Nefertari Cobra è il dodicesimo re della dinastia Nefertari che governa il regno di Alabasta.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Nefertari Cobra a quarantotto anni.

È un uomo alto con alcune rughe sul volto, i baffi e la barba grigia a forma di cilindro. I suoi capelli sono ricci e parzialmente grigi. Indossa un vestito blu scuro, una fascia gialla legata intorno alla vita e sopra porta una giacca viola. Inoltre a causa di alcuni acciacchi è costretto sulla sedia a rotelle.

A quarantotto anni, non aveva i baffi e i suoi capelli erano totalmente neri. Indossava un abito verde con i bordi gialli, legato attorno alla vita da una fascia arancione, dei saldali ed una collana.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

È un uomo saggio, che si preoccupa della sorte del suo regno e dei suoi abitanti, anche dopo la loro ribellione. Al termine della ribellione ha perdonato tutti, poiché al di là dell'inganno tramato da Crocodile essi erano stati spinti dal desiderio di fare del bene per la propria nazione. Egli è anche molto fedele alla dinastia dei re di Alabasta, al punto da accettare la morte pur di impedire a Crocodile di salire sul trono. Eppure, come testimonia il suo carattere, la sua lealtà verso la monarchia l'aveva anche spinto a preferire l'intera distruzione del palazzo reale piuttosto che permettere che i ribelli e le guardie spargessero il loro sangue, consapevole che un regno è fatto dalle persone che vi abitano.

Nel complesso è in grado di guardare al futuro e di non prendere decisioni avventate. Lo ha dimostrato quando Kosa gli ha chiesto di usare la Dance Powder per combattere la siccità; Cobra gli ha spiegato che ottenere la pioggia sottraendola ad altri paesi non è la soluzione più adatta. Egli è molto umile e si è anche inchinato dinnanzi ai Pirati di Cappello di paglia durante il bagno alle terme per avere aiutato il suo paese, dicendo che senza nulla addosso non ha più il suo status di re e rimane un semplice un uomo e un padre. Inoltre è anche indulgente, pagando le spese per il sostentamento del villaggio di Kosa con i soldi della famiglia reale.

Ha anche un lato malizioso, perché rivela alla ciurma di Cappello di paglia dove si trovano le terme femminili in modo che possano sbirciare Nami e Bibi.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Cobra è il marito di Tity e il padre di Bibi. Ha una grande fiducia in sua figlia, anche a causa della sua forte determinazione. Talvolta si preoccupa per lei con quasi la stessa paranoia di Igaram, ma le lascia molta più libertà, tanto da ammonire lui e Toto quando si sono disperati per la zuffa tra Kosa e la principessa al loro primo incontro, affermando che si trattava solo di una rissa tra bambini. Naturalmente è stato in pensiero per la figlia per tutto il periodo in cui è rimasta infiltrata nell'organizzazione di Crocodile.

Donquijote Homing[modifica | modifica sorgente]

Lui e Donquijote Homing erano ottimi amici.[4]

Pirati di Cappello di paglia[modifica | modifica sorgente]

È profondamente grato ai Pirati di Cappello di paglia per avere salvato il suo paese, infatti si è addirittura inchinato in segno di ringraziamento nonostante sia un re.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

In quanto sovrano, Cobra regna su tutta Sandy. Non ha mostrato grandi abilità in combattimento, ma quando due banditi hanno cercato di rapire sua figlia il re ha sferrato un calcio a uno di loro.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Cobra con sua moglie ed Igaram commentano l'inizio della grande epoca dei pirati.

Dopo l'esecuzione di Gol D. Roger, ebbe inizio la grande era della pirateria. Cobra lesse la notizia sul giornale e commentò con sua moglie e con Igaram che la nuova era sembrava essere molto pericolosa.

Cobra ascolta Toto e Kosa.

Undici anni prima dell'inizio della narrazione, Kosa raggiunse il palazzo reale di Alubarna per chiedergli come mai non li avesse aiutati visto che il loro villaggio si era inaridito. Cobra affermò che non aveva potere sulle condizioni climatiche, così il bambino gli gridò che suo padre gli aveva detto che il re poteva fare qualunque cosa. Lui replicò che poteva intervenire solo sulle cose materiali, venendo poi informato che il padre del ragazzino si era introdotto a palazzo. Quest'ultimo gli domandò perdono per il comportamento sconsiderato del figlio, chiedendo che venisse lasciato andare e di venire punito al suo posto. Lo vide poi inginocchiarsi e colpire ripetutamente con dei pugni la testa del figlio per fargliela abbassare, dicendogli più volte di essere uno sciocco. Cobra disse quindi che per un po' sarebbe riuscito a provvedere al sostentamento dei villaggi colpiti dalla siccità, rivelando anche di essere indeciso sul futuro di Alubarna. Toto lo ringraziò, ma Kosa gli domandò in lacrime cosa ne sapeva di ciò che gli abitanti dei villaggi provavano, fuggendo poi via. Cobra disse a Toto che aveva un bravo figlio, il quale aveva a cuore il destino dei suoi cari al punto tale di presentarsi a palazzo per parlare a nome di tutto il villaggio. Igaram gli fece notare che non avevano risorse anche per altri villaggi, ma Cobra lo colpì alla fronte dicendogli che sarebbe bastato diminuire le loro entrate. Il suo sottoposto così lo assecondò. Subito dopo venne informato che Bibi aveva fatto a botte con un ragazzino ed era rimasta ferita. Dopo essersi preoccupato, trattenne a fatica Igaram che andò su tutte le furie. Capendo che si trattava di suo figlio, Toto disse che gli dispiaceva ed estrasse un coltello, offrendogli la su vita. Cobra colpì alla testa sia lui che Igaram, dicendo loro di smetterla in quanto era solo un'innocua lite tra bambini.

In seguito, poco distante dal centro, lui e Igaram si camuffarono e videro che Bibi si era fatta degli amici. Cobra sottolineò che quella era una cosa importante, specie perché un giorno lei avrebbe avuto la responsabilità di governare quel regno. I due furono poi notati dai ragazzini.

Un giorno seguì sua figlia, malamente camuffato, fino a un villaggio vicino alla capitale, senza farsi notare da Igaram, che aveva lo stesso scopo. Qui, Toto lo riconobbe e rimase sbalordito, così Igaram lo scoprì. Cobra rivelò quindi di essere in pensiero per Bibi. Il suo sottoposto lo pregò di tornare indietro, dicendogli che gli era solo d'impiccio, cosa che lo infastidì.

Poco dopo i due trovarono molti ragazzini a terra, i quali erano stati visibilmente malmenati. Igaram chiese a qualcuno di loro di rispondere e Natto rivelò che dei banditi, muniti anche di spade, volevano rapire Bibi. Aggiunse che erano andati verso le rovine e Kosa li aveva seguiti. Poco dopo i due giunsero in soccorso di quest'ultimo e della principessa mettendo al tappeto due nemici, sui quali poi lui si sfogò ulteriormente.

A quel punto Pell e Chaka sopraggiunsero portando con loro altri quattro banditi che avevano sconfitto. Il re domandò loro cosa ci facessero lì, ma il primo disse che dovevano essere loro a fargli tale domanda, mentre il secondo si chiese perché avesse lasciato il palazzo per venire a rischiare di farsi male in un posto come quello. Cobra sentì poi Igaram chiedere ai due di occuparsi dei ragazzini feriti.

A palazzo, sentì la conversazione tra Kosa e sua figlia, la quale, in lacrime, disse di avere avuto paura perché i suoi amici avevano detto che l'avrebbero difesa fino alla morte e lei non voleva che nessuno morisse a causa sua, essendo fiero di lei. Cobra disse dunque a Kosa che Bibi era ancora una piccola principessa e che lui aveva agito come un eroe, ringraziandolo di cuore. Il ragazzino gli rispose che lei era una sua amica e che fosse normale agire così. Il re replicò che per lui sarebbe stato un piacere consegnare un giorno il suo regno a persone come loro, chiedendogli se amasse il suo Paese. Kosa lo confermò dicendo che era il luogo in cui era nato e Cobra ammise di pensarla allo stesso modo. Uscito dalla stanza, mentre si allontanava, Igaram gli disse che era preoccupato perché per governare era necessario usare anche il pugno di ferro e Bibi le sembrava troppo dolce. Cobra, sorridendo, gli rispose che per il regno di Alabasta andava bene anche così e che le sarebbe stato sempre vicino finché le forze glielo avrebbero consentito.

Cobra e Toto si salutano.

In seguito Toto gli parlò del suo progetto di trasformare l'oasi di Yuba in un posto dove viverci, in modo da renderla il luogo di incontro per viaggiatori e mercanti della zona desertica occidentale del regno. Cobra fu d'accordo e gli affidò tale incarico.

Quando Toto fu pronto a partire, Cobra gli strinse la mano, dicendogli che si affidava a lui. L'uomo gli rispose che non doveva preoccuparsi e che avrebbe fatto il possibile per edificare una splendida città. Dopo avere sentito la conversazione tra Toto, Bibi e Kosa, salutò coloro che si diressero verso Yuba.

Cobra rimprovera Wapol al Reverie.

Sei anni prima dell'inizio della narrazione, Cobra si recò a Marijoa per il Reverie. Taras Lucas mostrò la foto di Dragon e disse che l'ideologia di quell'uomo era un pericolo per tutti loro, aggiungendo che nel giro di qualche anno era diventato il nemico numero uno del Governo Mondiale. Wapol ribatté che il suo Paese non aveva nulla da temere e che se volevano catturare quel criminale, avrebbero dovuto arrangiarsi. Cobra così lo criticò pesantemente, al punto da farlo sobbalzare e cadere dalla sedia, dandogli dell'irresponsabile menefreghista e domandandogli a cosa credeva servisse quel Reverie.

Tre anni dopo, la siccità si diffuse in tutto il regno, ad eccezione di Alubarna.

Dopo due anni di siccità, Kosa ebbe un'udienza con il re e gli chiese di usare la Dance Powder per salvare Yuba, ma Cobra si rifiutò di usarla per non favorire una città a scapito delle altre.

Successivamente venne a sapere che Crocodile respingeva i pirati che attaccavano le città del regno.

Saga di Alabasta[modifica | modifica sorgente]

Pell e Chaka fanno ritorno ad Alubarna dove gli riferiscono che si erano recati a Nanohana per sconfiggere i pirati che la stavano saccheggiando, ma Crocodile li ha nuovamente anticipati. Cobra afferma così che l'importante sia che nessuno si sia fatto male e che devono ringraziare ancora una volta il membro della Flotta dei sette.

Poco dopo riceve da Karl una lettera proveniente da sua figlia e scopre la verità su Crocodile; nonostante questo decide di non attaccarlo in quanto sarebbe inutile, ma di inviare Pell a sorvegliare i ribelli e ordina a Chaka di preparare l'esercito per difendersi.

Poco dopo però viene rapito da Mr. Four e da Miss Merry Christmas, mentre Mr. Two prende il suo posto in modo da complicare ulteriormente la sua situazione. Il vero Cobra viene portato di fronte a Crocodile, che gli chiede dove si trovi Pluton. Per la salvezza della sua nazione Cobra accetta di condurre Miss All Sunday alla camera segreta in cui è nascosto il Poignee Griffe. Rimane in disparte mentre la donna lo traduce e quando Crocodile la trafigge, poi assiste allo scontro tra Rufy e Crocodile. Per evitare che Crocodile possa sopravvivere decide di far crollare l'edificio rimuovendo una colonna, ma a vincere è Rufy. Rufy inoltre porta in salvo sia lui che la donna.

All'esterno ribelli e guardie reali hanno cessato di combattere perché la pioggia ha iniziato a cadere. L'innocenza di Cobra viene rivelata da Kappa, un bambino che ha visto che è stato un impostore a sostituirsi al re e ad ordinare la distruzione di Nanohana. Kosa sostiene che le proprie azioni siano imperdonabili, ma il re gli risponde che è il caso di lasciarsi tutto alle spalle.

Cobra permette ai salvatori della patria di risiedere al palazzo reale finché le loro ferite non saranno completamente guarite, dopodiché organizza una grande festa per onorarli. Al termine della celebrazione porta tutti quanti alle terme.

Il giorno successivo Bibi si presenta alla nazione e Cobra ascolta il suo discorso.

Saga dopo Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Guarda le taglie dei Pirati di Cappello di paglia assieme a Igaram, Chaka e Pell. Questi ultimi due si domandano perché Nico Robin faccia parte della ciurma e Cobra commenta che è una donna troppo misteriosa. I quattro vanno così a parlare con Bibi, la quale rivela di essere già a conoscenza della cosa, rimanendo stupiti del fatto che lei non si sia sconvolta. Quando la ragazza afferma che si fida di Rufy, il quale diventerà il re dei pirati, Cobra sottolinea la clemenza della figlia, affermando che è diventata un'ottima principessa, prima di piangere.

Saga dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

Tre settimane dopo la guerra per la supremazia, Cobra legge l'articolo del ritorno di Rufy a Marineford per suonare la campana di Ox. Qualche ora dopo viene informato da Chaka e Pell che un gruppo di pirati è stato scacciato dal paese senza troppe difficoltà e che le difese dei porti sono state innalzate. Cobra così si rammarica che non tutti i pirati siano come la ciurma di Cappello di paglia.

Dalle tolde del mondo[modifica | modifica sorgente]

Cobra è costretto a letto e legge sul giornale la notizia del ritorno dei Pirati di Cappello di paglia mentre Bibi gli fa visita.

Saga di Zo[modifica | modifica sorgente]

Con l'avvicinarsi del Reverie, Cobra, Bibi, Chaka, Pell, Igaram e Karl partono da Sandy per raggiungere Marijoa nonostante le sue condizioni fisiche, per interrogare il Governo Mondiale riguardo ai Poignee Griffe.

Saga del Reverie[modifica | modifica sorgente]

A Marijoa, Cobra acconsente a partecipare a un incontro con Riku Dold III e l'ammiraglio Fujitora dopo avere ricevuto una lettera da quest'ultimo. Successivamente, i reali si riuniscono e danno inizio al Reverie, il cui discorso di apertura quest'anno viene tenuto dal re di Ballywood, Ham Burger. Tra i vari argomenti trattati al Reverie, i re di Alabasta e Dressrosa riportano i problemi avuti con la Flotta dei sette, di cui poi viene deciso lo scioglimento.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nefertari in egiziano antico significa "più bello in assoluto".[5]
  • Il suo nome e il suo status di re sono un'allusione al cobra reale.
    • In Egitto, la terra su cui si basa il regno di Alabasta, i sovrani portavano un copricapo chiamato ureo che rappresentava la testa di un cobra.

Note

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.