Roronoa Zoro è lo spadaccino dei Pirati di Cappello di paglia ed un ex cacciatore di taglie.

Indice

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Zoro è un ragazzo mediamente alto e muscoloso con la pelle abbronzata. Porta sempre al seguito le sue tre spade legate con una fascia verde chiaro intorno alla vita al fianco destro, in modo da prenderle con facilità con la mano sinistra in caso di bisogno. Ha tre identici orecchini d'oro al lobo dell'orecchio sinistro e una bandana nera legata al bicipite sinistro che, quando è impegnato in un serio combattimento, usa legare intorno alla testa.[9]

Zoro ha inoltre alcune cicatrici che gli sono state inferte durante le sue battaglie, tra cui quella che si estende dalla spalla sinistra al fianco destro, acquisita per mano di Drakul Mihawk al Baratie, e quelle alle caviglie, che si è inferto lui stesso nel tentativo di liberarsi dalla struttura di cera di Galdino a Little Garden.

Altro elemento importante dell'aspetto di Zoro sono i suoi capelli verdi, motivo per il quale Sanji lo chiama "testa di muschio" a causa della somiglianza.

Prima del salto temporale[modifica | modifica sorgente]

In modo simile ai suoi compagni maschi, Zoro ha lo stesso vestito per la maggior parte della serie. I suoi pantaloni sono sempre neri con i bordi verdi, mentre i suoi indumenti superiori cambiano solitamente con il variare delle saghe.

Dopo il salto temporale[modifica | modifica sorgente]

Dopo il salto temporale, Zoro ha una nuova cicatrice sull'occhio sinistro, che tiene sempre chiuso. Il suo collo sembra più spesso e più irrobustito e i suoi capelli sono leggermente più lunghi.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Carattere[modifica | modifica sorgente]

Zoro mantiene solitamente un atteggiamento serio. È estremamente intimidatorio e spaventa facilmente gli avversari deboli semplicemente guardandoli. In passato ha ucciso alcune persone e coloro che lo hanno visto in azione sostengono che sia un assassino nato, capace di farsi prendere da una furia omicida. Nonostante questo, rimane una persona di buon cuore. Quando combatte con persone deboli o innocenti, preferisce usare la parte non affilata delle spade per non ferirli gravemente. Quando affronta un avversario temibile, ha l'abitudine di sorridere.

Si dimostra disposto ad usare misure drastiche: quando lui ed Usop sono stati ammanettati insieme, la prima soluzione suggerita da Zoro era quella che uno di loro si sarebbe dovuto tagliare una mano. Ha effettivamente cercato di tagliarsi i piedi per fuggire dalla struttura di cera di Galdino quando venne intrappolato insieme a Bibi e Nami. È anche uno dei primi della ciurma a suggerire di uccidere qualcuno o minacciarlo di morte.

Si rifiuta di attaccare alle spalle, a meno che i suoi compagni siano in pericolo di vita, e considera una cicatrice sulla schiena un grande disonore per uno spadaccino. Rispetta le decisioni del suo capitano e non esita a sottolineare la gravità delle situazioni che i suoi compagni trascurano, in particolare quando volevano fare rientrare Usop nella ciurma dopo che il cecchino ha sfidato Rufy a duello per la Going Merry ed ha perso.

Il suo sogno è quello di diventare il migliore spadaccino al mondo.

Zoro va fiero della sua reputazione come spadaccino e "cacciatore di pirati". A dispetto del suo orgoglio, non esita a inginocchiarsi a terra umilmente, come quando chiede a Orso Bartholomew di prendere la sua vita al posto di quella di Rufy e quando si inchina davanti a Mihawk implorandolo di allenarlo. Sa infatti riconoscere la sua inferiorità quando incontra un avversario superiore a lui.

Ha una forte fede nel destino, in modo simile ai Pirati di Barbanera. Un esempio lampante avviene quando si interessa ad una spada maledetta e lascia che sia la sorte a decidere chi avrebbe vinto: la sua fortuna o la maledizione della spada. Lancia quindi in aria la spada e stende il suo braccio sinistro nella direzione in cui sarebbe caduta per vedere se glielo avrebbe tagliato, pienamente consapevole del rischio. Dopo i due anni di allenamento, dice ai pirati della nave che ha appena distrutto di incolpare la sorte per averlo fatto finire sulla loro imbarcazione. Nonostante la sua fede nel destino, a Skypiea commenta che non crede nell'esistenza di nessuna divinità.

Nonostante sia indifferente al sesso o all'età dei suoi avversari, alcuni di essi, come Tashigi e Mone, credono che non prenda sul serio le donne. Questo perché Tashigi assomiglia moltissimo alla sua amica Kuina e Mone era semplicemente distratta. Quando quest'ultima constata tale convinzione, Zoro la taglia senza scrupoli, astenendosi però dall'ucciderla in quanto troppo debole per poterla considerare un vero rivale e non adoperando l'Ambizione dell'armatura nel colpo. Questo atteggiamento paritario è in lui fin da bambino: quando Kuina si lamentò con Zoro che il suo essere nata donna sarebbe sempre stato uno svantaggio, egli la rincuorò affermando che la vera forza di uno spadaccino era quella di volontà.

Di solito, durante i viaggi, trascorre il tempo allenandosi oppure dormendo, ma ama anche la pesca. Tiene molto alle sue spade e spesso le tiene accanto a sé durante il sonno; quando la sua Yubashiri è stata distrutta, è rimasto desolato. Ogni volta che è in fase di guarigione dopo un combattimento cerca di togliersi le bende, sostenendo che gli rendono difficili i movimenti dei suoi allenamenti. Ama bere alcol ed ha, come Nami, un'elevatissima tolleranza agli alcolici.

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Ciurma[modifica | modifica sorgente]

Zoro è sempre pronto a proteggere e a salvare i suoi compagni ogni volta che sono in pericolo, anche a rischio della sua stessa vita. A Skypiea quando si accorge che la Going Merry viene trascinata via, dice a tutti di lasciare la nave e che l'avrebbe protetta da solo. È stato disposto a consegnare la propria vita a Orso pur di risparmiare quella di Rufy ed ha tramortito Sanji quando ha cercato a sua volta di intervenire.

Monkey D. Rufy[modifica | modifica sorgente]

Zoro è stato il primo membro reclutato da Rufy e si fida ciecamente di lui. Segue sempre le sue decisioni qualunque siano le conseguenze, riconoscendo il suo ruolo di capitano. Nonostante al loro primo incontro Zoro chiarisce che avrebbe fatto a fette il suo capitano nel caso dovesse intralciare il suo sogno, durante la saga di Thriller Bark afferma il contrario, ovvero che non può realizzare il suo sogno se non aiuta prima il suo capitano a compiere il suo. Dopo l'arrivo di Orso, infatti, era disposto a buttare via i suoi sogni e le sue ambizioni per il proprio capitano senza la minima esitazione.

Zoro discute con Rufy riguardo ad Usop.

Quando Rufy era in lacrime dopo avere sconfitto Usop, Zoro gli ricordò che le decisioni difficili fanno parte dei compiti di un capitano e che non deve lasciarsi sopraffare dalle emozioni. Quando Rufy era disposto ad accogliere nuovamente Usop nella ciurma, Zoro criticò duramente il suo comportamento affermando che un membro dell'equipaggio che ha combattuto contro il proprio capitano non poteva essere perdonato così facilmente. Ha poi spiegato agli altri che il capitano deve essere rispettato in maniera incondizionata e ha affermato che se Usop dovesse ritornare nell'equipaggio senza avere chiesto prima scusa, allora sarebbe stato lui a lasciare la ciurma, in quanto avrebbe perso il rispetto per il proprio capitano. Per Rufy inoltre Zoro è disposto a mettere persino da parte il suo orgoglio da spadaccino, come quando ha pregato Drakul Mihawk di allenarlo in modo da riuscire a proteggere i propri compagni. Zoro è inoltre l'unico assieme a Sanji che non si preoccupa per Rufy quando quest'ultimo sta affrontando nemici pericolosi, ricordando agli altri membri di avere più fiducia nel loro capitano.

Vinsmoke Sanji[modifica | modifica sorgente]

La rivalità tra Sanji e Zoro.

Zoro è sempre in contrasto con Sanji per qualsiasi questione, anche nei momenti meno opportuni. Lo spadaccino ha l'abitudine di insultarlo quando corteggia Nami e Robin e non è nemmeno disposto ad ammettere la sua abilità culinaria, limitandosi ad affermare che il cibo che prepara è decente. A Little Garden i due hanno dato ufficialmente inizio alla loro eterna rivalità con una sfida di caccia in cui avrebbe vinto colui che avrebbe ucciso l'animale più grosso. Tuttavia, quando la coppia lotta contro un nemico comune, formano quasi sempre una squadra inarrestabile. Nonostante le loro vicissitudini hanno una grandissima fiducia l'uno dell'altro che non sono però mai disposti ad ammettere. I due infatti si capiscono meglio di altri compagni di squadra. Un altro aspetto interessante è il fatto che nel manga i due non si siano mai chiamati per nome.

Amici[modifica | modifica sorgente]

Koshiro[modifica | modifica sorgente]

Koshiro era il maestro di Zoro e per questo il loro legame è molto forte, anche se da quando il giovane è partito, i due non si sono più incontrati. Koshiro è orgoglioso di Zoro e non gli importa se è diventato un pirata, purché continui ad inseguire il suo sogno di diventare il più forte spadaccino del mondo. La fiducia nel suo allievo è così grande che gli ha consegnato la Wado Ichimonji che apparteneva alla figlia deceduta.

Kuina[modifica | modifica sorgente]

Kuina era la rivale d'infanzia di Zoro. I due si fecero una promessa: un giorno uno dei due sarebbe diventato il migliore spadaccino del mondo. Il giorno dopo il patto, però, la ragazza morì in seguito ad una caduta dalle scale di casa, perciò Zoro si prese l'impegno di onorare personalmente la promessa.

Johnny e Yosaku[modifica | modifica sorgente]

Zoro è amico dei cacciatori di taglie Johnny e Yosaku. Li ha conosciuti prima di incontrare Rufy e per un po' di tempo hanno viaggiato insieme.

Kobi[modifica | modifica sorgente]

Zoro ha incontrato Kobi mentre era imprigionato nella base di Sheltz Town. Nonostante quest'ultimo inizialmente avesse paura di lui per la sua cattiva reputazione, dopo averlo conosciuto meglio ha cominciato ad ammirarlo. Entrambi sono stati felici di incontrarsi a Water Seven.

Nefertari Bibi[modifica | modifica sorgente]

Dopo averla salvata a Whisky Peak, stabilisce un buon rapporto con Bibi.

Perona[modifica | modifica sorgente]

Quando viene mandato da Orso Bartholomew su Kuraigana, viene trovato da Perona, che si prende cura di lui. Durante i due anni trascorsi sull'isola, dopo alcune diffidenze iniziali, i due instaurano un buon rapporto, sebbene lei perda spesso la pazienza con lo spadaccino a causa del suo comportamento o del suo pessimo orientamento. Al termine dei due anni, Perona accompagna Zoro all'arcipelago Sabaody e lo aiuta a sfuggire a dei marine per ricongiungersi con la sua ciurma.

Nemici[modifica | modifica sorgente]

Marina[modifica | modifica sorgente]

In quanto pirata, Zoro è nemico della Marina. Ha una relazione particolare con Tashigi, infatti la ragazza assomiglia a Kuina ed ha anche le stesse convinzioni, per cui Zoro si infastidisce ogni volta che la vede. Tashigi vuole impossessarsi delle spade di quest'ultimo perché non sopporta che quelle che considera opere d'arte siano in mano ad un pirata.

Das Bornes[modifica | modifica sorgente]

Das Bornes ha affrontato Zoro ad Alubarna e, grazie ai poteri del suo frutto del diavolo, ha saputo resistere a tutti i colpi di Zoro. Per potere vincere il duello, Zoro ha dovuto imparare a "sentire il respiro di tutte le cose", e grazie a ciò è riuscito a tagliare il corpo d'acciaio dell'avversario. Per questo Zoro ha addirittura ringraziato il nemico per avere incrociato la sua strada, sostenendo che grazie a quello scontro è diventato più forte.

Altri[modifica | modifica sorgente]

Drakul Mihawk[modifica | modifica sorgente]

Zoro desidera sconfiggere Drakul Mihawk per diventare il migliore spadaccino del mondo. Quest'ultimo lo sconfigge senza sforzo al Baratie, ma gli risparmia la vita perché rimane colpito dalla sua determinazione e perciò desidera che diventi più forte e affrontarlo di nuovo.

Dopo la guerra per la supremazia, i due si incontrano di nuovo e Zoro prega Mihawk di allenarlo. Mihawk si rende conto che il desiderio di Zoro è principalmente quello di proteggere la ciurma, mettendo da parte il suo sogno di diventare il migliore spadaccino al mondo, così esaudisce la sua richiesta.

Ryuma[modifica | modifica sorgente]

Dopo la sua sconfitta per mano di Zoro, Ryuma gli dona la sua spada, convinto che essa sarà onorata di servire un padrone come lui. Mentre il corpo dell'avversario brucia, Zoro ammette che avrebbe voluto conoscere Ryuma quando era ancora in vita e per proteggere l'onore dello sconfitto farà finta che il duello con il samurai del Paese di Wa non sia mai accaduto.

Orso Bartholomew[modifica | modifica sorgente]

Zoro rispetta molto Orso Bartholomew. Al loro primo incontro, Zoro comprende subito di non avere possibilità di vittoria e per questo gli chiede di risparmiare la vita di Rufy offrendo in cambio la propria. Orso ha ammirato il coraggio di Zoro e ha accettato la proposta.

In seguito, sull'arcipelago Sabaody, i due si incontrano di nuovo e Orso salva lui e il resto della ciurma dall'ammiraglio Kizaru; nei due anni successivi, inoltre, protegge la Thousand Sunny. Per questo Zoro si sente profondamente in debito con lui.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

Zoro è uno dei quattro migliori combattenti dell'equipaggio insieme a Rufy, Jinbe e Sanji. La sua forza e la sicurezza in se stesso sono così grandi che molte persone, anche del calibro delle supernove, ritengono che avrebbe le potenzialità per essere il capitano di una ciurma.[10][11][12] In qualità di supernova facente parte della peggiore delle generazioni inoltre, è considerato dal Governo Mondiale uno dei più pericolosi pirati emergenti, come dimostra anche la sua taglia di 320.000.000 Simbolo Berry.png, indice della sua pericolosità.

In combattimento, la sua forza è tale da permettergli di sconfiggere prima di arrivare nel Nuovo Mondo avversari del calibro di Das Bornes, il migliore sottoposto di Crocodile, e Kaku, il secondo più forte membro del CP9. Dopo i due anni di allenamento con Mihawk, è inoltre riuscito a ferire gravemente Hody Jones sott'acqua con un solo colpo ed ha sconfitto il migliore spadaccino dell'isola degli uomini-pesce senza sforzo, nonostante quest'ultimo avesse ingerito numerosi Energy Steroid. Ha poi avuto la meglio contro Mone e Pica, rispettivamente un ufficiale ed un alto ufficiale dei Pirati di Donquijote.

Mentre si trovava nel Paese di Wa, si è anche scontrato con avversari del calibro di Killer e Scratchmen Apoo, due membri della peggiore delle generazioni con una taglia rispettivamente di 200.000.000 Simbolo Berry.png e di 350.000.000 Simbolo Berry.png, sconfiggendo il primo con un singolo colpo e ferendo considerevolmente il secondo mentre quest'ultimo era impegnato in uno scontro con X Drake. In seguito, ha perfino affrontato insieme a Rufy, Kidd, Law e Killer due individui del calibro di Kaido e Big Mom contemporaneamente. In quest'occasione, è riuscito a trattenere a fatica per qualche secondo un attacco combinato dei due imperatori e a ferire subito dopo attaccandolo singolarmente Kaido, conosciuto come "la creatura più forte del mondo", con un attacco di potenza tale da causargli una cicatrice al petto e da ricevere gli elogi per il danno reso dallo stesso imperatore.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Capacità fisiche[modifica | modifica sorgente]

Zoro possiede una forza fisica sovrumana. Già da bambino era capace di sollevare grossi pesi sopra la testa e di fare sollevamento pesi con enormi macigni. Una volta divenuto adulto, Zoro ha iniziato ad allenarsi con bilancieri di dimensione spropositata ed è riuscito a sollevare e lanciare un intero edificio verso Das Bornes. A Punk Hazard ha anche bloccato l'avanzata di un drago enorme.

Zoro dopo avere assorbito la fatica e il dolore di Rufy.

Zoro ha dimostrato inoltre di avere un'incredibile resistenza fisica e un'elevata soglia di sopportazione del dolore. A dimostrazione di ciò, è riuscito a sopravvivere dopo avere incassato dei duri colpi da Drakul Mihawk, lo spadaccino più forte al mondo. In particolare, uno dei colpi che gli ha inferto la Yoru del membro della Flotta dei sette fu tale da lasciargli sul petto una cicatrice talmente notevole da impressionare un individuo come Arlong, che dopo averla vista ha affermato di non potere lasciare in vita un umano del genere in quanto minava la sua ideologia riguardante la superiorità degli uomini-pesce.[13] Nonostante quest'ultime ferite inoltre, Zoro ha saputo combattere e vincere uno scontro con Hacchan.

Durante il combattimento con Mr. One, ha anche resistito a numerosissimi colpi del membro della Baroque Works, tali da fare a pezzi delle colonne che si trovavano dietro di lui, pur subendoli in pieno petto. Zoro è poi sopravvissuto all'urto di un calcio di Odr e alle scariche elettriche di Ener. A Little Garden, Zoro è inoltre riuscito a resistere rimanendo impassibile dopo essersi tagliato quasi per metà le gambe[14] e dopo tale ferita ha avuto ancora la forza necessaria per sconfiggere Mr. Five. Durante lo scontro con Kabaji, si è auto inflitto un colpo con la sua spada dove aveva già una ferita provocata da una coltellata di Bagy e dove l'acrobata gli aveva inflitto a sua volta due colpi, per fare vedere l'abisso di forza che c'era fra lui e il suo avversario.[15] Il momento in cui Zoro si è spinto più oltre in assoluto in termini di resistenza fisica, fu quando decise, per salvare la vita di Rufy, di assorbire tutto il dolore e la fatica provate dal suo capitano durante il combattimento con Gekko Moria in aggiunta a quelle provate personalmente negli scontri con Odr e Ryuma. In quest'occasione, nonostante secondo Orso Bartholomew sarebbe dovuto morire, Zoro è sopravvissuto ed ha avuto l'audacia di sostenere di fronte a Sanji che non era successo niente.

Zoro ha saputo evitare o bloccare attacchi velocissimi, come le onde d'urto e un raggio laser di Orso Bartholomew, nonostante fosse già ferito per via degli scontri precedenti con Ryuma e con Odr.

Infine Zoro ha un'elevatissima tolleranza all'alcol, anche se in misura ridotta rispetto a Nami. A dimostrazione di ciò, dopo avere bevuto molti alcolici a Whisky Peak, si è svegliato poche ore dopo perfettamente lucido ed è riuscito a battere cento cacciatori di taglie della Baroque Works. Tuttavia il gas K.Y.P. utilizzato dagli Yeti Cool Brothers, che sortisce gli effetti di una grossa bevuta, è riuscito a farlo addormentare, sebbene prima di assopirsi sia stato in grado di tagliare un insieme di stalagmiti contro cui stavano per finire lui, Brook e Sanji nel corpo di Nami.

Meditazione[modifica | modifica sorgente]

Zoro è esperto nella meditazione, che pratica regolarmente per calmare la sua mente e affinare la sua attenzione e destrezza quando usa le spade. Ciò gli ha fatto sviluppare forti capacità sensoriali. A Rogue Town, ha infatti capito immediatamente che la Sandai Kitetsu fosse una spada maledetta dopo averla brandita e in seguito è riuscito a domarla completamente con la sua volontà, in una prova che poteva costargli la perdita del braccio. A Water Seven, nonostante fosse incastrato in un camino a testa in giù, ha saputo sentire che Chopper aveva con sé la stessa spada.

Grazie alla sua spiritualità, nello scontro contro Kaku, Zoro è stato in grado di generare per la prima volta un'aura con cui ha dato l'illusione di avere tre teste e nove braccia.

Senso dell'orientamento[modifica | modifica sorgente]

Al di fuori delle battaglie, Zoro ha una grandissima debolezza: il suo senso dell'orientamento praticamente nullo. Arriva infatti al punto da riuscire a perdersi anche mentre vede la sua meta, mettendosi a cercare una scorciatoia e finendo inevitabilmente per perdersi di nuovo. A Skypiea ha persino deciso di dirigersi verso destra per poi senza rendersene conto incamminarsi alla sua sinistra. Ad Enies Lobby inoltre, Nami ha indicato le scale che la ciurma avrebbe dovuto salire e Zoro si è subito diretto inconsapevolmente da un'altra parte.

Quando gli altri gli fanno notare questa cosa, lui si infuria, credendo che lo stiano calunniando. Spesso crede infatti che siano gli altri ad essersi persi.

Tecnica a tre spade[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere tecnica a tre spade

La tecnica a tre spade.

Zoro è un grande spadaccino, ideatore della tecnica a tre spade, in cui una di esse è tenuta in ciascuna mano e la terza è tenuta tra i denti. In caso di necessità, Zoro sa combattere anche con due o una sola spada e le sue tecniche, che variano a seconda del numero di spade utilizzate, comprendono sia colpi a distanza ravvicinata che colpi a distanza effettuati con stoccate volanti. Brook sostiene che Zoro utilizza il "potere della distruzione" (破壊力, Hakairyoku?). In altre occasioni, ha sferrato attacchi usando le braccia anziché le spade, mentre contro Kaku, all'epoca membro del CP9, ha sfoderato una tecnica con cui crea l'illusione di possedere nove spade.

Una debolezza che Zoro aveva in passato come spadaccino era la sua incapacità di tagliare l'acciaio, sebbene sia riuscito a distruggere le spade di Hacchan con la pura forza prima di avere formalmente imparato a farlo durante lo scontro con Das Bornes, permettendogli così di superare i poteri del frutto del diavolo Lama Lama dell'avversario.[16][17] Ha poi sconfitto il general zombie Ryuma, che utilizzava il cadavere di un leggendario spadaccino, con solo due spade e in breve tempo, sebbene lo zombie avesse la stessa forza muscolare di Zoro e l'ombra di Brook.[18]

Ha anche perfezionato una nuova tecnica per creare fendenti volanti durante il suo duello con Braham.[19] È stato inoltre in grado di scagliare un potente fendente con un tantō, un'arma dalla lama lunga pochi centimetri, trafiggendo un uomo e distruggendo l'edificio dietro di lui.

Dopo i due anni di addestramento trascorsi con Mihawk, la sua abilità è aumentata così tanto che ha dimostrato di sapere tagliare a metà una grossa nave e decapitare un drago con precisione e rapidità. Ha tranciato anche un Pacifista, mentre due anni prima, usando il suo attacco più potente era riuscito solo a scalfirne uno. Quando affronta nemici molto deboli o quando non vuole ferire il suo avversario, usa solo la parte non affilata delle sue spade, nonostante vista la sua grande forza fisica a detta di Nami e Chopper egli è comunque in grado di procurare gravi danni. La sua abilità con la spada è stata elogiata addirittura da Kin'emon, un samurai del Paese di Wa.

Tecnica del fuoco fatuo[modifica | modifica sorgente]

Lente.png Per maggiori informazioni, vedere tecnica del fuoco fatuo

Ha appreso la tecnica del fuoco fatuo di Kin'emon, con cui è stato in grado di tagliare le fiamme di Prometheus.[20]

Ambizione[modifica | modifica sorgente]

Zoro è una delle poche persone ad essere in grado di utilizzare tutti e tre i tipi di Ambizione.

È in grado di utilizzare l'Ambizione della percezione, che ha utilizzato per la prima volta contro Das Bornes per evitare le macerie che gli stavano cadendo addosso, affermando di riuscire a percepire il loro respiro nonostante non stesse guardando verso l'alto. Durante il suo scontro con T-Bone, è riuscito inoltre a percepire la forza del marine,[21] mentre durante lo scontro con Kaku è riuscito a leggere i movimenti del suo avversario.[22] Ha saputo anche evitare i proiettili sparati a distanza ravvicinata da Charloss.[23] Dopo il salto temporale, ha imparato ad utilizzarla più consapevolmente, come dimostrato durante la festa tenuta al palazzo reale dell'isola degli uomini-pesce dove, insieme a Rufy e a Sanji, è riuscito a sentire la presenza di Caribou.

Padroneggia anche l'Ambizione dell'armatura, che è quella che predilige.[24] Con essa, è riuscito a superare quella di Pica, dimostrando di saperla utilizzare ad alti livelli.

Durante il loro combattimento, Kaido ha riconosciuto che Zoro possiede anche l'Ambizione del re conquistatore, sebbene lo spadaccino afferma di non esserne consapevole.[25] Già in precedenza Zoro era riuscito ad intimidire alcuni avversari.[26]

Armi[modifica | modifica sorgente]

Le katane di Zoro.

Zoro combatte usando delle katane:

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Zoro e Kuina fanno la loro promessa di diventare i migliori spadaccini del mondo.

Zoro nacque a Shimoshiki[27] e si allenò nel dojo del villaggio fin da bambino. Era abbastanza forte da sconfiggere la maggior parte degli adulti, ma non riuscì mai ad avere la meglio su Kuina, la figlia del suo maestro. Dopo duemila scontri, vinti tutti dalla ragazza, Zoro la sfidò in privato, stavolta però con spade vere, dal quale ne uscì nuovamente sconfitto. Raccontò a Kuina di volere diventare il migliore spadaccino del mondo e quest'ultima gli rivelò di condividere il suo stesso sogno, ma sapeva che non avrebbe mai potuto raggiungerlo, poiché secondo suo padre le ragazze non sarebbero mai potute diventare vere maestre dell'arte della spada ed il suo livello di combattimento sarebbe diminuito man mano che sarebbe cresciuta. Zoro le disse che un giorno l'avrebbe battuta perché sarebbe diventato più abile di lei e non per il fatto che fosse una donna. I due fecero così una promessa: un giorno uno di loro diventerà il migliore spadaccino del mondo.

Il giorno seguente Kuina cadde dalle scale e morì; Zoro chiese dunque a Koshiro la spada della ragazza e iniziò ad allenarsi per mettere a punto la tecnica a tre spade.

Anni dopo Zoro venne a conoscenza che il titolo di migliore spadaccino del mondo appartiene a Drakul Mihawk, così prese il mare alla ricerca di quest'ultimo, per sfidarlo a duello. Tuttavia si perse, così per sopravvivere divenne un cacciatore di taglie. In questo periodo conobbe Johnny e Yosaku e si costruì una grande reputazione nel mare orientale, tanto da venire notato dalla Baroque Works, la quale inviò Mr. Seven per offrirgli l'occasione di entrare nell'organizzazione, ma egli rispose che avrebbe accettato solo se ne fosse diventato il capo. La sua arroganza spinse l'Officer Agent ad attaccarlo, ma Zoro lo uccise.

Saga del Romance Dawn[modifica | modifica sorgente]

Zoro incontra Rufy.

Zoro, mentre si trova Sheltz Town, uccide il lupo di Hermeppo per proteggere Rica. Infuriato, Hermeppo lo fa arrestare e gli promette che lo libererà se riuscirà a resistere per un mese senza mangiare né bere.

Venti giorni dopo Rica gli fa visita per dargli qualcosa con cui sfamarsi, ma Hermeppo la vede ed ordina ad un marine di allontanarla. A quel punto giunge Rufy, che risolve la situazione e chiede a Zoro di entrare nella sua ciurma. Quest'ultimo gli risponde che accetterà la sua offerta se verrà liberato e se gli riporterà le sue spade. Una volta libero, Zoro sconfigge un gruppo di marine e poco dopo fa lo stesso con Morgan.

In seguito Ririca offre a Zoro e Rufy un pasto nel suo bar; qui Rippah li ringrazia per averli liberati dalla tirannia di Morgan e li lascia andare. Inoltre lo spadaccino ascolta le parole che Cappello di paglia rivolge a Kobi per incitarlo a seguire il suo sogno di entrare nella Marina. Zoro e Rufy si dirigono quindi verso la loro prossima destinazione.

Saga di Orange[modifica | modifica sorgente]

Zoro e Rufy si rendono conto che non sanno navigare, per questo capiscono di avere bisogno di un navigatore. Poco dopo un uccello gigante prende in bocca Rufy e lo trasporta con sé. Rimasto solo, Zoro si imbatte in tre membri della ciurma di Bagy che hanno intenzione di derubarlo e ucciderlo, ma una volta scoperta la sua identità, i pirati, impauriti, cominciano a remare al posto suo.

Bagy pugnala Zoro alle spalle.

Zoro ritrova Rufy appena in tempo per salvare sia lui che Nami dalla ciurma di Bagy. Lo spadaccino taglia quest'ultimo a pezzi, tuttavia Bagy è immune alle armi da taglio grazie ai poteri del suo frutto del diavolo. Pugnala quindi Zoro alle spalle, ferendolo; nonostante questo, lo spadaccino riesce a capovolgere il cannone rivolto verso Rufy rivolgendolo verso Bagy e la sua ciurma.

In seguito Zoro viene curato da Barboncino, che lo ospita nella propria abitazione, che però, viene demolita da una delle Bagy ball lanciate su tutta la città. Tuttavia Zoro esce dalle macerie senza nessuna ferita.

Zoro sconfigge Kabaji.

La ciurma decide così di combattere nuovamente contro Bagy. Zoro si scontra con Kabaji, il quale combatte in modo sleale trafiggendo le ferite non ancora guarite dell'avversario ogni volta che ne ha l'occasione. Bagy cerca di interferire nello scontro, ma Rufy glielo impedisce. Zoro riapre la propria ferita per dimostrare che può sconfiggere il nemico anche in queste condizioni, così Kabaji, riconosciuto l'onore dell'avversario, lo attacca, ma Zoro ha la meglio e lo ferisce ripetutamente al petto; poi crolla a terra, privo di forze.

Dopo la battaglia i cittadini tornano alle loro abitazioni e vedendo il loro sindaco privo di sensi attribuiscono la colpa a Rufy, Zoro e Nami, cacciandoli dalla città. A quel punto Nami accetta temporaneamente di unirsi al gruppo e i tre riprendono il mare.

Saga di Shirop[modifica | modifica sorgente]

La ciurma raggiunge l'isola degli animali strani, sulla quale Nami e Rufy sbarcano, mentre Zoro rimane sulla barca a dormire.

In seguito il trio salpa nuovamente e raggiunge l'arcipelago Gekko. Qui incontrano Usop, un ragazzo del villaggio di Shirop a capo di una banda di ragazzini che fingono di essere pirati. Quando Rufy avanza l'idea di cercare un'imbarcazione più grande di quella attuale e di cercare nuovi componenti per la sua ciurma, Usop consiglia al gruppo di rivolgersi a Kaya. In seguito Nami, Zoro e i Pirati di Usop si imbattono in un ipnotizzatore.

Poco dopo Usop raggiunge Zoro e Nami, comunicando ai due che lui e Rufy hanno appena scoperto che il maggiordomo di Kaya in realtà è un pirata che ha intenzione di fare attaccare il villaggio dalla sua ciurma, i pirati Kuroneko, in modo che uccidano Kaya; lei, prima di morire, sarebbe stata costretta a fare testamento e a lasciare tutti i suoi averi al pirata. Zoro e gli altri decidono quindi di aiutare Usop a sventare il piano di Kuro.

Zoro combatte contro Buchi e Sham.

Nami ed Usop si dirigono alla baia in cui la nave dei pirati ha attraccato e tentano di respingerli. Appena prima che i due vengano uccisi, arrivano in loro aiuto Rufy e Zoro. Quest'ultimo si scontra con i fratelli Buchi e Sham che gli sottraggono due spade, mettendolo così in difficoltà. Lo spadaccino, nonostante ciò, intima ad Usop di non intervenire nello scontro. Kuro raggiunge il campo di battaglia e non soddisfatto dell'andamento, dà cinque minuti ai suoi uomini prima che decida di uccidere tutti.

Con l'aiuto di Nami, Zoro riesce ad riprendersi le sue due spade e a sconfiggere i due fratelli. Usop nel frattempo ordina a Cipolla, Carota e Peperone di portare Kaya nella foresta, quindi Kuro invia Jango all'inseguimento. Zoro, con Usop in spalla, si addentra nella foresta per proteggere Kaya e i tre bambini. Jango si sbarazza facilmente di questi ultimi, promettendo di risparmiargli la vita, a patto che Kaya firmi un documento in cui cede i suoi averi a Kuro. Poco dopo Zoro taglia un ramo in modo da permettere ad Usop di colpire dalla distanza Jango, che cade a terra privo di sensi.

Dopo la sconfitta di Kuro e della sua ciurma, Kaya regala all'equipaggio la Going Merry, dopodiché Usop entra ufficialmente a far parte dei Pirati di Cappello di paglia.

Saga del Baratie[modifica | modifica sorgente]

Mihawk ferma Zoro senza difficoltà.

Johnny, desideroso di vendicarsi per essere stato colpito da un colpo di cannone sparato dalla Going Merry contro lo scoglio dove lui e Yosaku si trovavano, sale a bordo della nave, ignaro che si sia trattato di un equivoco. Zoro lo riconosce e, spiegata la situazione, Yosaku, malato di scorbuto, viene curato da Nami. Avendo capito l'importanza dell'alimentazione, la ciurma decide che ha bisogno di un cuoco, così Johnny suggerisce loro di recarsi al Baratie.

Qui Zoro incontra lo spadaccino più forte del mondo, Drakul Mihawk, e lo sfida a duello. Il membro della Flotta dei sette, dopo avere accettato lo scontro, ferma l'attacco di Zoro usando solo un pugnale. Quest'ultimo non demorde e contrattacca, ma Mihawk spezza due delle sue spade senza difficoltà.

Mihawk sconfigge Zoro.

Zoro si rivolge al suo avversario affermando che un ferita sulla schiena è un disonore per uno spadaccino. Mihawk sorride e lo colpisce con un fendente al petto con la sua Yoru; tuttavia si rende conto delle potenzialità e della determinazione del ragazzo e lo sprona a diventare più forte, dicendogli che lo aspetterà per duellare nuovamente. In quel momento Zoro, soccorso da Johnny e Yosaku, giura a Rufy che non verrà mai più sconfitto.

Successivamente Zoro, Usop e i due cacciatori di taglie inseguono Nami sull'imbarcazione di questi ultimi, la quale aveva rubato la Going Merry.

Saga di Arlong Park[modifica | modifica sorgente]

In prossimità dell'arcipelago Konomi, Yosaku sale su uno squalo panda per tornare al Baratie in modo avvisare Rufy. Quando Zoro dice di assaltare eventuali nemici che si trovano sull'isola, Usop e Johnny lo legano alla barca e si avvicinano al molo. Vedendo alcuni uomini-pesce, proseguono, ma si gettano in mare quando questi ultimi li inseguono.

Zoro viene portato davanti ad Arlong.

Essi portano Zoro ad Arlong Park che rivela ad Arlong di stare cercando una ragazza, insultandolo per la sua natura di metà pesce. Quest'ultimo ride e lo invita a non provare a dirlo ancora, dato che la sua razza è superiore. A quel punto sopraggiunge Nami e scopre che lei fa parte della ciurma degli uomini-pesce, capendo di essere stati traditi. Arlong sostiene che la ragazza tradirebbe chiunque per denaro, ma per smentire le sue parole, Zoro si getta in acqua; la ragazza lo salva, ma conferma la sua fedeltà all'uomo-pesce colpendo lo spadaccino con un pugno e dei calci, ordinando poi di chiuderlo in una cella.

In seguito Nami, durante l'assenza di Arlong, libera Zoro, il quale sconfigge tutti gli uomini-pesce presenti, uccidendoli quasi tutti. Successivamente pensa come agire dato che aveva promesso a Rufy che avrebbe riportato Nami. A quel punto sente un suono, così incontra Hacchan, al quale chiede se era stato lui a farlo e se è un uomo-pesce. Quest'ultimo risponde affermativamente e gli chiede se sia un marinaio o un ospite. Zoro dice di essere un ospite, così scopre che sia Arlong che Usop si trovano a Coco. Chiede quindi come raggiungere il villaggio e Hacchan si offre di accompagnarlo a nuoto, facendolo entrare sul suo vaso. Raggiunto Coco, l'uomo-pesce lo saluta dicendogli di tornare a trovarlo e Zoro afferma che sia un tipo strano, prima di dire che è meglio trovare Usop.

Qui scopre che Arlong è già tornato ad Arlong Park ed Usop è stato catturato. Mentre vi si dirige, sente un frastuono e si chiede se sia una bomba, ma dalla foresta sbuca un'imbarcazione con a bordo Rufy, Yosaku e Sanji, che lo travolge, ferendolo. Rialzatosi, rivela loro che Usop è stato catturato e deve salvarlo. A quel punto anche Johnny si imbatte in loro ed afferma che è troppo tardi perché il cecchino è stato ucciso da Nami. Mentre Zoro vede Rufy aggredire Johnny per quanto detto, il gruppo viene raggiunto da Nami che chiede loro cosa siano venuti a fare. Quando Sanji le chiede se si ricorda di lui, Zoro gli dice di stare zitto. Johnny rivela che la ragazza è dalla parte di Arlong per comprare il villaggio dove si trova un tesoro e ha ingannato tutti. Nami chiede quindi se vogliono ucciderla per vendicare Usop ed afferma che Zoro ha fatto una sciocchezza, infatti Arlong vuole uccidere lui e suoi compagni, aggiungendo che nonostante siano forti, non possono vincere. Zoro risponde che a lui non interessa e chiede dove sia Usop, sentendosi rispondere dalla navigatrice che si trova in fondo al mare. A quel punto lo spadaccino la attacca, ma viene fermato da Sanji, che lo stuzzica facendolo innervosire. Quando Nami dice loro di andarsene, Zoro vede Rufy distendersi a terra.

Zoro si addormenta.

Dopo che Nami se n'è andata, Johnny e Yosaku affermano che non possono più essere loro accompagnatori e si separano dal gruppo. Zoro e Sanji così si siedono e il cuoco gli chiede se Nami abbia davvero ucciso Usop. Lui gli rivela di averle detto una volta che era come un pesciolino e lei gli ha risposto che era pronta ad uccidere per dimostrare il suo coraggio. Sanji si infuria per tale definizione e gli sferra un calcio, così Zoro fa per parare colpo, ma in quel momento Usop li raggiunge di corsa, venendo colpito da entrambi. Quando Rufy chiede al cecchino se è stata Nami a ridurlo così, Zoro risponde che è colpa sua e di Sanji. Usop rivela poi che Nami sta con gli uomini-pesce per qualche ragione che non comprende e che lei lo ha salvato. I pirati vengono a quel punto raggiunti da Nojiko, la quale dice loro che è inutile tentare di fermare Arlong e di non ficcare il naso nelle questioni del villaggio, offrendosi di raccontare tutto se poi se ne sarebbero andati. Zoro vede Rufy andarsene, ma dice alla ragazza che loro la ascolteranno, tuttavia si addormenta subito.

Successivamente raggiunge Coco con Sanji e Usop, aspettando in strada l'arrivo di Rufy. Tutti assieme si dirigono poi ad Arlong Park per aiutare Nami a liberare il suo villaggio dagli uomini-pesce.

Zoro vede Rufy abbattere il cancello dell'edificio e poi assieme sconfiggono tutti i membri dei Pirati di Arlong ad eccezione degli ufficiali. Arlong approfitta della confusione generale e getta Rufy in acqua.

Zoro ferisce Hacchan.

Zoro combatte con Hacchan, faticando a causa delle ferite non ancora rimarginate subite durante lo scontro con Drakul Mihawk. Nonostante questo però, riesce a sconfiggere l'avversario con la tecnica a tre spade.

Successivamente Zoro si frappone tra Arlong e Sanji affermando che terrà impegnato Arlong per trenta secondi, in modo che il cuoco liberi Rufy, bloccato sott'acqua. Lo spadaccino subisce numerose ferite dall'uomo-pesce, ma viene salvato da Rufy appena in tempo.

Dopo la sconfitta di Arlong, la ciurma torna a Coco dove Nako cura le ferite di Zoro, Rufy, Yosaku e Johnny. Per festeggiare viene organizzata una grande festa.

Saga di Rogue Town[modifica | modifica sorgente]

Zoro vince la maledizione della Sandai Kitetsu.

La ciurma raggiunge Rogue Town e Zoro chiede del denaro a Nami per potere acquistare due nuove spade. Mentre cammina per una via scorge una ragazza, molto simile a Kuina, che si sbarazza di alcuni pirati. Entrato in un negozio di armi, il proprietario cerca di truffare Zoro convincendolo a vendergli la sua Wado Ichimonji ad un prezzo di molto inferiore di quello reale, ma Tashigi si precipita nel negozio e rovina accidentalmente il suo piano. La ragazza nota che la spada verso la quale Zoro mostra interesse è la Sandai Kitetsu. Ipponmatsu comincia allora a raccontare la maledizione di Kitetsu suscitando l'interesse di Zoro, che decide di acquistarla e testare la sua fortuna contro la maledizione; lancia quindi in aria la spada, stende il braccio orizzontalmente e una volta caduta il suo braccio non viene tagliato. Dopo avere assistito al coraggio di Zoro, il proprietario del negozio decide di donargli sia quella spada che la Yubashiri, la migliore che abbia mai posseduto.

Una volta lasciato il negozio, Zoro si ricongiunge con la ciurma, anche se manca Rufy, che si trova nei guai. Zoro e Sanji si precipitano quindi verso il luogo dell'esecuzione per affrontare l'Alleanza Bagy e Albida, che erano riusciti a catturare il loro capitano, ma in quel momento un fulmine colpisce il patibolo e così Rufy riesce a liberarsi. I tre corrono verso la Going Merry, ma vengono intercettati dal capitano Smoker e Tashigi. La marine ingaggia un duello con Zoro, il quale riesce ad avere la meglio.

In seguito Zoro, Sanji e Rufy raggiungono la loro nave, così la ciurma salpa da Rogue Town.

Saga di Lovoon[modifica | modifica sorgente]

La ciurma si imbatte in una tempesta, che rischia di spingere la nave in una fascia di bonaccia, tuttavia alla fine la Going Merry raggiunge l'entrata della Reverse Mountain e riesce a risalire fino alla cima. Durante la discesa la ciurma individua un ostacolo costituito da un'enorme balena, la quale minaccia di distruggere la nave all'impatto. Rufy riesce a evitare che la Going Merry si schianti, ma la polena si rompe e il pirata si infuria, attaccando l'animale. La balena, infastidita, inghiotte la nave con l'equipaggio, ad eccezione di Rufy che riesce a fuggire sul dorso del cetaceo. All'interno, i Pirati di Cappello di paglia si trovano improvvisamente in quello che sembra un ambiente esterno con una casa in mezzo al mare dove incontrano un vecchio di nome Crocus e successivamente altre due persone.

Dopo una serie di vicende, una volta usciti dall'animale, i Pirati di Cappello di paglia decidono di salpare accompagnando Miss Wednesday e Mr. Nine verso l'isola dalla quale erano giunti.

Saga di Whisky Peak[modifica | modifica sorgente]

Zoro di fronte a cento cacciatori di taglie.

Zoro e la ciurma arrivano a Whisky Peak, una città di simpatizzanti di pirati che tiene una festa in loro onore. Zoro finge di addormentarsi dopo avere bevuto molto alcol, ma prima che i cittadini possano uccidere i membri della ciurma, Zoro si presenta davanti a loro, rivelando di conoscere la loro organizzazione, la Baroque Works. Per proteggere i suoi compagni inermi, affronta tutti i cento cacciatori di taglie, sconfiggendoli facilmente.

In seguito arrivano sull'isola Mr. Five e Miss Valentine, per questo Mr. Eight implora Zoro di salvare la principessa Bibi. Lo spadaccino esita ad eseguire l'ordine, ma Nami, intenzionata a richiedere un miliardo di Berry come pagamento, lo costringe ad affrontare Mr. Five e Miss Valentine per proteggere Bibi. All'improvviso però Rufy si risveglia ed, ignaro di come stiano le cose, incolpa lo spadaccino di avere attaccato gente buona e onesta. Ne nasce uno scontro assurdo tra i due, che si sbarazzano dei due membri della Baroque Works, colpevoli di avere cercato di interferire con il loro duello.

Messi fuori gioco i due nemici, Bibi spiega loro che la situazione nel suo paese è tragica e che la colpa è della Baroque Works, il cui capo è Crocodile, un membro della Flotta dei sette. Rufy, Zoro e Nami decidono di salpare di fretta per scampare ad un ulteriore attacco. Portano i loro due compagni ancora addormentati sulla nave e poco dopo incontrano Miss All Sunday, che si offre di donare loro un Eternal Pose per un'isola nei pressi di Sandy, loro destinazione. Rufy però lo distrugge dicendo che sceglieranno loro la rotta da percorrere. La ciurma prosegue poi il suo viaggio.

Saga di Little Garden[modifica | modifica sorgente]

Zoro, Nami e Bibi intrappolati.

La ciurma raggiunge Little Garden, un'isola preistorica abitata da dinosauri e da due giganti. Zoro, inviato a rifornire le scorte di carne per la nave, sfida Sanji in una competizione in cui vince colui che avrebbe ucciso l'animale più grande. Lo spadaccino sconfigge un triceratopo, ma poco dopo viene catturato da Mr. Three ed intrappolato assieme a Nami e Bibi in una scultura di cera che lentamente trasformerà anche loro in statue ricoprendoli della stessa sostanza.

L'intervento di Rufy, Usop e Karl permette ai tre di salvarsi: Usop scioglie infatti la cera che intrappola i suoi amici. Prima che Mr. Five possa infliggere il colpo di grazia al cecchino, Zoro lo sconfigge.

Dopo essere entrati in possesso di un Eternal Pose che punta a Sandy, la ciurma salpa, ma all'improvviso appare un pesce rosso gigante, il Mangia isole, che ha intenzione di divorarli. Proprio all'ultimo momento, però, i giganti lo uccidono con due fendenti lanciati dalle loro armi.

Saga di Drum[modifica | modifica sorgente]

Durante la navigazione Nami si ammala così la ciurma si ferma sull'isola di Drum per trovare un medico. Tutti si dirigono verso un villaggio, ad eccezione di Zoro e Karl che rimangono a guardia della nave.

In seguito lo spadaccino decide di allenarsi nelle acque ghiacciate e poi risale un fiume, finendo in una foresta dove incontra Bibi ed Usop. I tre si dirigono a Big Horn, dove Zoro sconfigge i soldati fedeli a Wapol solo per procurarsi un cappotto con cui difendersi dal freddo. In seguito gli abitanti del villaggio, insieme a Zoro, Bibi e Usop, iniziano la loro ascesa al castello mediante una funivia, arrivando appena dopo la sconfitta di Wapol per mano di Rufy.

Chopper si unisce alla ciurma e trasporta i suoi nuovi compagni alla nave. Lì la ciurma scopre che Karl si è congelato nell'acqua gelida, perché si era tuffato in acqua per salvare Zoro quando l'ha visto sparire. L'inconveniente fa arrabbiare Nami, che colpisce Zoro alla testa perché responsabile di quanto accaduto.

Saga di Alabasta[modifica | modifica sorgente]

Durante il viaggio Bibi spiega ai suoi compagni la gerarchia della Baroque Works. Mentre si avvicinano al regno di Alabasta, Rufy e Usop decidono di pescare; poco dopo la ciurma attraversa una nube di vapore, usciti dalla quale si accorgono che all'amo è rimasto impigliato uno strano individuo. Una volta salito a bordo egli decide di farli divertire con i poteri del suo frutto del diavolo. Tocca così il viso di tutti coloro che sono sulla nave, ad eccezione di Sanji, che si trova in cucina, e di Bibi, che era troppo lontana da lui, e si trasforma in loro; poi mostra in rapida successione i volti di tutti coloro che ha toccato in precedenza. Mentre si cimenta in questo spettacolo, Bibi riconosce tra i volti che sfilano quello di suo padre. Improvvisamente si avvicina una nave e l'uomo li saluta per poi salire sull'imbarcazione. La principessa spiega che quell'uomo è un membro della Baroque Works, così la ciurma decide così di disegnarsi una croce sul braccio, nascosta sotto una fascia bianca, come segno di riconoscimento, in modo da non venire ingannata dal nemico.

Quando la ciurma arriva a Nanohana, si imbatte in Smoker, Tashigi e con il fratello maggiore di Rufy, il quale respinge i marine e sconfigge molti membri della Baroque Works; successivamente si separa dalla ciurma del fratello, dopo avergli lasciato una Vivre Card con la quale potranno incontrarsi di nuovo in futuro.

L'equipaggio scopre che l'esercito dei ribelli ha lasciato Yuba e si è diretto verso Katorea per attaccare l'armata reale. La ciurma si reca verso la città di Rainbase intenzionata a sconfiggere Crocodile e la Baroque Works, ma si imbattono nuovamente in Smoker e Tashigi. Al termine di un lungo inseguimento Zoro, Rufy, Nami, Usop e Smoker vengono intrappolati da Crocodile nei sotterranei del casinò Rain Dinners. Grazie ad uno stratagemma di Chopper e Sanji, la ciurma riesce ad uscire dalla gabbia e a salvarsi dall'annegamento; Zoro, su preciso ordine di Rufy, porta in salvo anche Smoker.

La ciurma inizia ad attraversare il deserto per raggiungere Alubarna, con l'intenzione di impedire che abbia inizio la battaglia tra le due fazioni ingannate da Crocodile. Lo stesso pirata si presenta sul loro cammino e Rufy rimane indietro per affrontarlo, mentre gli altri procedono. Quando raggiungono la destinazione, i membri della ciurma si mascherano e si dividono per trarre in inganno gli Officer Agent della Baroque Works e non fargli capire sotto quale cappuccio si nasconda la principessa Bibi.

Zoro sconfigge Mr. One.

Zoro si trova così inseguito da Mr. One e, rivelata la sua vera identità, si prepara ad affrontare il cacciatore di taglie. Lo spadaccino viene colpito molte volte dalle lame del suo avversario, ma alla fine riesce a tagliare il corpo di acciaio del nemico e a sconfiggerlo.

Dopo i vari scontri i membri della ciurma si affrettano a localizzare la bomba che nei piani di Crocodile dovrebbe uccidere migliaia di persone. Bibi intuisce che si trova nella torre dell'orologio e Zoro contribuisce a farle raggiungere la sommità dell'edificio nei pochi secondi rimanenti. Nonostante la sconfitta dei due agenti della Baroque Works posti in difesa dell'ordigno, la bomba non può essere disinnescata, così Pell decide di portarla con sé in cielo e tutta la ciurma di Rufy assiste al suo sacrificio.

Quando la battaglia finalmente si conclude viene organizzato un banchetto per i pirati, che vengono poi invitati alle terme del palazzo. La ciurma salpa il giorno successivo e si accorda con Bibi per passare a prenderla qualche ora dopo e proseguire l'avventura insieme. A bordo della Going Merry fa la sua comparsa Mr. Two Von Clay e il suo gruppo di seguaci, che si sacrificano per distrarre il capitano Hina intenzionata ad arrestare la ciurma. Giunti al luogo di ritrovo scorgono Bibi in lontananza, che li ringrazia coloro e dice loro addio, avendo deciso di restare in patria.

Al largo dell'isola la ciurma scopre che Nico Robin è salita a bordo e convince Rufy a lasciarla entrare nell'equipaggio.

Saga di Jaya[modifica | modifica sorgente]

Zoro si lascia colpire su ordine di Rufy.

Durante la navigazione la ciurma vede una nave cadere dal cielo, e Nami si accorge che il Log Pose punta proprio verso l'alto. Dopo avere ispezionato la nave affondata, l'equipaggio incontra Mashira ed Orangutan. In seguito la ciurma, dopo avere avvistato un'isola, decide di sbarcarvi per chiedere informazioni su come raggiungere quella che si trova in cielo. Una volta entrati a Mock Town, Rufy e Zoro incontrano Bellamy, che li ridicolizza e insulta i loro sogni. Lo spadaccino su ordine del suo capitano, non reagisce e i due vengono malmenati. In seguito inoltre, Rufy, Zoro e Nami scambiano qualche parola con un pirata presente anch'esso sull'isola assieme alla sua ciurma.

Poco dopo la ciurma incontra Montblanc Cricket, discendente di Montblanc Noland, conosciuto come il bugiardo per antonomasia in tutto il mare settentrionale per avere raccontato dell'esistenza di una città d'oro presente sull'isola. Cricket sembra essere l'unica persona che sa come raggiungere Skypiea, e vista la curiosità della ciurma spiega loro che per raggiungerla è necessario utilizzare una corrente d'acqua verticale chiamata Knock Up Stream, che si può localizzare solo dopo avere catturato un South Bird.

Dopo che Rufy ha sconfitto Bellamy e recuperato l'oro che quest'ultimo aveva rubato a Cricket, la ciurma salpa con la Going Merry, modificata apposta per potere risalire la Knock Up Stream. I Pirati di Barbanera inseguono la ciurma con l'obiettivo di catturare Rufy per riscuotere la taglia sulla sua testa, ma la loro nave viene distrutta dalla corrente ascensionale, mentre i Pirati di Cappello di paglia riescono a risalirla per raggiungere Skypiea.

Saga di Skypiea[modifica | modifica sorgente]

Zoro sconfigge Braham.

Arrivati sull'isola nel cielo i Pirati di Cappello di paglia non pagano ad Amazon la tassa necessaria per sbarcarvi. Poco dopo la ciurma fa la conoscenza di Konis e di suo padre. L'uomo ha appena finto di guidare uno waver e spiega loro il suo funzionamento. Subito dopo il gruppo viene raggiunto dagli White Beret che li accusa di essere sbarcati senza pagare.

Nami, dopo avere raggiunto l'Upper Yard con il waver ed avere assistito alla morte di alcune persone, torna in quel momento e cerca di convincere l'equipaggio della pericolosità del luogo e a pensare a come tornare nel mare blu. Liberatisi degli White Beret, Rufy, Sanji e Usop ritornano alla casa di Pagaya e di sua figlia per preparare le provviste per il viaggio, mentre Zoro, Nami, Chopper e Robin si recano alla nave per prepararla alla partenza. Improvvisamente però vengono agganciati da un gigantesco crostaceo che trasporta la nave con sé. I quattro si ritrovano all'altare delle vittime sacrificali e decidono di esplorare la zona. Più tardi l'intera ciurma si riunisce alla Going Merry.

Zoro sconfigge Ohm.

Il giorno successivo la ciurma dcide di dividersi in due gruppi, ma quello composto da Rufy, Zoro, Chopper e Nico Robin viene attaccato da un pitone gigante che li separa. In seguito lo spadaccino incontra un membro della tribù Shandia, ma riesce ad avere la meglio su di lui nello scontro che ne segue. Successivamente si imbatte in Ohm, uno dei quattro sacerdoti di Skypiea al servizio di Ener, che si dimostra essere un ottimo spadaccino in grado di bloccare tutti i suoi attacchi. Non senza difficoltà Zoro riesce però a sconfiggerlo.

Poco dopo Ener raggiunge il luogo in cui si trovano Zoro, Nico Robin, Gan Forr, e Wiper e dà loro la possibilità di diventare suoi sottoposti a patto che Nami venga sacrificata. Tutti e quattro rifiutano sostenendo che ad essere eliminato dovesse essere lui. Zoro prova ad attaccarlo, ma non riesce a ferirlo e viene messo fuori gioco dall'avversario.

Dopo che Rufy ha sconfitto Ener, la ciurma festeggia insieme agli abitanti di Skypiea. Successivamente recuperano molti oggetti preziosi che erano contenuti nel ventre del pitone gigante e poi raggiungono la nave per salpare. Dopo avere salutato Konis si dirigono al Cloud End per tornare nel mare blu, grazie ad un polpo balloon.

Saga del Davy Back Fight[modifica | modifica sorgente]

Zoro scaraventa Big Pan nel canestro.

Ben presto la ciurma arriva a Long Ring Long Land, dove si trovano strane specie animali. Rufy, Usop e Chopper si avventurano sull'isola mentre gli altri che sono rimasti alla nave vengono accerchiati dai Pirati di Foxy. Il capitano della ciurma sfida Rufy al Davy Back Fight, il quale accetta.

Quando Foxy decide di prendere Chopper dopo avere vinto il primo turno, la renna piange poiché ha deciso di imbarcarsi solo perché Rufy glielo ha chiesto e che non vuole stare con tipi del genere. Zoro rimprovera duramente Chopper dicendogli che deve comportarsi da vero uomo e che solo lui è responsabile di essere diventato un pirata.

Nella seconda sfida Zoro e Sanji devono collaborare. Dopo un arduo duello Zoro e Sanji sconfiggono i tre membri di Foxy, così Chopper torna nella ciurma. L'ultima sfida consiste nella lotta fra i due capitani. Alla fine Rufy riesce a sconfiggere l'avversario e decide di prendersi la loro bandiera invece di un membro della ciurma.

Zoro salva Robin dal colpo di Aokiji.

Poco dopo i Pirati di Cappello di paglia incontrano l'ammiraglio Aokiji, il quale comunica che non ha intenzione di catturarli e che voleva solo constatare che Robin fosse ancora viva e se si fosse unita a loro. Tuttavia cambia idea e tenta di colpirla con una spada di ghiaccio, ma Zoro blocca il colpo. Subito dopo quest'ultimo viene messo fuori combattimento poiché il marine congela il suo braccio. Rufy vuole sfidare Aokiji in un duello uno contro uno e ordina a Zoro e Sanji di tornare immediatamente alla nave. Ritornati alla Merry i due si tuffano in mare per sciogliere il ghiaccio su consiglio di Chopper. Anche Rufy alla fine viene congelato dal marine e in seguito recuperato dai suoi compagni; per permettere a Robin e Rufy di riprendersi, la Merry resta ormeggiata per cinque giorni a Long Ring Long Land prima di salpare.

Saga di Water Seven[modifica | modifica sorgente]

I Pirati di Cappello di paglia, durante la navigazione, incontrano un treno che viaggia su rotaie galleggianti. Si fermano così in prossimità della Shift Station per chiedere informazioni su dove possono riparare la loro nave. Qui fanno conoscenza di Kokoro e di sua nipote Chimney. Queste danno a Nami una lettera ed una mappa da consegnare al sindaco di Water Seven. Tutti i membri della ciurma sbarcano, ad eccezione di Zoro che resta a fare la guardia alla nave, addormentandosi. Al suo risveglio, si ritrova circondato da degli sconosciuti che sconfigge facilmente.

In seguito sale a bordo un carpentiere della Galley-La company per controllare le condizioni della nave, Zoro inizialmente lo scambia per Usop per via del suo lungo naso. Dopo avere effettuato l'ispezione, Kaku afferma che la nave non è più in grado di navigare a causa delle pessime condizioni della chiglia, ma Zoro è in forte contrasto con l'opinione del carpentiere.

Quando tutti i membri della ciurma tornato alla nave discutono sul fatto che la Going Merry non può essere riparata e che dunque bisogna abbandonarla per prenderne una nuova. Usop non è d'accordo e sfida il proprio capitano per decidere chi si terrà la nave. Rufy lo sconfigge lasciandogli l'imbarcazione. Più tardi, Zoro combatte con Sanji per decidere a chi attribuire la colpa per quello che è successo. Il gruppo si chiede inoltre che fine abbia fatto Nico Robin. Dopo il duello, Zoro sostiene inoltre che Rufy, in qualità di capitano non deve esitare mai, altrimenti l'equipaggio non si fiderà di lui. Il mattino seguente Nami scopre che Iceburg, il sindaco della città, è stato aggredito e che la colpa ricade sulla ciurma.

Zoro scappa dall'Acqua Laguna.

Decidono quindi di andare alla Galley-La company per parlare con Iceburg, dove scoprono che quest'ultimo sta per essere ucciso da Kaku ed altri quattro individui che lavorano a Water Seven, ma che in realtà sono membri del CP9, e che Nico Robin è con loro. Zoro, infastidito, attacca Kaku incolpandolo di avere mentito riguardo al suo impiego di carpentiere, ma quest'ultimo sostiene di avere svolto correttamente il suo lavoro e ciò che ha detto riguardo alla Going Merry sia vero. In seguito Zoro viene facilmente sconfitto da Rob Lucci, che lo scaglia fuori dalla finestra, facendolo incastrare nella canna fumaria di un camino, dal quale viene liberato da Chopper pochi istanti prima dell'arrivo dell'Acqua Laguna. Scampato il pericolo, la ciurma comincia subito a pensare ad un piano sul come salvare Robin dalla cattura.

Zoro sconfigge T-Bone.

Vedendo la loro determinazione, Kokoro e Iceburg forniscono ai pirati un altro treno marino, il Rocket Man. I membri della Franky Family, disposti a tutto per salvare il loro capo, supplicano Rufy di potersi unire a lui. Il pirata acconsente e così la ciurma, la Franky Family e la Galley-La company si alleano. Il Rocket Man parte quindi per raggiungere Enies Lobby.

Successivamente Rufy e Zoro con un'azione combinata fanno strada al treno in corsa evitando così l'impatto con un'enorme onda. Poco dopo lo spadaccino taglia a metà un vagone del Puffing Tom, rimasto sui binari e poi affronta e sconfigge T-Bone con relativa facilità.

Il gruppo raggiunge poi un altro vagone fermo sui binari, nel quale si trovano Sanji e Sogeking.

Saga di Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Dopo che Sanji ed Sogeking raccontano ciò che è successo, il Rocket Man arriva nei pressi di Enies Lobby, così il gruppo progetta il piano di intrusione, ma Rufy si dirige verso l'isola per conto suo. Alcuni minuti dopo Zoro ordina a Yokozuna di spingere la recinzione per usarla come una rampa; il treno finisce contro la di Oimo e successivamente prosegue in groppa ai King Bull della Franky Family per dirigersi verso la torre della giustizia dove Robin è detenuta; in questo momento Pauly chiede a Zoro di riferire ai membri del CP9 che si erano infiltrati nella Galley-La company che sono licenziati. In seguito lo spadaccino trancia le spesse porte del tribunale per potere proseguire, ma una volta entrato perde l'orientamento.

Zoro e Kaku si scontrano.

In seguito, i Pirati di Cappello di paglia si allineano sul tetto e attendono che il ponte venga abbassato, mentre vedono Nico Robin proprio davanti a loro, ammanettata dai membri del CP9. Il ponte si abbassa solo in parte, così Kokoro lo usa come rampa per il Rocket Man, ordinando a tutti i membri della ciurma di saltare. Rufy afferra tutti e con un salto sale sul treno che entra così nella torre della giustizia.

Qui Fukuro si presenta e rivela loro che hanno bisogno di una chiave per potere aprire le manette di agalmatolite di Robin. Così i pirati capiscono che devono combattere individualmente contro i membri del CP9. In seguito Zoro entra in una stanza dove incontra Kaku e i due iniziano un'intensa battaglia, ma ad un certo punto il pavimento crolla e i due precipitano nella stanza sottostante dove trovano Jabura e Sogeking. Quest'ultimo lancia con la sua Kabuto delle manette di agalmatolite per impedire ad uno dei due membri del CP9 di usare i loro poteri, ma ammanetta il polso destro di Zoro. In seguito i due Pirati di Cappello di paglia finiscono accidentalmente ammanettati tra loro.

Zoro sconfigge Kaku.

In seguito i due riescono a liberarsi così Zoro riprende il suo scontro individuale con Kaku, il quale lo mette in difficoltà grazie ai suoi poteri che gli permettono di trasformarsi in una giraffa e all'uso delle Rokushiki. Alla fine però Zoro riesce ad avere la meglio e a sconfiggere Kaku e ad ottenere un chiave per le manette. Successivamente lui e Sanji trasportano il ferito Sogeking lungo il tunnel che improvvisamente si allaga, ma loro tre, Nami, Chopper, Chimney e Gonbe vengono salvati da Kokoro, che in realtà è una sirena.

Dopo avere liberato Nico Robin, mentre attendono la fine dello scontro tra Rufy e Rob Lucci, i Pirati di Cappello di paglia ingaggiano una battaglia con molti marine giunti fin lì a causa del Buster Call chiamato per errore da Spandam. Zoro si imbatte in Shu, che col potere del suo frutto del diavolo arrugginisce e distrugge la Yubashiri. La loro nave per la fuga viene bombardata, ma Usop, dopo che Rufy ha sconfitto Lucci, grida a tutti di gettarsi in mare. Il suoi compagni lo ascoltano e finiscono a bordo della Going Merry, giunta fin lì per salvarli. Zoro e il resto della ciurma riescono ad evitare e respingere le cannonate delle navi della Marina e, poiché Sanji ha aperto il cancello della giustizia, la Merry riesce a scampare al Buster Call e a lasciare Enies Lobby, devastata dal quest'ultimo.

Saga dopo Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Il funerale della Going Merry.

Durante il viaggio di ritorno a Water Seven, Iceburg e altri carpentieri raggiungono la ciurma a bordo di una nave della Galley-La Company nel momento in cui si spezza la prua della Going Merry. In seguito la ciurma assiste al funerale vichingo della nave, che bruci tra le lacrime dei membri del suo equipaggio, anche se Zoro le trattiene.

Due giorni dopo, ritornati a Water Seven, Zoro osserva la sua spada distrutta e si domanda cosa fare. Cerca di comperare una spada nuova, ma non avendo soldi viene cacciato fuori dal negozio. Più tardi, i membri della Franky Family mostrano ai Pirati di Cappello di paglia i manifesti delle loro nuove taglie; quella di Zoro è arrivata a ben 120.000.000 Simbolo Berry.png. Successivamente corre per la città per raggiungere i suoi compagni ed informarli dell'arrivo dei marine, ma si perde. Una volta arrivato a destinazione, viene attaccato da Hermeppo, ma lo spadaccino lo sconfigge velocemente. Poi lui e Sanji informano il resto della ciurma che la nave del viceammiraglio Garp è arrivata sull'isola. Quest'ultimo entra nella stanza dove si trovano e colpisce violentemente Rufy con un pungo. Quando Zoro viene a sapere che il marine è il nonno del suo capitano e che quest'ultimo è figlio di Monkey D. Dragon, resta a bocca aperta come tutti i presenti. Il viceammiraglio poi afferma che non avendo avuto ordini diretti di catturarli, li lascerà andare.

Zoro poi si schiera contro il ritorno di Usop nella ciurma, affermando che non dovrebbe essere riaccettato nell'equipaggio se non si fosse prima scusato con loro. Secondo il suo ragionamento, Rufy non deve fare nulla poiché è stato Usop a lasciare i suoi compagni.

In seguito aiuta la Franky Family a lanciare Franky con il loro cannone verso la nuova nave della ciurma. Dopo che il cyborg sale a bordo come nuovo membro dell'equipaggio, la ciurma salpa; a quel punto Usop chiede scusa dalla riva ai suoi amici per la sua testardaggine e viene felicemente riaccolto da Rufy; Zoro sorride per il suo ritorno. A quel punto la Thousand Sunny viene inseguita dalla nave di Garp, che dopo avere ricevuto ordini diretti di catturare la ciurma inizia a lanciare contro di loro delle palle di cannone. Zoro e Sanji usano il loro capitano per impedire che la nave venga colpita e subito dopo Franky attiva il Coup de Burst per fuggire.

Saga di Thriller Bark[modifica | modifica sorgente]

Durante la navigazione la ciurma trova un barile che galleggia in mezzo al mare. Appena lo aprono, un razzo parte dal suo interno ed esplode in aria. A quel punto una tempesta arriva all'improvviso e la ciurma si trova in presenza di una nave fantasma.

La nave appartiene ad uno scheletro di nome Brook che in un primo momento accetta di unirsi alla ciurma su invito di Rufy, ma poi cambia idea, affermando che non può. Mentre Brook racconta un po' di sé i pirati si accorgono della presenza di un fantasma e sentono dei cigolii sinistri: si tratta del cancello della recinzione che circonda l'isola di Thriller Bark, che si chiude dopo avere intrappolato la nave. A quel punto Brook si avventura sull'isola senza aspettare il resto del gruppo.

Quando Franky mostra la Mini Merry 2, Nami, Usop e Chopper vogliono subito provarla, ma dopo un po' non fanno più ritorno; Zoro e il resto della ciurma decidono così di andare a cercarli. Tuttavia, prima di partire vengono bloccati da un'entità invisibile che ruba le spade di Zoro e tenta di colpire Rufy. Franky interviene in modo provvidenziale a sventare il pericolo.

Zoro sconfigge Ryuma.

Dopo che la Sunny si è impigliata in un'enorme ragnatela Zoro e il resto dell'equipaggio iniziano ad esplorare l'isola incontrando Cerbero che però non li intimorisce. Dopo avere visto diverse creature strane e avere sconfitto diversi zombie, Zoro e la ciurma incontrano un vecchio che chiede loro di sconfiggere Gekko Moria, accusandolo di avergli rubato l'ombra.

Mentre si trovano nella villa di Hogback, Zoro viene immobilizzato dalla ragnatela di alcuni zombie, che lo conducono poi da Gekko Moria, il quale gli ruba l'ombra. Successivamente, lo spadaccino viene portato, privo di sensi, sulla sua nave. In seguito Usop, dopo essere tornato alla Sunny, lo risveglia.

Dopo avere purificato alcuni zombie con del sale, Zoro, Sanji e Franky attraversano un ponte, ma a quel punto appare Odr che lo distrugge. Franky però ricostruisce velocemente il ponte, permettendo a Zoro di salvare Brook che sta per essere sconfitto dallo zombie. Dopo uno scontro senza esclusione di colpi, ha la meglio sul samurai che gli dona la sua spada.

Zoro contro Odr.

Quando Moria prende il controllo di Odr, comincia a distruggere Thriller Bark con l'obiettivo di sbarazzarsi della ciurma di Cappello di paglia. Inizialmente Zoro fatica a tenere testa allo special zombie, non riuscendo ad impensierirlo con i suoi colpi. Quando Chopper però individua il punto debole dello zombie, Zoro e tutta la ciurma con un attacco combinato riescono a sconfiggerlo.

Sanji, Robin e Zoro esposti al sole cominciano a vaporizzarsi perché sono senza ombra.

Dopo la sconfitta di Moria l'ombra torna nel corpo dello spadaccino appena in tempo prima che bruciasse completamente al contatto dei raggi solari. Inaspettatamente però appare un altro membro della Flotta dei sette, Orso Bartholomew che propone di risparmiare la vita dei membri dell'equipaggio in cambio di quella del loro capitano. Tutti rifiutano, così Orso li colpisce mettendoli al tappeto.

Zoro si prepara ad affrontare Orso Bartholomew.

Mentre Orso sta per uccidere Rufy, Zoro sbuca dalle macerie e ferisce il membro della Flotta dei sette, vedendo che dalla ferita non esce sangue, scopre così che l'avversario è un cyborg. Orso spara contro allo spadaccino dei raggi laser, che a stento riesce a schivare. Zoro capisce di non avere speranze e chiede all'avversario di prendere la sua testa al posto di quella del suo capitano. A quel punto Sanji lo raggiunge, proponendo con fermezza che si sacrificherà lui, ma lo spadaccino lo tramortisce, altrimenti il cuoco non sarebbe sopravvissuto. Il cyborg estrae quindi una bolla dal corpo di Rufy fatta del dolore e dalla fatica provata durante le battaglie, dicendo a Zoro di toccarla.

Quando l'equipaggio si risveglia, Sanji si mette immediatamente alla ricerca di Zoro, trovandolo nella foresta ancora cosciente ricoperto di sangue dalla testa ai piedi.

Il giorno seguente, mentre la ciurma sta recuperando le energie, Zoro viene curato da Chopper e Nami. Appena si sveglia, due giorni dopo, si dirige verso il luogo dove Franky ha costruito un monumento in memoria dei Pirati Rumbar e chiede il permesso a Brook di depositare la Yubashiri. Più tardi Brook si unisce definitivamente ai Pirati di Cappello di paglia e la ciurma salpa da Thriller Bark.

Saga delle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

La ciurma raggiunge la Linea Rossa dove sconfiggono un mostro marino dalla cui bocca escono una sirena e una stella marina parlante. I due, dopo averli ringraziati, si offrono di cucinare per loro se in cambio gli aiuteranno a liberare un loro amico che è stato rapito dai Tobiuo Riders. I pirati acconsentono e, dopo avere raggiunto la base dei rapitori e averli sconfitti, scoprono che il prigioniero non è altro che Hacchan. I tre cucinano per la ciurma dei takoyaki e gli accompagnano all'arcipelago Sabaody per fargli incontrare un rivestitore in grado di preparare la Thousand Sunny al viaggio per raggiungere l'isola degli uomini-pesce. Zoro scende dalla nave, ma si perde.

Bonney previene l'attacco di Zoro al nobile Charloss.

In seguito si imbatte in un nobile mondiale, il quale gli spara, ma Zoro evita il proiettile e si prepara a colpirlo; tuttavia Jewelry Bonney interviene per salvare il nobile, fingendo che Zoro sia morto in seguito al colpo di pistola esploso. Dopo una breve discussione con Bonney, lo spadaccino decide di portare i civili feriti in precedenza dal nobile mondiale all'ospedale più vicino.

Successivamente sale sul pesce volante su cui si trova Rufy e raggiunge la casa d'aste di umani dove Kayme, dopo essere stata rapita, era stata portata per essere venduta come schiava. Qui Charloss spara a Hacchan e per questo Rufy lo colpisce violentemente con un pugno in faccia. Fa la sua comparsa anche il rivestitore di cui erano in cerca, Silvers Rayleigh, il quale utilizza l'Ambizione del re conquistatore per mettere fuori gioco parte dei presenti. Zoro e la ciurma prendono parte alla lotta coi marine che hanno circondato l'edificio e riescono ad allontanarsi con l'aiuto di Rayleigh e gli uomini di Duval.

Ritornano quindi al bar di Shakky per curare le ferite di Hacchan e fare rivestire la loro nave. Qui Rayleigh rivela a tutti di essere il vice capitano dei Pirati di Roger e racconta la loro storia; poi si congratula coi Pirati di Cappello di paglia per essere arrivati a metà della Rotta Maggiore e li avverte che occorrono tre giorni per rivestire la Thousand Sunny. La ciurma decide di nascondersi a causa dell'imminente arrivo di un ammiraglio e Rayleigh dona loro la sua Vivre Card in modo da rincontrarsi una volta ultimato il rivestimento.

Zoro, Rufy e Sanji attaccano il PX-4.

La ciurma si imbatte però in quello che credono essere Orso Bartholomew, il quale li attacca subito, ma nel ricordare il suo precedente incontro, Zoro si accorge che ha qualcosa di diverso. Lo scontro continua e Rufy, Zoro e Sanji lo atterrano con un attacco combinato, dopodiché lo spadaccino nota che non si tratta del membro della Flotta dei sette, dal momento che non ha i cuscinetti sulle mani. Lo spadaccino crolla improvvisamente a terra a causa delle ferite subite a Thriller Bark non ancora rimarginate, ma riesce a rialzarsi e colpisce l'avversario con la sua tecnica a nove spade, ferendolo gravemente, prima che Rufy gli assesti il colpo di grazia.

Mentre riprendono fiato, i membri della ciurma contemplano la potenza della Marina e progettano di nascondersi per tre giorni. In quel momento appare un guerriero insieme ad un altro Pacifista che ha l'intenzione di catturare i pirati. La ciurma decide di separarsi per evitare la cattura; lo spadaccino fugge insieme a Brook ed Usop, ma si imbattono in Kizaru: Zoro viene ferito gravemente mentre gli altri due non possono fare nulla a causa dei poteri dell'ammiraglio. Quest'ultimo si appresta a finire Zoro, ma il suo calcio viene deviato da Rayleigh, intervenuto per salvare i pirati. Usop e Brook provano di nuovo a fuggire portando con sé Zoro, ma vengono intercettati e inseguiti dal PX-1. Ad ogni mondo è l'intervento di Sanji a salvarli.

All'improvviso fa la sua comparsa il vero Orso Bartholomew, che Zoro riconosce immediatamente, il quale gli chiede dove voglia andare mentre si toglie un guanto. Poi tocca Zoro con la sua mano, facendolo sparire nel nulla.

Saga di Amazon Lily[modifica | modifica sorgente]

Zoro viene trovato da Perona.

Zoro atterra a Kuraigana, luogo in cui in precedenza era stata scagliata anche Perona. Quest'ultima, dopo avere udito un forte schianto nella foresta, trova lo spadaccino.

Le varie avventure della ciurma di Cappello di Paglia[modifica | modifica sorgente]

Zoro si guadagna la fiducia di Perona facendosi restituire le spade; i due poi iniziano a girovagare tra le rovine dell'isola e lo spadaccino si chiede dove siano finiti i suoi compagni. Poi i due notano un'ombra avvicinarsi verso di loro.

Saga dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

L'ombra si rivela essere un umandrillo, con cui Zoro inizia a combattere. Ne giungono poi molti altri e lo spadaccino è in difficoltà, finché questi animali si fermano quando intuiscono che sta arrivando Drakul Mihawk, il quale vive anch'esso sull'isola. Quest'ultimo porta Zoro e Perona al castello dove mette al corrente il pirata degli eventi accaduti a Marineford. Il membro della Flotta dei sette poi gli dona una barca per permettergli di lasciare l'isola, così Zoro cerca di raggiungerla, ma viene fermato dagli umandrilli che iniziano ad attaccarlo nuovamente. In seguito distruggono anche la barca, così Mihawk, giunto per seguire gli scontri, afferma che Zoro non potrà più usarla. Tuttavia lo spadaccino dichiara che raggiungerà lo stesso la sua meta con quel che rimane della barca.

Mihawk spiega a Zoro che gli umandrilli tendono a imitare gli esseri umani e che per questo saranno avversari difficili da battere. Poi gli offre di dormire al castello, ma Zoro rifiuta dicendo che deve necessariamente prendere il mare.

In seguito Zoro riappare steso sul letto mentre Perona gli tiene il giornale per farglielo leggere. Scopre così che Rufy ha fatto ritorno a Marineford insieme a Rayleigh e Jinbe e che ha suonato sedici volte la campana di Ox. Zoro sostiene che ci sia un messaggio nascosto nel suo gesto. In seguito riesce a decifrare il messaggio sul braccio di Rufy, secondo il quale tutti i membri della ciurma sarebbero dovuti ritornare alle Sabaody fra due anni anziché fra tre giorni come stabilito.

Zoro supplica Mihawk di allenarlo.

Poco dopo Zoro implora Mihawk di fargli da insegnante in modo da diventare più forte. All'inizio Mihawk si rifiuta di esaudire la sua richiesta, credendo che Zoro non sia riuscito a sconfiggere gli umandrilli che infestano l'isola. Zoro gli spiega che in realtà li ha sconfitti tutti, ma nonostante questo si rende conto che ha bisogno di ulteriori allenamenti per potere essere in grado di affrontare le insidie del Nuovo Mondo e quindi per proteggere il suo capitano. Mihawk capisce che per fare questa richiesta Zoro ha messo da parte il proprio orgoglio e quindi acconsente alla sua richiesta ordinando a Perona di curarlo, in modo che poi possa cominciare l'allenamento.

Salto temporale[modifica | modifica sorgente]

Zoro impara ad usare l'Ambizione della percezione e dell'armatura grazie agli insegnamenti di Mihawk.[27]

Saga del ritorno alle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

Zoro ritorna alle Sabaody con l'aiuto di Perona e raggiunge il bar di Shakky, la quale gli riferisce che è il primo ad arrivare. Lo spadaccino si rivolge poi ad un pescatore, dicendogli che è annoiato e che vorrebbe pescare; Zoro, però, sale a bordo di una nave pirata rivestita anziché sulla barca del pescatore, su cui si addormenta. La nave comincia poi ad immergersi. Dopo essersi svegliato, trancia l'imbarcazione, la quale torna in superficie, dove incontra Sanji, che lo stava cercando. Zoro dice ai pirati di incolpare il destino se è salito sulla loro nave, mentre il cuoco lo obbliga a ritornare alla Thousand Sunny. I due cominciano poi il loro solito battibecco.

Zoro e Sanji sconfiggono il PX-7.

Dopo avere ricevuto un chiamata da Franky, Sanji informa Zoro che il luogo di raduno è il grove 42, ma sentono subito dopo un trambusto proveniente da un grove vicino. Quando vanno a vedere di cosa si tratta, trovano Rufy alle prese con i marine, i Pacifista e i finti pirati di Cappello di paglia. Dopo avere sconfitto rapidamente un Pacifista, Zoro e Sanji si incontrano con il loro capitano. I tre fanno quindi ritorno alla nave, e lungo la strada si imbattono in Rayleigh. Quando Rufy dice a quest'ultimo che diventerà il re dei pirati, Zoro sorride.

Mentre Rufy, Zoro e Sanji si dirigono verso il luogo in cui è ancorata la Sunny, trovano i marine che ostruiscono il loro cammino. Vengono però aiutati da Perona che li respinge con i suoi fantasmi. Quando Zoro le chiede come mai si trovi ancora lì, la ragazza rimprovera il pirata per averle parlato in quel modo e che è merito suo se è arrivato alle Sabaody. Zoro, Rufy e Sanji raggiungono poi la nave. La ciurma viene presa di mira dalla corazzata di Catacombo, ma le Piratesse Kuja lo trattengono, così i Pirati di Cappello di paglia si immergono sulla nave rivestita alla volta dell'isola degli uomini-pesce.

Saga dell'isola degli uomini-pesce[modifica | modifica sorgente]

Mentre la ciurma osserva le meraviglie dell'oceano, Zoro dice di averle già mentre era a bordo della nave pirata sbagliata e viene rimproverato da Sanji per avere rovinato il momento. Poi si prepara a catturare dei pesci con la spada, ma viene colpito da Usop e Chopper, dato che romperebbe il rivestimento. Quando Rufy tenta nuovamente di catturare qualche pesce, Zoro propone di sfidarsi a chi ne prende di più, prima di venire di nuovo colpito dai suoi compagni. I pirati cominciano ad ascoltare il discorso di Franky suOrso Bartholomew mentre mangiano dai cestini per il pranzo che Rufy ha portato. Zoro inizia a chiedersi quali siano le reali intenzioni di Orso.

Poco dopo i Pirati di Caribou raggiungono la ciurma e si apprestano a combattere. Caribou sale a bordo sulla Sunny, ma prima che i suoi compagni lo possano seguire, la mucca marina fugge impaurita dopo avere riconosciuto Nami, Sanji e Rufy, lasciando indietro il loro capitano, il quale si vede costretto ad affermare di essere un loro prigioniero e non un pirata. I pirati superano senza difficoltà una corrente marina e raggiungono una cascata sottomarina, dove incontrano il kraken, che distrugge la nave della ciurma di Caribou. Su suggerimento di quest'ultimo, Zoro, Rufy e Sanji entrano in una bolla di resina ciascuno in modo da potere affrontare il mostro in mare. Nello scontro, Zoro taglia uno dei tentacoli del kraken e viene rimproverato da Rufy. I tre sconfiggono l'animale, ma poiché non indossano delle funi di salvataggio vengono separati dalla nave che scende attraverso la cascata sottomarina.

Zoro taglia uno dei tentacoli del kraken.

Rufy successivamente addomestica il kraken e poi lui e Sanji sono costretti ad entrare nella bolla di Zoro, dato che la loro esplode. Dopo alcune perlustrazioni, i tre ritrovano la nave e la ciurma appena in tempo per salvarla da Wadatsumi, colpito dal kraken. Dopo essersi riuniti con i compagni, Zoro scorge un vulcano sottomarino che sta per eruttare. Seppy porta velocemente la nave lontano dall'eruzione e salta in una fossa, ma alcuni massi minacciano di franare su di loro. Zoro vorrebbe lasciare la nave per tagliare le rocce, ma Robin lo ferma coi suoi poteri e lo avvisa che non potrebbe sopravvivere a causa della forte pressione. La ciurma si salva poi grazie ai Pop Green di Usop e, dopo essere scesi a diecimila metri di profondità, avvistano l'isola degli uomini-pesce.

Vengono subito circondati da un branco di mostri marini guidati da Hammond, che offre loro di unirsi ai Nuovi pirati uomini-pesce altrimenti verranno uccisi. La ciurma di Cappello di paglia usa quindi il Coup de Burst dopo che Rufy ha rifiutato la proposta e la nave attraversa la bolla che circonda l'isola, ma il rivestimento cede e la ciurma finisce col separarsi. Qualche tempo dopo, Zoro viene trovato dagli Ammo Knight che lo invitano al palazzo del drago su ordine di Nettuno. Giunto qui, lo spadaccino comincia a banchettare, anche se il re gli suggerisce di aspettare che arrivino i suoi amici.

Zoro intercetta il colpo di Nettuno.

Dopo avere ricevuto la notizia della misteriosa scomparsa di alcune sirene dalla baia e della terribile predizione di Shirley, le guardie del palazzo, su ordine dei ministri decidono di arrestare il Pirati di Cappello di paglia. Imprigionano quindi Zoro che si era addormentato, ma lo spadaccino riesce poi a liberarsi e a raggiungere Nami, Usop e Brook giusto in tempo per intercettare l'attacco di Nettuno diretto verso di loro. Dopo avere legato il re, i ministri e il resto delle guardie reali, Zoro dice poi a tutti che devono lasciare al più presto l'isola degli uomini-pesce.

Intanto i tre principi fanno ritorno al palazzo e scoprono che si trova sotto il controllo dei pirati. Poiché i tre principi non possono entrare, Fukaboshi parla con Zoro tramite lumacofono; lo spadaccino chiede che lui e suoi compagni possano lasciare l'isola in cambio della vita degli ostaggi. Fukaboshi acconsente e lascia alla ciurma un messaggio di Jinbe per Rufy. Dopo avere udito dei rumori provenienti dalla stanza di Shirahoshi, Nettuno implora Zoro e gli altri di garantire l'incolumità di sua figlia. Quando Zoro chiede perché dovrebbero ubbidire agli ordini degli ostaggi, il re risponde adirato che se la principessa subirà dei danni mentre lui è incapace di muoversi, inseguirà la ciurma fino ai confini dei mari.

Poco dopo dei pirati umani invadono il palazzo, così Zoro procede a sconfiggerli. Tuttavia, il uno dei pirati sconfitti riesce a premere la leva che aziona l'apertura della porta del corridoio, che viene quindi aperto. Zoro, Usop, Nami e Brook si imbattono nei nuovi pirati uomini-pesce e in Van Der Decken IX. Quando quest'ultimo viene a sapere che Shirahoshi non si trova al palazzo, corre subito a cercarla e lascia che Hody si occupi del palazzo.

Hody Jones distrugge una delle mura in modo da inondare il palazzo e successivamente ferisce il re e molti soldati. Zoro lancia a sua volta un fendente verso l'uomo-pesce, ma Hody usa un suo compagno come scudo. A quel punto Usop e Brook liberano le guardie e Zoro taglia le catene di Nettuno. Prima che la stanza sia completamente sommersa, Zoro dice a Nettuno di portare i suoi compagni in salvo. Una volta immerso Zoro si prepara ad affrontare Hody Jones faccia a faccia.

Zoro ferisce Hody Jones.

Anche se si trova in svantaggio essendo sott'acqua, Zoro riesce comunque a ferire al petto Hody Jones. Lo spadaccino emerge rapidamente per prendere aria ed afferra Nettuno crea un vortice che apre la strada per permettere ai ministri e ai soldati di fuggire dal palazzo del drago. Tuttavia, la schiena di Nettuno non regge, mettendo lui, Zoro, Usop e Brook in una situazione pericolosa. Whally arriva a salvarli, ma prima che possano lasciare il palazzo, Hody Jones, rinforzatosi grazie agli Energy Steroid, ferma il re con una sola mano. Zoro, Usop, Brook e il tritone vengono poi catturati dai nuovi pirati uomini-pesce, i quali rinchiudono i tre Pirati di Cappello di paglia in una gabbia in una stanza che si sta allagando con l'intento di annegarli.

Brook in seguito dimostra la sua nuova abilità con la quale può separare la sua anima dal corpo. Zoro ordina quindi allo scheletro di dire a Pappagu di portargli le spade in modo da poter fuggire. Alla fine vengono liberati e ritrovano il resto della ciurma, ad eccezione di Rufy, all'uscita del palazzo, dopo che vi erano giunti per salvarli.

Successivamente il gruppo raggiunge piazza Gyoncorde dove Nettuno e i tre principi erano stati portati per essere giustiziati..

Zoro e Sanji si preparano ad affrontare faccia a faccia i nemici, ma Rufy utilizza l'Ambizione del re conquistatore, con la quale abbatte circa la metà di essi. Lo spadaccino rimane piacevolmente sorpreso e commenta che se il suo capitano non fosse riuscito a fare più di tanto avrebbero dovuto cercarne un altro. Zoro sconfigge poi la squadra dei carapaci di ferro con un tornado tagliente. Più tardi, quando Sbam prova ad attaccare Rufy mentre si sta avvicinando a Hody Jones, Zoro lo intercetta e lo manda al tappeto.

Zoro sconfigge Hyozo.

Successivamente, quando Hyozo va su tutte le furie e prova ad attaccare Nico Robin, Zoro lo intercetta prima che possa raggiungerla. In seguito lo spadaccino spezza quasi tutte le spade dell'avversario. Hyozo, infuriato, ricopre una spada di veleno e tenta un attacco a sorpresa; Zoro però lo sconfigge senza sforzo.

Dopo che tutti gli ufficiali dei Nuovi pirati uomini-pesce sono stati sconfitti, la ciurma di Cappello di paglia osserva il cielo mentre Rufy sta tentando di distruggere l'arca Noah. Quando appaiono i Re del mare che fermano la caduta della gigantesca nave, salvando l'isola, tutti i presenti festeggiano.

Dopo la battaglia, Zoro e il resto della ciurma osservano poi Chopper eseguire una trasfusione di sangue tra Jinbe e Rufy. L'equipaggio raggiunge poi il palazzo del drago dove Nettuno ha organizzato un grande banchetto. Zoro, dopo avere bevuto molto, si addormenta. Viene svegliato da Rufy che chiede a lui e a Sanji se avessero percepito la presenza di un qualcuno all'interno del palazzo. Il trio incontra quindi Caribou dopo che aveva rubato il tesoro della famiglia reale, il quale viene scaraventato da Rufy fuori dal palazzo. Quando il ministro della destra nota che una delle torri della prigione è stata tagliata di netto, comincia a sospettare che sia stata opera di Caribou, ma Pappagu cerca di dirgli che è stato Zoro, il quale a sua volta dice alla stella marina di lasciare cadere la colpa sul ladro.

Raggiunto Caribou, sconfitto velocemente da Rufy, i tre raccolgono il tesoro rubato da quest'ultimo e si dirigono al palazzo. Arrivano ben presto nei pressi della fabbrica di dolci, dove incontrano Pekoms e Tamago. Zoro poi sorride quando Rufy risponde alla chiamata di Big Mom e le dichiara guerra.

Dopo avere fatto ritorno al palazzo ed avere informato la ciurma circa la situazione con Big Mom, Nami colpisce Rufy, Zoro e Sanji per avere donato il tesoro all'imperatrice. Successivamente la ciurma saluta i cittadini dell'isola degli uomini-pesce e salpa alla volta del Nuovo Mondo.

Durante la risalita, la ciurma decide di pescare. Zoro commenta che dovrebbero festeggiare il loro ingresso nel Nuovo Mondo, così uccide un gigantesco mostro marino. Dopo che la Sunny riesce ad uscire indenne da un Whitestrom, un gruppo di balene isola la trasportano fino in superficie.

Saga di Punk Hazard[modifica | modifica sorgente]

La ciurma vede un'isola circondata da un mare di fiamme e poco dopo riceve una telefonata d'emergenza proveniente proprio dall'isola. Per questo l'equipaggio forma una squadra adibita all'esplorazione, composta da Zoro, Usop, Robin e Rufy. Appena mettono piede sull'isola si ritrovano davanti ad un cancello in ferro, che Zoro taglia così da permettere al gruppo di proseguire. Durante l'ispezione giungono in prossimità di una città dove gli edifici sono fusi dal calore, ma nonostante ciò, Robin deduce che si tratta di un ex base del governo mondiale.

Zoro, Rufy, Usop, e Robin incontrano il drago.

Poco dopo il gruppo si ritrova davanti un drago. Tuttavia Zoro lo sconfigge con relativa semplicità mozzandogli la testa. L'equipaggio poi scorge un paio di gambe sulla testa dell'animale.

Dopo avere mangiato il drago, proseguono nella spedizione. Zoro richiama l'attenzione del gruppo facendo notare un lago che separa l'isola in due e che l'altra metà dell'isola è completamente ghiacciata. La squadra riceve una chiamata da parte di Brook, il quale comunica loro che la Sunny è rimasta bloccata nel ghiaccio e il resto della ciurma è scomparso. Attraversando il lago i pirati scorgono all'orizzonte un gruppo di centauri che poi li attacca. Dopo avere sconfitto i centauri e rubato i loro cappotti, Zoro e gli altri si dirigono verso l'ex laboratorio di ricerche del dottor Vegapunk. Una volta arrivati a destinazione si ritrovano sul campo di battaglia dove Law e Smoker hanno appena combattuto.

Il gruppo viene a conoscenza che sull'isola è presente uno scienziato che sta conducendo diversi esperimenti. Poco dopo il gruppo di Zoro si imbatte nelle impronte degli Yeti Cool Brothers e decidono di seguirle, cadendo così nella loro trappola: i due yeti colpiscono il trio con del KPY, gas che provoca terribili stati di ebbrezza e sonnolenza anche a chi regge grandi quantità di alcol; infatti Brook e Sanji si addormentano quasi subito, mentre Zoro, abituato a bere più di loro, riesce a resistere abbastanza per salvare tutti e tre prima che precipitino su degli aculei.

Dopo essere rinvenuti, proseguono fino a quando notano una struttura simile ad una montagna nella parte in fiamme dell'isola che non avevano visto in precedenza; ben presto capiscono che si tratta du un'arma di distruzione di massa creata da Caesar Clown. Quando Smiley comincia a spostarsi verso la parte ghiacciata dell'isola passando attraverso il lago, Zoro nota che i pesci riemergono rendendosi conto che sono stati avvelenati dalle tossine.

Zoro, Sanji, Brook e Kin'emon scappano da Smiley.

Capendo che ogni attacco è vano, Zoro, Kin'emon, Sanji e Brook decidono di scappare e rifugiarsi nel laboratorio in cerca di Momonosuke. Al laboratorio incontrano Nami e Usop; nel frattempo Smiley si tramuta in un gas letale che trasforma in pietra ogni cosa con cui entra in contatto. All'interno del laboratorio il gruppo di Zoro incontra i marine del G-5 pronti ad arrestare i pirati, ma Law interrompe tutti dicendo che hanno solo due ore di tempo per trovare una via d'uscita altrimenti moriranno tutti.

Tutti ascoltano le parole di Law e decidono di dividersi in tre gruppi: Zoro rimane con Kin'emon, Nami, Usop, Sanji e i membri del G-5, tra cui Tashigi. Poco dopo il gruppo si imbatte in Mone, che tenta di ostacolare la loro avanzata. L'arpia prova ad attaccare Nami, Robin e Chopper che stanno tentando di mettere in salvo i bambini, ma prontamente viene bloccata da Zoro. In seguito anche Tashigi raggiunge lo spadaccino.

Zoro taglia a metà Mone.

Tashigi lamenta una riluttanza di Zoro nel colpire Mone, sottolineando come non ritiene una donna un'avversaria valida. Quindi il pirata si siede e lascia fare al lei che poco dopo però è in difficoltà, quindi lo spadaccino è costretto ad intervenire e sconfigge Mone. Dopo la battaglia i due cercano di allontanarsi dal gas mortale.

Dopo la sconfitta di Caesar, Zoro e il resto del gruppo tentano la fuga a bordo di un carrello da miniera e lo spadaccino evita l'impatto con varie macerie tagliandole. Alla fine del tragitto ritrovano Franky alle prese con due subordinati di Do Flamingo: Buffalo e Baby 5. Dopo la sconfitta di questi ultimi, Zoro e il resto della ciurma fanno festa con i marine del G-5, i samurai e Law.

In seguito l'equipaggio parte per Dressrosa, e durante il viaggio Rufy comunica a tutti di avere formato un'alleanza con Law per abbattere i quattro imperatori. Zoro poi assiste al momento in cui Law contatta Do Flamingo dicendogli che se rivuole Caesar dovrà lasciare il ruolo di membro della Flotta dei sette.

Il mattino seguente lo spadaccino legge sui giornali le notizie delle dimissioni di Do Flamingo dalla Flotta dei sette, dell'alleanza tra Rufy e Law, così come quella tra Kidd, Hawkins, e Apoo.

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Law contatta Do Flamingo per informarlo che gli restituiranno Caesar a Green Bit. In seguito a cena Kin'emon e Momonosuke raccontano del loro naufragio a Dressrosa e che Kanjuro venne catturato.

Arrivato a Dressrosa, il gruppo si divide: Zoro fa parte della squadra incaricata di distruggere la fabbrica del S.A.D. e salvare Kanjuro. Dopo avere indossato dei travestimenti si fermano in un ristorante. Qui incontrano alcuni teppisti che si prendono gioco di un cieco imbrogliandolo alla roulette. Quando Rufy svela il bluff, assistono al cieco che si sbarazza dei mascalzoni con i suoi poteri. Dopodiché l'uomo se ne va senza dire chi fosse. Improvvisamente comincia a diffondersi il panico trai i presenti poiché gli oggetti di diverse persone sono stati rubati e Zoro si accorge che manca la sua Shusui. Lo spadaccino vede la sua spada allontanarsi e la insegue, seguito da Sanji e Kin'emon.

Lo spadaccino riesce a recuperare la sua spada. Subito dopo però si accorge che il ladro in realtà è un nano. Zoro la prende in mano mentre lei si rimprovera di essere stata scoperta e, dal momento che si è slogata la gamba, prega Zoro di portarla al campo di girasoli. Inoltre informa Zoro che i Pirati di Donquijote stanno per attaccare la Thousand Sunny e lo rimprovera per il suo pessimo senso dell'orientamento.

Più tardi Zoro e Wicca arrivano nel campo di girasoli; qui sono presenti anche Franky e il rabbioso soldatino tonante. Zoro osserva tramite uno schermo lo scontro fra Rufy e Chinjao al torneo del colosseo delle corride e si lamenta per non avervi partecipato. All'improvviso Zoro ricorda di dovere ritornare alla nave per aiutare i suoi compagni, così corre verso la Sunny insieme a Wicca, e poco dopo incontrano in Sanji e Kin'emon.

Sanji si precipita a salvare il gruppo di Nami quando viene a sapere che sono in pericolo. Così Zoro e Kin'emon rimangono al colosseo delle corride e cercano di entrarci. Bartolomeo si accorge della loro presenza e porta Rufy dai suoi compagni.

Zoro si lamenta per non essere stato invitato a partecipare al torneo ed informa il suo capitano che i marine hanno completamente circondato l'edificio. Poi contattano Sanji e il gruppo di Franky in modo da informarsi a vicenda sulla situazione di Dressrosa. I tre osservano poi la conclusione dello scontro fra Do Flamingo e Law, appena giunti davanti al colosseo delle corride. Rimangono sconvolti nel vedere il membro della Flotta dei sette in piedi sopra al suo avversario prima di sparare a Law tre colpi di pistola a distanza ravvicinata.

Zoro si scontra con Fujitora.

Zoro e Kin'emon si precipitano verso Do Flamingo per salvare Law, ma Zoro viene intercettato da Issho che usa la sua abilità per farlo precipitare sottoterra; lo spadaccino riesce però a lanciare un fendente aereo verso l'ammiraglio che lo respinge non senza difficoltà. Poi Do Flamingo e Issho portano Law con loro a palazzo. A quel punto Zoro dice a Rufy di trovare l'uscita, ma in quel momento i marine vanno all'assalto. Zoro, Rufy e Kin'emon Vengono poi a sapere che la Sunny si trova sotto attacco da parte dei Pirati di Big Mom che sono in cerca di Caesar Clown. Rufy decide quindi di andare al palazzo insieme a Zoro e Kin'emon per salvare Law e sconfiggere Do Flamingo.

Quando Rufy lascia finalmente il colosseo delle corride, il trio indossa dei travestimenti forniti da Kin'emon per eludere i marine. Zoro si lamenta del fatto che Rufy pianga senza sosta, il quale risponde che qualcuno a lui caro è ancora vivo.

Più tardi arrivano all'ascensore che conduce al palazzo reale insieme a Wicca. Poi incontrano Viola che si offre di farli entrare. Giunti a palazzo Viola propone di attraversare un passaggio segreto per intrufolarsi senza essere visti, ma Rufy va avanti e apre loro la strada distruggendo il cancello: per questo il gruppo decide di entrare dalla porta principale. Poco dopo il gruppo viene intercettato da Pica, il quale con il suo potere ha il controllo dell'intero palazzo reale. Quest'ultimo tenta di schiacciare gli intrusi tra le mura, così mentre Rufy e Viola proseguono, Zoro rimane indietro ad affrontare Pica, il quale però abbandona lo scontro quando tutti i giocattoli tornano alle loro forme originarie. In seguito Zoro si dirige sull'altopiano reale.

Dopo che Pica ha trasferito il palazzo reale in cima al campo di girasoli, Do Flamingo intrappola tutta Dressrosa nella sua "gabbia per uccelli" e costringe tutti i presenti a partecipare a un gioco di sopravvivenza in cui mette una ricompensa sulle teste di alcune persone. Zoro viene incluso nella lista e la ricompensa per la sua testa è di 200.000.000 Simbolo Berry.png. Quando Rufy dichiara che sconfiggerà Do Flamingo e farà terminare il suo gioco, afferra Zoro e Law e si dirige verso il palazzo.

Rufy salta dall'altopiano reale e atterra nel bel mezzo di una folla di nemici. Dopo un breve scontro con Senor Pink, Machvise e Dellinger, i cittadini Dressrosa iniziano ad attaccare Zoro e il suo gruppo. Issho arriva ben presto sulla scena per affrontarli e Zoro combatte nuovamente contro l'ammiraglio, mentre Pica entra nella mischia dopo essersi trasformato in un gigantesco golem di pietra.

Quando Rufy fa infuriare Pica per avere riso alla sua voce acuta, l'ufficiale colpisce la città con un pugno; l'impatto sbaraglia Rufy, Zoro e Law che finiscono nei pressi del colosseo delle corride. Qui vengono raggiunti da tutti i partecipanti del torneo che sono stati sconfitti e poi trasformati in giocattoli, i quali intendono uccidere Do Flamingo per questo. Così Zoro e i nuovi alleati marciano verso il nuovo palazzo reale.

Zoro combatte di nuovo contro Pica.

Quando Pica si prepara ad attaccare, Chinjao ed Elizabello II mandano in frantumi il suo braccio consentendo a Zoro e gli altri di avanzare. Pica cerca di colpirli con l'altro braccio, così Zoro, Rufy, Law, Abdullah e Jeet riescono a salire su di esso in groppa al toro da combattimento. Quando Rufy distrugge la testa di pietra dell'avversario, Zoro scorge il vero corpo del nemico e quando questi prova di nuovo a fermare la loro avanzata con la sua enorme spada, viene intercettato dallo spadaccino.

Mentre la battaglia continua, Zoro lo affronta senza troppe difficoltà. I due notano poi che Robin, Rebecca e Bartolomeo si stanno avvicinando in volo. Pica tenta di attaccarli, ma Zoro usa un fendente per colpirlo e lo ferisce allo stesso tempo. Quest'ultimo, infuriato, dichiara che Zoro non lascerà vivo l'isola.

Zoro sconfigge Pica.

Durante la battaglia lo spadaccino promette ad Orlumbus e Hajrudin che la "gabbia per uccelli" sarà scomparsa prima che possa chiudersi definitivamente. Elizabello II vuole intervenire nella battaglia, ma Zoro gli raccomanda di preservare il suo colpo migliore, perché potrebbe essere utile da li a poco. Pica, appena nota Riku Dold III sull'altopiano, avanza verso di lui tramite la statua di pietra gigante con l'intenzione di schiacciarlo, ma Zoro si fa lanciare da Orlumbus verso l'avversario, che taglia prima a metà, e poi in più parti, costringendolo ad uscire allo scoperto con il suo vero corpo.

I due fanno entrambi uso dell'Ambizione dell'armatura e si scontrano, ma Zoro ha la meglio sconfiggendo così l'ufficiale dei Pirati di Donquijote. Elizabello II usa poi il suo pugno per spazzare via il resto della statua di pietra che stava precipitando sull'altopiano. Usop e Kin'emon si complimentano con Zoro, che osserva le sue spade compiacendosi del fatto che siano ancora intatte. Lo spadaccino è al contempo preoccupato in quanto la "gabbia per uccelli" è ancora in azione, il che vuol dire che Do Flamingo non è ancora stato sconfitto.

Zoro, Kin'emon e Kanjuro rallentano la gabbia per uccelli.

Mentre Riku, Tank Lepanto e i cittadini stanno abbandonando il vecchio altopiano del re, Zoro sente parlare della sconfitta di Law da Viola. Osserva nervosamente la gabbia che lentamente si sta restringendo e comunica a Kin'emon e Kanjuro di volere provare a fermarla.

Zoro informa anche Franky del suo piano per guadagnare tempo. Una volta giunto in prossimità della gabbia, lo spadaccino riveste nuovamente le sue spade con l'Ambizione dell'armatura e inizia a spingere contro i fili della gabbia nel tentativo di rallentarla.

Dopo che Rufy sconfigge definitivamente Do Flamingo, Zoro e il resto del gruppo si riposano alla vecchia casa di Kyros, e poco dopo vengono raggiunti da Sabo. Prima di salutare il gruppo, il rivoluzionario lascia a Zoro una Vivre Card per Rufy.

Dopo tre giorni Bartolomeo li avvisa che la Marina è diretta verso di loro con l'intenzione di catturarli. Zoro e il gruppo appresa la notizia, cominciano la fuga dirigendosi verso il porto orientale. Giunti al porto, Fujitora, deciso a non lasciarli scappare, solleva un'enorme quantità di macerie pronto a scagliarle sul gruppo. Zoro e compagni vengono però aiutati dai cittadini, che permettono così la fuga dell'intero equipaggio.

La ciurma sale a bordo della nave ammiraglia di Orlumbus, la Yonta Maria. Su di essa numerosi pirati e criminali giurano fedeltà a Rufy e formano così la grande flotta di Cappello di paglia. Poi Zoro e tutto il resto del gruppo festeggiano la sconfitta dei Pirati di Donquijote e in seguito vengono a sapere delle loro nuove taglie.

Saga di Zo[modifica | modifica sorgente]

Zoro e il resto del gruppo salgono sulla Going grande Rufy e dopo una settimana di navigazione raggiungono Zunisha, sul dorso del quale si trova Zo.

Salutato i Pirati Barto club, il gruppo sale in groppa ad un drago disegnato da Kanjuro che si arrampicarca lungo la zampa sinistra dell'elefante. Durante la scalata i samurai spiegano a Zoro e compagni che sono in cerca di un loro compagno che dovrebbe trovarsi proprio a Zo. Improvvisamente il gruppo vede precipitare una scimmia dall'alto e tutti si spostano, ad eccezione dei due samurai, che vengono colpiti e precipano sulla sottostante Thousand Sunny. I due assicurano che li raggiungeranno successivamente, così il gruppo prosegue.

Carrot schiva il fendente di Zoro.

Giunti sulla cima dell'elefante, Zoro nota subito che la città è reduce da un attacco avvenuto di recente, mentre Rufy si separa dal gruppo. Poco dopo lui e Law percepiscono la presenza di qualcuno nascosto tra i cespugli, la quale esce allo scoperto per attaccarli; Zoro tenta di colpirla, ma questa schiva contrattaccandolo con i suoi artigli che vengono bloccati dallo spadaccino. Subito dopo Carrot viene fermata da una visone che poi comunica comunica al gruppo dove trovare il cadavere del loro compagno, ma quando provano a chiedere spiegazioni lei è costretta a lasciarli per un'emergenza.

Dopo avere raggiunto una città completamente distrutta, il gruppo vede venire verso di loro un'inondazione, per questo salgono sugli edifici, dove Usop nota da distante Rufy in compagnia dei due visoni di prima. Law usa i suoi poteri per trasportare tutti vicino alla posizione del trio. vengono poi tutti condotti alla fortezza dove si rincontrano con Chopper, Nami e Brook.

Durante la festa organizzata per la ciurma, Zoro è visibilmente contrariato dell'atteggiamento troppo morboso che presentano i visoni nei suoi confronti. Brook spiega a tutto l'equipaggio che Momonosuke è al sicuro, ma si rifiuta di uscire dalla sua stanza, avverte anche di non usare parole come samurai o Paese di Wa.

La ciurma incontra Cane-tempesta.

Nami poi mostra al gruppo una lettera lasciata da Sanji dove promette che sarebbe tornato presto, così Zoro e Rufy non sembrano molto preoccupati. Successivamente Chopper spiega al gruppo come sono sfuggiti dalla nave di Big Mom e di come hanno salvato la tribù dei visoni. Quando giunge la notizia che Cane-tempesta si è risvegliato e che vuole incontrare la ciurma, tutti vengono accompagnati nella sua stanza per incontrarlo.

Durante il viaggio, Wanda spiega che Jack è giunto a Zo in cerca di Raizo. Arrivati alle porte della stanza del duca, vengono accolti molto calorosamente da Sicilian, che esprime tutta la sua gratitudine nei loro confronti. Dopo avere sentito la storia completa di ciò che è accaduto, Zoro e la ciurma si dirigono verso la foresta per incontrare Gatto-vipera, viaggiando in groppa a degli wany con Wanda e Carrot. Giunti alla residenza di Gatto-vipera, la ciurma vi trova anche Pekoms che spiega in modo dettagliato a Rufy la situazione di Sanji, mentre Zoro ascolta seduto appena fuori dalla stanza.

Il mattino seguente Zoro e il gruppo capiscono Kanjuro e Kin'emon sono arrivati sull'isola, quindi si precipitano verso di loro cercando di tenerli nascosti ai visoni. Nonostante gli sforzi, i due samurai si fanno notare e con grade sorpresa della ciurma Cane-tempesta e Gatto-vipera assicurano ai due che Raizo è al sicuro.

La ciurma è rimasta ulteriormente stupita quando è stato rivelato che Momonosuke in realtà non è il figlio di Kin'emon, ma di Kozuki Oden. Cane-tempesta e Gatto-vipera, poco dopo, portano il gruppo all'interno dell'albero a forma di balena, dove Raizo è stato incatenato per la sua incolumità. All'interno della grotta, vi è inoltre un Road Poignee Griffe; Cane-tempesta e Gatto-vipera svelano che ne esistono altri tre e che con essi è possibile individuare la posizione di Raftel. Rivelano inoltre che uno è in possesso di Kaido e un altro è nelle mani di Big Mom. Quando Zoro chiede il motivo dell'esecuzione del padre di Momonosuke, Kin'emon afferma che Oden è stato su Raftel e quando si è rifiutato di rivelare le sue conoscenze è stato ucciso. Appresa la notizia, la ciurma di cappello di paglia e i Pirati Heart si alleano con i visoni, con l'obiettivo di sconfiggere Kaido e lo shogun di Wa. L'alleanza si divide così in gruppi: Zoro sceglie di andare nel Paese di Wa insieme ai samurai, ad alcuni membri dei Pirati di Cappello di paglia ed ai Pirati Heart.

Poco dopo l'isola inizia a muoversi in quanto Zunisha sta venendo attaccato della flotta di Jack. La situazione viene risolta dall'elefante che, su ordine di Momonosuke, abbatte tutte le navi nemiche con un colpo di proboscide.

Successivamente saluta il gruppo di salvataggio di Sanji mentre abbandona l'isola.

Saga di Whole Cake Island[modifica | modifica sorgente]

Nel Paese di Wa, Kin'emon spiega ai pirati la situazione del paese e chiede loro di infiltrarsi nella popolazione senza attirare l'attenzione fino a quando non saranno pronti per agire. In seguito Zoro raggiunge le rovine del castello di Oden, restando stupito da ciò che vi trova.[28]

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

Zoro colpisce il magistrato.

Zoro interpreta il ruolo del ronin "Zorojuro" nella Capitale dei fiori, che però viene accusato di avere ucciso tre persone e di avere rubato la Shusui, scomparsa ventitré anni prima insieme al cadavere di Ryuma, e quindi deve commettere seppuku. Quando capisce che il vero colpevole degli omicidi è il magistrato, lo trafigge con il tantō, distruggendo anche l'edificio retrostante.

Raggiunge poi una landa desolata, dove si ciba di alcuni animali ed elimina due sottoposti di Kaido che inseguivano una donna per derubarla, al fine di bere il loro saké. Qui si riunisce inaspettatamente al suo capitano, mai i due vengono subito raggiunti da Basil Hawkins con alcuni suoi uomini e si preparano allo scontro.

Zoro e Rufy si preparano ad affrontare Hawkins.

Hawkins chiede ai due pirati se sappiano chi ha il controllo del Paese e Rufy risponde positivamente rivelando inoltre di volere sconfiggere Kaido, ritrattando appena Zoro gli ricorda che Kin'emon aveva chiesto loro di non dirlo. Hawkins prevede che le possibilità dei due di sopravvivere un mese siano del diciannove percento, poi li fa attaccare dai propri uomini. Nonostante Zoro gli chieda di vedere la sua spada consigliandogli di non maneggiarla, Rufy la sguaina e combatte impugnandola, ma colpendo gli avversari come al solito; quando anche una delle cavalcature nemiche lo attacca, il pirata la scaglia contro Hawkins, che la trafigge. Zoro colpisce il capitano nemico, che però devia l'attacco a un suo sottoposto e dunque rivela il potere del proprio frutto, per poi usare dei tarocchi in grado di modificare il comportamento di chi lo circonda. Komachiyo, impaurito, afferra Zoro e Rufy e si affretta a fuggire poiché la febbre di Tama si sta alzando. Hawkins li fa inseguire dal suo gigantesco mostro di paglia, che però viene abbattuto dallo spadaccino. Mentre Komachiyo continua a correre, Tsuru, la donna salvata prima da Zoro, esce dalla sua coda e chiede di portare Tama presso la sua dimora per curarla dall'avvelenamento del fiume inquinato. Raggiunta la cittadina di Okobore, Tsuru grida alla cameriera Kiku di preparare il necessario per curare la bambina.

Mentre termina di bendare Zoro, Kiku si presenta a lui e a Rufy. Tama si sente meglio e, mentre mangia di gusto il pasto preparatole dalla proprietaria della locanda, risponde a una domanda di Rufy rivelando che il cibo da lei creato in realtà non può placare la fame.

Zoro salva Tsuru.

Poi, Tsuru ammette di avere capito che i due sono stranieri e indica loro la montagna su cui fino a circa vent'anni prima sorgeva il castello di Kozuki Oden, il quale governava sull'intera nazione, con ai piedi un'immensa fattoria che sfamava la gente di Kuri, ora sotto il controllo dello shogun Kurozumi Orochi. Mentre parla di come Okobore sia nata e alimentata dagli scarti della città abitata dagli ufficiali governativi, la donna viene bersagliata da una freccia, fermata in tempo dalla spada di Zoro. Essa è stata scoccata da uno dei Gifters, il quale riconosce il ronin dopo che ha bloccato tutte le sue frecce; nel frattempo, un altro Gifter rapisce Tama. Per inseguire il nemico e recuperare la bambina, Kiku afferra una katana e sale in groppa a Komachiyo, raggiunta da Rufy e Zoro, ai quali rivela di essere un samurai e mostra un quaderno in cui ha segnato diverse informazioni utili sul distretto abitato da ufficiali e pirati in cui si addentrano.

Entrati a Bakura, Rufy urla il loro obiettivo di salvare Tama, venendo fermato da Kiku; avendo allertato le guardie al cancello principale, Rufy le fa svenire e poi il gruppo prosegue, con Kiku che spiega come la città sia stata occupata dai sottoposti dello shogun negli ultimi vent'anni. Improvvisamente, qualcosa vola verso di loro e Rufy lo afferra: è un lottatore di sumo, scagliato dal campione Urashima. Quest'ultimo avvista Kiku e ordina ad altri combattenti di portargliela; la donna viene rapita da questi ultimi poiché Zoro non vuole ferire degli uomini disarmati. Il campione di sumo corre verso la sua amata, la quale però sfodera la propria spada e gli taglia il codino. Urashima si infuria per l'affronto e attacca Kiku, venendo però fermato da Rufy; Zoro osserva i due scontrarsi nel ring e assiste alla vittoria del pirata, che scaraventa l'avversario lontano attraverso le case. La folla riconosce Zorojuro come l'assassino di un magistrato e fugge terrorizzata. A quel punto, Zoro, Rufy e Kiku sconfiggono tutti i sottoposti di Holdem presenti. Quest'ultimo esce allo scoperto, infuriato poiché Urashima è stato lanciato contro il suo palazzo, che ora è distrutto, e minaccia di uccidere la Tama, che tiene tra le fauci del leone che ha sullo stomaco.

La Star accusa il gruppo di Rufy di fare parte dei ladri guidati da Shutenmaru, mentre Kiku rivela ai propri compagni che Holdem risponde direttamente a Jack, colui che domina Kuri e che i due pirati riconoscono come il leader degli uomini che attaccarono Zo; la donna afferma inoltre che Jack è sopravvissuto all'incidente in mare e si trova attualmente sull'isola. Speed li raggiunge con il carico di cibo, quindi Zoro e Rufy decidono di rubarlo e salvare Tama allo stesso tempo. Holdem ordina ai propri uomini di prendere Kiku per poterla uccidere, ma Rufy rompe i denti al leone del suo stomaco e recupera Tama, mentre Zoro sconfigge i sottoposti di Speed e libera la samurai così da rubare il carro delle provviste. Zoro vede poi Cappello di paglia colpire con un potente pugno il volto di Holdem.

Komachiyo traina il carro delle provviste ed attraversa il cancello principale di Bakura, dove Law sale a bordo e rimprovera Zoro per il trambusto appena causato. Il gruppo procede dunque a consegnare il cibo agli abitanti di Okobore, i quali ricevono anche un'enorme quantità d'acqua da Rufy, che promette di risolvere il problema della fame nel paese. Infine, Zoro, Law e Rufy stabiliscono la loro prossima destinazione: le rovine del castello di Oden.

Rufy affida Tama a Speed, promettendo che le riporterà Komachiyo e chiedendole di riferire a Tenguyama Hitetsu che terrà ancora un po' la sua katana. Gli abitanti di Okobore ringraziano Rufy per il cibo che ha dato loro, mentre Law si dice disgustato dal fatto che dei pirati abbiano compiuto una buona azione. Anche Kiku sale in groppa a Komachiyo insieme ai tre pirati, curiosa di sapere che cosa debbano fare alle rovine del castello di Oden, mentre Zoro intuisce che la donna stia nascondendo qualcosa. Prima che Komachiyo abbia raggiunto le rovine, lo spadaccino si perde, per poi imbattersi in un molo in riva al fiume e decidere di recuperare un'imbarcazione.

Mentre mangia sushi al wasabi su una barca, viene a sapere che Rufy ha affrontato ed è stato catturato da Kaido.

In una locanda, Tonoyasu paga il sushi di Zoro ed inizia a seguirlo. I due raggiungono un altro locale, dove lo spadaccino vince al gioco d'azzardo, facendo infuriare alcuni malviventi, che sconfigge.[29]

I due attraversano le rovine di Kibi e giungono a Ebisu, i cui abitanti sono sempre sorridenti nonostante soffrano per la fame. Questi comunicano che, la notte precedente, hanno ricevuto del denaro da Ushimitsu Kozo, famigerato ladro che ruba ai ricchi e dona ai poveri.

Zoro sconfigge Kamazo.

Successivamente, un bandito ruba la Shusui e Zoro dunque lascia Ebisu per recuperarla. Raggiunta la regione di Ringo, il ladro smette di fuggire e, dato che si tratta di un collezionista di armi e che l'alleanza ne ha bisogno, lo attacca per recuperare la propria spada e impadronirsi delle altre in possesso dell'avversario. Il bandito Gyukimaru non crede che lo straniero abbia incontrato il leggendario Ryuma e inneggia agli antichi fasti del Paese di Wa, attirando l'attenzione del suo avversario in particolare su come una spada diventi nera. Durante lo scontro, però, si sente un'improvviso grido d'aiuto che distrae Zoro: una donna ferita con in braccio una bambina che ride viene inseguita dall'assassino Kamazo. Il pirata si frappone tra loro e, nonostante Gyukimaru continui ad attaccarlo, accetta di aiutare le due e ingaggia un duello con il loro inseguitore. Gyukimaru ne approfitta per colpire, dunque Zoro lo evita ma viene trafitto da una delle due falci di Kamazo, che usa dunque come terza spada con cui attaccare l'assassino. Quest'ultimo cade a terra sconfitto e Gyukimaru si allontana, mentre Zoro perde i sensi e viene soccorso dalla donna appena salvata, che lo porta in una casa della zona del cimitero di Ringo. Quando lo spadaccino si risveglia, si affretta a cercare Gyukimaru per recuperare la sua Shusui, ma la donna lo trattiene e, offertogli del cibo, gli racconta del monaco guerriero e del proprio personale obiettivo: ritrovare suo fratello maggiore Kozuki Momonosuke. Zoro rivela di essere un suo amico e la ragazza ne è felice, raccontandogli che si salvò dall'incendio del castello grazie a Kawamatsu, il quale poi la accudì, finché undici anni prima dell'inizio della narrazione si separarono. Lo spadaccino poi, avendo bisogno di riposare, si mette a dormire.

Brook entra nella casa in cui si trovano i tre, con cui condivide le informazioni in proprio possesso. Tra queste, vi è anche l'arresto di Tonoyasu, condannato a morte, dunque Toko corre verso Rasetsu, seguita dagli altri. I quattro raggiungono la prigione appena in tempo per assistere all'esecuzione. Hiyori spiega a Zoro la crudele verità sugli Smile e, quando Toko si avvicina al corpo di suo padre e Orochi le spara, lo spadaccino e Sanji la salvano. Zoro affida la bambina al cuoco e attacca lo shogun, che però viene protetto da Kyoshiro, che ingaggia un duello con Zoro, il quale viene protetto dai proiettili rivolti contro di lui da Franky. Lo spadaccino è deciso a inseguire Orochi, ma viene trattenuto da Kyoshiro; anche gli Orochi Oniwabanshu vanno all'attacco e il pirata evita una serie di proiettili. Sentendo le grida di Hiyori, Zoro corre in suo soccorso, per poi portarla via.

I due si recano in un tempio in una foresta di Hakumai: Hiyori si nasconde e Zoro la protegge sconfiggendo tutti i ninja che sopraggiungono; lo spadaccino è deciso a recuperare la sua Shusui e a vendicare la morte di Yasuie.

Il giorno seguente, tornato al ponte Oihagi, Zoro atterra Gyukimaru, che però si rialza e continua a rifiutarsi di restituirgli la Shusui, la cui scomparsa ha portato sventura a tutta la nazione. In quel momento, Kawamatsu li raggiunge e ferma il loro duello, venendo inoltre riconosciuto da Hiyori, che è felice di averlo ritrovato. A quel punto alcuni uomini di Kaido raggiungono il ponte per recuperare le proprie armi rubate da Gyukimaru, sparandogli. Prima che possano continuare, però, Zoro e Kawamatsu li sconfiggono, mentre il monaco corre via. Il pirata poi segue le macchie di sangue arrivando all'ingresso di un nascondiglio sotterraneo pieno di armi. Hiyori a quel punto chiede a Zoro di cedere la Shusui in cambio di Enma, la spada di Oden con cui riuscì a ferire Kaido, nonostante Kawamatsu la sconsigli. Lo spadaccino accetta a patto di vedere la tomba di Ryuma.

Due giorni dopo, raggiunge Amigasa dove discute con gli alleati il piano per raggiungere Onigashima. Qui, Kawamatsu rivela ai suoi compagni che Hiyori è ancora viva e Momonosuke ringrazia Zoro per averla protetta. Hitetsu mostra poi ai presenti le spade di Oden che ha conservato per vent'anni: Ame no Habakiri, che Momonosuke non vuole impugnare, ed Enma, che viene consegnata a Zoro come promesso. Con essa trancia una porzione di isola nonostante volesse soltanto tagliare un albero: questa spada ha infatti la peculiarità di assorbire il Ryuo di chi la usa, cosa che incuriosisce il pirata. Secondo le informazioni di Robin, i nemici hanno a disposizione trentamila uomini, mentre l'alleanza ne ha appena quattromila.

Due giorni prima della battaglia, Sanji gli chiede se non voglia indossare l'armatura donata loro da Hitetsu, così Zoro afferma che lo rallenterebbe soltanto. A quel punto il cuoco lo provoca ricordandogli il fatto che ha una taglia inferiore della sua, facendolo infuriare al punto da scagliargli contro un fendente che trancia una parte della scogliera su cui si trovano. Quando Rufy si preoccupa per Jinbe, Zoro afferma che c'è ancora tempo e lo accoglieranno, sempre se sia vivo, cosa di cui il suo capitano è certo.

Il giorno seguente, Hitetsu gli rivela il legame tra le sue spade: mentre la Sandai Kitetsu è una delle sue creazioni, Enma e Wado Ichimonji sono state forgiate entrambe da Shimotsuki Kozaburo, allontanatosi dal Paese di Wa cinquant'anni prima.

La notte della festa del fuoco, sale a bordo della Thousand Sunny e raggiunge il porto Tokage appena in tempo per soccorrere i samurai diretti ad Onigashima dai Pirati delle cento bestie, sottolineando l'assenza degli alleati e delle armi recuperate a Ringo. Tuttavia questi ultimi vi giungono poco dopo.

Vede poi Rufy, Law e Kidd distruggere una nave nemica e Denjiro fare altrettanto con una seconda.

Kanjuro, che si rivela essere la spia di Orochi, crea una gru con cui fugge verso Onigashima portando Momonosuke con sé, dichiara di volere uccidere Kozuki Hiyori e semina gli inseguitori con una nuvola che li colpisce con frecce di inchiostro. Momonosuke grida agli alleati di proseguire senza di lui e Rufy afferma che andrà comunque a salvarlo.

A quel punto la nave rimanente dei Pirati delle cento bestie affonda alcune imbarcazioni sparando con dei cannoni a lunga gittata, tuttavia essa viene distrutta da Jinbe, il quale si presenta come nuovo membro della ciurma di Cappello di paglia. Gli altri lo accolgono e poco dopo Zoro è tra coloro i quali sconfiggono i guardiani che proteggono il porto di Onigashima. Avendo trovato dell'alcol, sono intenti a celebrare l'ingresso dell'uomo-pesce nella ciurma, ma poi decidono di rimandare i festeggiamenti a quando la guerra sarà finita. La Victoria Punk li raggiunge e le due ciurme fanno a gara fino all'isola.

Raggiunta l'entrata di Onigashima, Usop rivela al resto della ciurma di avere addormentato le guardie. Gli alleati poi ottengono dei vestiti analoghi a quelli dei nemici grazie al potere di Kin'emon, per confondersi tra loro.

I Pirati di Kidd vanno avanti, così Rufy li segue e Zoro gli corre dietro a sua volta, perché consapevole che si farà scoprire. Ad un certo punto nota della confusione e capisce che si tratta di Rufy, tuttavia inavvertitamente peggiora la situazione tranciando una torre. Appena gli uomini di Kaido iniziano a sospettare le loro reali identità, i due fuggono e tentano di farsi strada tra i nemici, ma Scratchmen Apoo interviene e li ferisce entrambi grazie ai suoi poteri, così lo spadaccino porta via il suo capitano. Quest'ultimo si riprende poco dopo e morde un nemico, per poi prepararsi con Zoro al contrattacco.

I due fiancheggiano Kidd, che si è fatto scoprire dopo avere attaccato Apoo, e i tre si stuzzicano a vicenda. Si allontanano poi assieme a Killer, il quale rivela agli altri che basta coprirsi le orecchie per evitare gli attacchi del Braccialunghe, cosa che mettono in pratica.

Si fa strada tra i nemici combattendo, ritrovandosi davanti sempre più Gifters, alcuni dei quali cercano di convincerlo a sottomettersi a Kaido. Viene poi raggiunto e aiutato da alcuni dei samurai alleati.

Zoro e Rufy vengono afferrati da Queen.

Raggiunge poi il palco e si imbatte in Rufy, al quale chiede dove sta andando. Appena quest'ultimo gli dice che sta andando da Kaido, lo spadaccino afferma di volere venire anche lui, così si aggrappa alle sue gambe. Si domanda poi cosa siano quelle creature enormi sotto di loro e chiede a Rufy se Kaido sia sulla sommità. Il suo capitano gli risponde che Kin'emon e gli altri stanno già combattendo lassù, tuttavia Queen, dopo essersi trasformato, li afferra con la bocca e li scaraventa di sotto, dove si trovano anche i loro compagni. La ciurma di Cappello di paglia al completo si prepara così a scontrarsi contro i nemici. Uno dei Numbers cerca di colpire i presenti con la sua mazza chiodata, ma Zoro la taglia in due, per poi assistere alla sconfitta del nemico per mano di Rufy. X Drake abbatte invece Juki e chiede a Cappello di paglia di combattere al suo fianco, ma Zoro lo attacca perché non si fida di lui, che gli rivela di essere stato estromesso dalla sua posizione. Anche Franky e Jinbe provano a convincere Rufy della cosa, ma al contrario quest'ultimo lo accetta come un alleato. Zoro riprende a combattere contro X Drake, il quale gli rivela che per lui è un bene se la loro alleanza riuscisse ad avere la meglio. Quando i due sentono Apoo accingersi a chiamare altri Numbers, lo attaccano prima che possa farlo e decidono di allearsi per affrontarlo. A quel punto però Queen spara con una mitragliatrice dei proiettili che trasformano chi viene colpito in demoni di ghiaccio che attaccano e infettano nemici e alleati indiscriminatamente. Zoro sente Chopper affermare che sia irrealistico sviluppare un antidoto e iniettarlo a tutti sul campo di battaglia, facendo notare però che il creatore del virus deve averlo con sé. Infatti Queen, dopo avere confermato che chi viene infettato muore entro un'ora, lancia l'unica dose esistente ad Apoo e gli ordina di non lasciarlo prendere a nessuno altrimenti lo condannerà a morte, dando inizio a un nuovo gioco al massacro per entrambe le fazioni. Chopper ordina così a Zoro di impossessarsene.

Zoro ferisce Apoo.

Apoo riesce a tenere lontani gli inseguitori, ma Zoro e Drake lo attaccano. Lo spadaccino rivela inoltre all'avversario che combattere contro di lui è solo una perdita di tempo. Big Mom procede verso il tetto, da cui cade il braccio di Kikunojo. Zoro lo nota e si infuria, neutralizzando prima un demone di ghiaccio che stava per attaccarlo, e poi Apoo con un singolo fendente, recuperando l'antidoto per il Kori Oni, che consegna a Chopper. Chiede a quest'ultimo se può occuparsi di quel piano, il quale gli risponde che ha già capito come agisce il virus: spiega così ai presenti che devono usare il fuoco per rallentare l'avanzamento del virus mentre lui svilupperà abbastanza antidoto per tutti. Queen si prepara a uccidere Chopper e Apoo, ma Zoro taglia la sua mitragliatrice con un fendente volante, dichiarando di volere affrontare Kaido, mentre si scatena un improvviso terremoto; Brook crede si tratti dell'Ambizione del re conquistatore dello spadaccino, che però smentisce. Robin gli dice di sapere perché è infuriato, dato che ha notato anche lei il braccio di Kikunojo cadere dall'alto. Lo spadaccino afferma che non sarebbe male se potesse volare lassù, ma quella via non sarebbe comunque facile visto che è presidiata da King e Queen. A quel punto Marco li raggiunge, domandando il motivo per cui siano ancora lì dato che costituiscono la forza principale e chiedendo se può essere d'aiuto in qualche modo, per poi dare fuoco a Chopper. Zoro e Brook lo attaccano, ma la renna conferma che le fiamme non bruciano e stanno invece sopprimendo il progredire del virus. Miyagi e Tristan raggiungono Chopper per assisterlo nella produzione di massa dell'antidoto e Marco infiamma l'intero campo di battaglia per fargli guadagnare tempo, offrendosi poi di portare Zoro, Robin e Brook sul tetto mentre i boss mafiosi si offrono di proteggere i dottori. Apoo si rialza e tenta di riprendere l'antidoto, ma X Drake lo ferma con le sue fauci, dicendo allo spadaccino che resterà lui ad occuparsi del salone principale. Vede poi Marco venire bloccato da molti nemici, ma l'ex pirata domanda a Zoro se è pronto. Lo spadaccino risponde che conta su di lui, così Marco si libera facilmente trasformandosi in fenice e lo afferra con le zampe, volando verso la sommità del palazzo. A quel punto King e Queen cercano di fermarlo, ma Marco lancia Zoro attraverso il tetto.

Zoro e Killer colpiscono Kaido.

Qui, si ritrova insieme a Rufy, Law, Kidd e Killer a fronteggiare Kaido e Big Mom. Vede Cappello di paglia passare oltre i due imperatori e avvicinarsi a Kin'emon per parlargli, chiedendo poi a Law di trasportare i feriti lontano dal campo di battaglia. Infine, colpisce Kaido e ribadisce la propria intenzione di diventare il re dei pirati. Zoro si domanda se quel tipo di Ambizione dell'armatura sia quella che Rufy ha imparato da Hyogoro, per poi vedere Kaido colpire il suo capitano alla testa. Subito dopo Big Mom cerca di fare lo stesso usando Prometheus, ma Zoro interviene tagliando in due l'homey ricorrendo alla tecnica del fuoco fatuo. Lo spadaccino si compiace poi sentendo Rufy essere meravigliato da ciò e subito dopo cerca di metterlo in guardia perché vede Kaido tornare all'attacco. Dopo che Law teletrasporta Cappello di paglia, vede i due battibeccare tra loro e Kidd, facendosi investire da tre sfere di fuoco lanciate da Prometheus solo per sfida. Dopo averli criticati, Zoro indossa la propria bandana e chiede a Killer, a cui rivela di averlo riconosciuto come Kamazo per via della sua risata, di stare indietro. Quest'ultimo gli risponde che se avesse avuto le sue armi ora sarebbe morto, ma Zoro ribatte che l'esito sarebbe stato lo stesso. I due spadaccini colpiscono così contemporaneamente Kaido, che poi viene attaccato anche dagli altri tre pirati: Rufy assesta un pugno in Gear Fourth, Kidd assembla un armatura di metallo con cui lo colpisce da due lati e Law lo seppellisce tra enormi rocce aguzze. L'imperatore emerge in forma di drago affermando che è un peccato che debbano morire, ma che lui e Big Mom li uccideranno, prenderanno tutti i loro tesori e i Poignee Griffe in loro possesso. Infine dichiara che il vincitore di quello scontro farà un importante passo avanti per diventare il re dei pirati.

Zoro trancia il corno destro del teschio.

Kaido emette dei fendenti d'aria contro gli avversari, ma Zoro li devia ed assiste agli attacchi in sequenza dei suoi quattro alleati all'imperatore. Vede poi Killer venire fulminato dall'imperatrice e precipitare, rischiando di essere divorato da Kaido, che viene però colpito prima di poterlo fare da Rufy. Quando l'imperatore attacca quest'ultimo con le sue fiamme, Zoro si fa teletrasportare da Law e taglia nuovamente il fuoco nemico, sferrando un fendente con Enma che l'avversario evita e che taglia il corno destro del teschio di Onigashima. A quel punto Zoro e i tre capitani alleati vengono fulminati da Big Mom, che ha rilasciato numerose saette animate. Lo spadaccino osserva Rufy colpire ripetutamente Kaido, facendolo indietreggiare e poi scaraventandolo a terra, terminando però il tempo a disposizione per il Gear Fourth. Big Mom ne approfitta per attaccarlo con Napoleon, ma Zoro lo porta via, così il suo capitano lo ringrazia. A quel punto, però, Kaido genera dei tornado, cosa a cui lo spadaccino stenta a credere, e uno dei quali li travolge, separandoli. Kaido afferra Rufy con le proprie fauci, ma Zoro afferma che non gli permetterà di mangiarselo, infatti riesce a ferirlo, costringendolo a sputarlo. L'imperatore rilascia diversi fendenti d'aria e lo spadaccino trae nuovamente in salvo Rufy. I due avversari iniziano poi a fare davvero sul serio: Kaido ricorre alla sua forma ibrida.

Affaticato dopo una serie di colpi, domanda agli altri come possano sconfiggere gli avversari, gridando a Rufy di ragionare prima di scagliarsi contro i nemici. Dopo che il suo capitano è stato nuovamente respinto, cerca di fargli capire che devono riflettere per non essere sconfitti. Law afferma che devono separare i due imperatori e Zoro concorda.

Kaido e Big Mom ricorrono a un attacco combinato, che lo spadaccino riesce a rallentare permettendo agli altri di evitarlo, venendo però ferito. Law gli chiede se sia vivo e lui risponde che crede di sì, mentre Killer gli domanda se riesca ancora a muoversi. Lui replica che non ha scelta e fa a pezzi Prometheus, mentre le altre supernove privano Big Mom degli altri suoi homeys. Kidd e Law riescono poi a fare precipitare la donna dal tetto. Kaido è innervosito dall'incompetenza della sua alleata e corre ad attaccare Zoro, che sta facendo a pezzi Prometheus, impedendogli di salvare Big Mom: Law però allontana lo spadaccino e ferisce l'imperatore al collo. Quest'ultimo però lo contrattacca, colpendolo violentemente. Prometheus e Napoleon ne approfittano per raggiungere LinLin, quindi Zoro rimprovera Law, che afferma di preferire il fallimento del suo piano alla morte di un alleato. Kidd e Killer si dirigono così verso Big Mom, dicendo ai loro alleati che l'obiettivo era quello di separare i due imperatori e che penseranno loro alla donna. Zoro decide così di sferrare il suo ultimo attacco con le forze che gli rimangono, dicendo a Law che ha raggiunto il limite e che qualora non funzionasse, lascerebbe il resto a lui: combinando la tecnica a nove spade e l'Ambizione, riesce a ferire seriamente Kaido, il quale pensa che lo spadaccino abbia usato l'Ambizione del re conquistatore. Zoro, esausto, replica di non saperlo nemmeno, ma di avere messo tutto se stesso in quell'attacco e sperava di sconfiggerlo, prima di crollare a terra. Kaido gli risponde che ha fatto abbastanza dato che gli rimarrà una cicatrice. Law si affretta a soccorre Zoro, ma entrambi vengono gravemente feriti dall'imperatore. Il cacciatore di pirati perde così i sensi.

Prototipi per One Piece[modifica | modifica sorgente]

Un disegno preliminare dei compagni di Bagy, tra cui Zoro.

Originariamente Zoro avrebbe dovuto fare parte della ciurma di Bagy. L'equipaggio doveva essere un'unità familiare dove Zoro era il fratello maggiore.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Il passato di Zoro nell'anime viene raccontato più nei dettagli. Zoro viaggiava da un dojo all'altro sfidandone i campioni e vincendo sempre. Giunto al dojo di Koshiro, l'uomo fece un patto con lui: se il bambino non fosse riuscito a sconfiggere sua figlia Kuina sarebbe rimasto per farsi addestrare. Al termine dello scontro Zoro fu sconfitto e mantenne la sua promessa, stabilendosi lì per imparare.

Nel manga, dopo la morte di Kuina, Zoro entra nella stanza in cui c'è il suo corpo e la accusa di essere venuta meno al loro patto. Nell'anime questa scena è stata tagliata, anche se in seguito, nella saga filler dell'isola del ladro di ricordi, questa scena è vista in flashback.

Zoro affronta Billy.

Nell'anime è stato mostrato anche il suo primo incontro con Johnny e Yosaku. Un giorno Zoro entrò in un locale per mangiare dove fece infuriare un ricercato di nome Billy che i due avevano intenzione di catturare, provocando la loro rabbia. Lo spadaccino lo sconfisse velocemente e concesse a Johnny e Yosaku di incassare la taglia sulla sua testa a patto che gli pagassero il conto. Qualche ora dopo, Zoro era tornato dal fabbro che aveva affilato la Wado Ichimonji. Resosi conto della presenza di alcuni banditi nel villaggio, decise di affrontarli. Giunse in tempo per salvare Johnny e Yosaku dalla morte per mano di Dick e sconfisse tutti gli avversari senza sforzo. I due cacciatori di taglie, affascinati dall'abilità dello spadaccino, gli chiesero ed ottennero il permesso di viaggiare assieme a lui.

Saga del Romance Dawn[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime Zoro colpisce Solo con una sedia e non con la spada.

Saga di Orange[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime, durante lo scontro con Kabaji, Zoro lascia che sia l'avversario a riaprire la sua ferita, mentre nel manga lo fa lui stesso.

Saga di Rogue Town[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime Zoro raccoglie gli occhiali di Tashigi e accorgendosi della somiglianza della ragazza con Kuina, li rompe. Nel manga se ne rende conto solo dopo averglieli restituiti, di conseguenza non li rompe. Segue poi Tashigi, la quale crede che sia disperatamente bisognoso di soldi, e gli offre di lavorare come addetto alle pulizie. Zoro non riesce ad evitarlo e nel frattempo osserva gli allenamenti della ragazza. All'improvviso la sua identità viene scoperta da due marine così li sconfigge prima di andarsene di corsa.

Saga di Warship[modifica | modifica sorgente]

La ciurma avvista una bambina in mare e la porta sulla Merry. La piccola dice di chiamarsi Apis e chiede di potere essere portata alla sua isola natale, Warship; i pirati quindi acconsentono. Durante la navigazione vengono intercettati da alcune navi della Marina, tuttavia un forte vento spinge la Going Merry in una fascia di bonaccia e poco dopo alcuni Re del mare emergono dalle acque; la nave finisce così sul naso di uno di essi. Apis cade dalla nave, ma Rufy la salva. La bambina poi strappa un pelo dal naso dell'animale, cercando di farlo starnutire. Quando ciò accade la nave viene rispedita nel mare orientale.

Giunti a Warship, Bokuden ringrazia la ciurma per avere salvato sua nipote e racconta loro la leggenda secondo cui gli abitanti dell'isola un tempo vivevano altrove assieme ai sennenryu, draghi dalle cui ossa si può ottenere l'eterna giovinezza.

In seguito Nami e Rufy mostrano a Zoro e al resto della ciurma un sennenryu trovato da Apis; i due rivelano poi che vogliono aiutarlo a trovare l'isola da cui proviene.

Zoro e Usop tornano alla nave e a bordo di essa raggiungono la costa ai piedi della montagna, ma vengono seguiti da alcune navi della Marina. Il resto della ciurma scende la montagna a bordo della zattera, spezzando con essa l'albero maestro di una nave della Marina, per poi agganciarsi alla Going Merry. La ciurma inizia così la navigazione.

Quando Ryu recupera parte della memoria lo comunica ad Apis, così i pirati cambiano rotta finché non raggiungono una superficie che riflette l'immagine della Merry, che poi attraversano. Dopo avere superato una tempesta, giungono su un'isola disabitata e saliti sulla montagna al centro, arrivano davanti ad un edificio. Tuttavia il pavimento crolla e precipitano tutti in una stanza. Qui trovano un affresco e capiscono che l'isola perduta non è quella, ma Warship. Ryu recupera ancora la memoria ed Apis conferma. A quel punto giunge Eric che inizia a combattere con Zoro, mentre il resto dell'equipaggio va alla nave. Rufy poi salva lo spadaccino, vedendolo in difficoltà, portandolo a bordo.

La ciurma riprende la navigazione, ma uscita dalla zona del miraggio si ritrova inseguita da alcune navi della Marina. La Merry viene circondata dalle navi collegate tra loro con alcune catene. Dopo che Rufy ha respinto alcune palle di cannone, lui, Zoro e Sanji partono all'attacco e sconfiggono la Marina. Lo spadaccino inoltre taglia le catene per permettere la fuga all'equipaggio.

Dopo la morte di Ryu si verifica un maremoto che riporta in superficie il nido dei draghi. A quel punto Zoro assiste alla sconfitta di Eric da parte di Rufy.

La ciurma riaccompagna Apis a Warship e Rufy le chiede di unirsi a loro, ma la bambina rifiuta. L'equipaggio riprende il mare e ascolta Nami mentre spiega cosa sia la Reverse Mountain. A quel punto ricompare Eric, nascostosi sulla nave, ma la navigatrice lo getta fuori bordo.

Saga di Alabasta[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime il gruppo, mentre attraversa il deserto, si divide e si ricongiunge poi sulla nave dei Pirati del deserto, i quali hanno fatto prigionieri Nami, Bibi e Ciglione per un malinteso. Mentre Rufy, Bibi, Laza e Zaba si recano a recuperare alcuni pezzi di ricambio per la nave, Zoro e gli altri rimangono assieme all'equipaggio di Barbarossa. Vengono attaccati da alcuni predoni del deserto, ma questi ultimi si ritirano quando il loro capo viene schiacciato da un escremento di un coleottero gigante di Sandora.

In seguito Portuguese D. Ace si ricongiunge al gruppo, rivelando di avere sentito delle voci secondo cui alcuni ribelli sono ospiti in un villaggio vicino. Per questo il gruppo li raggiunge, ma avuto la certezza che fossero impostori, riprendono il viaggio.

Nell'anime viene aggiunta una scena in cui il gruppo si ferma per mangiare nel deserto. Inoltre Rufy, Zoro e Chopper si perdono nel deserto per colpa delle ennesime allucinazioni del primo. In questa occasione Chopper chiede allo spadaccino cosa significhi fare parte di una ciurma pirata. Mentre i tre pirati si riposano all'ombra di una roccia, Zoro cade in una fossa che si crea nella sabbia, così Rufy e Chopper lo raggiungono. All'interno del tempio in cui sono finiti, si trovano delle rovine ed un Poignee Griffe. Dopo averla esplorata ed essersi riposati, i tre cercano di uscire e ci riescono solo dopo alcuni tentativi. Verso sera si ricongiungono al resto del gruppo.

Saga dopo Alabasta[modifica | modifica sorgente]

La ciurma sbarca su un'isola e Zoro, Usop, Rufy e Sanji si occupano di fare scorte di frutta. Alla sera l'equipaggio si ritrova alla nave.

Durante la navigazione, Zoro e il resto della ciurma incontrano Rice Rice dopo che Rufy lo issa a bordo, avendo pescato il guscio di lumaca gigante in cui si trovava. Lo spadaccino è testimone del tentativo dell'uomo di vendere all'equipaggio molti oggetti, della trattativa che Nami intavola per l'acquisto dei fogli milleanni e della fuga del venditore una volta scoperta l'identità di Rufy. In seguito Zoro e il resto della ciurma, ad eccezione di Chopper, vengono svegliati da Nami e fa in modo che la nave non finisca in un ciclone.

Successivamente, la ciurma attraversa a bordo della nave una fitta nebbia, imbattendosi in una flotta della Marina. Da una di quelle navi cade un bambino che Robin salva e porta a bordo. Zoro attende poi sulla Merry il ritorno di Sanji e Rufy che lo avevano riportato indietro.

In seguito la ciurma sbarca a Fireworks dove alla sera si terrà uno spettacolo pirotecnico.

Ripresa la navigazione, Zoro ripensa a quando conobbe Johnny e Yosaku.

Saga dell'isola delle capre[modifica | modifica sorgente]

La ciurma a bordo della nave viene inseguita da una flotta della Marina. Poco dopo attraversa un tratto di mare pieno di scogli, correnti pericolose e da una fitta nebbia. Grazie a Nami riescono a raggiungere un'isola. Dopo essere sbarcati, vengono attaccati da alcune capre aggressive, finché l'anziano a cui rispondevano cade da un albero e ha un malore. Chopper inizia a curarlo, inoltre le capre gli rivelano che l'uomo è l'unico abitante dell'isola da vent'anni e lo comunica alla ciurma.

Zoro va alla ricerca di provviste nella foresta, ma si perde e raggiunge la cima di una scogliera dove trova una nave pirata in costruzione. Tornato dal resto della ciurma, mostra loro l'imbarcazione e tutti credono che Zeny sia un ex pirata che vuole salpare dall'isola.

Successivamente Chopper scopre che all'uomo rimangono solo tre giorni di vita, così la ciurma prepara un'abbondante colazione e poi lo aiuta a terminare l'imbarcazione. Superati i tre giorni pronosticati dalla renna, tutti festeggiano e Zeny racconta che fino a vent'anni prima prestava denaro ai pirati, ma che un giorno alcuni lo attaccarono e naufragò sull'isola, non abbandonando mai però il sogno di diventare un pirata.

In seguito il sergente Minchey sbarca sull'isola con un plotone di marine e rivela ai membri della ciurma di non volerli catturare, ma li esorta ad abbandonare l'isola affinché possa esplorarla. I Pirati di Cappello di paglia scoprono che in realtà alcune navi della Marina li stanno attendendo nella nebbia al largo, così Minchey ordina ai suoi uomini di fare fuoco, ma vengono interrotti da Zeny e le sue capre che scendono la scogliera a bordo della nave e che raggiungono così il mare.

Dopo che lo scontro tra i marine e le capre ha inizio, Rufy si lancia verso di loro aggrappandosi ad una fune, che però Minchey taglia, facendolo cadere in acqua. Per questo Zoro si tuffa per salvarlo, ma nuota nella direzione sbagliata venendo colpito dalla Going Merry. In seguito riesce a recuperare il suo capitano e scopre che i suoi compagni hanno sconfitto Minchey prima che riuscisse ad uccidere Zeny. In seguito vede Rufy scagliare il marine sulla nave del capitano di vascello Moore, presente al largo dell'isola. Quest'ultimo concede ai pirati di scegliere il luogo dello scontro per avere sconfitto Minchey, colpevole di volere impossessarsi del tesoro di Zeny. Rufy sceglie un luogo a caso sulla mappa, così la ciurma sale sulla nave, saluta Zeny e raggiunge tale luogo, che si rivela essere quello pieno di scogli e nebbia attraversato in precedenza. Qui la nave della Marina urta uno scoglio e si incaglia.

Saga della nebbia color arcobaleno[modifica | modifica sorgente]

La Going Merry è inseguita da alcune navi della Marina, ma una di esse affonda e le altre arrestano l'inseguimento per prestare soccorso. In seguito la ciurma giunge a Ruruka e Zoro resta solo sulla nave.

Quando la Tarierishin appare nella baia, Rufy, Robin ed Usop tornano sulla Merry e assieme a Zoro seguono l'imbarcazione di Henzo. Dopo avere perlustrato la nave, lo scienziato sale sulla nave della ciurma e si addentrano nella nebbia color arcobaleno, raggiungendo così il concerto delle scimmie. Questo luogo è pieno di relitti di navi e Robin legge un libro in cui si afferma che lì non si invecchia e non si soffre la fame. La ciurma sente una voce misteriosa, vede alcuni fantasmi e una freccia viene scagliata a poca distanza da Zoro. Il gruppo scopre essere opera di un gruppo di bambini che si proclamano i Pirati della zucca.

Dopo avere scoperto di girare in cerchio, Robin fa uscire allo scoperto una bambina che li spiava e le chiede di condurli dal loro capo. La ciurma conosce così la storia dei bambini. In seguito Nami raggiunge la Going Merry e rivela che può fare uscire di lì il resto della ciurma. Tuttavia, Ian prende in ostaggio un bambino per appropriarsi della barca di Nami, con la quale fugge portando con sé dei tesori. La torre arcobaleno viene fatta entrare nella nebbia e Zoro affronta Reik, il quale ricorre alla sua armatura elettrica, e si trova in difficoltà. Tuttavia Robin stacca i cavi dell'alimentazione, rendendola inoffensiva.

Wetton distrugge parte della torre arcobaleno e ciò fa si che il concerto delle scimmie possa collassare. A quel punto gli occupanti della Merry provano ad uscire da lì, ma non c'è vento e i remi improvvisati si spezzano. Allora Rapanui Pasqua, aiutato dai suoi amici, fa saltare in aria la nave della Marina che usavano come base, così l'onda d'urto spinge la Merry nella dimensione reale.

I marine che in precedenza inseguivano i Pirati di Cappello di paglia raggiungono Ruruka e catturano Wetton. Essi rivelano di essere i Pirati della zucca, i quali sono stati spediti indietro di cinquant'anni dall'esplosione. In seguito la ciurma salpa dall'isola.

Saga di Skypiea[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime la ciurma viene accusata dagli White Beret di crimini sempre più gravi e anche Zoro li affronta.

Il duello con lo squalo del cielo è allungato. In seguito Zoro, Nami e Robin notano la stranezza della presenza di terra su un'isola del cielo. Lo spadaccino e l'archeologa difendono poi la navigatrice dall'attacco di una bestia feroce.

Saga di Navarone[modifica | modifica sorgente]

La Merry torna nel mare blu nella baia interna della base G-8. La ciurma viene divisa a seguito della caduta dal cielo.

Zoro incontra Nami travestita da marine, la quale lo obbliga a nascondere le sue spade in un cespuglio. In seguito lo spadaccino le recupera, ma cade in acqua e quando riemerge è circondato da alcuni marine che lo arrestano. Viene interrogato da Drake, che non crede alla sua versione di come ha raggiunto l'isola e lo fa portare in cella.

In seguito in quest'ultima viene portato anche Usop e poi Shepherd, dato che nessuno sapeva chi fosse. Più tardi i prigionieri vengono raggiunti da Rufy e Sanji, ma finiscono in una trappola e vengono circondati dai marine. Usop suggerisce di usare Impact Dial, ma il cuoco usa un Flavour Dial. Il gas che esce esplode quando entra in contatto con le fiamme delle lampade, scardinando celle e mettendo al tappeto molti marine. I quattro pirati fuggono, ma vengono inseguiti. Giunti su un ponte, vengono bloccati dalla brigata Tempesta, che rischia di catturarli, ma Rufy rompe il ponte, così tutti finiscono in acqua. Raggiungono poi la Merry, ma sono vittime dell'ennesima imboscata.

In seguito la ciurma sale a bordo della nave e fugge. Durante navigazione della baia interna, la Marina apre il fuoco. Nami scopre che quest'ultima ha sequestrato le palle di cannone, le polvere da sparo e il tesoro ottenuto a Skypiea. La Merry fa così inversione, schiva le navi tra la nebbia e giunge in uno dei moli abbandonati, dove Nami convince gli altri a riprendere l'oro per usare il denaro che ricaveranno dalla vendita per riparare la Merry.

I pirati costruiscono un rivestimento che camuffa la Merry come se fosse una nave della Marina. La ciurma si divide così in due gruppi: Zoro, Rufy, Usop e Robin entrano nella base indisturbati, ma finiscono in un'imboscata. Usop cerca la combinazione della cassaforte mentre gli altri combattono, ma quando la apre i quattro scoprono che è vuota.

Il gruppo viene raggiunto dai marine di Shepherd. In seguito i pirati fuggono e si riuniscono a Nami, la quale intuisce che l'oro si trovi nell'ufficio del comandante della base. Nami si fa accompagnare da Rufy, mentre gli altri vanno alla Merry.

Dopo che tutti sono tornati sulla nave, seguono a bordo di essa la Pine Peak per localizzare l'uscita. Dopo averla superata, le buttano contro il rivestimento usato per camuffare la Merry. A quel punto la ciurma nota che le navi della Marina ammainano le vele. Nami capisce che Navarone è circondata da scogli che affiorano con la bassa marea. La Merry riporta danni alla chiglia prima di arenarsi. La ciurma rifiuta poi la proposta di Jonathan di arrendersi risparmiando chi non ha una taglia. Il gruppo usa così un Impact Dial sul polpo balloon: il primo colpo fa uscire la nave dalla zona di bassa marea reggendosi in aria grazie all'animale, il secondo le permette di dirigersi in mare aperto e riprendere la navigazione.

Saga del Davy Back Fight[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime, la terza sfida è una gara su pattini a rotelle suddivisa in cinque round, dove chiunque può interferire. I Pirati di Foxy vincono la prima sfida e nella seconda Polluce addormenta tutti con la sua arma e quando si svegliano scoprono di avere perso di nuovo.

Nel terzo round, la ciurma di Cappello di paglia è in svantaggio, ma Sanji dice a Zoro di tagliare un albero di kiwi, che cade su pista. Chiqicheetah esce di pista per mangiarne i frutti, dato che ne è goloso, venendo squalificato. Usop così vince.

In seguito Zoro assiste alla vittoria di Robin e Rufy nei due round successivi. Quest'ultimo si riprende così Shelly e Chopper, così visto che il Davy Back Fight si è concluso in pareggio, Foxy propone una nuova sfida, che viene accettata.

La prima sfida è una partita a "palla prigioniera" con due palle chiodate. La ciurma di Rufy colpisce tutti tranne Foxy, poi però i membri dei Pirati di Cappello di paglia si fanno eliminare uno alla volta: Zoro viene squalificato per avere distrutto una palla. Alla fine anche Rufy viene eliminato e la sua squadra perde. Lo spadaccino vede così Robin essere scelta dalla ciurma avversaria.

La seconda sfida consiste in "un, due, tre, stella!" con sei membri per squadra, ma pirati di Rufy sono solo in cinque. Vince chi raggiunge per primo Tonjit. Appena inizia, Zoro e Sanji litigano, così Pickles e Big Pan scagliano contro di loro dei massi, ma i due li dividono a metà e li rispediscono ai mittenti mentre Tonjit si gira. Loro, non potendo muoversi, vengono colpiti ed eliminati. Zoro poi si perde, ma in seguito ritrova la direzione corretta e si imbatte in Hamburg, così lo colpisce con un calcio, scagliandolo addosso a Nami, Usop e Chopper. Il pirata però tocca con una mano però Tonjit e viene dichiarato vincitore. Foxy sceglie così Chopper.

Nell'anime, dopo che Rufy ha sconfitto Foxy ed essersi così ripreso i suoi compagni, i Pirati di Cappello di paglia fanno ritorno da Tonjit, ma in quel momento una talpa con una persona in groppa esce dal terreno. Si tratta di Rittonto, nipote di Tonjit che lo trasporta con Shelly alla sua tribù. Nel manga è invece Aokiji a permettere ai due di tornare dal resto dei nomadi congelando il tratto di mare attorno all'arcipelago.

Saga dell'isola del ladro di ricordi[modifica | modifica sorgente]

Tutti dormono tranne Robin. Un ragazzo sale a bordo della Merry e suona un cavalluccio marino come un flauto e poi se ne va. Il mattino dopo nessuno ricorda che sono compagni, ad eccezione di Robin, della quale nessuno si fida anche se cerca di convincerli.

Zoro vede Nami abbandonare la nave e poco dopo fa altrettanto, raggiungendo a nuoto l'isola vicina. Qui viene raggiunto dal ladro di ricordi che cerca prima di convincerlo e poi ipnotizzandolo, di attaccare Rufy.

In seguito Chopper ed Usop incontrano lo spadaccino, che non li considera nemmeno perché il suo obiettivo è il suo capitano, che raggiunge, seguito dai due suoi compagni e lo attacca. Ad un certo punto del duello, Rufy rimane incastrato sotto un masso, così Zoro cerca di raggiungere il resto del gruppo.

Sulla cima della montagna, ingaggia uno scontro con Sanji, ma subito dopo vengono interrotti da Rufy e a quel punto lo spadaccino rivela di avere recuperato la memoria. Gli spiegano che il vero ladro di ricordi è il cavalluccio marino, così l'intera ciurma è intenzionata a vendicarsi. Tuttavia l'animale emette una nube viola che li investe, all'interno della quale ogni membro vede i propri cari e alcuni nemici sconfitti in passato. I pirati non riescono a muoversi e Tatsu ruba tutti i loro ricordi e di conseguenza si ingigantisce a dismisura, librandosi in aria.

Dopo che Rufy stringe l'animale con forza e lo colpisce violentemente, scagliandolo oltre l'orizzonte, Zoro e gli altri membri della ciurma recuperano la memoria.

Sulla via del ritorno, i pirati immaginano di venire ringraziati con doni e gloria dagli abitanti, ma Dorimo invece li accusa di essere i responsabili di quanto accaduto e così sono costretti a fuggire dall'isola.

Saga del ritorno di Foxy[modifica | modifica sorgente]

Durante una tempesta, la ciurma avvista una barca con a bordo Foxy, Polluce ed Hamburg in seria difficoltà. Rufy li salva prima che un'onda li travolga e permette loro di restare a bordo della Merry.

Il giorno dopo, Hamburg avvista la Sexy Foxy e la ciurma la abborda con la nave. Rospo zannuto sostiene di essere il nuovo capitano, così Foxy lo sfida al Davy Back Fight.

Quando Rufy vede Foxy in netto svantaggio, interviene e così fanno lo stesso i suoi compagni e quelli di Rospo zannuto. Lo scontro dura poco e si risolve a favore dei Pirati di Cappello di paglia.

Foxy, invece di ringraziarli, li colpisce con il raggio Noro Noro e li fa cadere in una botola che porta alla stiva della Sexy Foxy, per vendicarsi della sconfitta da loro inflitta in precedenza. Il pirata si traveste da Polluce e cerca di colpire Rufy, ma Zoro lo protegge. Foxy usa così ancora una volta il raggio Noro Noro sullo spadaccino e il cuoco e poi fugge. I Pirati di Cappello di paglia hanno poi la meglio e riprendono così la navigazione.

La ciurma sbarca su un'isola ed inizia a raccogliere provviste. Dopo l'ennesimo tentativo fallito dei Pirati di Foxy di avere la loro vendetta, la ciurma di Rufy prosegue l'esplorazione. A differenza del manga, è qui che il gruppo incontra Aokiji.

Saga di Water Seven[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime, quando la ciurma incontra Aokiji, trova anche alcuni naufraghi.

Saga di Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Mentre cade nella cascata, ripensa al suo incontro con Rufy.

Saga dopo Enies Lobby[modifica | modifica sorgente]

Rufy e Chopper chiedono a Zoro di aiutarli a ritrovare uno Yagara Bull, ma lo spadaccino rifiuta.

In seguito vaga per Water Seven alla ricerca di uno spadaio in grado di riparare la Yubashiri e si imbatte in Michael e Hoichael. I due lo seguono per tutta la città senza dargli tregua, così Zoro li colpisce in testa per farli smettere.

All'improvviso viene attaccato da una donna che sostiene di essere la madre dei due. Quest'ultima si calma solo quando Michael e Hoichael le dicono che il ragazzo ha accettato di diventare un loro fratello e a quel punto tutti i bambini al suo seguito lo trascinano a casa loro. Lì Zoro assiste alla discussione tra la donna e alcuni creditori e la difende da quegli uomini.

Zoro continua a non avere il coraggio di contraddire la donna e pertanto la segue per la città, ma inizia a nascondersi per la vergogna ogni volta che vede le persone che lo conoscono. Dopo essersene andato, la donna viene avvicinata di nuovo dai creditori, che stavolta sono accompagnati da Mikazuki. Hoichael corre a cercare Zoro, che arriva appena in tempo e sconfigge tutti gli avversari.

La donna comprende che il legame tra Zoro e i suoi compagni è molto forte e si rassegna a lasciarlo andare.

Saga del mare di ghiaccio[modifica | modifica sorgente]

A bordo della Thousand Sunny, la ciurma rimane affascinata dalle numerose caratteristiche della nuova nave. Ad un certo punto inizia a nevicare e Zoro avvista una nave alla deriva, senza vele, né bandiera. La ciurma così la raggiunge per soccorrere l'equipaggio.

I membri raccontano di essere stati attaccati alcuni giorni prima da un'altra ciurma che gli ha sottratto vele, bandiera e provviste. Per questo motivo Rufy li invita a cena e Chopper cura i feriti. Uno dei pirati, Stansen, sale sulla Thousand Sunny e offre un barile alla ciurma come ricompensa per la loro generosità, dopodiché chiede alla ciurma di riportarli sulla loro isola natale. Rufy acconsente e la Sunny inizia a muoversi trainando l'altra nave.

Nella notte, mentre i Pirati di Cappello di paglia dormono, l'altro equipaggio decide di attaccarli nonostante la gentilezza ricevuta. Robin, Franky e Sanji però, hanno solo finto di addormentarsi, perché si sono accorti del sonnifero che gli ospiti hanno aggiunto al cibo, così si preparano ad affrontarli. Tuttavia Stansen ferma i suoi compagni vedendo che sono arrivati anche Zoro e Nami, ed ordina la ritirata. Improvvisamente sembra che dal nulla numerose navi della Marina stiano circondando la Thousand Sunny, così la ciurma decide di fuggire tirando dietro di sé l'altra nave, sulla quale salgono Chopper e Rufy.

Il mattino seguente la Sunny naviga in mezzo ad alcuni iceberg che si muovono e la ciurma crede sempre di più che si tratti di una trappola. Ad un tratto il mare si agita e la fune che collega le due navi si rompe ed esse si perdono di vista. La Sunny rimane intrappolata tra i ghiacci e viene raggiunta da quattro cacciatori di taglie, ma si libera utilizzando il Coup de Burst. Zoro però viene sbalzato dalla nave; vagando senza meta, finisce a Lovely Land, la base della famiglia Accino.

Zoro e Accino si scontrano.

Zoro raggiunge la stanza in cui si trova Accino e fa la sua conoscenza. Mentre beve con lui, si accorge che l'uomo colleziona bandiere pirata. Proprio in quel momento un uccello consegna il Jolly Roger dei Pirati di Cappello di paglia ad Accino, il quale rivela di avere subito riconosciuto lo spadaccino. Zoro impugna le sue armi, scoprendo che l'avversario possiede i poteri del frutto Caldo Caldo. Lo scontro è di breve durata perché dopo alcuni scambi, il pirata cade in una botola e raggiunge Franky, Nami, Usop e Sanji in prigione.

In seguito il gruppo vede Robin, la quale non fa nulla però per liberarli, allontanandosi. Tuttavia poco dopo Lil porta ai prigionieri delle bottiglie di cola su richiesta della ragazza. Appena la bambina si allontana, Franky le usa per riprendere le forze e liberare tutti i suoi amici. I cinque cominciano a vagare per Lovely Land alla ricerca della loro bandiera, tuttavia si perdono seguendo Zoro.

Più tardi il gruppo viene raggiunto da Robin che si offre di recuperare la bandiera. Lo spadaccino e gli altri si ritrovano poi all'esterno dove si rincontrano con Rufy, Chopper e i Pirati della Fenice, sotto attacco dai pinguini e dai cacciatori di taglie.

All'improvviso, Accino si presenta di fronte a tutti, intenzionato a vendicare i suoi figli sconfitti. Tuttavia tutti i pirati, ad eccezione di Nami che rimane con Rufy, tornano nell'edificio per cercare la bandiera.

I pirati ritrovano il Jolly Roger.

Quando Puzzle, Jiro e Chopper raggiungono la sala delle bandiere, vengono travolti da Accino, scagliato accidentalmente in quella stanza da Rufy. Zoro interviene così per salvare Chopper. La ciurma di Cappello di paglia osserva tutte le bandiere pirata senza potere trovare la loro. Un uccello comandato da Lil, però, afferra quella che essi cercano e gliela consegna. Lo spadaccino raggiunge poi Franky sulla Thousand Sunny assieme ai suoi amici e con un lavoro di squadra scagliano Usop sulla cima dell'albero in modo che riattacchi la bandiera.

Mentre Puzzle tiene occupato Campaccino per permettere alla ciurma di Rufy di proseguire, Zoro è testimone della promessa dei due capitani di incontrarsi ancora nel Nuovo Mondo.

Saga di Thriller Bark[modifica | modifica sorgente]

Poco dopo essere sbarcato sull'isola, Zoro utilizza la Yubashiri sebbene fosse stata distrutta ad Enies Lobby.

Saga di Spa Island[modifica | modifica sorgente]

I Pirati di Cappello di paglia sono approdati a Spa Island, un'isola artificiale dove i clienti possono rilassarsi e divertirsi come se fossero in vacanza. Fanno la conoscenza di due sorelle: Rina e Sayo; quest'ultima stringe tra le mani un quaderno di appunti e sembra volerlo proteggere dagli estranei.

All'improvviso fanno la loro comparsa Foxy, Polluce e Hamburg, intenzionati ad impossessarsi del quaderno di appunti che Sayo ha con sé. Per questo attiva un macchinario con la quale inonda di raggi Noro Noro tutte le persone che si trovano nei dintorni. La ciurma di Rufy e le due sorelle vengono rallentate, così Foxy riesce a sottrargli il quaderno con estrema facilità. Inoltre fa in modo che il pavimento sotto alle sue vittime si ritiri, cosicché allo scadere dei trenta secondi, tutti precipiteranno in mare.

Franky e Brook si presentano casualmente dopo essersi ristorati in diverse zone dell'isola. Quando l'effetto del raggio Noro Noro si esaurisce, Zoro sente Rufy urlare a Franky di occuparsi di Foxy. Il cyborg obbedisce ad attacca il nemico, mentre Cappello di paglia e Robin salvano tutti utilizzando le loro abilità. Foxy ritorna al suo macchinario per attivarlo una seconda volta, ma Hamburg sbatte la porta troppo forte e gli specchi che lo compongono vanno in frantumi. Zoro vede così Rufy colpirli con tutta la sua forza e farli volare oltre l'orizzonte.

Quando tutto sembra risolto, Nami chiede a Sayo spiegazioni riguardo al quaderno di appunti; la ragazza rivela che sono figlie di uno scienziato interessato alla ricerca della formula chimica con cui produrre una gemma. I loro concittadini lo ritenevano un folle e spesso la famiglia era vittima degli scherzi dei ragazzi del villaggio. Un giorno il padre decise di partire per una lunga spedizione di ricerca e portò con sé Nukky, lasciando da sole le figlie. Dopo circa un anno, l'animale ritornò a casa con il quaderno degli appunti dell'uomo, contenente una lettera indirizzata alle figlie nella quale chiedeva loro di terminare le sue ricerche. Rina si arrabbiò perché credeva che il padre le avesse abbandonate, per di più con un diario pieno di scritte senza senso.

Zoro sente Rufy accettare la richiesta di Sayo di aiutarla nella ricerca dell'ingrediente segreto per produrre la gemma. L'unica cosa che Nami riesce a capire è che l'ingrediente si trova da qualche parte su Spa Island, dopodiché all'improvviso sotto a Sayo si apre una botola e lei precipita. Il proprietario dell'isola, Doran, ha ascoltato la conversazione mediante i lumacofoni diffusi un po' ovunque. Era stato lui, in precedenza, ad inviare i Pirati di Foxy nella speranza che riuscissero dove invece hanno fallito. Ora che Sayo è nelle sue mani ordina alla ciurma di trovare per lui l'ingrediente mancante.

La ciurma di Rufy inizia a distruggere l'isola e gli uomini della sicurezza non possono fare nulla per fermare i pirati. Così Doran lega Sayo ad un palo e le punta contro un enorme cannone, minacciando di ucciderla se non gli consegneranno il quaderno. A questo punto, Rina decide di consegnare il quaderno con gli appunti del padre, ma Sayo le urla di non farlo. Dopo che quest'ultima viene liberata da Zoro, Cappello di paglia attiva il Gear Third e con un colpo distrugge l'isola a metà. Dopo che tutti sono saliti a bordo della Thousand Sunny, Sayo e Rina scorgono un girobaleno, creato dal vapore fuoriuscito da un vulcano che si trovava proprio sotto a Spa Island. Le due sorelle capiscono che quest'ultimo è l'ingrediente mancante, perché indica in quale ordine mescolare gli altri per produrre la favolosa gemma. Le due scendono così dalla nave.

Alcuni giorni dopo, mentre la ciurma prosegue il suo viaggio, arriva Nukky in volo e consegna una lettera da parte delle sue proprietarie. Sayo e Rina sono riuscite a produrre la gemma ed inoltre il loro padre è tornato a casa sano e salvo. Le due sorelle hanno inserito la gemma nella busta per donargliela in segno di ringraziamento. L'equipaggio si riunisce attorno a Rufy per osservarla da vicino quando all'improvviso una pioggia di caramelle gli fa cadere la gemma di mano. Zoro sente così Nami ordinare subito al capitano di mettersi a cercarla tra le migliaia di caramelle finite sul ponte della nave.

Saga delle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

Zoro ascolta Brook confessare ai suoi compagni di avere letto il diario di bordo della Thousand Sunny e di essere rimasto affascinato dalle numerose avventure che essi hanno vissuto. Più tardi lo scheletro decide di tenere compagnia a Zoro durante la sua meditazione, ma finisce per fargli perdere la concentrazione.

Sull'arcipelago Sabaody, Zoro porta Judy, ferito da Charloss, in ospedale, dove la affida ad un dottore. In seguito al rapimento di Kayme, lo spadaccino e gli altri membri della ciurma si riuniscono a Duval, il quale racconta loro che ha cercato di sedurre due ragazze con il suo nuovo aspetto, ma senza successo.

Quando Kidd usa i suoi poteri, attira verso di sé gli oggetti metallici anche all'interno della casa d'aste di umani e Zoro afferra le sue spade quando escono da sole dai foderi.[30]

Le varie avventure della ciurma di Cappello di Paglia[modifica | modifica sorgente]

Perona abbraccia Zoro dopo averlo vestito come Kumacy.

Nell'anime le sue avventure a Kuraigana sono estese: quando Zoro si risveglia, si ritrova vestito come Kumacy e si domanda dove sia finito, oltre a chiedere a Perona dove siano le sue spade. La ragazza però non ha intenzione di restituirgliele e cerca di renderlo un suo servitore mediante l'uso del suo frutto del diavolo.

In seguito Perona spiega a Zoro dove si trovano le sue spade, ma il pirata si perde per via del suo pessimo senso dell'orientamento. Alla fine Perona lo accompagna e gli rivela che non lo teme. Lo spadaccino poi si perde di nuovo ed esce dal castello.

Quando la ragazza lo ritrova, si offre di accompagnarlo fino alle coste dell'isola. Durante il cammino, i due vengono spiati da alcune creature, dopodiché raggiungono alcune rovine. Mentre Zoro e Perona ammirano una gigantesca croce di legno, le creature escono allo scoperto e li attaccano: sono veloci e abili con le spade e soprattutto sono numerose.

Saga dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

Zoro affronta gli umandrilli, ma il combattimento è interrotto dall'arrivo di Mihawk. Zoro racconta a quest'ultimo di essere arrivato lì per colpa di Orso Bartholomew e Mihawk gli svela che il fratello del suo capitano è morto. Inoltre, nel manga, l'intera conversazione tra i due avviene fuori dal castello, mentre nell'anime una parte avviene all'interno dello stesso.

Viene enfatizzato il fatto che Zoro, a differenza dei suoi compagni, non capisce immediatamente il messaggio di Rufy. Successivamente, dopo averlo capito, Zoro esce dal castello con Mihawk e Perona, la quale gli suggerisce di attendere che le sue ferite siano guarite prima di tornare ad allenarsi.

Infine si vede come comincia il suo addestramento: Zoro deve sconfiggere un umandrillo che brandisce una spada simile alla Yoru, ma con la lama bianca.

Salto temporale[modifica | modifica sorgente]

Viene mostrato Zoro mentre si allena.

Saga del ritorno alle Sabaody[modifica | modifica sorgente]

Viene mostrato l'arrivo di Zoro al bar di Shakky e la scena in cui sale sulla nave sbagliata viene estesa. Mente cammina, lo spadaccino si separa da Sanji. I due scambiano alcuni colpi e commentano la forza dell'altro prima che il cuoco venga contattato da Franky.

Saga dell'isola degli uomini-pesce[modifica | modifica sorgente]

Megalo ringrazia lui, Rufy e Sanji per averlo salvato dal kraken. In seguito vengono mostrati alcuni suoi flashback e il momento in cui incontra gli Ammo Knights.

Viene mostrato quando Zoro si addormenta mentre beve al palazzo del drago e viene catturato dall'Armata di Nettuno, oltre a quando si risveglia nella cella. In seguito lui, Usop, Nami e Brook affrontano i pirati umani lanciati da Van Der Decken IX.

Il combattimento tra Zoro e Hody è allungato. Inoltre quando l'uomo-pesce si prepara a scagliargli contro dei proiettili d'acqua, lo spadaccino vede la sagoma di Arlong, riconoscendo la tecnica come quella usata da quest'ultimo. Poco dopo Hody Jones riconosce che Zoro è l'unica persona che è stata in grado di vedere quell'attacco arrivare e gli chiede se Arlong abbia usato tale tecnica su di lui in passato. È stata aggiunta anche una scena in cui Hody Jones riesce a colpire lo spadaccino. Quest'ultimo affronta poi alcuni sottoposti dell'uomo-pesce prima di emergere e prendere fiato. Inoltre Usop cerca di passare un corallo sparabolle a Zoro, ma senza successo.

Poi viene mostrata la scena in cui i Nuovi pirati uomini-pesce lo recuperano dall'acqua e di quando Pappagu aiuta Zoro, Usop e Brook a fuggire dalla gabbia in cui sono rinchiusi.

A piazza Gyoncorde, Zoro e Sanji si provocano a vicenda ritenendo di potere sconfiggere più nemici dell'altro. Qui lo spadaccino affronta Nuru, del quale fa a pezzi l'illicio dopo che l'avversario aveva provato ad abbagliarlo con esso, suggerendogli di allenarsi di più. Vede poi Hyozo infliggere il colpo di grazia a quest'ultimo.

Al palazzo del drago, Zoro afferma che vuole per sé tutto il sakè. Inoltre nel manga, colpisce Pappagu con la parte non affilata della sua spada dopo che ha detto al ministro che era stato lo spadaccino ad avere tagliato una delle torri del palazzo, mentre nell'anime lo fa con un pugno.

In seguito Zoro e Sanji parlano di quanto detto da Rufy a Big Mom, e che non possono fare nulla a riguardo, per poi capire che Nami sta per colpirli per avere consegnato ad altri il tesoro reale.

Viene mostrata la scena in cui si dirige alla nave e in cui i cittadini fanno dei regali alla ciurma. È invece omessa la scena in cui lui e Sanji combattono dopo che il cuoco ha affermato che avvelenerà la carne dello spadaccino in futuro.

Durante la risalita verso il Nuovo Mondo, Zoro giace, assieme ai suoi compagni, sulla nave dopo essere usciti dalla corrente. Mentre risale verso la superficie, ripensa ai due anni in cui è stato separato dal resto della ciurma. Poco dopo non si accorge immediatamente che quella che ha davanti è una balena. Conta poi assieme al resto della ciurma fino a dieci prima di raggiungere la superficie. Infine il suo commento viene modificato in quanto la nave non emerge in prossimità di un'isola, ma in un mare in tempesta in cui si trovano svariate navi della Marina.

Saga dell'ambizione di Z[modifica | modifica sorgente]

I Pirati di Cappello di paglia affrontano una flotta di navi della Marina, ma scoprono che si tratta solo di un miraggio. Dopodiché accadono alcuni stranissimi fenomeni atmosferici, come una pioggia con gocce gigantesche e il mare che si apre di colpo. Zoro sente poi Sanji affermare che tutto il cibo che ha cucinato è stato mangiato, così se la prende con Rufy, Usop e Chopper.

All'improvviso il cibo ricomincia ad essere mangiato molto velocemente e Rufy scopre che la responsabile è una giovane ragazza molto piccola, ma che in realtà è una gigante di nome Lily Enstomach, che ha mangiato il frutto Mini Mini. La ragazza diventa così amica della ciurma.

Zoro affronta Momonga.

La Thousand Sunny si imbatte poi in alcune navi della Marina. Esse stanno portando il padre di Lily ad Impel Down, così Rufy decide di affrontarle e la ciurma elabora un piano per liberarlo: un gruppo farà da diversivo con la Mini Merry 2 mentre l'altro, tra cui ci sarà Zoro, libererà Panz Fry utilizzando lo Shark Submerge 3. L'impresa riesce, tuttavia i pirati vengono scoperti dalla Marina e Momonga cerca di colpire Rufy, ma viene intercettato da Zoro, che riesce a tenerlo impegnato. A quel punto le due fazioni vengono attaccate dalla Neo Marina. Rufy e Shuzo iniziano a combattere tra loro e Momonga cerca di interrompere il loro duello, ma Zoro lo intercetta di nuovo e così comincia anche il loro scontro.

Nel frattempo Nami si accorge che il tempo sta cambiando nuovamente e comincia ad organizzare la fuga. Alcuni membri della ciurma riportano così la Mini Merry 2 e lo Shark Submerge 3 sulla Thousand Sunny, mentre Franky lancia le ancore della nave contro la zattera su cui è trasportato Panz Fry. Non appena la zattera viene sollevata da una Thrust Up Stream, il cyborg attiva il Coup de Burst e tutti quanti volano via.

Giunti nei pressi di una scogliera, Panz Fry decide di cucinare per la ciurma una delle sue favolose pietanze per sdebitarsi.

L'equipaggio viene tuttavia attaccato dalla Neo Marina e Shuzo colpisce Panz Fry e Lily, mandandoli al tappeto. La ciurma riesce però a sconfiggere i nemici e poi si separa dai due giganti.

Saga di Punk Hazard[modifica | modifica sorgente]

Zoro ripensa brevemente a quando Ryuma gli diede la Shusui. Dopo che hanno ucciso drago, lui e Rufy vengono salvati dalla caduta da Robin che ricorre al suo potere.

In seguito Barbabruna rivela a lui, Rufy, Robin e Usop il suo nome e la sua taglia. I quattro pirati attaccano poi i centauri. Inoltre è stata aggiunta una scena comica tra lui e Sanji, che si trova nel corpo di Nami. Quest'ultimo poi scivola su un pendio innevato, ma Zoro gli afferra la mano.

Nell'anime la posizione di Zoro, Brook e Sanji mentre immaginano gli yeti è diversa e viene mostrato quando lo spadaccino prova a tagliare i pezzi di slime, mentre nel manga viene solo fatto capire. Dopo che Brook dice a Zoro quanti anni ha, quest'ultimo lo chiama nonno.

Nel manga, Brook viene intossicato dai pezzi di slime dopo avere tentato di tagliarli, mentre nell'anime ciò accade dopo che Zoro ha cercato di farlo.

La fuga dal gas da parte di Zoro, Brook, Sanji, Kin'emon e dei subordinati di Caesar Clown è estesa. In seguito viene mostrato l'inizio del combattimento tra Mone e la ciurma di Cappello di paglia, inoltre il duello tra lei e Zoro è allungato.

Nell'anime, mentre Zoro parla di Kuina con Tashigi durante il flashback di Rogue Town, i due non incrociano le lame, come invece è successo nel manga. Inoltre lo spadaccino è in piedi davanti a Mone dopo averla tagliata in due, anziché dietro di lei come nel manga.

Viene allungata la scena in cui Zoro e Tashigi trovano la strada per l'edificio R e mostrato quando lo spadaccino sale su carrello per uscire dal laboratorio, distruggendo poi una roccia che blocca la fuga del gruppo.

Anche la partenza da Punk Hazard è allungata e la ciurma si rilassa sulla Thousand Sunny dopo essere salpata dall'isola.

Saga del recupero di Caesar[modifica | modifica sorgente]

Durante la notte, mentre sta dormendo a bordo della Thousand Sunny, un numeroso gruppo di creature attacca l'equipaggio, che risponde. Lo scontro prosegue finché gli animali non si gettano in mare al suono di un fischio. La ciurma scopre che tali creature erano un diversivo, perché nel frattempo Breed ne ha approfittato per portare via Caesar Clown.

Zoro vede Rufy, Chopper e Law salire sullo Shark Submerge 3 e partire all'inseguimento, mentre alcune onde create dagli animali allontanano la Thousand Sunny.

In seguito assiste al ritorno dei tre con lo scienziato.

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Ad Acacia, Zoro incontra un cieco, il quale gli chiede se conosce un posto in cui sia possibile scommettere.

La scena in cui Zoro, Sanji e Kin'emon inseguono i "folletti" è allungata. Lo spadaccino usa anche l'Ambizione della percezione per trovare quest'ultimo.

In seguito Zoro litiga con Wicca e la lascia temporaneamente da sola.

Il dialogo tra lo spadaccino e Bartolomeo è allungato e all'inizio Zoro nega la sua identità. Viene poi mostrata la scena in cui Bartolomeo accompagna Rufy dallo spadaccino.

Zoro sconfigge alcuni marine mentre lui e Kin'emon vengono inseguiti e quando Rufy afferma che suo fratello è ancora vivo, Zoro crede che si riferisca ad Ace. Mentre si dirige al palazzo, lo spadaccino si separa temporaneamente da Rufy e Kin'emon. Una volta solo, viene assalito da tre bambini e ne fa piangere uno, per questo inizia ad essere inseguito dalla polizia di Dressrosa.

Pica cerca di schiacciare più volte lui, Rufy e Viola: usa un pugno e un prova a calpestarli, ma Rufy attiva il Gear Second e manda in frantumi il suo corpo, che riassembla prima di tornare all'attacco. Viene anche mostrato il modo in cui Rufy, Zoro e Viola si salvano dall'attacco di Pica. Inoltre i primi due lo attaccano molte volte prima che lo spadaccino decida di combattere da solo. Rufy si gonfia per salvare se stesso e gli altri. Poco dopo Zoro procura al suo capitano e a Viola una via di fuga.

Nell'anime lo scontro tra lui e Pica è allungato.

Viene poi mostrata la sua reazione quando Do Flamingo mostra la taglia su Usop. Lo spadaccino e Rufy attaccano poi alcune persone che rivendicavano le taglie sulle loro teste.

Nel manga, i due raggiungono insieme la piazza davanti al colosseo delle corride a seguito del pugno di Pica, mentre nell'anime vengono per un attimo separati. Inoltre, nel manga, Rufy, Law e Zoro vengono raggiunti da altri alleati subito dopo avere incontrato Cavendish. Nell'anime, i tre lasciano quest'ultimo e combattono alcuni nemici. Infine, nel manga Zoro si allerta all'arrivo di Cavendish e brandisce una delle sue spade, mentre nell'anime non appare troppo preoccupato.

Zoro usa l'Ambizione della percezione per localizzare Pica e il duello tra i due è allungato in più frangenti. Viene invece omessa la scena in cui Zoro afferma che Pica non si trova al suo livello.

Lo spadaccino fa poi un commento negativo sulla risata di Pica. Inoltre nel manga Zoro escogita il suo piano per sconfiggere il nemico e indossa la bandana prima di parlare con Elizabello II, mentre nell'anime parla prima con quest'ultimo. Visualizza anche nella sua mente i primi quattro piani per sconfiggere il nemico. Mentre insegue quest'ultimo, Zoro sconfigge alcuni sottoposti di basso rango di Do Flamingo. Prima di infliggere il colpo di grazia all'alto ufficiale, Zoro ripensa al suo duello con Mihawk avvenuto nei pressi del Baratie.

Viene mostrato quando Zoro lascia il vecchio altopiano reale con Kin'emon e Kanjuro.[31] Questi ultimi lo raggiungono mentre corre nella direzione sbagliata.[32]

Quando Fujitora raggiunge lui e i samurai, loro credono che voglia attaccarli.[33] Assieme a Franky e i samurai raggiunge Usop, Robin e Bartolomeo.[34] Nella casa di Kyros, dichiara che un giorno vorrebbe affrontarlo.[35]

Quando Fujitora si avvicina al porto orientale, Zoro gli lancia un fendente.[36] Sente poi Rufy dichiarare di non volere più fuggire da nessun nemico.[37]

Saga di Silver Mine[modifica | modifica sorgente]

Al calare della notte, tutti coloro che si trovano sulla nave si addormentano. Zoro viene immobilizzato da uno sostanza appiccicosa scagliata con delle palle di cannone dall'Alleanza dei pirati d'argento; i membri di quest'ultima rapiscono poi Rufy e Bartolomeo.

Zoro sconfigge Peseta.

Il giorno seguente la nave raggiunge Silver Mine. Zoro vi sbarca e poco dopo libera le piratesse tenute in ostaggio da Peseta. Quest'ultimo gli spara delle palle di cannone adesive, che riesce ad evitare e poi con un singolo attacco lo sconfigge.[38] Dopo avere sconfitto i nemici e recuperato Rufy e Bartolomeo, l'equipaggio riprende il viaggio.[39]

Saga di Zo[modifica | modifica sorgente]

La scalata dell'elefante è allungata, così come il dibattito su Raizo, nel quale tutti i pirati chiedono ai samurai quali siano le sue abilità. Quando Carrot attacca Zoro, non ricorre all'elektro.[40] Anche la discussione riguardo al seguire o meno le istruzioni di Wanda è allungata, così come il sospetto che i visoni mangino gli umani e l'esplorazione di Zo.[41] Inoltre anche la festa tra i pirati e i visoni è estesa.[42]

In seguito Rufy fa oscillare il ponte sospeso su cui Zoro e gli altri stanno camminando.[43] Mentre ascoltano la storia di Wanda, lo spadaccino è tra coloro che esprimono la propria opinione su Cane-tempesta e Jack.[44] Successivamente afferma che si sente meglio senza la presenza di Sanji.[45]

Lungo la strada che porta alla foresta della balena, il gruppo di cui fa parte affronta uno sciame di grosse vespe.[46]

Il mattino seguente, Zoro e i compagni di ciurma che sono con lui si risvegliano mentre i guardiani stanno andando in città.[47] Successivamente, il dialogo tra Momonosuke e i Pirati di Cappello di paglia è allungato.[48]

Più tardi, nell'albero a forma di balena, mostra il suo disappunto quando Raizo afferma che le sue tecniche non sono fatte per essere mostrate ed appare divertito al termine della dimostrazione del ninja.[49]

Zoro spiega come mai Caesar e Do Flamingo fossero alla ricerca degli abitanti del Paese di Wa.[50]

Prima che Zunisha inizi ad agitarsi, Zoro è tra coloro che avvertono un pericolo imminente.[51] Durante l'attacco dei Pirati delle cento bestie all'elefante, Zoro salva, assieme a Raizo, alcuni visoni dalla caduta di un albero.[52] In seguito, durante i preparativi per le cure a Zunisha, viene rimproverato da Law per essere andato nella direzione opposta rispetto a quella indicata dai visoni. Poi viene riportato indietro assieme al legname che aveva tagliato. Poco dopo aiuta Black Back, Kin'emon e Brook a trasportare il legname necessario affinché Franky ripari le imbarcazioni danneggiate dai sottoposti di Jack.[53]

Saga del re dell'acido carbonico[modifica | modifica sorgente]

La ciurma di Cappello di paglia viene attaccata da un gruppo di cacciatori di taglie a bordo di alcuni dischi in grado di levitare, ma fugge grazie al Coup de Burst della Sunny. Raggiunge poi un'isola su cui la nave dovrà essere riparata dai numerosi attacchi ricevuti. La ciurma respinge alcuni uomini di Cidre, che rivelano di essere gli abitanti dell'isola e di essere stati costretti a lavorare per lui. Dopo la sconfitta del cacciatore di taglie, gli abitanti donano numerosi barili di cola ai pirati, che partono verso Delta, dove si terrà l'Expo pirata.

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

Zoro passeggia tra le vie della Capitale dei fiori e nota un uomo con una mezza luna tatuata sulla caviglia. In seguito incontra un assassino, che poi fugge all'arrivo di alcuni uomini che accusano il pirata. Inizialmente quest'ultimo si appresta a reagire, ma pensando alle parole di Kin'emon si lascia catturare. Lo spadaccino ricopre poi il tanto con l'Ambizione dell'armatura e, dopo che ha ucciso il magistrato, combatte contro i sottoposti di quest'ultimo, sconfiggendoli tutti. Poi riottiene le sue spade e rade al suolo l'edificio in cui si trova creando un tifone.

Mentre viene ricercato in città, Zoro sta mangiando nella landa desolata, dove sente Tsuru in pericolo ricorrendo all'Ambizione della percezione. Inoltre la scena del salvataggio della donna è allungata e mostrata da vicino. Lo spadaccino e Rufy parlano molto più a lungo della Nidai Kitetsu rispetto al manga. Zoro combatte poi contro un pirata con delle lunghe trecce che usa come una corda, con cui blocca il braccio dello spadaccino. Quest'ultimo però le taglia, facendo cadere l'avversario all'indietro, il quale precipita in un crepaccio. Nell'anime, Zoro non lecca la sua spada quando Hawkins evoca la creatura di paglia, ma sorride solamente in modo beffardo. Inoltre quando Komachiyo fugge via, oltre alla creatura di paglia, anche i rimanenti subordinati di Hawkins lo inseguono, ma vengono respinti dai due pirati. Nell'anime il duello tra Zoro e il mostro di paglia è molto esteso, infatti nel manga lo spadaccino lo sconfigge con un solo fendente. Inoltre, nell'anime Zoro si toglie la parte superiore del kimono per combattere e la sua ferita alla fronte sanguina meno rispetto al manga. Prima di parlare a Tsuru, Zoro afferma che Hawkins possiede un'abilità fastidiosa e, quando Komachiyo non sa che direzione prendere, gli indica la destra solo affinché l'animale si muova, ma a quel punto la donna si rivela e dice di andare a sinistra.

Viene inoltre mostrato quando intimidisce Urashima e poi blocca Rufy mentre sta per rivelare il suo vero nome. Poco dopo, devia più frecce scagliate da Batman rispetto al manga, che ne scocca altre subito dopo il rapimento di Tama. Alcuni subordinati di Orochi poi provano a impedire ai pirati e Kiku di entrare a Bakura, ma Rufy utilizza l'Ambizione del re conquistatore per proseguire. Il gruppo poi vede più lottatori scagliati fuori dal ring da Urashima. Inoltre, nel manga, i sottoposti di quest'ultimo afferrano Kiku mentre si trova ancora su Komachiyo assieme a Rufy e Zoro, mentre nell'anime i tre sono scesi dall'animale e la cameriera viene presa mentre gli altri due affrontano alcuni lottatori. Zoro in quel momento sta per sfoderare la sua spada, cosa che poi rinuncia a fare.

Zoro afferra nuovamente il fodero della Nidai Kitetsu lanciato da Rufy prima di combattere contro i Pirati delle cento bestie e i samurai loro alleati. Tali scontri sono estesi. Sconfigge poi molti nemici con un singolo fendente e respinge le frecce scagliategli contro da Speed. Kikunojo viene usato come ostaggio per fermare Zoro, il quale però lascia che si liberi da solo avendo capito le sue capacità. In seguito, i due sconfiggono più nemici e respingono numerose frecce scagliate da Speed e dai suoi sottoposti.

Sulla via verso le rovine del castello di Oden, il gruppo di Zoro viene inseguito da una grande tigre che brandisce una spada con le fauci. Lo spadaccino scende da Komachiyo per affrontarla e la sconfigge. Nel manga non viene spiegato perché Zoro si sia separato dal resto del gruppo e la tigre appare già a terra. Incontra Tonoyasu sull'imbarcazione presa al porto e lo ricopre di sakè dopo avere letto la notizia che riguarda Rufy.

Viene mostrato quando Zoro gioca d'azzardo, mentre nel manga è solo menzionato: inizialmente vince molte mani e dà quasi tutte le sue vincite a Tonoyasu, il quale aveva pagato il cibo e da bere mentre erano su un'imbarcazione. Inizia poi a perdere, ma si accorge di un imbroglio, per questo usa la tecnica a zero spade ricorrendo anche all'Ambizione dell'armatura, con cui scopre colui che imbrogliava da sotto il tavolo e distruggendo il tetto dell'edificio. Coloro che si trovano nella stanza sguainano così le spade, e uno di loro attacca Zoro, che lo disarma e dopo avere preso la katana al nemico, scaglia un colpo che sconfigge contemporaneamente tutti gli altri. Il capo di quest'ultimi consegna così un sacchetto di denaro a Zoro e Tonoyasu.

A Ringo, Zoro non viene deriso da Gyukimaru per essersi perso durante l'inseguimento come nel manga e dice al collezionista d'armi di essere un pirata. Inoltre il combattimento tra Zoro e Kamazo è esteso, durante il quale il primo evita gli attacchi del secondo effettuati ruotando a grande velocità e i suoi fendenti volanti, oltre a scambiare più colpi con l'assassino.

La sua conversazione con Toko e Hiyori è estesa. Quando la ragazza chiede a Zoro di Kikunojo, quest'ultimo capisce che si sta riferendo a Kiku. Successivamente Brook si allontana dopo avere trovato Zoro dormire assieme a Hiyori e Toko, ma lo spadaccino gli dice di tornare indietro. Poi Zoro cerca di afferrare Toko mentre abbandona l'abitazione e ci riesce quando la bambina sta per cadere sulla neve.[54]

Il dialogo tra Zoro e Sanji è esteso, così come lo scontro con gli uomini dello shogun. Quando lo spadaccino sferra i suoi fendenti contro Orochi, colpisce con gli stessi le guardie dello shogun.[55] Inoltre il combattimento tra Zoro e Kyoshiro è esteso. Nel manga, lo spadaccino ferisce con una delle sue spade Raijin, mentre nell'anime lo spinge solamente via. Poi Fujin cerca di attaccarlo con un attacco d'aria.[56]

Zoro e Hiyori si imbattono in un ninja mascherato, il quale cerca di colpirli con un dardo di una cerbottana, ma il pirata lo respinge e l'avversario si dilegua.[57] Successivamente, il combattimento dello spadaccino contro Fujin e gli altri ninja è esteso.[58]

Zoro spezza il naginata di Gyukimaru e il loro duello è esteso.[59] Poi vede il monaco guerriero aprire l'entrata del luogo dove sono custodite le armi,[60] nel quale entra assieme a Hiyori.[61]

Enma assorbe una seconda volta l'Ambizione di Zoro durante il suo allenamento.[62] Lo spadaccino trancia anche la sigaretta di Sanji usando la spada, per poi essere colpito con un pugno da Nami mentre litiga con il cuoco.[63]

Film[modifica | modifica sorgente]

Film 14[modifica | modifica sorgente]

Durante l'Expo pirata, la ciurma si posiziona in testa alla gara grazie alle modifiche apportate da Franky alla Sunny. Law esce però dalla cabina e li informa che Buena Festa sta tramando qualcosa, così Zoro continua la gara, mentre alcuni suoi compagni decidono di accompagnare il chirurgo per scoprire i segreti dell'evento. Raggiunta l'isola emersa da Delta, Zoro intercetta Killer, mentre Bagy precede il resto dei partecipanti nell'impossessarsi del tesoro di Roger. A causa di una nave piena di esplosivi, l'isola precipita, Zoro cade in mare e soccorre Rufy.

Issho e Zoro si scontrano.

Vede poi Douglas Bullet malmenare Usop e un Buster Call della Marina avvicinarsi a Delta, decidendo di fronteggiare quest'ultima, mentre Rufy affronta l'ex compagno di Roger assieme agli altri membri della peggiore delle generazioni. Issho si lancia contro il pirata e fa precipitare un gigantesco meteorite dal cielo. Zoro lo taglia a metà e Mihawk lo distrugge completamente, criticando il primo per non essere riuscito a fare altrettanto.

Zoro e Sanji impediscono poi a Lucci e Crocodile di interferire nello scontro tra Rufy e Bullet. Dopo la sconfitta di quest'ultimo, Law utilizza i suoi poteri per trasportare i Pirati di Cappello di paglia sulla Sunny, che salpa da Delta grazie all'aiuto di Sabo, il quale crea un muro di fuoco per bloccare le corazzate della Marina.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Zoro può essere un riferimento a Zorro, dato che entrambi sono spadaccini.
  • Zoro ha un Jolly Roger personale, come anche i suoi compagni. Ha la sua bandana, due spade al posto delle ossa incrociate e la terza posta orizzontalmente tra i denti, tenuta per la lama.
    • Dopo il salto temporale Oda ha aggiunto al teschio i tre orecchini e la cicatrice sull'occhio. Inoltre le tre spade sono disegnate con più dettagli.
  • Zoro è stato disegnato varie volte in modo errato. Nel capitolo 598 è apparso con la cicatrice sull'occhio sbagliato, mentre nel capitolo 698 appare con la cicatrice di Rufy sul petto invece della propria. Questi errori sono stati corretti con l'uscita del volume.
    • Nel capitolo 599 la Shusui di Zoro appare con un diverso fodero, al punto di sembrare la Lamento spettrale di Law. Nell'anime l'errore è stato corretto.
  • Un fan ha chiesto a Oda di disegnare Zoro con i poteri del frutto Gom Gom, ma con difficoltà a controllarli. Il mangaka ha però preferito raffigurare lo spadaccino con una grande padronanza del frutto del diavolo.[64]
  • La maggior parte degli attacchi di Zoro hanno dei riferimenti alle religioni. Questa cosa è ironica perché Zoro si è dichiarato agnostico in ambito religioso,[65] al punto che Nami e Chopper hanno affermato che è più arrogante di Ener, il quale si credeva una divinità.
  • Zoro sembra essere mancino, poiché porta le sue spade sul fianco destro. Inoltre quando usa una tecnica ad una spada effettua l'attacco con la mano sinistra.
  • La ricomparsa di Zoro dopo il salto temporale ricorda la prima apparizione di Drakul Mihawk. Entrambi hanno tagliato a metà una nave solo perché erano stati involontariamente svegliati.
  • In molte scene filler il suo scarso senso dell'orientamento è reso ancora più ridicolo, al punto che riesce a perdersi anche mentre sta seguendo una persona o quando il percorso non prevede bivi o svolte.
  • Sanji, per insultare Zoro, lo chiama testa d'alga, in riferimento al colore dei suoi capelli che lo fanno sembrare un'alga marimo.
  • Zoro e Killer sono gli unici membri della peggiore delle generazioni a non essere i capitani della propria ciurma. Inoltre erano i soli a non avere ingerito alcun frutto del diavolo prima che Killer fosse forzato a mangiare uno Smile.
  • In passato Zoro ha lavorato come cacciatore di taglie assieme a Yosaku e Johnny. Curiosamente i compleanni dei tre risultano essere uno di seguito all'altro. Infatti Yosaku compie gli anni il 10 novembre, Zoro l'11 e Johnny il 12.

Curiosità basate sulle SBS[modifica | modifica sorgente]

  • Roronoa deriva dal nome di un pirata realmente esistito, François l'Olonnais.[66]
  • Oda ha affermato che l'animale che rappresenta meglio Zoro è uno squalo. Sulla copertina del terzo capitolo, quello in cui lo spadaccino appare per la prima volta, è raffigurato Rufy che cavalca uno squalo.[67]
  • Zoro, Rufy e Chopper dipendono dagli altri per quanto riguarda bigiotteria e chincaglierie varie.[68]
  • La sua isola preferita è una autunnale, stagione in cui è più facile esercitarsi perché lui vuole diventare ancora più forte.[69]
  • I suoi cibi preferiti sono il riso raffinato, la carne di mostro marino e tutto ciò che si accompagna bene al sakè.[70]
  • Se la ciurma fosse una famiglia, Zoro sarebbe il primogenito.[71]
  • Zoro qualche volta indossa abiti della Criminal.[72]
  • Zoro legge libri sulle arti marziali, sulle armi e sulle taglie più alte del mondo.[73]
  • Se vivesse nel mondo reale, sarebbe giapponese.[74]

Zoro femmina.

  • È stato raffigurato il suo aspetto se fosse trasformato in una donna dai poteri dell'Horu Horu.[75]
  • La doppiatrice di Nico Robin ha affermato che il fiore che rappresenta meglio Zoro è il cardo,[76] mentre Oda sostiene che la sua pianta rappresentativa sia il glicine.[77]
  • Il suo gruppo sanguigno è XF.[78]
  • Zoro si fa il bagno una volta alla settimana.[79]
  • Se vivesse in Giappone, verrebbe dalla prefettura di Hokkaidō.[80]
  • Il cibo che odia è la cioccolata perché troppo dolce.[81]
  • Va a dormire alle 4 e si sveglia alle 7. Inoltre fa un sonnellino pomeridiano.[82]
  • Se non fosse un pirata sarebbe un poliziotto.[83]
  • La sua specialità in cucina è il sashimi.[84]

Zoro rasato.

  • In una SBS viene rappresentato il suo aspetto se si rasasse i capelli.[85]
  • Nei primi 80 volumi è al terzo posto per numero di rimproveri ai compagni, facendolo per 263 volte.[85]
  • I suoi hobby sono allenarsi e bere sakè.[86]
  • Oda ha affermato che Zoro è uno dei membri della ciurma che non mangia il ghiaccio.[87] Tuttavia, quando in seguito un fan gli ha fatto notare che lo spadaccino lo ha mangiato nel capitolo 701, non ha potuto fare altro che ammettere l'errore.[88]
  • In una gara di corsa su cinquanta metri, svolta tra i membri della ciurma nella saga di Whole Cake Island, arriverebbe quinto. Grazie al suo scatto, sarebbe primo se la gara si svolgesse su distanze più brevi, perché non si perderebbe.[88]

L'aspetto che avrebbe Zoro.

  • In una SBS viene rappresentato il suo aspetto a quarant'anni e a sessant'anni, oltre a quello che avrebbe avuto alle stesse età qualora fosse accaduto qualcosa di diverso in passato.[89]
  • Se dovesse dare un nome a Sanji quando indossa la Raid Suit lo chiamerebbe "Idiota", anziché "Soba Mask".[90]
  • Se dovesse mangiare un frutto del diavolo, sarebbe l'Uo Uo modello Seiryu. Oda ha però ammesso che preferirebbe fare mangiare tale frutto a una delle sue spade.[91]

Note

  1. versione inglese ufficiale di Shueisha.
  2. Vol. 9capitolo 77, il nome appare su un giornale presente nella cover.
  3. SBS del volume 15.
  4. SBS del volume 4.
  5. SBS del volume 7.
  6. SBS del volume 10.
  7. One Piece Blue Deep: Characters World.
  8. SBS del volume 66.
  9. Vol. 42capitolo 409 ed episodio 294, Kaku chiede ironicamente a Zoro se quella bandana legata in testa lo renda più forte.
  10. Vol. 51capitolo 499 ed episodio 393, Urouge lo afferma.
  11. Vol. 39capitolo 371 ed episodio 260, Zanbai lo afferma.
  12. Vol. 40capitolo 387 ed episodio 273, Kiev lo afferma.
  13. Vol. 10capitolo 89 ed episodio 41, Arlong rimane esterrefatto nel vedere la ferita di Zoro.
  14. Vol. 14capitolo 122 ed episodio 74, Zoro si ferisce le gambe.
  15. Vol. 2capitolo 16 ed episodio 7, Zoro affronta Kabaji.
  16. Vol. 10capitolo 85 ed episodio 39, Zoro sconfigge Hacchan e distrugge le sue spade con la pura forza fisica.
  17. Vol. 21capitolo 195 ed episodio 119, Zoro sconfigge Mr. One dopo avere capito come tagliare l'acciaio.
  18. Vol. 48capitolo 467 ed episodio 362, Brook lo afferma vedendoli combattere.
  19. Vol. 28capitolo 259 ed episodio 170, Zoro sconfigge Braham con un fendente volante.
  20. Vol. TBAcapitolo 1001.
  21. Vol. 39capitolo 371 ed episodio 261, Zoro lo afferma.
  22. Vol. 43capitolo 417 ed episodio 299, Kaku lo afferma.
  23. Vol. 51capitolo 499 ed episodio 393.
  24. SBS del volume 71, Oda lo ha rivelato.
  25. Vol. TBAcapitolo 1010, Kaido commenta la tecnica a nove spade.
  26. Vol. 69capitolo 687 ed episodio 613, Mone non riesce a ricomporsi dalla paura.
  27. 27,0 27,1 One Piece Vivre Card.
  28. Vol. 91capitolo 918.
  29. Vol. 92capitolo 929 ed episodio 922, Tonoyasu lo rivela.
  30. Episodio 399.
  31. Episodio 725.
  32. Episodio 727.
  33. Episodio 731.
  34. Episodio 736.
  35. Episodio 739.
  36. Episodio 742.
  37. Episodio 743.
  38. Episodio 749.
  39. Episodio 750.
  40. Episodio 753.
  41. Episodio 754.
  42. Episodio 756.
  43. Episodio 757.
  44. Episodio 759.
  45. Episodio 762.
  46. Episodio 765.
  47. Episodio 767.
  48. Episodio 768.
  49. Episodio 769.
  50. Episodio 771.
  51. Episodio 773.
  52. Episodio 774.
  53. Episodio 775.
  54. Episodio 938.
  55. Episodio 942.
  56. Episodio 943.
  57. Episodio 948.
  58. Episodio 951.
  59. Episodio 952.
  60. Episodio 954.
  61. Episodio 955.
  62. Episodio 956.
  63. Episodio 959.
  64. One Piece Magazine Vol. 6.
  65. Vol. 29capitolo 271 ed episodio 178, Zoro afferma di non avere mai pregato per nessun Dio.
  66. SBS del volume 4.
  67. SBS del volume 20.
  68. SBS del volume 37.
  69. SBS del volume 38.
  70. SBS del volume 45.
  71. SBS del volume 48.
  72. SBS del volume 53.
  73. SBS del volume 55.
  74. SBS del volume 56.
  75. SBS del volume 56.
  76. SBS del volume 60.
  77. SBS del volume 95.
  78. SBS del volume 66.
  79. SBS del volume 67.
  80. SBS del volume 72.
  81. SBS del volume 73.
  82. SBS del volume 74.
  83. SBS del volume 76.
  84. SBS del volume 79.
  85. 85,0 85,1 SBS del volume 81.
  86. SBS del volume 82.
  87. SBS del volume 84.
  88. 88,0 88,1 SBS del volume 85.
  89. SBS del volume 91.
  90. SBS del volume 94.
  91. SBS del volume 98.

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.