. Aperto il forziere, tuttavia, ai loro occhi si mostra un'orribile sorpresa, talmente spaventosa da farli fuggire dalla stanza a gambe levate.

Nami svenuta vestita da sposa per volere di Absalom.

Dopo una lunga corsa, Nami e i suoi compagni arrivano nei pressi di una stanza, dalla quale si sente Moria parlare di un suo piano. Tuttavia, il trio viene scoperto e si mette in fuga, ritrovandosi a combattere con un gruppo di zombie. Durante la battaglia, Nami viene catturata da Absalom, e, dopo essere stata portata via, le vengono somministrati dei sonniferi e le viene fatto indossare un abito da sposa, poiché Absalom ha deciso di sposarla. Sanji riesce ad arrivare con l'intento di salvarla e ha la meglio sul rapitore prima dell'arrivo di Odr. Tuttavia, in un suo attimo di distrazione, Absalom riesce a portare via Nami per una seconda volta e a scomparire nel nulla. Nami riprende conoscenza nel momento in cui Absalom è sul punto di baciarla, e cerca di allontanarlo. Allora arriva Laura, che inizialmente attacca la ragazza per essere stata scelta come sposa di Absalom, aggredendo poi quest'ultimo per permetterle di fuggire. Absalom riesce a battere la zombie col suo bazooka invisibile, venendo a sua volta sconfitto da Nami.

Andando verso la nave, Nami passa sul ponte di Franky e vede Perona che si accinge a caricare il tesoro sulla Sunny per poi darsi alla fuga. La ragazza pianifica di attaccare Nami, ma fa la sua comparsa Orso Bartholomew, membro della Flotta dei sette, che fa uso del suo potere per spedire Perona su di un'altra isola nel momento in cui lei prova a sfidarlo. Dopodiché, il pirata chiede a Nami se Rufy abbia un fratello, e la ragazza gli risponde di sì.

Nami partecipa ad un attacco combinato contro Odr.

Nami, finalmente, arriva sul luogo nel quale si sta tenendo lo scontro fa i suoi compagni e Odr, scoprendo che Franky è stato preso d'assalto da Odr. Uno per uno, i membri della ciurma di Cappello di paglia vengono colpiti e resi incapaci di combattere, e rimangono solo lei e Usop. Proprio mentre la situazione inizia a farsi disperata e Odr li sta per battere definitivamente, sopraggiunge Rufy, che li salva quasi istantaneamente e sconfigge Odr e Moria. La ciurma di Laura raggiunge quella di Rufy e inizia a prendersi cura dei vari feriti. Tuttavia, Odr riesce a rialzarsi nuovamente, e i pirati inscenano una tattica per battere il mostro tutti insieme, rompendogli la colonna vertebrale.

Sconfitta la sua "creatura", Moria assorbe le ombre di tutti gli zombie sull'isola e si prepara a sconfiggere i suoi nemici. Nonostante ciò Rufy riesce a batterlo una volta per tutte e sviene per la stanchezza e le ferite. Poco dopo Nami si ricorda che anche Orso Bartholomew è sull'isola, e avvisa i suoi compagni. Egli, nel frattempo, riporta ai suoi superiori che Moria è stato sconfitto e gli viene dato l'ordine di uccidere i Pirati di Rufy facendo evacuare il ferito Moria. Tuttavia, anziché ucciderli come gli è stato ordinato, Bartholomew gli propone uno scambio: la testa di Rufy per la vita di tutti gli altri. La ciurma non si dimostra affatto d'accordo, e infine il pirata decide di attivare la sua bomba denominata Ursus Shock, mettendo fuori combattimento tutti coloro che si trovano sull'isola.

Rufy e gli altri festeggiano l'ingresso di Brook nella loro ciurma.

Quando tutti si riprendono, scoprono che sono ancora tutti vivi e che Orso Bartholomew se ne è andato. Dopo un giorno passato a recuperare le energie, Nami si unisce agli altri per la festa che stata organizzata, e ascolta Brook suonare il pianoforte. Rufy gli rivela di essere amico di Lovoon. Brook, felicissimo, chiede se può entrare a far parte della ciurma, e Rufy acconsente. Nami si unisce agli altri in una reazione di sorpresa. Dopo due giorni di festa e la sepoltura dei compagni di Brook, Laura affida a Nami una Vivre Card di sua madre, affermando che le sarà sicuramente utile. La ciurma salpa poi da Thriller Bark.

Saga delle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

La ciurma prosegue il suo viaggio, arrivando esattamente alla metà della Rotta Maggiore. Nami guarda il suo Log Pose, notando che l'ago è rivolto verso il basso, e afferma che l'isola degli uomini-pesce si trova sotto di loro. Rufy, Brook e Robin vanno in avanscoperta a bordo dello squalo-sommergibile del quale è provvista la Sunny, imbattendosi in un gigantesco Re del mare dalle sembianze di un coniglio. Fatto riemergere il sottomarino, Rufy gli assesta un pugno nello stomaco, mettendolo fuori combattimento e facendogli sputare fuori la sirena Kayme ed una stella marina di nome Pappagu. Kayme, come ricompensa per averla salvata dal Re del mare, dice ai pirati che il suo amico Hacchi potrebbe offrirgli dei deliziosi takoyaki, ma, cercando di contattarlo, scopre che è stato catturato e che si trova alla base di un noto sequestratore, Duval. Nami le propone allora di indicargli una via per l'isola degli uomini-pesce in cambio del loro aiuto nel salvare l'amico.

Nami gusta i takoyaki di Hacchan.

Nel covo di Duval, intanto, è stata allestita una trappola in vista dell'arrivo dell'ormai nota ciurma di Cappello di paglia. L'amico di Kayme, posto al centro della piccola baia artificiale dove sorge la base, funge da esca. Quando la ciurma scopre che si tratta di Hacchan, uomo-pesce loro nemico ad Arlong Park, i membri del gruppo che l'hanno conosciuto non si dimostrano granché felici di vederlo. Nonostante questo, Nami acconsente a salvarlo. Dopo la vittoria, si tiene una piccola festa, per la quale Hacchan prepara moltissimi deliziosi takoyaki. Consapevole dei torti inflitti alla ragazza, Hacchan chiede nervoso a Nami se le piacciano i suoi piatti. La ragazza gli risponde che non è disposta a perdonarlo con la sola offerta dei takoyaki, ma, provandone alcuni, afferma di trovarli deliziosi.

Salpando nuovamente, la ciurma va a cercare l'uomo che a detta di Kayme può aiutarli a raggiungere l'isola degli uomini-pesce fornendogli un rivestimento per la loro nave. Per fare ciò, il gruppo si dirige all'arcipelago Sabaody, un insieme di isole che si regge sulle radici di enormi mangrovie. Alla vista di alcuni centri commerciali, Nami corre a fare shopping insieme a Robin. Durante il loro giro di compere, la ragazza ascolta attentamente la spiegazione dell'amica archeologa sul passato degli uomini-pesce, la loro discriminazione e i torti che sono stati costretti a subire. Appena Robin finisce di raccontare, Franky le raggiunge in tutta fretta comunicandogli che Kayme è stata rapita per essere venduta come schiava alla casa d'aste. Allora Nami e Robin, come tutti i membri del gruppo, si dirigono immediatamente al Grove numero 1, dove è situata la casa d'aste. Quando Kayme viene messa all'asta, Charloss se la aggiudica offrendo una cifra spropositata. Intanto Rufy arriva insieme ai Tobiuo Rider.

Dopo che Charloss spara ad Hacchan, Rufy colpisce il nobile mondiale, scatenando il panico e la fuga di tutti i presenti alla casa d'aste, eccetto Eustass Kidd e Trafalgar Law. Nel frattempo, la Marina è arrivata e ha circondato la casa d'aste. All'improvviso la sua comparsa Silvers Rayleigh che libera Kayme dal collare esplosivo del quale sono muniti gli schiavi e fugge insieme alla ciurma di Rufy. Durante la battaglia, Nami contribuisce a mandare al tappeto alcuni marine.

Dopo la fuga, i protagonisti si dirigono al bar Tispenno, gestito da Shakky, un'amica di Rayleigh, per riposare. Qui Rayleigh gli rivela di essere stato membro della ciurma di Gol D. Roger, nel ruolo di vicecapitano. Rayleigh informa la ciurma del fatto che per rivestire la loro nave ci vogliano almeno tre giorni, e consegna a ciascuno un pezzetto della sua Vivre Card, in modo che possano ritrovarlo anche nel caso lui decida di spostare la nave.

Appena la ciurma di Cappello di paglia lascia il locale di Shakky, si ritrova attaccata da un Pacifista. I ragazzi si trovano in difficoltà ma, quando il Pacifista tenta di attaccare Nami, Robin gli tappa la bocca, dalla quale sta uscendo uno dei suoi raggi laser, facendolo sparare al suo stesso interno. Approfittando di un attimo di distrazione del cyborg, Nami ne approfitta per utilizzare su di lui un attacco che lo manda in tilt. Il resto del combattimento viene lasciato ai tre componenti della ciurma più forti: Rufy, Sanji e Zoro.

Dopo il combattimento, la maggior parte dei pirati sono esausti ma l'arrivo di Sentomaru con al seguito un altro Pacifista li costringe alla fuga. Intanto, arriva anche Kizaru, che si accinge ad attaccare Zoro, fermato appena in tempo da Rayleigh, che riesce a deviare il suo colpo e a prendere un po' di tempo per consentire a Rufy di gridare ai suoi compagni di scappare, in quanto si sono trovati davanti degli avversari troppo forti e al momento impossibili da sconfiggere. Il suo piano è quello di riuscire a sopravvivere per tre giorni, e ritrovarsi tutti e nove alla nave dopo tale lasso di tempo. Prima che il piano possa essere messo in atto, tuttavia, il vero Orso Bartholomew fa la sua comparsa, facendo sparire i membri della ciurma uno per uno. Prima di svanire improvvisamente nell'aria, Nami grida al suo capitano di aiutarla.

Le varie avventure della ciurma di Cappello di Paglia[modifica | modifica sorgente]

Dopo un viaggio durato tre giorni Nami atterra su una piccola isola del cielo chiamata Weatheria i cui abitanti sono studiosi esperti di meteorologia. Uno di essi, chiamato Haredas la invita a casa sua e si prende cura di lei. In seguito la piratessa lo segue mentre Haredas fa affari con le persone.

Saga dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

Haredas spiega a Nami com'è il clima nel Nuovo Mondo.

In seguito Nami viene imprigionata dagli scienziati dell'isola per aver tentato di rubare informazioni e della strumentazione. Leggendo della morte di Ace sul giornale scoppia in lacrime immaginando la sofferenza che Rufy sta provando in quel momento, così gli scienziati la liberano per compassione, soltanto per scoprire la messa in scena di Nami che sfrutta l'occasione per scappare prendendo Haredas come ostaggio. Mentre è ancora in fuga riflette sul fatto che Rufy sia sempre stato d'aiuto e di supporto al suo equipaggio nel momento del bisogno e adesso tocca ad ognuno di loro restituire il favore.

Ricevuto il messaggio in codice del capitano attraverso il giornale dopo la seconda scorribanda di Rufy a Marineford, Nami si lamenta dalla decisione, a suo dire, egoista e poco considerevole della situazione dell'equipaggio. In seguito viene nuovamente catturata dagli scienziati, ma dopo una nuova scenata per impietosirli si scusano e lei scappa via dicendo che li perdona e che ha bisogno di un posto dove vivere. Poco dopo Haredas le racconta degli strani fenomeni meteorologici del Nuovo Mondo e Nami decide quindi che ha bisogno di imparare tutto ciò che c'è da sapere sulla navigazione e sulla meteorologia per potere esaudire al meglio le sconsiderate richieste di Rufy, ricordando quanto lui abbia fatto per lei. Chiede quindi ad Haredas di insegnarle ad usare le Weather Ball, ma lui la avverte che possono essere molto pericolose se usate impropriamente facendo domandare a Nami se possono essere usate come armi.

Saga del ritorno alle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

Dopo due anni passati a Weatheria, Nami è la terza a raggiungere le Sabaody tra i suoi compagni di ciurma. Dopo essere passata dal Tispenno per salutare Shakky e Rayleigh, rivela di volere fare shopping. Alcuni giorni dopo, in un bar, scopre che esiste un gruppo di pirati che si finge la ciurma di Rufy, i quali la minacciano dopo avere ricevuto come risposta un rifiuto di sedersi con loro; al momento giusto arriva Usop che li attacca con un Pop Green. Nami e Usop lasciano il bar e cominciano a passeggiare per l'isola, non prima che lei abbia colpito ancora gli impostori con un fulmine generato dal suo Sorcery Clima Takt.

I due incontrano per caso Chopper, il quale è alla disperata ricerca di quella che crede essere Robin. Dopo averlo rassicurato del fatto che la donna rapita sotto i suoi occhi non è la vera Robin, i tre si dirigono alla nave. Lì ritrovano anche la vera Robin, Franky, Rayleigh e Shakky. Rayleigh informa Nami che in qualità di navigatrice della ciurma deve essere a conoscenza di come si guidi una nave rivestita con la resina speciale, perciò glielo insegna.

Quando arrivano anche gli ultimi compagni, alcune navi della Marina si avvicinano alla Thousand Sunny. Mentre gli alleati dei pirati si occupano di ostacolare la Marina la ciurma di Rufy si immerge per raggiungere l'isola degli uomini-pesce.

Saga dell'isola degli uomini-pesce[modifica | modifica sorgente]

La ciurma si immerge con la nave.

Dopo l'immersione, Nami e la ciurma osservano le meraviglie del paesaggio sottomarino e poi ascolta le parole di Franky, che rivela ai suoi compagni che colui che ha protetto la Sunny durante i due anni di separazione è stato Orso Bartholomew. Durante il viaggio Nami inizia una spiegazione riguardante l'andamento delle correnti marine, ma l'argomento annoia i suoi compagni e per questo si arrabbia. Raggiunta una cascata sottomarina che li potrebbe portare molto più in profondità in poco tempo, i pirati incontrano un kraken. Con grande disappunto di Nami, Rufy insiste nel volerlo domare e inoltre la stessa Nami si spaventa nel vedere la bestia distruggere la nave dei Pirati di Caribou. Nonostante i rischi a cui vanno incontro Rufy, Zoro e Sanji vengono rivestiti con la resina, escono dalla nave e sconfiggono il leggendario mostro. Tuttavia, i tre, dato che non erano legati alla nave, vengono separati dall'equipaggio a causa delle forti correnti, le quali trascinano anche la Sunny.

Nami dice ai suoi compagni di allontanarsi dall'eruzione del vulcano.

Raggiunti i settemila metri di profondità, la Thousand Sunny si ritrova sul punto di finire nelle fauci di un mostro marino, ma la nave e la ciurma vengono salvati da un gigantesco uomo-pesce simile ad un Umibōzu. All'improvviso appare l'Olandese volante, una nave guidata dal capitano Van Der Decken IX, il quale ha ordinato al gigante di salvare gli sconosciuti solo per potersi impadronire del loro tesoro. Mentre stanno per essere colpiti da Wadatsumi, Nami e gli altri vengono salvati dal kraken, appena "addomesticato" da Rufy e da lui battezzato Seppy, che colpisce violentemente Wadatsumi sconfiggendolo. All'improvviso, però, Nami si accorge che i vulcani sottomarini stanno iniziando ad eruttare.

Seppy inizia così ad allontanarsi dal magma portando la Sunny con sè. La ciurma di Cappello di paglia si immerge ulteriormente in una fossa oceanica riuscendo a sfuggire all'eruzione, anche grazie all'aiuto di Usop. Dopo aver raggiunto i diecimila metri di profondità, la ciurma nota una luce inusuale e un'isola circondata da una bolla, che Nami conferma, grazie al Log Pose, che si tratta dell'isola degli uomini-pesce.

Tra loro e l'isola compare Hammond della ciurma dei Nuovi pirati uomini-pesce e Nami nota sul suo collo il tatuaggio dei Pirati di Arlong. Hammond presenta loro un'alternativa: unirsi loro oppure morire. Sapendo che Rufy rifiuterà l'offerta di unirsi agli altri pirati ma rendendosi anche conto che in quelle condizioni non possono competere con gli avversari, Nami ordina a Franky di preparare un Coup de Burst con l'aria rimasta all'interno della bolla per superare Hammond e i suoi alleati e fare irruzione nell'isola.

Franky attiva il Coup de Burst e la nave attraversa in un lampo l'enorme bolla di resina che circonda l'isola degli uomini-pesce. La nave finisce preda di una corrente e la ciurma finisce per separarsi.

Nami si ritrova con Franky e Robin dopo il loro ingresso all'isola. I tre poi si separano per seguire i propri interessi. Nami decide di fare shopping nella residenza di Pappagu facendo compere al negozio di abbigliamento del primo piano. Poi si riunisce con Rufy, Usop, Brook, Pappagu e Kayme. Sentendo delle voci fuori dal negozio i membri della ciurma scoprono che il re Nettuno è arrivato fin lì per invitarli al palazzo del drago.

I Pirati di Cappello di paglia, Kayme e Pappagu partono trasportati da Megalo, mentre Nettuno dalla sua balena. Rufy chiede a Nami se sappia che fine hanno fatto gli altri; Nami gli risponde che Franky è andato alla ricerca dei parenti di Tom mentre Robin voleva cercare qualcosa riguardante i Poignee Griffe. Nami chiede poi a Nettuno se può chiamarlo nonno, suscitando la reazione di Pappagu che le dice di rivolgersi con più rispetto al grande Nettuno. Inoltre la ragazza chiede al dio del mare anche il perché sull'isola degli uomini-pesce ci sia la luce, nonostante si trovi a diecimila metri sotto la superficie. Nettuno risponde dicendo che l'isola fu fondata dagli uomini-pesce che iniziarono a vivere sul fondale marino dove c'era la luce, prodotta dalle radici del leggendario albero Eva.

Nami, Usop e Brook si ritrovano circondati dalle guardie reali.

Al suo arrivo al palazzo Nami ne osserva la bellezza. Quando Rufy si allontana in cerca di cibo Nami si domanda dove sia andato. Dopo aver ricevuto la notizia della sparizione di alcune sirene dal covo delle sirene e della temibile predizione di madame Shirley, le guardie e il personale del palazzo cercano di arrestare i Pirati di Cappello di paglia. Nami, Usop e Brook combattono contro le guardie e in seguito anche Zoro, arrivato lì in precedenza, si unisce alla battaglia salvando i tre da un attacco di Nettuno.

I Pirati di Cappello di paglia alla fine sottomettono e legano il re, i ministri, e le guardie reali. Mentre i suoi compagni stavano avendo una piccola discussione, Nami dice a se stessa che si sta godendo il suo soggiorno all'isola, con le visite turistiche e lo shopping. Chiede poi a una guardia di dirle l'ubicazione del tesoro nazionale con grande fastidio di Usop. Quando Zoro chiede se sia possibile lasciare isola degli uomini-pesce, Nami informa il gruppo che il Log Pose non funziona più. Il ministro della sinistra afferma che un semplice Log Pose non funzionerebbe nel Nuovo Mondo. Il ministro poi si offre di spiegare come funzionano le cose in cambio della liberazione per sé e per gli altri.

I tre principi tornano al palazzo e scoprono che è sotto il controllo dei Pirati di Cappello di paglia. Dato che i principi non riescono ad entrare, Fukaboshi parla con Zoro attraverso un lumacofono. Mentre Zoro e Fukaboshi stanno trattando, Nami chiede un miliardo di Berry come riscatto, infastidendo di nuovo Usop. Nami allora ascolta Fukaboshi che rivela loro che Jinbe ha lasciato un messaggio al loro capitano. Dopo aver sentito dei rumori provenienti dalla stanza di Shirahoshi, Nettuno chiede loro di andare a controllare che la principessa stia bene.

Brook si precipita immediatamente dalla principessa portando con sé il ministro della destra. Quando i due ritornano, il ministro informa Nettuno della scomparsa di Shirahoshi mente lo scheletro urla nel vedere che alcuni pirati (pedine di Hody Jones) stanno invadendo il palazzo. Nami e Zoro agiscono con calma mentre Usop va in panico.

Quando Zoro sconfigge i pirati, Nettuno chiede che Shirahoshi venga restituita. Quando Nettuno sospetta che sia stata opera di Rufy, Nami dichiara che Rufy non avrebbe mai rapito qualcuno dicendo al re di mettere i suoi sospetti su qualcun altro. Durante la conversazione, uno dei pirati riesce ad aprire il corridoio di collegamento. Nami e gli altri poi incontrano Hody Jones e Van Der Decken IX. Decken apprende da Nettuno che Shirahoshi non era più al palazzo e si reca subito da lei. Nami nota che Hody ha lo stesso tatuaggio dei Pirati di Arlong, per cui si separa dagli altri. In seguito indossa una bolla d'aria intorno alla testa mentre si aggrappa alla schiena di Kayme che la aiuta a lasciare il palazzo. Nami chiede a Kayme delle informazioni su Jinbe; la sirena ricorda che l'uomo-pesce faceva parte della stessa ciurma di Arlong prima che quest'ultimo abbia fondato la sua ciurma. Nami pensa di capire cosa Jinbe intende con il suo messaggio in cui chiede di non affrontare Hody e pensa inoltre che il legame tra Arlong e Hody sia più profondo. Poi chiede a Kayme di portarla alla foresta marina.

Nami fugge dal palazzo con l'aiuto di Kayme.

Nami e Kayme arrivano ben presto alla foreste marina dove incontrano Rufy, Shirahoshi, Jinbe, Hacchan, Franky, Chopper e Sanji. Nami informa tutti dell'incursione di Hody Jones al palazzo del drago. Nami poi ascolta Jinbe che rivela di essere stato lui il responsabile di aver permesso ad Arlong di scorrazzare nel mare orientale.

Quando Jinbe finisce il suo racconto, Nami non ha mostra alcun risentimento verso Jinbe dato che la colpa di quanto accaduto è di Arlong. Inoltre afferma di non odiare gli uomini-pesce, ma dichiara semplicemente che poteva fidarsi di Jinbe in quanto amico di Rufy. Quando Jinbe si mette a piangere, Nami mostra pietà per lui, sapendo quanto difficile deve essere stato per lui.

Nami fa amicizia con Shirahoshi.

Poi conversa amichevolmente con Shirahoshi. Nami commenta che Otohime era una buona madre e Shirahoshi diventa contenta nel sentirlo. La principessa spiega che aveva la tendenza a piangere ogni volta che pensava a sua madre e dice a Nami di sentirsi stranamente a suo agio accanto a lei. Nami dice di capirla dato che ha avuto un passato simile al suo. Subito dopo Hody Jones appare su tutti gli schermi del regno.

Quando Hody mostra il re Nettuno incatenato, Nami rivela di essere stati loro, soprattutto Zoro, a causare la cattura del re. Hody poi sfida i Pirati di Cappello di paglia e mostra Zoro, Usop e Brook chiusi in un gabbia. Nami e gli altri rimangono stupiti dalla piega presa dagli eventi. Dopo un breve litigio tra Rufy e Jinbe su chi debba affrontare Hody, i due riescono ad accordarsi su un piano di azione. Jinbe chiede chi possa rubare la lettera del nobile mondiale in possesso di Hody e Nami si offre di farlo, sostenendo di essere la persona migliore per questo lavoro.

Quando i centomila pirati capitanati da Hody Jones caricano, Nami sale sul carrarmato costruito da Franky e custodito nel canale 5 della Thousand Sunny assieme a Usop, Chopper e Pappagu. In seguito quando lo stesso Franky la fa uscire, si mette a combattere con le Clima Takt.

Nami provvede a sconfiggere molti sottoposti della ciurma di Hody Jones.

Vedendo come si infuria Sanji]] quando Nami rischia di venire colpita da Wadatsumi, Zeo e Ikaros Much decidono di attaccarla considerandola il punto debole dell'equipaggio. Zeo diventa invisibile e le blocca le gambe, mentre Much si prepara a trafiggerla con le sue lance. A salvare Nami ci pensa Brook, il quale viene colpito dalle armi dell'uomo-pesce ma è immune all'effetto disidratante e mortale. Mentre i suoi compagni affrontano gli ufficiali, Nami si occupa di sistemare quelli che restano tra i semplici membri dei Nuovi pirati uomini-pesce.

Dopo che la ciurma di Hody Jones è stata sconfitta, al palazzo reale si tiene una grande festa per celebrare lo scampato pericolo. Durante lo svolgimento Jinbe si apparta con i Pirati di Cappello di paglia e li informa di due grandi novità: lo scontro tra Aokiji e Akainu per la carica di grand'ammiraglio, vinto dal secondo, e il fatto che Barbanera sia diventato un imperatore e che stia uccidendo tutti gli utilizzatori dei frutti del diavolo più potenti per entrarne in possesso.

Più tardi, essendo venuta a sapere che il tesoro reale è sparito e che al re non interessa molto, chiede quale sarebbe la ricompensa per chi dovesse trovarlo. Avendo avuto la risposta sperata, cioè che se lo sarebbe potuto tenere, spedisce Rufy, Zoro e Sanji alla ricerca del ladro. Quando i tre tornano alla reggia senza l'oro si arrabbia moltissimo e li colpisce violentemente. Prima di partire riceve un nuovo Log Pose dal ministro della sinistra che li aiuterà nella navigazione nel Nuovo Mondo.

Durante la risalita verso la superficie, la Sunny si avvicina pericolosamente ad un vortice bianco e Nami si precipita sul ponte ordinando di allontanarsene immediatamente. Purtroppo la Sunny vi finisce dentro e la nave viene trasportata per una lunga distanza prima di riuscire a riemergere. Quando la ciurma entra nel Nuovo Mondo e Nami osserva tra il clima violento di questo nuovo mare.

Saga di Punk Hazard[modifica | modifica sorgente]

Appena entrati nel Nuovo Mondo la ciurma avvista un'isola circondata da un mare di fiamme. I Pirati di Cappello di paglia ricevono anche una chiamata di emergenza da qualcuno che sembra essere nei guai. Quando Rufy decide di soccorrere questa persona, Nami crea una strada di nuvole per permettere al capitano, a Usop, Zoro e Robin di passare sopra alle fiamme e raggiungere l'isola con la Mini Merry 2. Poco dopo la loro partenza, Nami nota che le nuvole sopra metà dell'isola sembrano essere nuvole invernali.

Gli uomini di Caesar Clown attaccano la Thousand Sunny con del gas soporifero.

Dopo che Usop, Robin, Rufy e Zoro sono sbarcati, Nami e gli altri, rimasti sulla Thousand Sunny, vengono attaccati con del gas soporifero da alcune persone che indossano tute protettive.

Dopo essere stati catturati, ad eccezione di Brook, i pirati si ritrovano chiusi in una cella assieme alle parti della testa ancora viva del samurai Kin'emon. Franky usa uno dei suoi raggi laser per fare un buco nella parete, permettendo all'equipaggio di fuggire portando la testa con sé. Correndo attraverso le sale del complesso la ciurma si imbatte in una stanza piena di bambini di varie dimensioni. I bambini sono entusiasti della loro presenza, ma Sanji vuole solo fuggire dalla stanza prima di venire catturato di nuovo.

Mentre le guardie li inseguono, i bambini cominciano a implorare i Pirati di aiutarli a fuggire. Nami decide di non ignorare le loro suppliche e di aiutarli. Sanji, Franky e Chopper attaccano poi gli uomini mascherati. Nami e Chopper scappano con i bambini mentre Sanji e Franky tengono a bada i nemici. Mentre stanno correndo, i bambini raccontano a Nami e Chopper come sono stati rapiti e che sono affetti da una malattia. Nami ha dei sospetti a riguardo e dice a Chopper di indagare in seguito sui bambini. Poi entrano in una stanza con dei corpi congelati al suo interno, lungo le pareti, sul soffitto e sul pavimento. Spaventato, il gruppo fugge e si riunisce con Franky, Sanji e la testa del samurai

Tutti poi corrono fuori dalla struttura e si trovano di fronte ai marine del G-5, Smoker, Tashigi e Trafalgar Law. Immediatamente tornano indietro cercando di trovare un'altra uscita per evitare qualsiasi combattimento. Mentre fuggono Law usa il suo potere per scambiare le personalità dei Pirati di Cappello di paglia; Nami finisce nel corpo di Franky e Sanji nel corpo di Nami. Dopo il ricongiungimento con il gruppo di Rufy, si rifugiano nei resti di un laboratorio. Sanji comincia ad agire piuttosto indecentemente, causando l'ira di Nami (nel corpo di Franky). Quando i bambini chiedono a Nami di mostrare alcune delle funzioni del corpo cibernetico di Franky, lei afferma di non avere intenzione di farlo. I Pirati di Cappello di paglia legano Barbabruna e lo interrogano chiedendogli chi sia Caesar Clown.

Usop trova un modo per distinguere i compagni a cui Law ha scambiato il corpo.

Più tardi Kin'emon lascia il gruppo con l'intenzione di cercare la parte mancante del suo corpo. Poco dopo Brook e Sanji (nel corpo di Nami) decidono di seguirlo per poterlo aiutare in caso di difficoltà, ma anche con intenzioni perverse riguardo al corpo di Nami, così la navigatrice (nel corpo di Franky) ordina a Zoro di andare con loro in modo che Sanji sia troppo occupato a litigare per poter approfittare della situazione. Non passa molto tempo che i bambini cominciano a sentirsi male, e il motivo è che ogni giorno veniva data loro una caramella contenente una droga che li ha resi assuefatti e dipendenti da essa. Uno dei bambini diventa anche violento e Usop è costretto ad addormentarli tutti con uno dei suoi colpi, dopodiché li incatena. Chopper (nel corpo di Sanji) e Nami decidono di stare con loro per prendersene cura, mentre Rufy, Robin, Usop e Franky decidono di fare qualcosa per loro e di andare ad affrontare il responsabile della situazione. Quando sono rimasti solo Chopper e Nami gli Yeti Cool Brothers li attaccano e rapiscono Nami su ordine di Caesar Clown, interessato al laser presente nel corpo di Franky. La ragazza viene comunque liberata grazie all'intervento di Rufy, Franky (nel corpo di Chopper) e successivamente di Trafalgar Law, e torna alla caverna. Lì Rufy annuncia alla ciurma che ha intenzione di allearsi a Law per sconfiggere un imperatore, e il gruppo si divide: Usop e Nami restano a guardia dei bambini. Di lì a poco però si presenta sul posto Caesar Clown che sconfigge senza difficoltà i due e riporta i bambini alla base.

Dopo essersi ripresa, Nami afferma di essere riuscita a salvarsi grazie alla forza del corpo di Sanji. Successivamente Smiley esplode rilasciando gas velenoso e Barbabruna aiuta lei e Usop a sfuggire alla nube velenosa. Mentre sono in fuga si uniscono al gruppo di Zoro e raggiunto il laboratorio riescono a entrare grazie a quest'ultimo e a Kin'emon. Dopo essere entrati i marine del G-5 tentano di arrestarli ma vengono fermati. Nami chiede a Law di ridargli il suo corpo (anche se Sanji è contrario) e viene accontentata. Nami si accorge di indossare un cappotto diverso da quello che aveva prima e prende a pugni Sanji accusandolo di aver sbirciato. Law dice a tutti i presenti di avere solo due ore di tempo per fuggire dall'isola, la ciurma si divide in tre gruppi e Nami va con Sanji, Zoro, Kin'emon, Usop e Brook per cercare i bambini.

Nami si sposta nel laboratorio cavalcando Barbabruna. Ad un certo punto il drago che Sanji, Zoro e Brook hanno utilizzato per salvarsi si scatena, così mentre Brook e Kin'emon litigano su chi debba avere il diritto di sconfiggerlo, Nami anticipa tutti e lo colpisce con uno dei suoi fulmini. Poi i due spadaccini, assieme, gli danno il colpo di grazia. Nami e il suo gruppo raggiungono Chopper, che non è riuscito a fermare i bambini in preda ad una fortissima crisi d'astinenza. Nami, Kin'emon, Zoro, Robin, Usop e Brook lo raccolgono privo di forze perché si è trasformato nel Monster Point, dopodiché continuano l'inseguimento che termina nella stanza dei biscotti. Lì incontrano Mone che riempie di neve la stanza e si prepara a sconfiggerli tutti quanti.

Mone intrappola Nami e Chopper nella sua forma demoniaca.

Mone cerca di attaccare Nami e Chopper, ma Zoro intercetta l'attacco e la blocca. Mone allora crea un muro di neve per bloccare gli inseguitori e si prepara ad attaccare di nuovo, ma Robin la ferma impedendole di ferire i compagni. Zoro taglia la barriera di neve che impediva a tutti di proseguire l'inseguimento e decide di vedersela da solo con la nemica.

Dopo essere usciti dalla stanza dei biscotti Nami e Robin cercano di fermare i bambini senza usare la violenza, ma alcuni di essi riescono a tagliare la strada a Mocia e ad accerchiarla. Con l'arrivo di Sanji e della squadra medica della base G-5 della Marina tutti i bambini vengono sedati.

Mentre Chopper sorveglia Mocia, Nami, Robin, Sanji, gli altri bambini e la Marina si dirigono verso l'uscita del laboratorio. Zoro e Tashigi poi si riuniscono a loro. Il gruppo raggiunge Rufy, il quale ha appena sconfitto Caesar Clown. Tutti quanti salgono a bordo di un carrello adibito al trasporto del S.A.D. e si dirigono verso l'uscita.

Giunti all'esterno, Nami e gli altri assistono allo scontro tra il Generale Franky da un lato e Baby 5 e Buffalo dall'altro. Avendo notato l'arrivo dei rinforzi Buffalo e Baby 5 afferrano Caesar e cercano di fuggire in fretta, ma Nami e Usop decidono di sfoggiare le loro abilità e di fermarli. Prima Nami forma un'enorme nube temporalesca e li fulmina, poi Usop li bombarda con delle rocce lanciate dalla sua fionda. Baby 5 e Buffalo perdono sensi mentre Caesar Clown viene bloccato da un paio di catene di agalmatolite.

Al termine della festa tenuta per festeggiare la vittoria le si avvicina Tashigi, che le chiede di essere lei a prendersi cura dei bambini. Nami accetta, consapevole che è difficile per dei pirati prendersi cura dei bambini; inoltre il fatto che sua madre fosse una marine la rassicura che i bambini siano in buone mani.

In seguito la ciurma parte, portando con sé Law, Caesar Clown, Kin'emon e Momonosuke. Mentre la nave si dirige a Dressrosa Rufy e Law spiegano a tutti i termini dell'alleanza finalizzata alla sconfitta di Kaido. Il mattino dopo tutta la ciurma legge sul giornale che Do Flamingo ha lasciato la Flotta dei sette ed ha rinunciato al titolo di sovrano di Dressrosa.

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Nami trasformata in arte da Jora.

Giunti in prossimità di Dressrosa la ciurma, Kin'emon e Law si dividono i compiti: Nami rimane a fare la guardia della Sunny assieme a Chopper, Brook e Momonosuke. Mentre il gruppo trascorre il tempo spensieratamente, all'improvviso sentono dei rumori provenire dall'interno della nave e capiscono che ci sono degli intrusi.

I rumori provengono da Jora, un membro dei Pirati di Donquijote, che ha invaso la nave insieme a molti suoi subordinati. Utilizzando i poteri del suo frutto del diavolo, trasforma Nami, Brook, Chopper e Momonosuke in opere d'arte. I quattro fuggono sperando di allontanare la piratessa dalla Sunny, che viene però trasformata in un'opera d'arte. Nami, Chopper e Brook allora tentano di reagire sconfiggendo gli uomini di Jora e distruggendo il loro sottomarino, tuttavia Jora usa i poteri del suo frutto del diavolo per trasformare in arte l'arma di Nami rendendola inutilizzabile. Subito dopo i tre ricevono una chiamata da Law che chiede loro di raggiungere Green Bit con la Thousand Sunny per prendere Caesar.

Il gruppo sulla Sunny sconfigge Jora.

Jora intrappola Nami, Chopper e Momonosuke in un dipinto che lentamente li avrebbe soffocati. Brook agisce con disinvoltura badando di più all'opera piuttosto che alla vita dei suoi amici, tuttavia, dopo essersi fatto ridare da Jora i suoi oggetti con l'inganno, la colpisce con uno dei suoi attacchi sconfiggendola ed annullando così il potere del suo frutto facendo tornare tutti normali. Per assicurarsi che non nuoccia più il gruppo attacca di nuovo Jora mettendola fuori combattimento, dopodiché si chiedono come mai Law intende consegnare loro Caesar e, quando vengono a sapere da Jora che Do Flamingo non ha mai abbandonato la Flotta dei sette, si preoccupano. Nelle vicinanze di Green Bit la Sunny viene attacca dai pesci combattenti e da Do Flamingo, ma per loro fortuna ad aiutarli arriva Sanji.

Poiché il cuoco e Law non riescono a contenere la potenza del nemico, Law incarica il gruppo di dirigersi a Zo immediatamente. Inizialmente sono riluttanti ad abbandonare i propri compagni su Dressrosa, ma poi quando sia Issho che Do Flamingo iniziano ad accanirsi su di loro usano il Coup de Burst per allontanarsi. Quando Zoro riesce a trovare Rufy viene organizzata una conferenza tramite lumacofono tra tutti i membri della ciurma e, dopo avere appreso la vera situazione di Dressrosa, viene deciso di far tornare la Sunny a Dressrosa per attaccare Do Flamingo con grande sgomento di Nami.

Tuttavia i Pirati di Big Mom raggiungono la Thousand Sunny per prendere Caesar e iniziano a fare fuoco contro la nave. Dopo avere eluso il fuoco nemico, Nami dice a Rufy che la Sunny non deve tornare a Dressrosa perché Law ha lottato duramente per tenere impegnato Do Flamingo e permettere loro di allontanare Caesar e Momonosuke per impedire che cadessero nelle sue mani. Rufy comprende che ha ragione e acconsente alla loro fuga verso Zo.

Nami para un attacco di Wanda.

Nami e gli altri riescono a sfuggire ai Pirati di Big Mom grazie ad uno stratagemma ed a sbarcare su Zo il giorno successivo. Qui Nami, Brook e Momonosuke iniziano a scappare da Sheepshead e da altri pirati, ma alla fine essi si ritirano dopo che Sheepshead viene battuto da Sanji e Brook. Nami poi raggruppa gli altri per cercare la strana ragazza che li ha condotti lì, finiscono però per imbattersi nei visoni sconfitti da Jack ed i suoi uomini.

Wanda attacca subito Nami, ma la ragazza riesce ad atterrarla e solo l'intervento di Tristan e Pedro impedisce alla visone di farsi esplodere con Nami. Dopo aver dissipato Koro, Nami ed il resto del gruppo iniziano a dare supporto ai visoni curandoli e fornendo loro l'antidoto diventando i loro benefattori.

Saga di Zo[modifica | modifica sorgente]

Nove giorni dopo il loro arrivo a Zo, Nami riceve da Wanda dei vestiti come segno di amicizia, e successivamente viene catturata da Vito, uno dei membri dei Pirati Firetank giunti sull'isola insieme ai Pirati di Big Mom per recuperare Caesar Clown e distruggere la ciurma. Nel momento in cui Pekoms, ex abitante dell'isola, intende risparmiarli per avere aiutato i visoni, Bege lo attacca alle spalle e prende le redini della situazione portando tutti i Pirati di Cappello di paglia dentro al suo corpo. Qui consegna a Sanji l'invito per il matrimonio tra lui e Pudding, figlia dell'imperatrice. Il cuoco riesce con uno stratagemma a lanciare fuori dal corpo del nemico Nami, Brook e Chopper e, prendendo in ostaggio Caesar Clown, ad obbligarlo a partire dall'isola portando con sé solo loro due.

Due giorni dopo, quando Rufy e gli altri arrivano a Zo, Nami e Chopper si trovano pacificamente nella foresta con i visoni. Quando vengono a sapere dell'arrivo dei loro compagni, entrambi vanno a salutarli e Nami, mentre abbraccia Rufy, lo avvisa di ciò che è accaduto a Sanji. Poco dopo, durante un banchetto, anche Brook raggiunge la ciurma ed a quel punto Nami e Chopper spiegano a Rufy ed agli altri come sono riusciti a sfuggire ai Pirati di Big Mom, mentre Wanda inizia a raccontare loro dell'attacco di Jack all'isola.

Nami e gli altri nascondono i samurai alla vista dei visoni.

Così, mentre si recano da Gatto-vipera per vedere le sue condizioni, Brook e gli altri raccontano ai nuovi arrivati di come Sanji e Caesar Clown se ne sono andati dall'isola e, al termine del racconto, decidono di andare a parlare con Big Mom per impedire il matrimonio. Arrivati alla residenza di Gatto-vipera, Nami si reca da Pekoms insieme a Rufy, Wanda e Carrot e qui il pirata rivela loro che la famiglia Vinsmoke di cui fa parte Sanji è una famiglia di assassini ed è a capo del Germa 66. Appena venuto a sapere che al termine del matrimonio Sanji non sarebbe più stato membro della loro ciurma, Rufy decide di seguire Pekoms da Big Mom appena si sarebbe ripreso e lasciare Nami e gli altri a Zo. Subito dopo Nami festeggia insieme ai suoi compagni, ai Pirati Heart ed ai visoni.

La mattina successiva Nami ed il resto della ciurma cercano di nascondere Kin'emon e Kanjuro, appena arrivati a Zo, dai visoni temendo che possano attaccarli, ma quando Cane-tempesta e Gatto-vipera li vedono li ringraziano e rivelano che Raizo è al sicuro ed anche che Momonosuke in realtà fa parte della famiglia Kozuki, amici dei visoni, e non è figlio di Kin'emon. Subito dopo i due accompagnano i Pirati di Cappello di paglia, i samurai e Law all'albero a forma di balena dove trovano Raizo incatenato ed un Poignee Griffe. Qui Nami e gli altri scoprono che la pietra è una dei quattro Road Poignee Griffe che uniti indicano l'ubicazione di Raftel e che due degli altri tre sono in mano rispettivamente a Kaido e Big Mom. Subito dopo i samurai li informano che il padre di Momonosuke, Oden, è stato un compagno di Roger ed è stato messo a morte dallo shogun del Paese di Wa e da Kaido, che sta occupando il paese al momento.

Nami insieme alla squadra di recupero di Sanji parte da Zo.

I quattro samurai allora chiedono aiuto ad entrambe le ciurme, e così i Pirati di Cappello di paglia stringono un'alleanza con i Pirati Heart, i visoni e la famiglia Kozuki per potere sconfiggere i due. Si dividono così in gruppi e Nami decide di aiutare Rufy, Chopper, Brook e Pekoms nel salvataggio di Sanji. Al gruppo si unisce anche Pedro e subito dopo Rufy butta giù tutti i suoi compagni dall'elefante per raggiungere la nave. Poco dopo essere partiti, Nami e gli altri scoprono che Carrot si è intrufolata a bordo, e decidono di portarla con loro.

Saga di Whole Cake Island[modifica | modifica sorgente]

Durante la traversata, il gruppo scopre che l'isola quartier generale dei rivoluzionari, Baltigo, è stata distrutta dai Pirati di Barbanera. Poco dopo esauriscono le scorte di cibo sulla Thousand Sunny, in quanto Rufy le ha usate tutte per cucinare un curry immangiabile.

Diversi giorni dopo, subito dopo essersi rifocillati con un pesce pescato da Rufy, e dopo essere entrati nel territorio di Big Mom, vengono avvicinati da una nave del Germa 66 capitanata da due fratelli di Sanji, Reiju e Yonji. Dopo che la ragazza ha curato Rufy, che era rimasto avvelenato a causa della pelle del pesce pescato, i due decidono di farli proseguire e fare finta di non averli incontrati.

Pudding accoglie i Pirati di Cappello di paglia in casa sua.

Proseguendo il viaggio, il gruppo sbarca a Cacao, una delle isole che fanno parte dell'arcipelago Tottoland sotto il controllo dei Pirati di Big Mom, per fare provviste. Rufy e Chopper tuttavia si mettono nei guai mangiando un intero edificio di cioccolato, ma a salvarli interviene Pudding che invita il gruppo a casa sua. Dopo avere scoperto che la ragazza è la promessa sposa di Sanji e che ha scoperto chi è in realtà il gruppo, la figlia di Big Mom decide di aiutarli nonostante si sia innamorata di Sanji in quanto non vuole separarlo dai suoi amici ed indica loro la rotta per raggiungere Whole Cake Island senza essere scoperto. Quando il gruppo ritorna poi sulla Sunny, non trova Pekoms ed al suo posto vedono il messaggio "andate via" impresso in bagno.

Nonostante questo, il gruppo prosegue il viaggio sulla Sunny seguendo la rotta indicata da Pudding, mentre Pedro rivela loro di essere già stato a Tottoland una volta. Durante la notte, il gruppo si arena in mare a causa della solidificazione del succo che sgorga da un corso d'acqua e viene attaccato da alcune formiche di mare. Nami indossa quindi un'armatura per proteggersi.[20] Dopo che sono state sconfitte, Pedro racconta a tutti i suoi trascorsi, offrendosi di recuperare il Road Poignee Griffe di Big Mom mentre gli altri salvano Sanji. La mattina successiva arrivano a Whole Cake Island e, mentre Brook e Pedro si separano per recuperare una copia del Road Poignee Griffe, gli altri si avventurano nella foresta della seduzione convinti di avere visto Sanji e Pudding, ma finiscono per perdersi ed incappare nelle bizzarrie della foresta. Dopo essere sfuggiti a Randolph, Nami e gli altri provano ad uscire dalla foresta, ma si accorgono che gli alberi bloccano continuamente la via e subito dopo la navigatrice viene catturata da Brulee, anche se riesce a liberarsi adoperando il Clima Takt.

Nami colpisce Brulee con una scarica elettrica.

Tuttavia, subito dopo Brulee intrappola Carrot dentro uno specchio e Chopper incita Nami a scappare mentre lui rimane indietro a combattere, anche se viene catturato. Alla sera, Nami viene trovata da Rufy che la scambia per una delle copie create da Brulee, ma dopo avere scoperto che è quella vera, Pound rivela loro come funzionano le cose a Tottoland, quali sono i poteri di Big Mom e di essere stato uno dei suoi mariti nonché il padre di Chiffon e Laura. I tre vengono però raggiunti da Cracker, Brulee e gli homeys che cercano di attaccarli; Nami e Pound cominciano a scappare e grazie alla Vivre Card data alla navigatrice da Laura, gli homeys non li attaccano in quanto contiene l'anima di LinLin. A questo punto interviene Brulee che tenta di intrappolare Nami nel "mondo dello specchio", ma grazie all'intervento di Pound la navigatrice costringe la donna a ritirarsi colpendola con una scarica elettrica.

Poco dopo Nami, grazie alla Vivre Card di Big Mom, riesce a soggiogare gli homeys della foresta della seduzione e undici ore dopo accorre in aiuto di Rufy nella sua lotta contro Cracker, bagnando con l'acqua i suoi soldati biscotto affinché diventino morbidi e il suo capitano possa mangiarli; a causa di questo Rufy attiva una nuova versione diversa del Gear Fourth grazie alla quale riesce ad avere la meglio su Cracker. Mentre Nami festeggia la vittoria, Rufy chiede a King Baum di portarli al castello di Big Mom, dove spera di incontrare Sanji. Lungo il tragitto il gruppo si imbatte proprio nella carrozza su cui stanno viaggiando Sanji e la sua famiglia, dunque Rufy corre incontro al suo amico. Il cuoco però afferma di essere un principe del regno di Germa, rinnega la sua ciurma e si accinge ad affrontare Rufy. Nami assiste impotente alla scena, che la stupisce ed intristisce, al punto da schiaffeggiare Sanji dopo che ha picchiato ripetutamente Rufy, che è rimasto impassibile deciso a rimanere dov'è fino a quando il compagno non sarebbe tornato con loro.

Nami viene immobilizzata da Galette.

Quando i Vinsmoke si sono allontanati, si genera su Whole Cake Island una tempesta causata da Zeus e Prometheus ed un'armata dei Pirati di Big Mom attacca Nami e Rufy, che non intende spostarsi di lì come promesso. Nami così combatte sfruttando le nubi temporalesche create da Zeus, tuttavia viene alla fine immobilizzata da Galette e Amande le sottrae anche la Vivre Card donatale da Laura. Successivamente Nami viene imprigionata insieme a Rufy da Mont d'Or dentro un libro: da qui parla con Big Mom e le dice che Laura è una sua amica. Per tutta risposta l'imperatrice si arrabbia ancora di più perché la figlia ha rovinato un matrimonio molto importante per lei. Più tardi i due vengono raggiunti da Pudding, che comunica loro la sua intenzione di uccidere Sanji durante la cerimonia e di fare assassinare loro due subito dopo.

Poco dopo Opera si prepara a torturare Nami per sapere dove si trovi Laura, ma viene fermato da Jinbe che lo sconfigge con un colpo solo e libera Rufy e Nami, anche se il ragazzo si allontana subito dai due per cercare Sanji ed avvertirlo del tradimento di Pudding. Nami e Jinbe proseguono da soli fino a quando incontrano Chopper e Carrot, che li portano nel mondo dello specchio per cercare i compagni. Una volta trovato Brook, riescono a trarlo in salvo strappandolo dalle grinfie di Big Mom. Subito dopo lo scheletro rivela di essere riuscito a fare le copie dei tre Poignee Griffe dell'imperatrice e si mettono alla ricerca di Sanji, durante la quale Jinbe rivela loro che un membro della sua ciurma ha salvato Pekoms ritrovatosi suo malgrado coinvolto in un complotto, e propone un'alleanza con i Pirati Firetank, con cui ha già organizzato un incontro; la maggioranza del gruppo è contraria. Poco dopo sfruttano un frammento di specchio per mettersi in contatto con Rufy, che afferma di essersi ricongiunto con Sanji e che accetta la proposta dell'alleanza.

Nami partecipa all'incontro con i Pirati Firetank.

Il gruppo così raggiunge la base dei Pirati Firetank e, durante un bagno per rendersi presentabili a Bege, Chiffon informa Nami e Carrot che il promesso sposo di Laura era Loki, principe di Erbaf, e di essere stata torturata dalla madre per la ribellione della sorella. Subito dopo, Nami partecipa alla riunione tra le due ciurme durante la quale raggiungono un accordo appoggiando il piano di Bege per assassinare LinLin.

La mattina successiva, Bege conduce i Pirati di Cappello di paglia alla cerimonia all'interno del proprio corpo e Nami e gli altri ne approfittato per riposarsi prima dell'inizio del piano. Quando la cerimonia ha inizio, l'uomo-pesce sveglia tutti ed il gruppo si dirige verso la terrazza dove si sta tenendo il matrimonio. Il loro piano di irruzione comincia con numerosi cloni di Rufy che saltano fuori dalla torta nuziale generando il panico totale; Nami ne approfitta per entrare nella torta insieme a Chopper e Carrot grazie al potere di Brulee, in attesa del momento opportuno per uscire, mentre Brook distrugge la foto di Carmel. Quando Big Mom rilascia accidentalmente l'Ambizione del re per il trauma mettendo fuori gioco la maggior parte dei presenti, Nami, Chopper e Carrot liberano i Vinsmoke e restituiscono loro le tute da combattimento che non hanno potuto portare alla cerimonia.

Il piano però fallisce in quanto Big Mom distrugge inconsapevolmente i KX Launcher che i Pirati Firetank le hanno sparato contro e lo specchio per la fuga, per questo Nami e gli altri decidono di rifugiarsi dentro la fortezza creata da Bege. A quel punto Nami è testimone dei colpi ricevuti dal pirata da parte di Big Mom e ascolta il suo piano di fuga con la collaborazione di Caesar Clown. Rimane poi scioccata quando Rufy e Sanji escono per difendere Reiju. In seguito vede i suoi due compagni e i membri del Germa 66 venire sconfitti, ma l'esplosione dello scrigno fatato, permette a tutti di mettersi in salvo.

Nami scaglia Zeus su Big Mom e i suoi sottoposti.

Raggiunta la costa, Bege scioglie l'alleanza e fugge con la sua ciurma, mentre Brook e Chopper si dirigono a recuperare lo Shark Submerge 3. Nami e gli altri tornano al limite della foresta della seduzione, dove la navigatrice usa una parte della Vivre Card che aveva precedentemente strappato per fare obbedire ai suoi ordini King Baum. Quest'ultimo trasporta il gruppo, ma poco dopo Big Mom li raggiunge a bordo di Zeus. Dopo che la donna li ha attaccati, Nami crea alcune black ball per darle da mangiare all'homey nuvola, il quale viene distratto e fa così cadere LinLin a terra. A quel punto sprona King Baum a correre per rivedere la sua amata e subito dopo Zeus la raggiunge per chiederle altro "cibo". La navigatrice accetta, ma in cambio gli chiede di diventare suo sottoposto e di trasformarsi in una nuvola talmente grande da oscurare il cielo. Il gruppo poi abbandona King Baum quando vedono Prometheus piombare sopra di loro, incenerendo l'homey albero. Subito dopo Nami fa mangiare un Weather Egg a Zeus, il quale cambia forma e si carica di fulmini; a quel punto fa piombare quest'ultimo sui loro inseguitori, fulminandoli.

Tutti sentono però la voce di LinLin provenire dal cratere formatosi, e poco dopo la vedono sbucare dal terreno, per questo riprendono la loro corsa. A quel punto Pudding, Chiffon e Nitro li raggiungono a bordo di Rabiyan e le due donne rivelano che la loro madre li sta inseguendo perché crede abbiano rubato la torta nuziale, per questo chiedono l'aiuto di Sanji per crearne una in grado di calmarla. Dopo che quest'ultimo è salito sull'homey, Big Mom lancia un fendente con la sua spada verso il gruppo che riesce però ad evitarlo. Subito dopo Pudding usa il suo potere sugli homeys della foresta della seduzione, in modo che smettano di confondere il gruppo, che riesce così a raggiungere la costa.

Nami vede che Chopper e Brook sono stati sconfitti e sale a bordo della nave con Jinbe e Carrot. Rivela all'uomo-pesce che la Sunny può fare un salto di un kilometro e per questo carica i barili di cola per utilizzare un Coup de Burst. Assiste poi al sacrificio di Pedro, che si fa esplodere per sconfiggere Perospero, per permettere loro la fuga.

Carrot tenta di raggiungere Pedro, ma viene fermata da Nami. Poi vede sulla spiaggia qualcuno rialzarsi, ma scopre che si tratta di Perospero, mentre LinLin afferra la nave.

Subito dopo Nami, su ordine di Rufy, usa il Coup de Burst, permettendo alla Sunny, con tutto il gruppo a bordo, di sfuggire. A quel punto la navigatrice e gli altri si accorgono che Rufy, Katakuri e Brulee non sono più con loro. Nami, Brook, Chopper e Carrot si disperano per il sacrificio di Pedro, ma quando Jinbe dice loro di non abbassare la guardia, rendendoli coscienti dei gesti del visone e di Rufy, la navigatrice comunica la rotta da tenere al gruppo. Subito dopo si stupisce nel vedere in lontananza Big Mom, che sta camminando sullo sciroppo creato da Perospero.

Nami sente la voce di Rufy provenire dallo specchio rotto, il quale le chiede di fare a pezzi tutti gli altri specchi presenti sulla nave perché i Pirati di Big Mom stanno per attaccarla. La navigatrice gli risponde che non può farlo altrimenti lui non tornerà più indietro. Capendo però poi la situazione in cui si trova il suo capitano, dà l'ordine al resto dell'equipaggio, ma a quel punto Carrot li informa dell'onda gigantesca che li sta travolgendo. Nami si scusa così con Rufy, affermando che per loro è la fine. Tuttavia poi Jinbe riesce a guidare la nave nello spazio che si forma quando l'onda sta per infrangersi, riuscendo a salvarli. A quel punto Nami rompe lo specchio del bagno ed ordina al resto dell'equipaggio di fare altrettanto. Poi contatta Rufy e lo informa che stanno bene e che raggiungeranno Cacao in circa dieci ore.

Un'ora dopo, Nami si preoccupa di essere finita in una trappola poiché nessuno li sta inseguendo. Alcune ore dopo, Jinbe scorge alcune navi, che poco dopo li circondano, così Nami si prepara a combattere. Poi l'equipaggio della Sunny viene raggiunto anche da Big Mom e Perospero. Nami inganna gli homeys palle di cannone, evitando che colpiscano la nave. Quando Carrot afferma che si occuperà lei dei nemici, la osserva trasformarsi e annientare la flotta di Charlotte Daifuku.

Nami si trova di fronte Big Mom.

Grazie ad un binocolo, la guarda saltare da una nave all'altra e seminare il panico tra i nemici. Subito dopo chiede delucidazioni a Jinbe riguardo a tale abilità e poi vede Brook andare ad aiutare Carrot. Dopo che quest'ultima è stata riportata a bordo, LinLin sale sulla Sunny con un salto, facendo piombare Nami nel panico. Quando l'imperatrice inizia a distruggere la nave, la navigatrice si preoccupa per Carrot e viene salvata da un attacco della donna da Chopper. Nami osserva Jinbe venire scagliato in mare e così tenta di ingannare Zeus nuovamente, ma questa volta l'homey decide di fulminarla, tuttavia Brook si frappone, salvandola. Vede subito dopo l'uomo-pesce attaccare Big Mom, facendola finire fuoribordo. A quel punto escogita assieme a Brook un piano che porta a fulminare la donna e a prendere in ostaggio Zeus.

Quando LinLin raggiunge nuovamente la nave grazie a Prometheus, divenuto una palla di fuoco enorme, Nami sconsiglia a Chopper di fare pazzie a seguito della sua trasformazione in Monster Point. A quel punto vede la nave di Bege poco lontano con la torta nuziale, che attira così l'attenzione dell'imperatrice. Il gruppo sulla Sunny viene raggiunto poi da Sanji e Pudding su Rabiyan, che chiede di Carrot e Pedro. Nami sta per rivelargli la sorte di quest'ultimo, ma Brook la anticipa affermando che entrambi stanno riposando all'interno della nave. Il cuoco rivela poi che i Pirati di Big Mom sanno del piano della ciurma di riunirsi al suo capitano su Cacao e fa ritorno verso di essa volando nuovamente su Rabiyan assieme a Pudding. Nami informa Jinbe riguardo la rotta da tenere ed osserva poi Charlotte Smoothie scagliare contro la nave dei fendenti che l'uomo-pesce riesce ad evitare.

Poco prima dell'orario dell'incontro con Rufy a Cacao, si preoccupa del fatto che, anche se quest'ultimo vincesse il duello contro Katakuri, avrebbe bisogno di Brulee per fuggire dal mondo dello specchio. Qualche minuto dopo, Sanji contatta i presenti sulla Sunny per chiedere loro di non avvicinarsi troppo alla flotta che attende lungo la costa.

In seguito il cuoco comunica loro che Rufy è uscito dallo specchio, per questo festeggiano. Assistono poi all'esplosione di molte navi nemiche per mano del Germa 66. A quel punto, la navigatrice chiede a Jinbe se poterli considerare come alleati o nemici, ricevendo rassicurazioni. Subito dopo Sanji contatta la nave, chiedendo all'equipaggio di avvicinarsi al porto per far sì che lui e Rufy possano tornare a bordo. Quando la navigatrice li vede arrivare, festeggia.

A quel punto la nave viene attaccata dalla flotta di Smoothie, ma Vinsmoke Judge giunge in suo soccorso, chiedendo a Rufy perché stia rischiando la vita per Sanji. Subito dopo però alcune navi dotate di pale sbarrano la strada alla Thousand Sunny, tuttavia Wadatsumi le attacca fuoriuscendo dall'acqua. Vede poi i Pirati del Sole venire attaccati da Oven, che fa bollire il mare, ma poi Wadatsumi porta la Sunny all'interno della sua bocca e si immerge. Dopo essere stato colpito dai poteri di Oven, è costretto a tornare in superficie e sputare la nave; Nami è così testimone del ringraziamento dell'uomo-pesce a Jinbe per averlo portato con lui e si scusa per quanto fatto sull'isola degli uomini-pesce. Sente poi Jinbe dire di rattoppare la nave ed allontanarsi, mentre lui aiuterà i suoi ex compagni di ciurma contro la flotta di Big Mom, e Rufy dire che lo aspetteranno nel Paese di Wa, poiché ora è lui il suo capitano.

Osserva poi il cielo da cui scende zucchero filato e vede gioire i suoi compagni quando Sanji afferma che preparerà da mangiare.

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

Mentre la Sunny naviga, Rufy trova nella propria tasca una Raid Suit con impresso il numero 3. Sanji, comprendendo che Niji ha voluto fargliela avere, si rifiuta di utilizzarla e decide di gettarla, nonostante Rufy e Chopper lo supplichino di non farlo. Nami quindi dice al cuoco di non sottovalutare la scienza, mostrando il proprio Clima Takt con all'interno Zeus, con cui Sanji inizia a litigare per lo stato di servitore personale della navigatrice. Poco dopo, Carrot ottiene un giornale da un news coo e legge la notizia riguardante il piano di assassinio contro Big Mom da parte di Rufy, Sanji, Jinbe e Bege. Guardando i nuovi manifesti da ricercati allegati al giornale, Sanji esulta per avere superato la taglia di Zoro, per poi incupirsi notando che è stato riportato anche il suo cognome; anche Rufy si deprime quando legge che la sua taglia è scesa a 150.000.000 Simbolo Berry.png. Brook però legge il manifesto da ricercato del suo capitano e fa notare a quest'ultimo che in realtà la sua taglia ammonta a ben 1.500.000.000 Simbolo Berry.png, lasciando esterrefatto l'intero equipaggio.

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

L'equipaggio della Sunny legge le notizie riguardanti il Reverie, notando che vi partecipano diversi loro conoscenti: Chopper ritaglia la foto di Kureha e Sanji quelle delle principesse, facendo infuriare Nami perché ora non può leggere l'articolo su Kaido e Big Mom.

I pirati raggiungono le acque del Paese di Wa e notano le insolite condizioni delle onde e delle nuvole. Nami ricorda che Kin'emon li aveva avvertiti del meteo locale affermando che l'avrebbe spiegato meglio tramite lumacofono quando avessero raggiunto il territorio dell'isola. La ciurma si rende conto che a bordo c'è anche un bizzarro polpo e improvvisamente la nave viene trascinata da un banco di carpe gigantesche. Rufy si aggrappa a uno dei pesci, facendo innervosire Nami, e viene separato dalla Sunny, la quale va incontro a diverse onde anomale e poi viene trascinata dalle correnti fluviali fino ai piedi di un'enorme cascata. Rufy torna a bordo e, per evitare che la nave subisca danni, afferra due delle carpe che stanno risalendo la cascata. Quando la nave raggiunge la cima, viene risucchiata in un mulinello. Rufy quindi fa da trampolino in modo che Sanji possa portare gli altri in salvo, non potendo però seguirli poiché trattenuto dal polpo e quindi trascinato dalla corrente insieme alla nave.

Kin'emon spiega il piano a Carrot ed ai Pirati di Cappello di paglia.

Nami, Sanji, Chopper, Brook e Carrot cercano Rufy nei dintorni, trovando solo la sua Vivre Card, grazie alla quale capiscono che il capitano sta bene. Più tardi, riescono a mettersi in contatto ed incontrare Kin'emon, che li porta alle rovine del castello di Oden, dove poi si riuniscono anche a Momonosuke, Rufy, Law, Shachi e Penguin, con l'aggiunta di Kiku. Il gruppo entra così nelle rovine, dove Kin'emon spiega che lui, Momonosuke, Kanjuro, Raizo e Kiku in realtà provengono da vent'anni prima. Kin'emon racconta le vicende del passato e come i cinque siano stati separati, per poi riassumere la situazione: attualmente, contando i vari gruppi coinvolti, dalla loro parte hanno circa cinquemila persone. Il piano però prevede di limitarsi a raccogliere informazioni per due settimane e poi, durante la notte della festa del fuoco, attaccare Onigashima, dove risiede Kaido.

Kin'emon afferma che basterà una comune imbarcazione per raggiungere Onigashima poiché è ben visibile dalle coste del Paese di Wa, in modo anche da passare inosservati, mentre Kiku spiega che la festa del fuoco è un evento indetto dagli abitanti della capitale per celebrare il loro amato re Kaido e che vi partecipa anche lo shogun Kurozumi Orochi. Kin'emon inoltre istruisce gli altri su come rintracciare gli alleati, li informa dei ruoli di Franky e Robin nel piano e di quelli che loro dovranno ricoprire, per poi usare i suoi poteri per donare loro dei travestimenti. Richiama così la kunoichi che farà loro da guida e rivela che il primo obiettivo sarà radunare tre samurai essenziali per la loro causa. All'improvviso, il cielo diventa scuro e minaccioso e un gigantesco drago compare: si tratta di Kaido.

Mentre Nami e gli altri discutono sull'improvvisa comparsa di Kaido in forma di drago, Law spiega che l'imperatore potrebbe avere scoperto la loro presenza perché lui, Rufy e Zoro sono stati scoperti e che sia deciso ad eliminarli in seguito a ciò che hanno fatto per interrompere il suo commercio di Smile. Nami vede poi Rufy, Law, Kin'emon e Kiku dirigersi verso Okobore. Improvvisamente, Kaido vola verso le rovine e le distrugge. Shinobu allora fa sprofondare il suolo su cui si trovano così da evitare l'attacco, mentre Chopper usa il Guard Point per impedire che sprofondino insieme al terreno. Sanji porta poi in salvo le donne; quando anche gli altri vengono tirati fuori dal cratere così creato, Kiku rivela loro quanto accaduto.

Shinobu e Nami spiano.

Nami e Shinobu si intrufolano poi in un'abitazione della Capitale dei fiori per spiare due uomini intenti a trattare l'acquisto di armi. La navigatrice riesce a scoprire il giorno e il porto in cui esse arriveranno nel Paese di Wa, ma poi le due vengono notate ed attaccate. Riescono però a fuggire grazie alle abilità della kunoichi. Poco dopo vedono una fila di persone ad un banchetto, sul quale sta cucinando Sanji. Nami, dopo avere visto che si tratta di sole donne, si irrita perché il cuoco non ha minimamente provato a reclutare samurai come avrebbe dovuto.

Nami fa cadere Zeus su Orochi.

Mentre sono nascoste nel sottotetto, Nami e Shinobu ricevono notizie da Robin, che le informa di essere stata scoperta e della presenza di almeno undici ninja nel palazzo. Le due vedono Orochi aggredire gli uomini presenti e afferrare Komurasaki con le fauci. Vedendo Brook spaventare gli Orochi Oniwabanshu fingendosi un fantasma e Robin attaccarli, Nami e Shinobu si preparano ad intervenire, ma un ninja riconosce la kunoichi, che lo neutralizza con un colpo basso e fa marcire il legno sotto di loro, facendo crollare il sottotetto addosso a Orochi, che dunque lascia andare Komurasaki. Kyoshiro però la ferisce con un fendente apparentemente mortale, mentre lo shogun decide di sbranare Toko incolpando la sua fastidiosa risata di quanto accaduto. Per salvare Robin, che sta trasportando la bambina, Nami scatena i fulmini di Zeus su Orochi.

Più tardi, Nami, Robin, Brook, Kanjuro e Shinobu raggiungono il Cimitero settentrionale di Ringo e, scambiandosi informazioni, stabiliscono di recarsi ai bagni pubblici per poi verificare le condizioni di Toko, andata nel quartiere a luci rosse.

Ai bagni pubblici della capitale, Shinobu parla a Nami e Robin del famoso e famigerato Hyogoro, capo della yakuza che venne giustiziato per la sua fedeltà a Kozuki Oden quando persino Fukurokuju aveva cambiato schieramento per servire Kurozumi Orochi, motivo per cui la kunoichi si diede alla vita da fuggitiva.

Inaspettatamente, Hawkins e Drake raggiungono i bagni termali: il primo entra in cerca degli alleati della famiglia Kozuki mentre il secondo rimane fuori in attesa di imbattersi in Soba Mask. Hawkins scopre la navigatrice nascosta dietro alla kunoichi e le toglie l'asciugamano, facendo perdere sangue dal naso a tutti i presenti, compreso Sanji, che era invisibile. Quando alcune donne riconoscono quest'ultimo come Soba Mask, Drake corre dentro, ma sviene vedendo le donne. Sanji riesce a fuggire portando con sé Nami, Robin e Shinobu e rivela di avere sentito che Bepo, Shachi e Penguin sono stati catturati per costringere Law ad uscire allo scoperto.

I quattro si riuniscono agli altri in una casa di Ebisu, dove Shinobu accusa i sottoposti di Law in prigione di avere svelato i loro piani al nemico e propone di non salvarli per evitare di fallire. Nami inoltre colpisce ripetutamente e violentemente al volto Sanji per il sospetto che egli fosse nascosto all'interno dei bagni pubblici. Mentre Kanjuro grida contro la kunoichi dichiarando che non possono perdere l'appoggio dei pirati, Tonoyasu entra nella casa in cui essi si trovano e mostra entusiasta il messaggio codificato che ha ricevuto in quanto seguace di Oden.

Nami e Usop discutono di quanto accaduto tra Shinobu e Law quando si imbattono negli ultimi arrivati di Ebisu: Bingo, Bongo e Bungo, tre criminali esiliati dalla Capitale dei fiori. Un'anziana del villaggio poi spiega loro che Tonoyasu ha venduto la propria figlia Toko alla Capitale dei fiori, da cui riceve periodicamente abbastanza soldi da acquistare cibo e medicinali da condividere con chi non può guadagnarsi da vivere.

Quando viene trasmessa in diretta l'esecuzione di Tonoyasu, Kanjuro e Shinobu rivelano essere in realtà Shimotsuki Yasuie, che un tempo era il signore feudale di Hakumai. Dopo l'esecuzione, Shinobu spiega al gruppo la crudele verità sugli Smile e, quando Toko si avvicina al corpo di suo padre e Orochi le spara, Nami vede Zoro e Sanji salvarla. La navigatrice e il resto della ciurma si uniscono poi al combattimento.

Sfuggita agli scontri, torna ad Ebisu, dove Bepo le consegna il messaggio diffuso da Yasuie prima di morire. Nami decide così di recarsi ad Amigasa con Franky per mostrarlo a Kin'emon, in modo da decifrarlo.

Qualche giorno dopo, nel villaggio, Kin'emon rivela a tutti gli alleati il significato del messaggio, fornendo un diverso punto di ritrovo per raggiungere Onigashima. Tenguyama Hitetsu mostra poi ai presenti le spade di Oden che ha conservato per vent'anni: Ame no Habakiri, che Momonosuke non vuole impugnare, ed Enma, che viene consegnata a Zoro come promesso da Hiyori, e Nami ne osserva la potenza.

Il giorno in cui Chopper e Rufy raggiungono Amigasa, Nami è felice di rivederli. Si arrabbia poi quando Zoro e Sanji iniziano a litigare; subito dopo ascolta Robin rivelare di avere scoperto che il clima di Onigashima è invernale ed è felice sapendo che i visoni potrebbero trasformarsi in sulong dato che ci sarà la luna piena, anche se coperta dalle nuvole.

La notte della festa del fuoco, sale a bordo della Thousand Sunny e raggiunge il porto Tokage appena in tempo per soccorrere i samurai diretti ad Onigashima dai Pirati delle cento bestie, chiedendo loro se è successo qualcosa vista l'assenza dei loro alleati, che tuttavia giungono poco dopo.

Vede poi Rufy, Law e Kidd distruggere una nave nemica e Denjiro fare altrettanto con una seconda.

Kanjuro, che si rivela essere la spia di Orochi, crea una gru con cui fugge verso Onigashima portando Momonosuke con sé, dichiara di volere uccidere Kozuki Hiyori e semina gli inseguitori con una nuvola che li colpisce con frecce di inchiostro. Momonosuke grida agli alleati di proseguire senza di lui e Rufy afferma che andrà comunque a salvarlo.

A quel punto la nave rimanente dei Pirati delle cento bestie affonda alcune imbarcazioni sparando con dei cannoni a lunga gittata, tuttavia essa viene distrutta da Jinbe, il quale si presenta come nuovo membro della ciurma di Cappello di paglia. Gli altri lo accolgono e poco dopo Nami osserva molti dei suoi compagni sconfiggere i guardiani che proteggono il porto di Onigashima. Avendo trovato dell'alcol, sono intenti a celebrare l'ingresso dell'uomo-pesce nella ciurma, ma poi decidono di rimandare i festeggiamenti a quando la guerra sarà finita. La Victoria Punk li raggiunge e le due ciurme fanno a gara fino all'isola.

Raggiunta l'entrata di Onigashima, Usop rivela al resto della ciurma di avere addormentato le guardie. Gli alleati poi ottengono dei vestiti analoghi a quelli dei nemici grazie al potere di Kin'emon, per confondersi tra loro. Quando Jinbe rivela che Rufy ha seguito i Pirati di Kidd, Nami è tra coloro che si preoccupano in quanto si farà scoprire, ma l'uomo-pesce dice che Zoro aveva affermato la stessa cosa e gli è corso dietro. La navigatrice cade quindi nello sconforto consapevole che lo spadaccino si perderà. Poco dopo assieme ad Usop, Sanji, Chopper, Carrot e Shinobu si dirige al punto d'incontro con il Brachiotank 5, raggiungendo il gruppo di Kin'emon.

Quest'ultimo, che sta percorrendo il lato orientale di Onigashima, si dividerà in due per circondare il nemico: una parte proseguirà, l'altra scalerà la montagna. Quando Shinobu sceglie di addentrarsi e formare un gruppo per cercare Momonosuke, Nami decide di farne parte. Inaspettatamente, però, si imbattono nel lupanare gestito da Black Maria e Sanji vi si precipita, uscendone subito perché vuoto. Il gruppo decide di approfittare del fatto che non ci sia nessuno e percorre il ponte a lato della struttura e si separa. Quando Kin'emon sente però una voce avvicinarsi, ordina a tutti di gettarsi in acqua. Usop e Chopper, a bordo del Brachiotank 5, non fanno in tempo a nascondersi e vengono inseguiti dall'imperatrice. Nami, Carrot e Shinobu dunque proseguono, venendo però scoperte da Prometheus, che chiama anche Big Mom; si lamentano anche del comportamento di Sanji, che è ancora intento a cercare le prostitute del lupanare invece di aiutarle. Shinobu riesce a fuggire, mentre Nami, Carrot e Zeus vengono catturati e portati nella sala dove Kaido sta tenendo un discorso. La navigatrice spera che la kunoichi riesca a liberare Momonosuke. Mentre tutti sono distratti dall'improvviso attacco dei servitori di Oden ai danni di Kaido, Nami e Carrot si liberano dagli homeys con degli attacchi elettrici.

Shinobu tenta di liberare Momonosuke, ma King la nota e la scaglia contro una parete. Inaspettatamente, Sanji sopraggiunge con la sua Raid Suit e riesce a spezzare le catene di Momonosuke, venendo però scoperto e attaccato dalla Superstar. La navigatrice afferma così che credeva stesse ancora inseguendo le prostitute. Vede poi il cuoco lanciare il bambino a Shinobu, mentre il nemico si trasforma in pteranodonte per colpirlo e sbatterlo contro una struttura. Quando Nami vede Big Mom attaccare Rufy, si allontana portando con sé Zeus, il quale le dice che non hanno scampo. La ragazza gli chiede da che parte stia, così l'homey risponde che non può fare nulla contro l'imperatrice, la quale riesce a riprenderselo. Quest'ultima si prepara ad usare la carica elettrica di Zeus, il quale si scusa con Nami, ma a quel punto Big Mom viene colpita al volto dal F.R.-U 4 rinoceronte nero guidato da Franky e Zeus tagliato in due da Brook. La navigatrice abbraccia quindi il cyborg per ringraziarlo. Big Mom si rialza infuriata con la ciurma di Cappello di paglia e quando Franky attira l'attenzione della donna, Nami gli dice di smetterla e gli suggerisce di fuggire. Il cyborg ribatte chiedendole se non voleva fare del loro capitano il re dei pirati, per poi prepararsi a colpire l'imperatrice. Tuttavia giungono anche tre Numbers e Nami si spaventa dato che le ricordano Odr: uno di loro ha in mano il Brachiotank 5 con a bordo Usop e Chopper, così Nami vede il cyborg rivolgere l'attacco contro di lui e liberare i due compagni. Big Mom impugna così Napoleon e si accinge a colpire Franky, ma Jinbe la afferra e la scaraventa al suolo, dove le mani di Robin la fanno rotolare contro una parete. Poco dopo, Nami si ritrova insieme al resto della ciurma, che si prepara a scontrarsi contro i nemici. Uno dei Numbers cerca di colpire i presenti con la sua mazza chiodata, ma Nami vede Zoro tagliarla in due, per poi assistere alla sconfitta del nemico per mano di Rufy.

Quando Page One e Ulti si scagliano contro i samurai, Usop colpisce il primo con un Pop Green, nascondendosi dietro a Nami per fare in modo che i nemici pensino ne sia l'artefice. La navigatrice quindi si volta colpendolo con una sberla. A quel punto fuggono, venendo inseguiti dai due combattenti. Nami viene gravemente ferita da una testata di Ulti,[21] che Usop riesce a catturare. Lei però viene liberata da Page One, e dà così una testata al cecchino e minaccia Nami intimandole di ammettere che Rufy non riuscirà mai a sconfiggere Kaido e diventare re dei pirati. La navigatrice dopo avere provato ad arrendersi affinché le venga risparmiata la vita e affermato che Rufy è un idiota, proclama però il contrario, così Ulti si prepara a ucciderla, venendo tuttavia fermata dall'improvviso arrivo di Tama e Komachiyo, che la morde. Mentre il komainu li porta via, Nami si sincera delle condizioni di Usop e chiede a Tama come li abbia raggiunti. Lei spiega di essere arrivata a bordo di una nave nemica; Hihimaru sopraggiunge e tiene a bada Page One e Ulti, così la navigatrice afferma che il babbuino non ha speranze, venendo criticata da Tama.

Quando l'isola inizia a tremare, si domanda a cosa sia dovuto. Tama le rivela il suo piano e poi le parla di Ace, dicendole che lei si è allenata in attesa del suo ritorno, ignara che fosse morto, ma che Rufy è insensibile a riguardo. Nami le rivela che ciò è accaduto due anni prima e che quell'evento è stato molto doloroso per il ragazzo, perché Ace era suo fratello. Tama ne rimane sconvolta e inizia a piangere, temendo che a Cappello di paglia abbia dato fastidio il suo atteggiamento, ma Nami la tranquillizza e le dice di mettere in pratica il suo piano: Usop inizia così a lanciare i dango di Tama nelle bocche dei Gifters per renderli loro alleati.

Il gruppo raggiunge poi la torre destra del palazzo dove Franky sta combattendo contro Sasaki e le sue truppe, che lo stanno bloccando per consentire al triceratopo di colpirlo: il cyborg chiede loro di liberarlo, ma inizialmente lui e Nami fingono di essere inseguiti dai Gifters, i quali poi liberano Franky, che riesce così a evitare l'incornata di Sasaki. Ulti li raggiunge ed afferma che spaccherà le loro teste, ma Nami riesce ad anticiparla, fulminandola. La navigatrice ammette però che l'attacco non la terrà a bada per molto perché il fulmine non era abbastanza potente. Durante i combattimenti, sente la voce di Sanji che chiama Robin e capisce che deve avere trovato una donna come avversario. Usop invece le fa notare che la voce proveniva da un gatto con il simbolo di un occhio su un foglio che ha davanti al muso.

Prototipi per One Piece[modifica | modifica sorgente]

L'aspetto di Nami, la sua personalità ed in parte la sua storia sono il risultato di un lungo processo di evoluzione passato tramite diversi personaggi. Il primo di essi fu Silk, nella prima versione di Romance Dawn, al quale seguì una ragazza di nome Ann nella seconda versione. Tutte e due le ragazze hanno distinte personalità che sembrano essere state incorporate in quella finale di Nami.

Un fatto non del tutto chiarito è la cicatrice che Nami si procurò quando si pugnalò dove si trovava il tatuaggio di Arlong. Anche dopo che fu rimosso la cicatrice rimase, ma il nuovo tatuaggio l'ha coperta.

Secondo One Piece Green, Nami era stata inizialmente concepita come una combattente equipaggiata con un'ascia da battaglia.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Nel manga il colore del suo tatuaggio è nero, mentre nell'anime è blu. Nelle prime stagioni dell'anime il colore dei suoi occhi era nero.

Saga del Romance Dawn[modifica | modifica sorgente]

Nami mentre ruba il tesoro di Albida.

Nami viene introdotta nell'anime già nel primo episodio. Compare sulla nave che viene attaccata da Albida e, mentre i pirati vanno all'assalto, lei si intrufola sulla loro nave per rubare il loro tesoro. Dopo che Rufy sconfigge Albida se ne va mentre il pirata e Kobi calano la loro scialuppa vicino alla sua. Successivamente si intrufola nella base di Morgan con lo scopo di rubare la mappa per la Rotta Maggiore che scopre però essere già stata rubata dai Pirati di Bagy.

Saga di Orange[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime viene mostrato quando Nami ruba il tesoro di Bagy.

Saga di Rogue Town[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime nota Usop dopo essere stato sconfitto a duello da Daddy Masterson e lo raggiunge.

Saga di Warship[modifica | modifica sorgente]

La ciurma avvista una bambina in mare e la porta sulla Merry. La piccola dice di chiamarsi Apis e chiede di potere essere portata alla sua isola natale, Warship; i pirati quindi acconsentono. Durante la navigazione vengono intercettati da alcune navi della Marina, tuttavia un forte vento spinge la Going Merry in una fascia di bonaccia e poco dopo alcuni Re del mare emergono dalle acque; la nave finisce così sul naso di uno di essi. Apis cade dalla nave, ma Rufy la salva. La bambina poi strappa un pelo dal naso dell'animale, cercando di farlo starnutire. Quando ciò accade la nave viene rispedita nel mare orientale.

Giunti a Warship, Bokuden ringrazia la ciurma per avere salvato sua nipote e racconta loro la leggenda secondo cui gli abitanti dell'isola un tempo vivevano altrove assieme ai sennenryu, draghi dalle cui ossa si può ottenere l'eterna giovinezza.

Nami e Rufy seguono poi Apis, uscita di nascosto, fino alla cima della montagna, dove trovano un sennenryu. Qui scoprono che la bambina può comunicare con lui grazie al frutto Whisper Whisper e quest'ultima afferma che il drago sa che l'isola da cui proviene riemergerà, ma non ricorda dove. Apis poi rivela che i marine l'avevano rapita per impossessarsi delle ossa del drago. A quel punto Rufy si offre di esaudire il desiderio dell'animale, così lui e Nami mostrano il drago al resto della ciurma. Poi Nami, Rufy e Sanji costruiscono una zattera dotata di ruote per trasportarlo.

Tuttavia la Marina raggiunge la cima della montagna. Dopo lo scontro i pirati, vedendo la nave raggiungere la costa, scendono la montagna a bordo della zattera, spezzando con essa l'albero maestro della nave della Marina, per poi agganciarsi alla Going Merry.

Quando Ryu recupera parte della memoria lo comunica ad Apis, così i pirati cambiano rotta finché non raggiungono una superficie che riflette l'immagine della Merry, che poi attraversano. Dopo avere superato una tempesta giungono su un'isola disabitata e saliti sulla montagna al centro, arrivano davanti ad un edificio. Tuttavia il pavimento crolla e precipitano tutti in una stanza. Qui trovano un affresco e capiscono che l'isola perduta non è quella, ma Warship. Ryu recupera ancora la memoria ed Apis conferma. A quel punto giunge Eric che inizia a combattere con Zoro, mentre il resto dell'equipaggio va alla nave. Rufy poi salva lo spadaccino, vedendolo in difficoltà, portandolo a bordo.

La ciurma riprende la navigazione, ma uscita dalla zona del miraggio si ritrova inseguita da alcune navi della Marina. La Merry viene circondata dalle navi collegate tra loro con alcune catene. Mentre Rufy, Zoro e Sanji partono all'attacco, Eric prende in ostaggio Apis, affermando che la ucciderebbe se Nami ed Usop non sganciano la zattera con il drago dalla nave. Tuttavia Ryu si erge in volo, ma poi cade in acqua. Dopo la morte dell'animale e la sconfitta della Marina, si verifica un maremoto che riporta in superficie il nido dei draghi. A quel punto Nami assiste alla sconfitta di Eric da parte di Rufy.

La ciurma riaccompagna poi Apis a Warship e Rufy le chiede di unirsi a loro, ma la bambina rifiuta. L'equipaggio riprende il mare e Nami spiega ai compagni cosa sia la Reverse Mountain. A quel punto ricompare Eric, nascostosi sulla nave, ma la navigatrice lo getta fuori bordo.

Saga di Alabasta[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime il gruppo, mentre attraversa il deserto, si divide e si ricongiunge poi sulla nave dei Pirati del deserto, i quali hanno fatto prigionieri Nami, Bibi e Ciglione per un malinteso. Mentre Rufy, Bibi, Laza e Zaba si recano a recuperare alcuni pezzi di ricambio per la nave, Nami e gli altri rimangono assieme all'equipaggio di Barbarossa. Vengono attaccati da alcuni predoni del deserto, ma questi ultimi si ritirano quando il loro capo viene schiacciato da un escremento di un coleottero gigante di Sandora.

In seguito Portuguese D. Ace si ricongiunge al gruppo, rivelando di avere sentito delle voci secondo cui alcuni ribelli sono ospiti in un villaggio vicino. Per questo il gruppo li raggiunge, ma avuto la certezza che fossero impostori, riprendono il viaggio.

Nell'anime viene aggiunta una scena in cui il gruppo si ferma per mangiare nel deserto. In seguito si separa per poi ricongiungersi.

Saga dopo Alabasta[modifica | modifica sorgente]

La ciurma sbarca su un'isola e Nami decide di esplorarla per disegnarne la mappa. Alla sera l'equipaggio si ritrova alla nave.

Durante la navigazione, Nami e il resto della ciurma incontrano Rice Rice dopo che Rufy lo issa a bordo, avendo pescato il guscio di lumaca gigante in cui si trovava. La navigatrice è testimone del tentativo dell'uomo di vendere all'equipaggio molti oggetti, ma intavola una trattativa per l'acquisto dei fogli milleanni. Tuttavia il venditore si dà alla fuga una volta scoperta l'identità di Rufy, lasciando molti oggetti a bordo tra cui la risma di fogli. Nami tenta poi di disegnare su di essi le cartine delle ultime isole visitate, ma viene continuamente interrotta dal resto della ciurma. In seguito si sveglia per uno scossone, allerta il resto della ciurma e fa in modo che la nave non finisca in un ciclone.

Successivamente, la ciurma attraversa a bordo della nave una fitta nebbia, imbattendosi in una flotta della Marina. Da una di quelle navi cade un bambino che Robin salva e porta a bordo. Nami attende poi sulla Merry il ritorno di Sanji e Rufy che lo avevano riportato indietro.

In seguito la ciurma sbarca a Fireworks dove alla sera si terrà uno spettacolo pirotecnico.

Saga dell'isola delle capre[modifica | modifica sorgente]

La ciurma a bordo della nave viene inseguita da una flotta della Marina. Poco dopo attraversa un tratto di mare pieno di scogli, correnti pericolose e da una fitta nebbia. Grazie a Nami riescono a raggiungere un'isola. Dopo essere sbarcati, vengono attaccati da alcune capre aggressive, finché l'anziano a cui rispondevano cade da un albero e ha un malore. Chopper inizia a curarlo, inoltre le capre gli rivelano che l'uomo è l'unico abitante dell'isola da vent'anni e lo comunica alla ciurma.

In seguito la ciurma viene avvisata da Zoro della presenza di una nave pirata in costruzione sulla cima di una scogliera. Dopo averla raggiunta, tutti credono che Zeny sia un ex pirata che vuole salpare dall'isola.

Successivamente Chopper scopre che all'uomo rimangono solo tre giorni di vita, così la ciurma prepara un'abbondante colazione e poi lo aiuta a terminare l'imbarcazione. Superati i tre giorni pronosticati dalla renna, tutti festeggiano e Zeny racconta che fino a vent'anni prima prestava denaro ai pirati, ma che un giorno alcuni lo attaccarono e naufragò sull'isola, non abbandonando mai però il sogno di diventare un pirata.

In seguito il sergente Minchey sbarca sull'isola con un plotone di marine e rivela ai membri della ciurma di non volerli catturare, ma li esorta ad abbandonare l'isola affinché possa esplorarla. I Pirati di Cappello di paglia scoprono che in realtà alcune navi della Marina li stanno attendendo nella nebbia al largo, così Minchey ordina ai suoi uomini di fare fuoco, ma vengono interrotti da Zeny e le sue capre che scendono la scogliera a bordo della nave e che raggiungono così il mare.

Dopo che i pirati hanno sconfitto i marine, l'anziano rivela a Nami che le banconote che componevano il suo tesoro furono mangiate dalle capre dell'isola mentre era svenuto. In seguito vede Rufy scagliare Minchey sulla nave del capitano di vascello Moore, presente al largo dell'isola. Quest'ultimo concede ai pirati di scegliere il luogo dello scontro per avere sconfitto il marine, colpevole di volere impossessarsi del tesoro di Zeny. Rufy sceglie un luogo a caso sulla mappa, così la ciurma sale sulla nave, saluta Zeny e raggiunge tale luogo, che si rivela essere quello pieno di scogli e nebbia attraversato in precedenza. Qui la nave della Marina urta uno scoglio e si incaglia.

Saga della nebbia color arcobaleno[modifica | modifica sorgente]

La Going Merry è inseguita da alcune navi della Marina, ma una di esse affonda e le altre arrestano l'inseguimento per prestare soccorso. In seguito la ciurma giunge a Ruruka.

Nami, Chopper e Sanji scendono per fare acquisti. Reik chiede un pedaggio per avere ormeggiato la Going Merry, ma dopo il rifiuto dei pirati, indossa un'armatura protetta da un campo elettrico e si prepara ad affrontare il cuoco. Poco dopo trova però una moneta per terra e crede che l'abbiano lanciata i pirati, così cessa le ostilità.

Nami vede che la Merry si addentra in una strana nebbia e chiede spiegazioni di cosa si tratti a Reik, il quale racconta che essa conduce al concerto delle scimmie, un luogo pieno di tesori. A quel punto Wetton sente la rivelazione fatta dal nipote ai tre pirati ed ordina di catturali, tuttavia Nami si fa consegnare con l'inganno uno strumento per individuare la dimensione in cui si è addentrata la Going Merry e fugge coi compagni. Sale poi su una barca, mentre Sanji e Chopper affrontano i soldati. All'improvviso appare un Re del mare intenzionato a divorare la ragazza, ma esso viene ferito da una moneta lanciata a grande velocità da un marine. Nami dà quindi una corda a Chopper, legando l'altra estremità alla barca e si dirige verso la nebbia color arcobaleno.

Nami raggiunge la Going Merry e rivela che può fare uscire di lì il resto della ciurma. Tuttavia, Ian prende in ostaggio un bambino per appropriarsi della barca di Nami, con la quale fugge portando con sé dei tesori.

La torre arcobaleno viene fatta entrare nella nebbia e in seguito Wetton la distrugge in parte e ciò fa si che il concerto delle scimmie possa collassare. A quel punto gli occupanti della Merry provano ad uscire da lì, ma non c'è vento e i remi improvvisati si spezzano. Allora Rapanui Pasqua, aiutato dai suoi amici, fa saltare in aria la nave della Marina che usavano come base, così l'onda d'urto spinge la Merry nella dimensione reale.

I marine che in precedenza inseguivano i Pirati di Cappello di paglia raggiungono Ruruka e catturano Wetton. Essi rivelano di essere i Pirati della zucca, i quali sono stati spediti indietro di cinquant'anni dall'esplosione. In seguito la ciurma salpa dall'isola.

Saga di Skypiea[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime Zabo rivela a Nami di provenire da un'altra isola del cielo e la minaccia con un pugnale per salire sul suo waver, prima di venire fulminato dal dio.

In seguito, Nami, Zoro e Robin notano la stranezza della presenza di terra su un'isola del cielo. La navigatrice viene poi attaccata da una bestia feroce, ma difesa dallo spadaccino e dall'archeologa.

Saga di Navarone[modifica | modifica sorgente]

La Merry torna nel mare blu nella baia interna della base G-8. La ciurma viene divisa a seguito della caduta dal cielo.

Nami lascia il waver in un prato e si traveste da marine. Poco dopo incontra Zoro e lo obbliga a nascondere le sue spade in un cespuglio. In seguito due cuochi chiedono a Nami come raggiungere le cucine, ma lei non sapendolo, indica una direzione qualunque. Si traveste così da infermiera, ma viene portata in infermeria per assistere i medici che devono curare alcuni marine feriti. Qui incontra Chopper, il quale per sfuggire ad alcuni marine che lo inseguivano, si era nascosto in una cassa.

I due incontrano la dottoressa Kobato, che però è emofobica, così Chopper la assiste, mentre Nami lo invita a fuggire. Nami e Chopper traggono poi in inganno i marine di guardia e vengono accompagnati al molo da Kobato per sdebitarsi dell'aiuto ricevuto.

Intanto Rufy viene intrappolato in una rete dai marine, ma l'arrivo di Nami e Chopper gli permette di liberarsi. A quel punto Kobato dice di essere ostaggio della ciurma e Nami la imita. I pirati si avvicinano alla nave, ma vengono distratti così un marine afferra Kobato, mentre il tentativo di liberare Nami fallisce.

In seguito la ciurma sale a bordo della nave e fugge. Durante navigazione della baia interna la Marina apre il fuoco. Nami scopre che quest'ultima ha sequestrato le palle di cannone, le polvere da sparo e il tesoro ottenuto a Skypiea. La Merry fa così inversione, schiva le navi tra la nebbia e giunge in uno dei moli abbandonati, dove Nami convince gli altri a riprendere l'oro per usare il denaro che ricaveranno dalla vendita per riparare la Merry.

I pirati costruiscono un rivestimento che camuffa la Merry come se fosse una nave della Marina. Nami si ricorda del waver lasciato nel prato così la ciurma si divide in due gruppi: uno recupererà l'oro e l'altro il mezzo.

Nami, Sanji e Chopper recuperano il waver e si riuniscono poi al resto dei compagni, che affermano di non avere trovato il loro oro. Nami intuisce così che esso si trovi nell'ufficio del comandante della base. Si fa allora accompagnare da Rufy, mentre gli altri vanno alla Merry. I due sfondano la vetrata e trovano l'oro, ma vengono circondati dai marine. Rufy viene catturato con una rete di agalmatolite, ma viene liberato da Nami dopo che ha fulminato i marine. I due così fuggono e si ricongiungono al resto del gruppo sulla nave, sulla quale seguono la Pine Peak per localizzare l'uscita. Dopo averla superata, le buttano contro il rivestimento usato per camuffare la Merry. A quel punto la ciurma nota che le navi della Marina ammainano le vele. Nami capisce che Navarone è circondata da scogli che affiorano con la bassa marea. La Merry riporta danni alla chiglia prima di arenarsi. La ciurma rifiuta poi la proposta di Jonathan di arrendersi risparmiando chi non ha una taglia. Il gruppo usa così un Impact Dial sul polpo balloon: il primo colpo fa uscire la nave dalla zona di bassa marea reggendosi in aria grazie all'animale, il secondo le permette di dirigersi in mare aperto e riprendere la navigazione.

Saga del Davy Back Fight[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime, la terza sfida è una gara su pattini a rotelle suddivisa in cinque round, dove chiunque può interferire. I Pirati di Foxy vincono il primo round e nel secondo, in cui Nami gareggia, Polluce addormenta tutti con la sua arma e quando i Pirati di Cappello di paglia si svegliano, scoprono di avere perso di nuovo.

Nel terzo round, la ciurma di Cappello di paglia è in svantaggio, ma Sanji dice a Zoro di tagliare un albero di kiwi, che cade sulla pista. Chiqicheetah, che ne è goloso, esce di pista per mangiarli, venendo squalificato. Usop così vince.

In seguito Nami assiste alla vittoria di Robin e Rufy nei due round successivi. Rufy si riprende quindi Shelly e Chopper, così visto che il Davy Back Fight si è concluso in pareggio, Foxy propone una nuova sfida, che viene accettata, causando le ire di Nami e Usop.

La prima sfida è una partita a "palla prigioniera" con due palle chiodate. La ciurma di Rufy colpisce tutti tranne Foxy, poi però i membri dei Pirati di Cappello di paglia si fanno eliminare uno alla volta. Nami vede così Robin essere scelta dalla ciurma avversaria.

La seconda sfida consiste in "un, due, tre, stella!" con sei membri per squadra, ma pirati di Rufy sono solo in cinque. Vince chi raggiunge per primo Tonjit. Nami, Usop e Chopper e vengono attaccati da Kapoty, ma il nomade si volta mentre l'uomo-pesce sta saltando, per cui lo elimina. Quando stanno per arrivare alla fine, Zoro si imbatte in Hamburg, così lo colpisce con un calcio, scagliandolo addosso ai suoi tre compagni. Con una mano Hamburg tocca Tonjit e viene dichiarato vincitore. Foxy sceglie così Chopper.

Nell'anime, dopo che Rufy ha sconfitto Foxy ed essersi così ripreso i suoi compagni, i Pirati di Cappello di paglia fanno ritorno da Tonjit, ma in quel momento una talpa con una persona in groppa esce dal terreno. Si tratta di Rittonto, nipote del nomade che lo trasporta con Shelly alla sua tribù. Nel manga è invece Aokiji a permettere ai due di tornare dal resto dei nomadi congelando il tratto di mare attorno all'arcipelago.

Saga dell'isola del ladro di ricordi[modifica | modifica sorgente]

Tutti dormono tranne Robin. Un ragazzo sale a bordo della Merry e suona un cavalluccio marino come un flauto e poi se ne va. Il mattino dopo nessuno ricorda che sono compagni, ad eccezione di Robin, della quale nessuno si fida anche se cerca di convincerli.

Nami trova l'oro a bordo e decide di tornare a Coco, così sbarca sull'isola vicina per pensare ad un piano. Qui incontra il ladro che le spiega che non ci sono navi in grado di riportarla nel mare orientale.

Al mattino la ragazza viene raggiunta dal gruppo rimasto sulla Merry e nonostante la diffidenza della navigatrice, i pirati riescono a convincerla a seguirli, nel tentativo di trovare il ladro di ricordi e farseli restituire.

Robin decifra alcune antiche scritture e guida il gruppo verso un edificio chiamato palazzo del drago. Durante il tragitto, Nami vede Chopper e Usop separarsi dal gruppo, per poi ricongiungersi a loro anche con Zoro, che attacca Rufy. Nami segue allora Robin verso la cima della montagna con il resto del gruppo.

Durante la salita, la navigatrice prova a convincerli a non seguire la donna, proponendo loro di tornare alla nave per fare ritorno ai loro paesi natali. Sanji li convince però che prima devono comunque recuperare la memoria. Arrivano ad un vasto lago e trovano il ragazzo, che infastidito dalla loro testardaggine, decide di costringerli ad uccidersi tra loro. Prima che riesca ad ipnotizzarli, Nami vede Sanji colpire l'avversario e il cavalluccio, che emette una nube blu. Il ragazzo si rialza e fugge via terrorizzato, perché il vero ladro è l'animale.

Nami vede Sanji riprendere a calci il cavalluccio marino finché uno ad uno tutti recuperano la memoria. Quando si chiedono se Zoro sia stato liberato dall'ipnosi, lo spadaccino li raggiunge e Sanji si prepara ad affrontarlo per difendere i suoi compagni. Dopo qualche schermaglia, vengono interrotti da Rufy e Zoro rivela che in realtà ha recuperato la memoria anche lui.

Quando spiegano loro che il vero ladro di ricordi è il cavalluccio marino, l'intera ciurma è intenzionata a vendicarsi. Tuttavia l'animale emette una nube viola che li investe, all'interno della quale ogni membro vede i propri cari e alcuni nemici sconfitti in passato. I pirati non riescono a muoversi e Tatsu ruba tutti i loro ricordi e di conseguenza si ingigantisce a dismisura, librandosi in aria.

Dopo che Rufy stringe l'animale con forza e lo colpisce violentemente, scagliandolo oltre l'orizzonte, Nami e gli altri membri della ciurma recuperano la memoria.

Sulla via del ritorno, i pirati immaginano di venire ringraziati con doni e gloria dagli abitanti, ma Dorimo invece li accusa di essere i responsabili di quanto accaduto e così sono costretti a fuggire dall'isola.

Saga del ritorno di Foxy[modifica | modifica sorgente]

Durante una tempesta, la ciurma avvista una barca con a bordo Foxy, Polluce ed Hamburg in seria difficoltà. Rufy li salva prima che un'onda li travolga e permette loro di restare a bordo della Merry.

Il giorno dopo, Hamburg avvista la Sexy Foxy e la ciurma la abborda con la nave. Rospo zannuto sostiene di essere il nuovo capitano, così Foxy lo sfida al Davy Back Fight.

Quando Rufy vede Foxy in netto svantaggio, interviene e così fanno lo stesso i suoi compagni e quelli di Rospo zannuto. Lo scontro dura poco e si risolve a favore dei Pirati di Cappello di paglia.

Foxy, invece di ringraziarli, li colpisce con il raggio Noro Noro e li fa cadere in una botola che porta alla stiva della Sexy Foxy, per vendicarsi della sconfitta da loro inflitta in precedenza. Foxy li attacca ma poi Nami, Rufy ed Usop lo inseguono, ma quest'ultimo viene fermato da alcuni pirati. Gli altri due raggiungono una stanza i cui ingressi vengono poi bloccati, al cui interno si trovano anche Foxy, Polluce e Hamburg. Questi ultimi si mettono alla guida di due macchinari in grado di sferrare pugni incendiari. Nami usa il Clima Takt per fare piovere su di loro, in modo da spegnere le fiamme, così Rufy li distrugge. Quest'ultimo costringe poi Foxy a riprendere gli ammutinati nella sua ciurma e subito dopo i Pirati di Cappello di paglia riprendono la navigazione.

Dopo che Rufy ha sconfitto Foxy, i Pirati di Cappello di paglia riprendono la navigazione. La ciurma sbarca su un'isola ed inizia a raccogliere provviste. Dopo l'ennesimo tentativo fallito dei Pirati di Foxy di avere la loro vendetta, la ciurma di Rufy prosegue l'esplorazione. A differenza del manga, è qui che il gruppo incontra Aokiji.

Saga di Water Seven[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime, quando la ciurma incontra Aokiji, trova anche alcuni naufraghi.

Saga di Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime l'attacco di Nami sugli agenti governati è molto più lungo. In seguito, mentre cade nella cascata, ripensa al suo incontro con Rufy.

Quando incontra Kumadori, gli chiede dove tiene la sua chiave.

Saga dopo Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Rufy e Chopper chiedono a Nami di aiutarli a ritrovare uno Yagara Bull, ma la ragazza rifiuta poiché occupata a fare altro.

Saga del mare di ghiaccio[modifica | modifica sorgente]

A bordo della Thousand Sunny, la ciurma rimane affascinata dalle numerose caratteristiche della nuova nave. Ad un certo punto inizia a nevicare e Zoro avvista una nave alla deriva, senza vele, né bandiera. La ciurma così la raggiunge per soccorrere l'equipaggio.

I membri raccontano di essere stati attaccati alcuni giorni prima da un'altra ciurma che gli ha sottratto vele, bandiera e provviste. Per questo motivo Rufy li invita a cena e Chopper cura i feriti. Uno dei pirati, Stansen, sale sulla Thousand Sunny e offre un barile alla ciurma come ricompensa per la loro generosità, dopodiché chiede alla ciurma di riportarli sulla loro isola natale. Rufy acconsente e la Sunny inizia a muoversi trainando l'altra nave.

Nella notte, mentre i Pirati di Cappello di paglia dormono, l'altro equipaggio decide di attaccarli nonostante la gentilezza ricevuta. Robin, Franky e Sanji però, hanno solo finto di addormentarsi, perché si sono accorti del sonnifero che gli ospiti hanno aggiunto al cibo, così si preparano ad affrontarli. Tuttavia Stansen ferma i suoi compagni vedendo che sono arrivati anche Zoro e Nami, ed ordina la ritirata. Improvvisamente sembra che dal nulla numerose navi della Marina stiano circondando la Thousand Sunny, così la ciurma decide di fuggire tirando dietro di sé l'altra nave, sulla quale salgono Chopper e Rufy.

Il mattino seguente la Sunny naviga in mezzo ad alcuni iceberg che si muovono e la ciurma crede sempre di più che si tratti di una trappola. Ad un tratto il mare si agita e la fune che collega le due navi si rompe ed esse si perdono di vista. La Sunny rimane intrappolata tra i ghiacci e viene raggiunta da quattro cacciatori di taglie, ma si libera utilizzando il Coup de Burst. Una volta in salvo, i membri della ciurma rimasti sulla nave si accorgono che è stato sottratto loro il Jolly Roger e che Zoro non è più tra loro. Per questo tornano indietro, ma finiscono di nuovo per essere intrappolati tra gli iceberg.

Nami e Franky rimangono bloccati all'interno del sottomarino congelato.

Per cercare di capire come evitarli, Nami e Franky si immergono con lo Shark Submerge 3 e scoprono che la responsabilità è di moltissimi pinguini che li spingono rimanendo sott'acqua. Gli animali iniziano a dare la caccia al sommergibile, ma i pirati riescono a liberarsi dei pinguini. Tuttavia si imbattono in Hockera che congela il loro sottomarino, impedendo loro di uscire o di accenderne il motore, e poi lo fa trasportare a Lovely Land. Qui Nami e il cyborg vengono portati in una cella dove trovano Usop e Sanji. Poco dopo anche Zoro viene fatto prigioniero.

In seguito il gruppo vede Robin, la quale non fa nulla però per liberarli, allontanandosi. Tuttavia poco dopo Lil porta ai prigionieri delle bottiglie di cola su richiesta della ragazza. Appena la bambina si allontana, Franky le usa per riprendere le forze e liberare tutti i suoi amici. I cinque cominciano a vagare per Lovely Land alla ricerca della loro bandiera che è stata rubata dalla famiglia di cacciatori di taglie, tuttavia si perdono seguendo Zoro.

Più tardi il gruppo viene raggiunto da Robin che si offre di recuperare la bandiera. Nami e gli altri si ritrovano poi all'esterno dove si rincontrano con Rufy, Chopper e i Pirati della Fenice, sotto attacco dai pinguini e dai cacciatori di taglie. Usop e Sanji cercano una rivincita contro Salco e Arabelle, venendo aiutati anche da Nami, la quale sconfigge la donna.

All'improvviso, Accino si presenta di fronte a tutti, intenzionato a vendicare i suoi figli. Mentre i suoi amici tornano nell'edificio per cercare la bandiera, Nami rimane a guardare lo scontro tra il cacciatore di taglie e il suo capitano, osservando che il calore di Accino aumenta sempre di più, tanto che il clima del mare di ghiaccio inizia a cambiare.

Rufy rischia di cadere nella lava, ma viene salvato dal Perfect Clima Takt di Nami che crea una superficie solida e fredda. La navigatrice è poi testimone della sconfitta di Accino da parte del suo capitano. Nami raggiunge poi Franky sulla Thousand Sunny assieme ai suoi amici e con un lavoro di squadra scagliano Usop sulla cima dell'albero in modo che riattacchi la bandiera.

Mentre Puzzle tiene occupato Campaccino per permettere alla ciurma di Rufy di proseguire, Nami è testimone della promessa dei due capitani di incontrarsi ancora nel Nuovo Mondo.

Saga di Thriller Bark[modifica | modifica sorgente]

Mentre Nami è svenuta, dopo essere stata rapita da Absalom, uno zombie sarto le prende le misure, mentre altri due zombie nei quadri ne discutono a riguardo.

Saga di Spa Island[modifica | modifica sorgente]

I Pirati di Cappello di paglia sono approdati a Spa Island, un'isola artificiale dove i clienti possono rilassarsi e divertirsi come se fossero in vacanza. Fanno la conoscenza di due sorelle: Rina e Sayo; quest'ultima stringe tra le mani un quaderno di appunti e sembra volerlo proteggere dagli estranei.

All'improvviso fanno la loro comparsa Foxy, Polluce e Hamburg, intenzionati ad impossessarsi del quaderno di appunti che Sayo ha con sé. Per questo attiva un macchinario con la quale inonda di raggi Noro Noro tutte le persone che si trovano nei dintorni. La ciurma di Rufy e le due sorelle vengono rallentate, così Foxy riesce a sottrargli il quaderno con estrema facilità. Inoltre fa in modo che il pavimento sotto alle sue vittime si ritiri, cosicché allo scadere dei trenta secondi, tutti precipiteranno in mare.

Franky e Brook si presentano casualmente dopo essersi ristorati in diverse zone dell'isola. Quando l'effetto del raggio Noro Noro si esaurisce, Nami sente Rufy urlare a Franky di occuparsi di Foxy. Il cyborg obbedisce ad attacca il nemico, mentre Cappello di paglia e Robin salvano tutti utilizzando le loro abilità. Foxy ritorna al suo macchinario per attivarlo una seconda volta, ma Hamburg sbatte la porta troppo forte e gli specchi che lo compongono vanno in frantumi. Nami vede così Rufy colpirli con tutta la sua forza e farli volare oltre l'orizzonte.

Quando tutto sembra risolto, Nami chiede a Sayo spiegazioni riguardo al quaderno di appunti; la ragazza rivela che sono figlie di uno scienziato interessato alla ricerca della formula chimica con cui produrre una gemma. I loro concittadini lo ritenevano un folle e spesso la famiglia era vittima degli scherzi dei ragazzi del villaggio. Un giorno il padre decise di partire per una lunga spedizione di ricerca e portò con sé Nukky, lasciando da sole le figlie. Dopo circa un anno, l'animale ritornò a casa con il quaderno degli appunti dell'uomo, contenente una lettera indirizzata alle figlie nella quale chiedeva loro di terminare le sue ricerche. Rina si arrabbiò perché credeva che il padre le avesse abbandonate, per di più con un diario pieno di scritte senza senso.

Nami sente Rufy accettare la richiesta di Sayo di aiutarla nella ricerca dell'ingrediente segreto per produrre la gemma. L'unica cosa che Nami riesce a capire è che l'ingrediente si trova da qualche parte su Spa Island, dopodiché all'improvviso sotto a Sayo si apre una botola e lei precipita. Il proprietario dell'isola, Doran, ha ascoltato la conversazione mediante i lumacofoni diffusi un po' ovunque. Era stato lui, in precedenza, ad inviare i Pirati di Foxy nella speranza che riuscissero dove invece hanno fallito. Ora che Sayo è nelle sue mani ordina alla ciurma di trovare per lui l'ingrediente mancante.

La ciurma di Rufy inizia a distruggere l'isola e gli uomini della sicurezza non possono fare nulla per fermare i pirati. Così Doran lega Sayo ad un palo e le punta contro un enorme cannone, minacciando di ucciderla se non gli consegneranno il quaderno. A questo punto, Rina decide di consegnare il quaderno con gli appunti del padre, ma Sayo le urla di non farlo. Dopo che quest'ultima viene liberata da Zoro, Cappello di paglia attiva il Gear Third e con un colpo distrugge l'isola a metà. Dopo che tutti sono saliti a bordo della Thousand Sunny, Sayo e Rina scorgono un girobaleno, creato dal vapore fuoriuscito da un vulcano che si trovava proprio sotto a Spa Island. Le due sorelle capiscono che quest'ultimo è l'ingrediente mancante, perché indica in quale ordine mescolare gli altri per produrre la favolosa gemma. Le due scendono così dalla nave.

Alcuni giorni dopo, mentre la ciurma prosegue il suo viaggio, arriva Nukky in volo e consegna una lettera da parte delle sue proprietarie. Sayo e Rina sono riuscite a produrre la gemma ed inoltre il loro padre è tornato a casa sano e salvo. Le due sorelle hanno inserito la gemma nella busta per donargliela in segno di ringraziamento. L'equipaggio si riunisce attorno a Rufy per osservarla da vicino quando all'improvviso una pioggia di caramelle gli fa cadere la gemma di mano. Nami gli ordina subito di mettersi a cercarla tra le migliaia di caramelle finite sul ponte della nave.

Saga delle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

Nami ascolta Brook confessare ai suoi compagni di avere letto il diario di bordo della Thousand Sunny e di essere rimasto affascinato dalle numerose avventure che essi hanno vissuto. Più tardi lo scheletro porta il tè a Nami, ma lo fa cadere sulla mappa che la ragazza sta disegnando e scappa per sfuggire alla sua ira.

In seguito al rapimento di Kayme sull'arcipelago Sabaody, Nami e gli altri membri della ciurma si riuniscono a Duval, il quale racconta loro che ha cercato di sedurre due ragazze con il suo nuovo aspetto, ma senza successo.

Le varie avventure della ciurma di Cappello di Paglia[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime, quando una tempesta si avvicina a Weatheria, Nami combina il potere del suo Clima Takt con quello dei nodi del vento per dissolvere il temporale.

Haredas spiega poi a Nami che non è possibile prevedere quando raggiungeranno le Sabaody. La piratessa vorrebbe almeno tornare nel mare blu, così l'anziano la porta con sé durante un viaggio alla ricerca di fondi per finanziare le sue ricerche.

I due atterrano su un'isola colpita da una grave siccità ed Haredas si accorda con la popolazione affinché egli porti la pioggia. Lo scienziato riesce effettivamente a fare piovere e Nami rimane impressionata, al punto da decidere di tornare sull'isola di nuvole con lui per farsi insegnare la sua arte.

Saga dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

Nami recupera un giornale e scopre quanto accaduto nella guerra per la supremazia. Viene mostrato il suo tentativo di fuga da Weatheria e l'inganno ai danni degli scienziati è esteso.

Inoltre nell'anime non vengono mostrati i suoi flashback.

Saga del ritorno alle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

Nami va a fare shopping con Usop.

Saga dell'isola degli uomini-pesce[modifica | modifica sorgente]

Franky non dice a Nami che non possono usare il Coup de Burst, inoltre la spiegazione della navigatrice sulle correnti e sulle isole della Rotta Maggiore è più breve che nel manga. Viene poi mostrato il suo arrivo sull'isola degli uomini-pesce. In seguito si separa da Robin e Franky.

Al palazzo del drago, il ministro della sinistra informa Nami, Usop e Brook dei rapimenti delle sirene, poco prima che le guardie li attacchino. Poco dopo la navigatrice drena l'acqua che si infiltra nel palazzo usando un enorme corallo sparabolle. Successivamente lei, Zoro, Usop e Brook affrontano i pirati umani lanciati da Van Der Decken IX.

Nel manga, Nami offre a Rufy la sua tazza di tè, mentre nell'anime Cappello di paglia la prende dopo che la navigatrice dice a Sanji di metterla da parte. Mentre Jinbe spiega il suo passato, la storia torna al presente con Nami e Chopper che fanno un commento su Otohime.

Il dialogo tra Jinbe e Nami, riguardo ai crimini di Arlong, è allungato e molto più elaborato, inoltre Shirahoshi non tiene la navigatrice e Chopper in mano come nel manga.

In seguito, al palazzo del drago, Nami vede i prigionieri dopo che sono invecchiati per l'effetto collaterale degli Energy Steroid.

Più tardi Nami si preoccupa per il fatto che ha mandato Rufy a recuperare il tesoro reale. In seguito cammina verso Rufy, Zoro e Sanji prima di attaccarli. Minaccia poi di colpirli, ma Chopper le dice che lo ha già fatto.

Viene mostrata la scena in cui si dirige alla nave e in cui i cittadini fanno dei regali alla ciurma.

Durante la risalita verso il Nuovo Mondo, Nami si veste dopo avere fatto il bagno ed afferma che il modo con cui stanno agendo i suoi compagni è sciocco. La navigatrice perde i suoi sandali a causa della corrente e in seguito rimane scalza, mentre nel manga li indossa ancora perché non veniva spinta così violentemente. Giace poi, assieme ai suoi compagni, sulla nave dopo essere usciti dalla corrente. Mentre risale verso la superficie, ripensa ai due anni in cui è stata separata dal resto della ciurma. Poco dopo non si accorge immediatamente che quella che ha davanti è una balena. Conta poi assieme al resto della ciurma fino a dieci prima di raggiungere la superficie. Infine, invece di uscire in prossimità di un'isola come nel manga, la ciurma sbuca in un mare in tempesta in un luogo in cui si trovano svariate navi della Marina.

Saga dell'ambizione di Z[modifica | modifica sorgente]

I Pirati di Cappello di paglia affrontano una flotta di navi della Marina, ma scoprono che si tratta solo di un miraggio. Dopodiché accadono alcuni stranissimi fenomeni atmosferici, come una pioggia con gocce gigantesche e il mare che si apre di colpo. Nami sente poi Sanji affermare che tutto il cibo che ha cucinato è stato mangiato, così se la prende con Rufy, Usop e Chopper.

All'improvviso il cibo ricomincia ad essere mangiato molto velocemente e Rufy scopre che la responsabile è una giovane ragazza molto piccola, ma che in realtà è una gigante di nome Lily Enstomach, che ha mangiato il frutto Mini Mini. La ragazza diventa così amica della ciurma.

La Thousand Sunny si imbatte poi in alcune navi della Marina. Esse stanno portando il padre di Lily ad Impel Down, così Rufy decide di affrontarle e la ciurma elabora un piano per liberarlo: un gruppo farà da diversivo con la Mini Merry 2 mentre l'altro libererà Panz Fry utilizzando lo Shark Submerge 3. L'impresa riesce, tuttavia i pirati vengono scoperti dalla Marina, ma a quel punto le due fazioni vengono attaccate dalla Neo Marina.

Nel frattempo Nami si accorge che il tempo sta cambiando nuovamente: si stanno formando numerose correnti chiamate Thrust Up Stream, che hanno abbastanza energia da distruggere una nave da guerra. Per questo motivo valuta che sia troppo rischioso rimanere lì ancora a lungo e comincia ad organizzare la fuga. Alcuni membri della ciurma riportano la Mini Merry 2 e lo Shark Submerge 3 sulla Thousand Sunny, mentre Franky lancia le ancore della nave contro la zattera su cui è trasportato Panz Fry. Non appena la zattera viene sollevata da una Thrust Up Stream, il cyborg attiva il Coup de Burst e tutti quanti volano via.

Giunti nei pressi di una scogliera, Panz Fry decide di cucinare per la ciurma una delle sue favolose pietanze per sdebitarsi.

L'equipaggio viene tuttavia attaccato dalla Neo Marina e Shuzo colpisce Panz Fry e Lily, mandandoli al tappeto. La ciurma riesce però a sconfiggere i nemici e poi si separa dai due giganti.

Saga di Punk Hazard[modifica | modifica sorgente]

Viene mostrata la scena in cui i pirati rimasti sulla Sunny si addormentano. Nami, Sanji, Chopper e Franky vengono poi portati di fronte all'essere fatto di gas mentre sono privi di sensi.

Viene mostrata anche la sua reazione e quella dei compagni quando scoprono che i loro corpi sono stati scambiati.

Durante l'attacco degli Yeti Cool Brothers, nel manga Nami copre alcuni dei bambini, mentre nell'anime copre solo se stessa. Viene inoltre mostrata la scena del rapimento della navigatrice, nel corpo di Franky, mentre nel manga veniva solo raccontata.

In seguito Nami, nel corpo di Sanji, e Usop cercano di salvare Barbabruna dalle macerie.

Successivamente in un frangente le scarpe di Nami hanno solo una cinghia e lei e Usop costringono Brook ad affrontare il drago. Viene anche mostrato l'inizio del combattimento tra Mone e la ciurma di Rufy.

Vengono allungate le scene in cui Nami e Robin cercano di ostacolare i bambini e il successivo ritrovo di tutti nell'edificio R. Viene anche mostrato quando Nami sale sul carrello per fuggire da laboratorio.

Quando Zoro distrugge una roccia che blocca la fuga del gruppo, la navigatrice è tra coloro che esultano e viene mostrata la tecnica usata da Nami per disperdere il gas.

Quando Tashigi le chiede che le vengano consegnati i bambini, la piratessa critica l'irresponsabilità della Marina, che ha permesso che essi soffrissero.

La partenza da Punk Hazard è allungata e la ciurma si rilassa sulla Thousand Sunny dopo essere salpata dall'isola. Nami porta Momonosuke a fare un giro della nave e vengono estese le scene in cui quest'ultimo sfrutta il fatto di essere un bambino per appoggiarsi al seno di Nami e Robin.

Saga del recupero di Caesar[modifica | modifica sorgente]

Durante la notte, mentre sta dormendo a bordo della Thousand Sunny, un numeroso gruppo di creature attacca l'equipaggio, che risponde. Lo scontro prosegue finché gli animali non si gettano in mare al suono di un fischio. La ciurma scopre che tali creature erano un diversivo, perché nel frattempo Breed ne ha approfittato per portare via Caesar Clown.

Nami vede Rufy, Chopper e Law salire sullo Shark Submerge 3 e partire all'inseguimento, mentre alcune onde create dagli animali allontanano la Thousand Sunny.

In seguito assiste al ritorno dei tre con lo scienziato.

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Nami colpisce anche Brook e non solo Kin'emon e Sanji dopo che il samurai ha raccontato come si vestono le donne di Dressrosa.

Viene mostrato quando Jora trasforma l'equipaggio della Thousand Sunny e quest'ultima in arte, così come la fuga di chi si trova a bordo, oltre a quando Nami distrugge il sottomarino di Jora.

Dopo che Brook ha colpito quest'ultima, lei riprende i sensi e si trasforma in una creatura gigantesca fatta di arte astratta. Viene attaccata dalla ciurma, ma riesce ad evitare di essere colpita finché Nami non usa il cannone Gaon per farla tornare normale e la sconfigge definitivamente ricorrendo al suo Sorcery Clima Takt.

Il gruppo sulla Thousand Sunny contatta poi Usop, Franky e Robin. Quando Brook fa una battuta, Nami lo colpisce con una raffica d'aria.

Il flashback relativo allo scontro con i Pirati di Big Mom è allungato.[22]

Vengono mostrate più scene dell'arrivo del gruppo a Zo[23] e la sua reazione di stupore quando Sheepshead utilizza il suo potere.[24]

Saga di Zo[modifica | modifica sorgente]

Nami indica a Gatto-vipera che a sparare a Pekoms è stato Bege. Quando quest'ultimo fugge portando via Sanji, Nami cerca di inseguirlo.[25]

La festa dei pirati e dei visoni è allungata.[26] In seguito Rufy fa oscillare il ponte in cui lei e gli altri stanno camminando.[27] Anche la scena in cui Nami, Brook e Usop colpiscono Rufy per avere detto la parola "ninja" è allungato.[28] Successivamente i primi due descrivono al loro capitano le capacità del frutto Rocca Rocca.[29]

Lungo la strada che porta alla foresta della balena, il gruppo di cui fa parte affronta uno sciame di grosse vespe.[30]

Inoltre la scena in cui si immagina Sanji aprire la scatola con un'espressione terrificata viene sostituita dalle silhouette degli altri membri della ciurma e da quelli del Baratie.[31]

Il mattino seguente, Nami e i compagni di ciurma che sono con lui si risvegliano mentre i guardiani stanno andando in città.[32] Successivamente, il dialogo tra Momonosuke e i Pirati di Cappello di paglia è allungato.[33]

Nell'albero a forma di balena, Chopper le chiede se si potrebbe trovare Raftel con tre soli Road Poignee Griffe. La navigatrice gli risponde che non è possibile e che è necessario trovarli tutti e quattro.[34]

Brook le dice con rabbia che non può abbracciare Momonosuke.[35]

Dopo il secondo attacco dei Pirati delle cento bestie, Nami chiede ai visoni se qualcuno di loro ha una carta nautica dei territori sotto il controllo di Big Mom e Pedro le risponde affermativamente, mostrandogliela in compagnia di Carrot. Poco dopo intuisce l'arrivo di forti raffiche di vento così, assieme a Rufy, Carrot e Wanda, si dirige verso la zampa da medicare di Zunisha.[36] Per un breve momento, Nami fa poi roteare senza controllo la sua nuova arma.[37] Infine la scena in cui, durante la navigazione, la ciurma si imbatte in una tempesta viene estesa.[38]

Saga dei marine novellini[modifica | modifica sorgente]

L'equipaggio della Sunny è affamato e quando Rufy scambia Chopper per del cibo, Nami lo colpisce. Tuttavia il gruppo si rallegra quando Pedro avvista un'isola, sulla quale però è presente una base della Marina.

Nami, Chopper, Rufy, Brook e Carrot salgono così a bordo dello Shark Submerge 3 per avvicinarsi e poco dopo vi sbarcano. Dopo che Brook ha recuperato alcune uniformi per i suoi compagni spaventando alcuni marine fino a farli svenire, gli altri membri della ciurma e Carrot si occupano di legarli ad alcuni alberi. Subito dopo Nami e Chopper si accorgono che Rufy e la visone si sono diretti verso la base, così fanno lo stesso.

Giunti in mensa, un'inserviente dà loro del cibo e mentre si rifocillano notano Rufy e Carrot. Quest'ultima chiama ripetutamente Nami per nome, così i due pirati cercano di farla smettere. Sentendo quel nome, Shimoi Zappa riconosce la ragazza e si dichiara per lei. Nami cerca di dirgli che si sbaglia, così quando il marine cerca di baciarla, quest'ultima e Chopper fuggono.

Quando viene dato l'allarme nella base, Nami e Chopper cercano di raggiungere la dispensa per fare scorte di cibo. I due vengono raggiunti da Rufy e Carrot, ma poco dopo si presentano anche Grount, Bonham e Zappa. Nami, Rufy e Carrot fuggono con alcune provviste, ma Zappa non glielo permette e, dopo avere resistito agli attacchi elettrici di Carrot e Nami, attacca Rufy. Quest'ultimo devia il colpo su una cisterna piena d'acqua, che cade sul marine e spinge all'esterno tutti i presenti.

Dopo una schermaglia tra Rufy e Grount, i pirati e Carrot raggiungono la scogliera, ma un drappello di marine guidati da Prodi sbarra loro la strada. Nami sconfigge alcuni marine e poi sale sullo Shark Submerge 3, dal quale osserva lo scontro tra Rufy e Grount. In seguito torna sulla nave assieme ai suoi compagni, dove si infuria perché Rufy, Chopper, Carrot, Pedro e Pekoms hanno finito subito le provviste appena recuperate.

Saga di Whole Cake Island[modifica | modifica sorgente]

Viene mostrato quando Nami cucina il pesce pescato da Rufy. Cerca poi di nascondersi quando avvista Yonji e Reiju. Mentre l'uomo è a mezz'aria, Chopper e Nami si chiedono se sia merito di un frutto del diavolo o di una particolare abilità. Quando incrocia una nave da ricognizione, l'equipaggio si nasconde sottocoperta.

Interrompe Brook quando quest'ultimo chiede a Pudding di mostrargli le mutandine. Ammonisce poi lo scheletro per avere fatto la stessa richiesta mentre uscivano dalla casa della ragazza. Quando Nami chiede a Pedro perché conosca Tottoland, menziona anche il visone che l'ha riconosciuto a Chocolat Town. Si ciba poi di tre pesci palla di frutta e viene mostrato il combattimento del gruppo contro le formiche di mare.

Mentre Rufy cerca Sanji e Pudding, Nami gli dice di non urlare per non attirare il nemico. Viene poi salvata all'ultimo momento dal capitano quando il coccodrillo parlante attacca il gruppo. Viene estesa la scena in cui esplora la foresta e quella in cui insegue il clone di Sanji dopo avere lasciato Rufy indietro. Quando Carrot si prepara ad attaccare Randolph, la navigatrice le dice di continuare a correre. Viene poi esteso il dialogo tra Nami, Chopper e la visone sul falso Sanji.

L'attacco degli homeys verso Nami e Chopper è esteso e la navigatrice poi colpisce uno dei falsi Sanji. Nell'anime, Rufy e Nami sentono arrivare Cracker, mentre nel manga non si accorgono di lui fino a quando non afferra Pound. Inoltre lo scontro con Brulee è allungato e viene mostrato come Nami prende il controllo degli homeys, fermando Randolph che tentava la fuga. La navigatrice costringe King Baum a salvare Rufy da un soldato biscotto e poi ordina ad alcuni homeys di portarlo nella bocca del signore della foresta della seduzione, ma i tre vengono circondati da Cracker e le sue creazioni. Nami allora affronta il generale dei dolci da sola per guadagnare tempo affinché il suo capitano si riprenda, ma viene sconfitta e salvata appena in tempo da Rufy. Spinge poi l'avversario ad avvicinarsi al fiume di succo di frutta per bagnare e insaporire le sue armature.

Nami afferma la sua preoccupazione per le condizioni di Sanji dopo avere ripensato allo scontro con Bege e con Cracker. Quando il cuoco ha messo Rufy al tappeto, Nami corre a soccorrerlo e solamente dopo schiaffeggia Sanji. Mentre l'armata si avvicina, Rufy chiede a Nami e King Baum di nascondersi, così l'homey fugge con la ragazza sopra di lui. Nami, appena tornata, respinge la spada di Bobbin con un getto d'aria del suo Nuovo Clima Takt prima che essa colpisca il suo capitano. Il suo attacco contro i soldati scacchi viene inoltre mostrato. Nel manga la navigatrice afferma di sapere usare le nuvole cariche di fulmini dopo essere stata immobilizzata da Galette, mentre nell'anime lo fa prima.

La sua fuga nel castello è allungata. Quando Brook si sveglia a causa di una mosca, Nami, Chopper e Carrot cercano di attirare la sua attenzione, ma rimangono increduli quando lo scheletro si addormenta di nuovo. Prima della riunione con i Pirati Firetank, Nami e Sanji hanno un dialogo, nel quale la navigatrice, visibilmente arrabbiata, dice al cuoco che lo terrà sempre d'occhio d'ora in poi. Nami racconta poi a Rufy che hanno rischiato di morire per salvare Brook da Big Mom mentre stava dormendo. Quando Cappello di paglia si sposta all'interno del corpo di Bege, aprendo dei passaggi per osservare cosa accade all'esterno, il capitano dei Pirati Firetank e la navigatrice cercano di riportarlo all'interno.

Viene mostrata la reazione di Nami quando lo specchio per la fuga va in pezzi. In seguito vede Caesar Clown investire in volo Chopper e Carrot per fuggire dai Pirati di Big Mom. Quando Big Mom attacca Reiju con Prometheus, Nami cerca di convincere Rufy a non intervenire.

Quando i suoi alleati vengono sopraffatti, si prepara a combattere. Viene poi raggiunta da Rufy e Sanji, che entrano nel corpo di Bege.

Viene allungato il momento in cui esorta King Baum a sopravvivere per la sua amata e, quando viene avvicinata da Zeus, si nasconde dietro a Jinbe. Prima che Prometheus incenerisca King Baum, Nami esprime il suo dolore per l'albero. Poco dopo numerosi homeys attaccano i fuggitivi, che li sconfiggono e schivano successivamente le palle di fuoco scagliate loro contro da Prometheus. Mentre nutre Zeus, viene protetta da Jinbe ed è poi costretta ad evitare i fendenti di Big Mom e le fiamme dell'homey sole. Mentre nel manga colpisce sia l'imperatrice che la squadra inseguitrice, nell'anime scaglia il fulmine solamente contro la prima. Quando si stanno avvicinando alla costa, LinLin li raggiunge e prova a colpirli nuovamente con una serie di fendenti e poi con Prometheus.

Nel manga, Nami carica tre barili di cola da sola, mentre nell'anime ne carica sono uno e gli altri due vengono posizionati da Carrot, che si offre di aiutarla. Inoltre, nel manga, quest'ultima informa la navigatrice che la nave è bloccata nello sciroppo di caramelle, mentre nell'anime è il contrario.

Quando Big Mom afferra la Sunny, uno dei tre barili di cola cade dal supporto e Nami, vedendo che il Coup de Burst è stato interrotto, capisce cosa è avvenuto. Per questo dà a Jinbe un Tone Dial con la voce registrata di Franky che spiega i passaggi necessari per attivarlo. La navigatrice, invece, riposiziona il barile caduto. Dopodiché soccorre Carrot, che era stata atterrata da Katakuri.

Subito dopo l'atterraggio della nave, Carrot comunica ai presenti che Rufy è entrato nel mondo dello specchio. Nami viene informata da Chopper sulla traiettoria delle panne di cannone sparate contro la Sunny e lo comunica a Jinbe. Viene mostrato il momento in cui rompe alcuni specchi sulla nave.

Dopo la trasformazione di Carrot, Brook afferma di volerle vedere le mutandine, così Nami lo colpisce. Intercetta con i suoi fulmini le palle di cannone sparate dalla flotta di Bavarois. Quando lo scheletro ribadisce il suo desiderio, la navigatrice lo picchia nuovamente.

Nami prova poi a colpire Big Mom con un getto di vento, ma Prometheus lo respinge con le sue fiamme, che vengono fermate da Brook prima che la colpiscano. Quando quest'ultimo chiede a Smoothie di mostrarle le mutandine, Nami lo schiaffeggia.

Quando Brook chiede nuovamente alla generale dei dolci di potere vedere le sue mutandine, la navigatrice lo colpisce. Giunto a Cacao, l'equipaggio viene attaccato da alcune Tarte, ma Jinbe evita le cannonate. Colpisce lo scheletro con un calcio perché si era chiesto se Reiju fosse arrivata a Cacao per mostrargli le sue mutandine.

Quando la ciurma sta per abbandonare Tottoland, Brook chiede a Nami se Jinbe stia bene, ma la navigatrice non gli risponde.

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

Mentre Nami legge il giornale, Cappello di paglia le chiede se ci sono notizie sull'Armata rivoluzionaria, ottenendo risposta negativa. Successivamente, la navigatrice e il resto dell'equipaggio parlano con Rufy riguardo a lui, Ace e Sabo.

Saga del re dell'acido carbonico[modifica | modifica sorgente]

La ciurma di Cappello di paglia viene attaccata da un gruppo di cacciatori di taglie a bordo di alcuni dischi in grado di levitare, ma fugge grazie al Coup de Burst della Sunny. Raggiunge poi un'isola su cui la nave dovrà essere riparata dai numerosi attacchi ricevuti. La ciurma respinge alcuni uomini di Cidre, che rivelano di essere gli abitanti dell'isola e di essere stati costretti a lavorare per lui. Dopo la sconfitta del cacciatore di taglie, gli abitanti donano numerosi barili di cola ai pirati, che partono verso Delta, dove si terrà l'Expo pirata.

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

Quando Brook afferma che vorrebbe vedere le mutandine di Bibi quando la conoscerà, Nami lo colpisce con un pungo alla testa. La navigatrice e Chopper sono poi terrorizzati quando le gigantesche carpe si avvicinano alla nave. Prima di essere risucchiato nel mulinello, l'equipaggio osserva per qualche istante il paesaggio. A quel punto, Nami colpisce Rufy affinché lasci le carpe che hanno trainato la Sunny.

Quando Kin'emon rivela che loro provengono da vent'anni prima, la navigatrice rimane scioccata. I membri dell'alleanza poi onorano le tombe presso le rovine, motivo per cui sono all'esterno all'arrivo di Kaido.

Viene mostrato come Nami e Shinobu si introducono nell'abitazione utilizzando i poteri della kunoichi. Inoltre nel manga, quest'ultima confessa alla navigatrice la sua paura per gli oggetti affilati mentre le due sono in volo, mentre nell'anime glielo dice mentre si trovano su un tetto di un edificio. Le due poi vengono informate da Kin'emon che Zoro è sparito.

Nami e Shinobu planano tramite due specie di lenzuoli sul tetto dell'edificio dello shogun, ma quando la navigatrice ci appoggia il piede, una folata di vento la sposta facendola precipitare, tuttavia la kunoichi la afferra da un braccio. Quest'ultima usa poi il suo potere per creare un varco nel tetto per infiltrarsi. Daikoku trafigge il soffitto più volte con la sua spada, avendo sentito dei rumori, tuttavia Shinobu e Nami riescono per poco ad evitarla. La navigatrice tappa poi la bocca alla kunoichi per impedirle di urlare, così Daikoku se ne va affermando di essersi sbagliato. In seguito, Hanzo blocca Nami con una catena al collo, che viene spezzata da Shinobu con la sua spada. La kunoichi, la navigatrice, Robin e Toko poi fuggono dal castello grazie all'aquilone della prima.

Nell'anime, Shinobu spiega il ruolo dei polpi sansuke a lei e a Robin prima che parli di Hyogoro, mentre nel manga è il contrario. Mentre le tre cercano di fuggire, Hawkins dirige contro di loro la sua spada, ma Sanji blocca l'attacco.

I Pirati di Cappello di paglia che si trovano ad Ebisu si chiedono come mai i cittadini ridano davanti a ciò che sta per accadere a Yasuie. Nel manga ciò accade dopo la sua morte.[39]

Quando Zoro e Sanji intervengono per salvare Toko, viene mostrata la reazione di Nami.[40] Inoltre quando Kyoshiro ferma l'attacco dello spadaccino, gli altri membri dell'equipaggio parlano di lui e, dopo avere discusso su come agire, dicono a Shinobu e Kanjuro di lasciare la capitale. Poi lo scontro di Nami contro gli uomini di Orochi è esteso.[41] La navigatrice e Robin hanno inoltre un confronto con i ninja prima che Brook intervenga.[42]

A Amigasa, si esalta quando scopre che l'alleanza dispone di quattromiladuecento membri.[43] Poi colpisce Zoro e Sanji con un pugno ciascuno mentre i due stanno litigando.[44]

Film[modifica | modifica sorgente]

Film 14[modifica | modifica sorgente]

Durante l'Expo pirata, la ciurma si posiziona in testa alla gara grazie alle modifiche apportate da Franky alla Sunny. Law esce però dalla cabina e li informa che Buena Festa sta tramando qualcosa, così Nami continua la gara, mentre alcuni suoi compagni decidono di accompagnare il chirurgo per scoprire i segreti dell'evento. Raggiunta l'isola emersa da Delta, Nami fulmina la ciurma di Foxy e quella di Wapol e precipita con essa a causa di una nave piena di esplosivi.

Lancia poi i fulmini di Zeus sui marine giunti su Delta per distruggerla, colpendo anche Bagy. Dopo la sconfitta di Douglas Bullet, Law utilizza i suoi poteri per trasportare i Pirati di Cappello di paglia sulla Sunny, che salpa da Delta grazie all'aiuto di Sabo, il quale crea un muro di fuoco per bloccare le corazzate della Marina.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nami ha un suo Jolly Roger, il quale porta la sua bandana, i suoi capelli, una stella e fa l'occhiolino, la linguaccia e l'OK con una mano (questo gesto in giapponese può significare denaro).
    • Dopo il salto temporale il teschio è rotondo, i capelli sono lunghi e mossi, il tema della bandana è cambiato mentre sul braccio porta un Log Pose. Come sfondo c'è il suo tatuaggio.
  • Nami in giapponese significa "onda".
  • Prima della sua apparizione nel manga, Nami era presente in diverse cover assieme a Rufy e ai Pirati del Rosso, sebbene sia Zoro il primo membro a unirsi a Rufy e non lei. Questo probabilmente è dovuto al fatto che diversi suoi prototipi sono comparsi nelle prime versioni di One Piece.
  • Molti aspetti del suo personaggio ricordano quelli di una strega, nome con cui veniva chiamata nel suo villaggio: la sua natura seduttiva, l'abilità di prevedere il tempo e controllarlo in certi aspetti con il suo Clima Takt. Dopo avere assistito alle sue tecniche di combattimento, alcuni personaggi si sono domandati veramente se fosse una strega. Curiosamente gli abitanti di Weatheria sono tutti vestiti da maghi.
  • Le sue due cose preferite sono i soldi e i mikan, ovvero i mandarini. I mikan in Giappone sono un simbolo di prosperità, quindi è come se le piacessero i soldi e più soldi ancora.
  • Nami ha alcune caratteristiche in comune con Sun Wukong: entrambi possiedono un bastone allungabile e una nuvola in grado di trasportare le persone.
  • Non ama l'aglio.[45]

Curiosità basate sulle SBS[modifica | modifica sorgente]

  • Inizialmente le sue misure erano 86-57-86[46] per poi diventare 95-55-85.[47] Dopo il salto temporale sono diventate 98-58-88.
  • Nami è il terzo personaggio più intelligente tra quelli presentati nella saga del mare orientale.[48]
  • La sua isola preferita è una estiva, con una spiaggia dove abbronzarsi.[49]
  • I suoi cibi preferiti sono i mandarini e la frutta in genere.[50]
  • Se la ciurma fosse una famiglia, lei sarebbe la primogenita.[51]
  • Nami e Robin fanno il loro bucato tutti i giorni, a turno.[52]

Nami maschio.

  • È stato raffigurato il suo aspetto se venisse trasformata in un maschio tramite i poteri del frutto Horu Horu.[53]
  • Se Nami vivesse nel mondo reale, sarebbe svedese.[54]
  • La doppiatrice di Robin ha affermato che Nami assomiglia ad un girasole.[55]
  • Nami si fa il bagno ogni giorno.[56]
  • Se vivesse in Giappone verrebbe dalla prefettura di Ehime.[57]
  • Il cibo che odia sono le orangette perché secondo lei i frutti si mangiano così come sono.[58]
  • Va a dormire alle ventitré e si sveglia alle sette.[59]
  • Se non fosse una piratessa sarebbe una maestra d'asilo.[60]
  • La sua specialità in cucina è l'anatra arrosto con salsa di mandarino. Si fa pagare per quello che cucina anche dai suoi compagni.[61]
  • Nei primi 80 volumi è al secondo posto per numero di rimproveri ai compagni, facendolo per 295 volte.[62]
  • Oda ha rivelato ironicamente che il "pugno della felicità" di Nami è più forte del "King Punch" di Elizabello II.[63]
  • La foto presente sul manifesto della sua seconda taglia è stata fatta da un fotografo che le ha detto, mentendo, di lavorare per una rivista, chiedendole se poteva farle uno scatto. Nami ha acconsentito a patto di farla apparire carina.[63]
  • Nami è uno dei membri della ciurma che non mangia il ghiaccio.[64]
  • In una gara di corsa su cinquanta metri, svolta tra i membri della ciurma nella saga di Whole Cake Island, arriverebbe settima.[65]
  • Ogni giorno, dopo cena, Nami disegna le mappe nautiche che servono per realizzare il suo sogno.[66]

L'aspetto che avrebbe Nami.

  • È stato rappresentato il suo aspetto a quarant'anni e a sessant'anni, oltre a quello che avrebbe avuto alle stesse età qualora fosse accaduto qualcosa di diverso in passato.[67]
  • Nel regno di Alabasta, il suo "pugno della felicità" valeva 100.000 Simbolo Berry.png, mentre nel Paese di Wa ha raggiunto i 300.000 Simbolo Berry.png.[68]
  • Se dovesse dare un nome a Sanji quando indossa la Raid Suit lo chiamerebbe "Capo", anziché "Soba Mask".[69]
  • Se dovesse mangiare un frutto del diavolo, sarebbe il Rombo Rombo.[70]

Note

  1. One Piece Vivre Card.
  2. Vol. 8capitolo 69.
  3. SBS del volume 15.
  4. SBS del volume 4.
  5. SBS del volume 10.
  6. One Piece Blue Deep: Characters World.
  7. SBS del volume 66.
  8. SBS del volume 6.
  9. SBS del volume 36.
  10. SBS del volume 37.
  11. SBS del volume 69.
  12. SBS del volume 8.
  13. Vol. 4capitolo 29 ed episodio 12, Nami stende uno spadaccino dei Pirati Kuroneko.
  14. Vol. 21capitolo 193 ed episodio 118.
  15. Errore nelle note: Marcatore <ref> non valido; non è stato indicato alcun testo per il marcatore IQ
  16. Vol. 11capitolo 92 ed episodio 42, Arlong parla a Rufy di Nami.
  17. Vol. 15capitolo 130 ed episodio 78, Bibi commenta le abilità di Nami.
  18. One Piece Vivre Card.
  19. Vol. 9capitolo 77 ed episodio 35, Genzo rivela che Nojiko ha tre anni.
  20. SBS del volume 85.
  21. Vol. TBAcapitolo 995, Nami chiede a Ulti di non darle un'altra testata altrimenti morirà.
  22. Episodio 756.
  23. Episodio 760.
  24. Episodio 739.
  25. Episodio 764.
  26. Episodio 756.
  27. Episodio 757.
  28. Episodio 758.
  29. Episodio 763.
  30. Episodio 765.
  31. Episodio 766.
  32. Episodio 767.
  33. Episodio 768.
  34. Episodio 770.
  35. Episodio 771.
  36. Episodio 775.
  37. Episodio 776.
  38. Episodio 779.
  39. Episodio 939.
  40. Episodio 941.
  41. Episodio 942.
  42. Episodio 943.
  43. Episodio 956.
  44. Episodio 959.
  45. Vol. 27capitolo 253 ed episodio 166, Sanji lo afferma.
  46. SBS del volume 6.
  47. SBS del volume 37.
  48. SBS del volume 8.
  49. SBS del volume 38.
  50. SBS del volume 45.
  51. SBS del volume 48.
  52. SBS del volume 51.
  53. SBS del volume 56.
  54. SBS del volume 56.
  55. SBS del volume 60.
  56. SBS del volume 67.
  57. SBS del volume 72.
  58. SBS del volume 73.
  59. SBS del volume 74.
  60. SBS del volume 76.
  61. SBS del volume 79.
  62. SBS del volume 81.
  63. 63,0 63,1 SBS del volume 82.
  64. SBS del volume 84.
  65. SBS del volume 85.
  66. SBS del volume 90.
  67. SBS del volume 92.
  68. SBS del volume 93.
  69. SBS del volume 94.
  70. SBS del volume 98.

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.