FANDOM


Riga 23: Riga 23:
   
 
== Aspetto ==
 
== Aspetto ==
Sabo, al tempo dei flashback di Rufy, si presenta come un bambino di 10 anni, della stessa età di Ace, di corporatura abbastanza esile. Gli manca un dente, ha gli occhi neri e i capelli biondi e ricci tagliati corti. Indossa una maglia blu scuro con sopra un pesante cappotto blu a coda di rondine e dei pantaloni celesti, che tiene fissati in vita da una cintura nera con un'elaborata fibbia dall'intarsio floreale. Ai piedi ha degli stivali neri, tiene un fazzoletto bianco e rovinato al collo e porta un grande e alto cappello a cilindro nero a tesa larga, attorno al quale tiene agganciati degli occhialoni da aviatore blu e celesti. Prima di andare a vivere nel [[Grey Terminal]], Sabo indossava una camicetta bianca a mezze maniche e dei pantaloni azzurri sostenuti da un paio di bretelle.
+
Sabo, al tempo dei flashback di Rufy, si presenta come un bambino di 10 anni, della stessa età di Ace, di corporatura abbastanza esile. Gli manca un dente, ha gli occhi neri e i capelli biondi e ricci tagliati corti. Indossa una maglia blu scuro con sopra un pesante cappotto blu a coda di rondine e dei pantaloni celesti, che tiene fissati in vita da una cintura nera con un'elaborata fibbia dall'intarsio floreale. Ai piedi ha degli stivali neri, tiene un fazzoletto bianco e rovinato al collo e porta un grande e alto cappello a cilindro nero a tesa larga, attorno al quale tiene agganciati degli occhialoni da aviatore blu e celesti.
  +
  +
Prima di andare a vivere nel [[Grey Terminal]], Sabo indossava una camicetta bianca a mezze maniche e dei pantaloni azzurri sostenuti da un paio di bretelle.
   
 
== Carattere ==
 
== Carattere ==
Sabo risulta molto fiducioso nei confronti dei suoi obiettivi ed è sempre pronto a difenderli, tanto che si accorda con Ace per uccidere Rufy appena quest'ultimo viene a conoscenza del tesoro suo e di Ace. Tuttavia, nessuno dei due ci riesce, sia per il non volerlo fare, sia per la scarsa "esperienza" in materia, facendo emergere una certa innocenza a dispetto del loro obiettivo di diventare dei pirati. Sabo si vergogna molto di essere un nobile, in quanto ritiene che i nobili siano delle persone malvagie e marce dentro, ed è arrivato persino a dichiarare che non avrebbe mai voluto nascere possessore di tale titolo. Secondo Rufy, il ragazzo è un fratello maggiore più bravo di Ace, in quanto si dimostra sempre gentile con lui e lo incoraggia a migliorare lodando il suo potere. Sembra essere in grado di fare andare d'accordo Rufy ed Ace, dissuadendoli dal litigare, e assumendo così il ruolo del diplomatico e assennato del trio (come effettivamente è). Il sogno di Sabo è quello di girare intorno al mondo, andando per mare come pirata, al fine di scrivere un libro contenente tutte le notizie sui posti visitati e le cose viste. Tale desiderio potrebbe essere dettato in parte anche dal bisogno e desiderio di libertà che ha preso piede nell'animo del ragazzo in conseguenza all'atmosfera di rigidità e reclusione vissuta nella propria casa paterna e all'interno dello stesso regno di Goa, spingendolo a chiedersi con curiosità come sia realmente il mondo al di fuori delle mura della Città Alta e vissuto in libertà e innocenza. Tuttavia, Sabo è pronto a rinunciare al suo sogno se per il bene delle persone a lui care: infatti, egli si dimostra fedele e talmente affezionato ai suoi due amici, o, in questo caso, "fratelli", da essere disposto ad ubbidire al padre per non metterli in pericolo, essendo consapevole che il suo austero genitore attuerebbe realmente le minacce che più volte aveva già messo in atto nei confronti di Ace e Rufy.
+
Sabo risulta molto fiducioso nei confronti dei suoi obiettivi ed è sempre pronto a difenderli, tanto che si accorda con Ace per uccidere Rufy appena quest'ultimo viene a conoscenza del tesoro suo e di Ace. Tuttavia, nessuno dei due ci riesce, sia per il non volerlo fare, sia per la scarsa "esperienza" in materia, facendo emergere una certa innocenza a dispetto del loro obiettivo di diventare dei pirati. Sabo si vergogna molto di essere un nobile, in quanto ritiene che i nobili siano delle persone malvagie e marce dentro, ed è arrivato persino a dichiarare che non avrebbe mai voluto nascere possessore di tale titolo. Secondo Rufy, il ragazzo è un fratello maggiore più bravo di Ace, in quanto si dimostra sempre gentile con lui e lo incoraggia a migliorare lodando il suo potere. Sembra essere in grado di fare andare d'accordo Rufy ed Ace, dissuadendoli dal litigare, e assumendo così il ruolo del diplomatico e assennato del trio (come effettivamente è).
  +
  +
Il sogno di Sabo è quello di girare intorno al mondo, andando per mare come pirata, al fine di scrivere un libro contenente tutte le notizie sui posti visitati e le cose viste. Tale desiderio potrebbe essere dettato in parte anche dal bisogno e desiderio di libertà che ha preso piede nell'animo del ragazzo in conseguenza all'atmosfera di rigidità e reclusione vissuta nella propria casa paterna e all'interno dello stesso regno di Goa, spingendolo a chiedersi con curiosità come sia realmente il mondo al di fuori delle mura della Città Alta e vissuto in libertà e innocenza. Tuttavia, Sabo è pronto a rinunciare al suo sogno se per il bene delle persone a lui care: infatti, egli si dimostra fedele e talmente affezionato ai suoi due amici, o, in questo caso, "fratelli", da essere disposto ad ubbidire al padre per non metterli in pericolo, essendo consapevole che il suo austero genitore attuerebbe realmente le minacce che più volte aveva già messo in atto nei confronti di Ace e Rufy.
   
 
Nonostante sia figlio di nobili, Sabo non agisce come un classico aristocratico farebbe, né si considera tale. Infatti, lui non guarda dall'alto in basso i meno fortunati, né si vanta della sua posizione sociale. questo è il netto contrasto che lo separa dal resto della sua famiglia, che vede il suo status come la cosa più importante e farebbe di tutto per mantenerlo o addirittura innalzarlo, così come guarda dall'alto in basso le persone di ceto inferiore. Sabo rifiuta completamente questi valori, e si è spinto a dire che si vergogna della sua posizione di nobile, cosa che può essere vista come una delle ragioni per le quali Sabo scappa di casa dirigendosi verso il [[Dawn#Grey Terminal|Grey Terminal]], che non ha nulla a che vedere col suo nobile retaggio. Dal momento che un nobile diventa propriamente tale all'età di diciotto anni, Sabo si prefigge di lasciare il regno di Goa appena compiuti i diciassette anni, per sfuggire all'idea di essere riconosciuto come ciò che più odia. Egli si riferisce ai nobili dicendo che "puzzano più della montagna di spazzatura, perché sono marci fino al midollo!".
 
Nonostante sia figlio di nobili, Sabo non agisce come un classico aristocratico farebbe, né si considera tale. Infatti, lui non guarda dall'alto in basso i meno fortunati, né si vanta della sua posizione sociale. questo è il netto contrasto che lo separa dal resto della sua famiglia, che vede il suo status come la cosa più importante e farebbe di tutto per mantenerlo o addirittura innalzarlo, così come guarda dall'alto in basso le persone di ceto inferiore. Sabo rifiuta completamente questi valori, e si è spinto a dire che si vergogna della sua posizione di nobile, cosa che può essere vista come una delle ragioni per le quali Sabo scappa di casa dirigendosi verso il [[Dawn#Grey Terminal|Grey Terminal]], che non ha nulla a che vedere col suo nobile retaggio. Dal momento che un nobile diventa propriamente tale all'età di diciotto anni, Sabo si prefigge di lasciare il regno di Goa appena compiuti i diciassette anni, per sfuggire all'idea di essere riconosciuto come ciò che più odia. Egli si riferisce ai nobili dicendo che "puzzano più della montagna di spazzatura, perché sono marci fino al midollo!".
Riga 37: Riga 37:
   
 
==== Madre ====
 
==== Madre ====
[[File:Madre di Sabo.png|thumb|220px|right|La madre di Sabo assieme a Stelly.]]
+
[[File:Madre di Sabo.png|thumb|200px|right|La madre di Sabo (a sinistra) assieme a Stelly (a destra).]]
 
Anche lei è un tipico esempio di nobile e cerca solo di elevare lo status suo e del marito. Ciò è stato chiaramente dimostrato quando Sabo ha risposto alle provocazioni di un ragazzino di un ceto nobiliare più elevato e in possesso di un'arma, generando una rissa e ferendosi. Nel momento in cui la madre lo è venuta a sapere si è immediatamente e profondamente scusata con la madre del ragazzino, ignorando le ferite del figlio e punendolo con uno schiaffo per aver messo in pericolo la sua posizione. Ha agito in maniera insensibile anche quando il figlio è stato riportato a casa dalla sua fuga, dandogli un benvenuto piuttosto freddo.
 
Anche lei è un tipico esempio di nobile e cerca solo di elevare lo status suo e del marito. Ciò è stato chiaramente dimostrato quando Sabo ha risposto alle provocazioni di un ragazzino di un ceto nobiliare più elevato e in possesso di un'arma, generando una rissa e ferendosi. Nel momento in cui la madre lo è venuta a sapere si è immediatamente e profondamente scusata con la madre del ragazzino, ignorando le ferite del figlio e punendolo con uno schiaffo per aver messo in pericolo la sua posizione. Ha agito in maniera insensibile anche quando il figlio è stato riportato a casa dalla sua fuga, dandogli un benvenuto piuttosto freddo.
   
Riga 44: Riga 44:
   
 
=== Fratelli per giuramento ===
 
=== Fratelli per giuramento ===
  +
==== Monkey D. Rufy ====
  +
Inizialmente, sia Sabo che Ace considerano [[Monkey D. Rufy|Rufy]] come una minaccia, dal momento che il bambino scopre dove tengono nascosto il loro tesoro, e, avendo paura che vada a dirlo in giro, si ripropongono perfino di ucciderlo. Tuttavia, dopo avere visto il modo in cui Rufy resiste alle torture di Polchemy pur di non parlare, e quindi restare loro amico, lo introducono nel gruppo trattantolo come un fratello. Poco prima di salpare, Sabo scrive una lettera indirizzata ad Ace nella quale gli raccomanda di prendersi cura di Rufy anche da parte sua, essendo il loro prezioso fratellino.
  +
 
==== Portuguese D. Ace ====
 
==== Portuguese D. Ace ====
 
[[Portuguese D. Ace|Ace]] è il migliore amico di Sabo e condivide con lui il sogno di diventare un pirata. A tale scopo, i due collaborano per lungo tempo mettendo insieme un tesoro da loro chiamato "fondo per la pirateria", che si prefiggono di usare in un prossimo futuro per la loro "carriera" di pirati. Si considerano come fratelli (stesso rapporto che Sabo ha con Rufy), e Sabo è disposto perfino a rinunciare ai propri sogni pur di salvare sia Ace che Rufy dalle ire del padre. Non è noto se il ragazzo sia a conoscenza del fatto che Ace è figlio di [[Gol D. Roger]], anche se nell'anime si dimostra pienamente consapevole di ciò, informandone lo stesso Rufy.
 
[[Portuguese D. Ace|Ace]] è il migliore amico di Sabo e condivide con lui il sogno di diventare un pirata. A tale scopo, i due collaborano per lungo tempo mettendo insieme un tesoro da loro chiamato "fondo per la pirateria", che si prefiggono di usare in un prossimo futuro per la loro "carriera" di pirati. Si considerano come fratelli (stesso rapporto che Sabo ha con Rufy), e Sabo è disposto perfino a rinunciare ai propri sogni pur di salvare sia Ace che Rufy dalle ire del padre. Non è noto se il ragazzo sia a conoscenza del fatto che Ace è figlio di [[Gol D. Roger]], anche se nell'anime si dimostra pienamente consapevole di ciò, informandone lo stesso Rufy.
   
==== Monkey D. Rufy ====
+
Due anni dopo la morte di Ace, Sabo sembra apparentemente rammaricarsi del fatto che Ace non fosse lì per salvare la vita di suo fratello, come evidenziato dalla sua conversazione con [[Koala]]. Ha comunque visitato la tomba di Ace e lasciato tre tazze di sake accanto alla lapide di Ace, insieme ad un articolo di giornale che indica che Rufy sta bene. Nonostante il suo rammarico, Sabo rimane determinato ad ereditare la volontà di Ace vincendo i frutto Foco Foco.
Inizialmente, sia Sabo che Ace considerano [[Monkey D. Rufy|Rufy]] come una minaccia, dal momento che il bambino scopre dove tengono nascosto il loro tesoro, e, avendo paura che vada a dirlo in giro, si ripropongono perfino di ucciderlo. Tuttavia, dopo avere visto il modo in cui Rufy resiste alle torture di Polchemy pur di non parlare, e quindi restare loro amico, lo introducono nel gruppo trattantolo come un fratello. Poco prima di salpare, Sabo scrive una lettera indirizzata ad Ace nella quale gli raccomanda di prendersi cura di Rufy anche da parte sua, essendo il loro prezioso fratellino.
 
   
  +
=== Rivoluzionari ===
  +
==== Koala ====
  +
Sabo sembra ben conoscere e andare d'accordo con Koala.
 
=== Altri ===
 
=== Altri ===
 
==== Monkey D. Garp ====
 
==== Monkey D. Garp ====
Riga 54: Riga 60:
   
 
==== Monkey D. Dragon ====
 
==== Monkey D. Dragon ====
[[Monkey D. Dragon|Dragon]] e Sabo si sono incontrati nella città bassa, prossima al Grey Terminal, mentre il fuoco divampava all'interno di esso. Qui, il bambino ha confessato al rivoluzionario il suo disprezzo e la sua vergogna per le sua origini nobili. Dragon si è dimostrato stupefatto del fatto che, in un regno come quello di Goa, potessero nascere ancora dei bambini puri come lui. Non è stato reso noto se Dragon sia a conoscenza o meno del fatto dell'adozione di Sabo nella sua famiglia. In seguito, Sabo si unirà ai rivoluzionari sotto la guida di Dragon
+
[[Monkey D. Dragon|Dragon]] e Sabo si sono incontrati nella città bassa, prossima al Grey Terminal, mentre il fuoco divampava all'interno di esso. Qui, il bambino ha confessato al rivoluzionario il suo disprezzo e la sua vergogna per le sua origini nobili. Dragon si è dimostrato stupefatto del fatto che, in un regno come quello di Goa, potessero nascere ancora dei bambini puri come lui. Non è stato reso noto se Dragon sia a conoscenza o meno del fatto dell'adozione di Sabo nella sua famiglia. In seguito, Sabo si è unito ai rivoluzionari sotto la guida di Dragon
   
 
==== Curly Dadan ====
 
==== Curly Dadan ====
Riga 63: Riga 69:
   
 
== Forza e abilità ==
 
== Forza e abilità ==
Sabo sembra avere un certo livello di abilità in combattimento, confermato nel momento in cui lui ed Ace uniscono le forze per battere [[Polchemy]] e salvare Rufy. L'arma abituale dei tre, al tempo, era costituita da un bastone ricavato da un vecchio tubo. Sabo è stato in grado di battere Rufy fino a cinquanta volte al giorno, così come è stato capace di sconfiggere Ace ventiquattro volte e perderne ventisei sempre contro di lui. Si è dimostrato bravo anche a rubare, dato che lui ed Ace hanno sottratto più volte del denaro o altri oggetti di valore a varie persone del Grey Terminal per accrescere la il loro tesoro. Secondo Ace, che al tempo progettava che il ragazzo dovesse divenire il suo navigatore, Sabo possedeva anche delle discrete conoscenze nel campo della navigazione. Egli, infatti, quando ancora risiedeva con i genitori studiò per diverso tempo, perciò detiene anche un certo livello d'istruzione e delle buone capacità di ragionamento.
+
Sabo sembra avere un certo livello di abilità in combattimento, confermato nel momento in cui lui ed Ace uniscono le forze per battere [[Polchemy]] e salvare Rufy. L'arma abituale dei tre, al tempo, era costituita da un bastone ricavato da un vecchio tubo. Sabo è stato in grado di battere Rufy fino a cinquanta volte al giorno, così come è stato capace di sconfiggere Ace ventiquattro volte e perderne ventisei sempre contro di lui.
  +
  +
Si è dimostrato bravo anche a rubare, dato che lui ed Ace hanno sottratto più volte del denaro o altri oggetti di valore a varie persone del Grey Terminal per accrescere la il loro tesoro. Secondo Ace, che al tempo progettava che il ragazzo dovesse divenire il suo navigatore, Sabo possedeva anche delle discrete conoscenze nel campo della navigazione. Egli, infatti, quando ancora risiedeva con i genitori studiò per diverso tempo, perciò detiene anche un certo livello d'istruzione e delle buone capacità di ragionamento.
   
 
== Storia ==
 
== Storia ==
Riga 69: Riga 75:
 
==== La tazza dei fratelli ====
 
==== La tazza dei fratelli ====
 
Sabo nasce nel regno di [[Goa]] da genitori nobili, che aspirano a fargli sposare una ragazza appartenente alla famiglia reale per mantenere il proprio titolo nobiliare in un'elevata posizione, non tenendo conto, tuttavia, del parere del giovane, e in ogni caso non curandosi di lui come dei genitori dovrebbero fare. Esempio ne sia il fatto che, in un'occasione in cui era stanco dal lavoro, suo padre strappò un disegno che il figlioletto aveva fatto apposta per lui, facendolo restare molto male e dicendogli occupare il suo tempo a studiare piuttosto che a disegnare. Oppure l'occasione in cui Sabo si ferì in uno scontro con un bambino di status più elevato del suo, provocando le ire della madre, che non si preoccupò assolutamente delle ferite del figlio quanto piuttosto di scusarsi il più sentitamente possibile con la famiglia dell'altro ragazzino. Rendendosi conto che i genitori si curano di lui solo perché lo considerano uno strumento per mantenere alta - o comunque elevare- la loro posizione sociale, Sabo scappa verso il Grey Terminal, pressapoco all'età di cinque anni, facendosi credere morto dal padre e dalla madre. In seguito incontra Ace.
 
Sabo nasce nel regno di [[Goa]] da genitori nobili, che aspirano a fargli sposare una ragazza appartenente alla famiglia reale per mantenere il proprio titolo nobiliare in un'elevata posizione, non tenendo conto, tuttavia, del parere del giovane, e in ogni caso non curandosi di lui come dei genitori dovrebbero fare. Esempio ne sia il fatto che, in un'occasione in cui era stanco dal lavoro, suo padre strappò un disegno che il figlioletto aveva fatto apposta per lui, facendolo restare molto male e dicendogli occupare il suo tempo a studiare piuttosto che a disegnare. Oppure l'occasione in cui Sabo si ferì in uno scontro con un bambino di status più elevato del suo, provocando le ire della madre, che non si preoccupò assolutamente delle ferite del figlio quanto piuttosto di scusarsi il più sentitamente possibile con la famiglia dell'altro ragazzino. Rendendosi conto che i genitori si curano di lui solo perché lo considerano uno strumento per mantenere alta - o comunque elevare- la loro posizione sociale, Sabo scappa verso il Grey Terminal, pressapoco all'età di cinque anni, facendosi credere morto dal padre e dalla madre. In seguito incontra Ace.
  +
 
[[File:Sabo soldi.jpg|thumb|left|250px|Sabo, intento a contare i soldi portati da Ace.]]
 
[[File:Sabo soldi.jpg|thumb|left|250px|Sabo, intento a contare i soldi portati da Ace.]]
 
Un giorno [[Portuguese D. Ace|Ace]] arriva sotto un grande albero al limitare del [[Dawn#Bosco di mezzo|bosco di mezzo]] (ovvero il confine con il Grey Terminal), credendo di essersi lasciato alle spalle Rufy, con il quale ancora non ha stretto nessun rapporto. Da sotto, chiama il nome di Sabo. Il ragazzo gli risponde, dicendogli che è in ritardo e che lui ha già svolto il suo "lavoretto" in città. Ace ribatte che anche lui ha fatto lo stesso, e sale sull'albero con al seguito un sacco colmo di denaro, che mostra all'amico. Quest'ultimo, impressionato, conta i soldi e ammette che Ace ne ha raccolti più di lui, ma che in fin dei conti non importa chi ne raggranella di più, perché tutti andranno ad accumularsi nel loro fondo per la pirateria, che si trova appunto tutto dentro l'incavo del grande albero. I due parlano poi con entusiasmo del loro sogno di diventare pirati. Ace mette il denaro all'interno della botola che si apre su di un ramo dell'albero e dice a Sabo si chiuderla, temendo che qualcuno possa vederli.
 
Un giorno [[Portuguese D. Ace|Ace]] arriva sotto un grande albero al limitare del [[Dawn#Bosco di mezzo|bosco di mezzo]] (ovvero il confine con il Grey Terminal), credendo di essersi lasciato alle spalle Rufy, con il quale ancora non ha stretto nessun rapporto. Da sotto, chiama il nome di Sabo. Il ragazzo gli risponde, dicendogli che è in ritardo e che lui ha già svolto il suo "lavoretto" in città. Ace ribatte che anche lui ha fatto lo stesso, e sale sull'albero con al seguito un sacco colmo di denaro, che mostra all'amico. Quest'ultimo, impressionato, conta i soldi e ammette che Ace ne ha raccolti più di lui, ma che in fin dei conti non importa chi ne raggranella di più, perché tutti andranno ad accumularsi nel loro fondo per la pirateria, che si trova appunto tutto dentro l'incavo del grande albero. I due parlano poi con entusiasmo del loro sogno di diventare pirati. Ace mette il denaro all'interno della botola che si apre su di un ramo dell'albero e dice a Sabo si chiuderla, temendo che qualcuno possa vederli.
Riga 102: Riga 109:
   
 
=== Saga di Dressrosa ===
 
=== Saga di Dressrosa ===
Sabo riappare a Dressrosa assieme a [[Koala]] e si infiltra nel colosseo durante l'incontro del blocco D. incontra Rufy e Sabo prende il posto nel torneo sotto le vesti del gladiatore Lucy, in modo da permettere al suo fratellino di fuggire dal colosseo ed affrontare Do Flamingo.
+
Durante il blocco D, Sabo riesce in qualche modo a entrare nel colosseo. Interrompe la conversazione tra Rufy e [[Bartolomeo]] e dichiara che il frutto Foco Foco non può essere dato a Rufy. Bartolomeo risponde con rabbia, spiegando che Sabo non ha nessun diritto di parlare con il fratello di Ace pugno di fuoco e allo stesso tempo future re dei pirati. Sabo risponde di sapere già queste cose su Rufy. Dopo aver spinto Bartolomeo, Sabo si rivolge a Rufy. Dopo aver compreso la sua vera identità, Rufy scoppia in lacrime gridando per la sorpresa.
  +
  +
Quando Rufy lascia il colosseo, Sabo parla con Koala tramite un lumacofono, dicendole del suo incontro con Rufy. Koala gli dice che anche se avesse partecipato alla guerra [[Marineford]], non sarebbe cambiato nulla. Viene poi rivelato che Sabo ha donato dei travestimenti a Rufy e indossato i suoi panni da gladiatore avendo così assunto l'identità di Lucy. Sabo poi dice Koala di informarlo su eventuali notizie sulla situazione sotterranea, aggiungendo che sta andando a riprendersi il frutto di Ace. Sabo afferma poi che deve ereditare la volontà di Ace mentre si incammina verso l'arena.
   
 
== Curiosità ==
 
== Curiosità ==
Riga 109: Riga 116:
 
* Sulla copertina del capitolo 596, Sabo viene mostrato come un ventenne. Viene ritratto alto e muscoloso come Ace, indossa ancora gli abiti che portava da bambino adattati al suo corpo ormai cresciuto e impugna come arma il suo vecchio bastone-tubo. Il tatuaggio di Ace non ha la S sbarrata, per cui la cover rappresenta i tre fratelli come se fossero cresciuti insieme.
 
* Sulla copertina del capitolo 596, Sabo viene mostrato come un ventenne. Viene ritratto alto e muscoloso come Ace, indossa ancora gli abiti che portava da bambino adattati al suo corpo ormai cresciuto e impugna come arma il suo vecchio bastone-tubo. Il tatuaggio di Ace non ha la S sbarrata, per cui la cover rappresenta i tre fratelli come se fossero cresciuti insieme.
 
* In "One Piece Green" viene rivelato che la '''S''' sbarrata da una X tatuata sul braccio di Ace è stata voluta da quest'ultimo in onore di Sabo.
 
* In "One Piece Green" viene rivelato che la '''S''' sbarrata da una X tatuata sul braccio di Ace è stata voluta da quest'ultimo in onore di Sabo.
* Un indizio della presenza di un terzo fratello era già presente nel capitolo 558, dove si intravede una terza tazza di sake oltre a quelle di Ace e Rufy che sigillano il loro patto di fratellanza.{{Nota|sbs=60}}
+
* Un indizio della presenza di un terzo fratello era già presente nel capitolo 558, dove si intravede una terza tazza di sake oltre a quelle di Ace e Rufy che sigillano il loro patto di fratellanza.{{Nota|sbs = 60}}
* L'aspetto di Sabo è simile a quello del personaggio Artful Dodger, dall'opera "[[Wikipedia:it:Le avventure di Oliver Twist|Oliver Twist]]" di Charles Dickens. Anche lui, infatti, faceva parte di una banda di ladri bambini. Il suo aspetto combacia con quello di Sabo per il cappello a cilindro e la giacca da adulto con le maniche arrotolate.
+
* L'aspetto di Sabo è simile a quello del personaggio Artful Dodger, dall'opera "[[wikimon:it:Le avventure di Oliver Twist|Oliver Twist]]" di Charles Dickens. Anche lui, infatti, faceva parte di una banda di ladri bambini. Il suo aspetto combacia con quello di Sabo per il cappello a cilindro e la giacca da adulto con le maniche arrotolate.
   
 
{{Note}}
 
{{Note}}

Revisione delle 14:05, dic 12, 2013

Articolo in vetrina

Eustass Kidd

Eustass Kidd è il capitano dei Pirati di Kidd e fa parte della peggiore generazione. Dopo essere entrato nel Nuovo Mondo, stringe un'alleanza con Hawkins e Apoo, ma vengono sconfitti da Kaido.

Bozza Questo articolo non è aggiornato!

"Sabo" era completo, ma per via delle ultime novità potrebbe avere bisogno di essere aggiornato! Aiutaci a migliorarlo!

Sabo è un membro dell'esercito rivoluzionario ed è il fratello adottivo di Monkey D. Rufy, Portuguese D. Ace, e Stelly nonchè figlio di Outlook III. È nato in una famiglia nobile di Goa ma decise di scappare e vivere nel Grey Terminal con lo scopo di di diventare un pirata. All'inizio era amico di Ace e Rufy al punto che i tre si sono dichiarati "fratelli". Sabo è stato creduto morto da chi lo conosceva dopo che la sua imbarcazione fu bombardata da un Nobile Mondiale, ma è riuscito a sopravvivere e si è in seguito unito ai rivoluzionari.

Aspetto

Sabo, al tempo dei flashback di Rufy, si presenta come un bambino di 10 anni, della stessa età di Ace, di corporatura abbastanza esile. Gli manca un dente, ha gli occhi neri e i capelli biondi e ricci tagliati corti. Indossa una maglia blu scuro con sopra un pesante cappotto blu a coda di rondine e dei pantaloni celesti, che tiene fissati in vita da una cintura nera con un'elaborata fibbia dall'intarsio floreale. Ai piedi ha degli stivali neri, tiene un fazzoletto bianco e rovinato al collo e porta un grande e alto cappello a cilindro nero a tesa larga, attorno al quale tiene agganciati degli occhialoni da aviatore blu e celesti.

Prima di andare a vivere nel Grey Terminal, Sabo indossava una camicetta bianca a mezze maniche e dei pantaloni azzurri sostenuti da un paio di bretelle.

Carattere

Sabo risulta molto fiducioso nei confronti dei suoi obiettivi ed è sempre pronto a difenderli, tanto che si accorda con Ace per uccidere Rufy appena quest'ultimo viene a conoscenza del tesoro suo e di Ace. Tuttavia, nessuno dei due ci riesce, sia per il non volerlo fare, sia per la scarsa "esperienza" in materia, facendo emergere una certa innocenza a dispetto del loro obiettivo di diventare dei pirati. Sabo si vergogna molto di essere un nobile, in quanto ritiene che i nobili siano delle persone malvagie e marce dentro, ed è arrivato persino a dichiarare che non avrebbe mai voluto nascere possessore di tale titolo. Secondo Rufy, il ragazzo è un fratello maggiore più bravo di Ace, in quanto si dimostra sempre gentile con lui e lo incoraggia a migliorare lodando il suo potere. Sembra essere in grado di fare andare d'accordo Rufy ed Ace, dissuadendoli dal litigare, e assumendo così il ruolo del diplomatico e assennato del trio (come effettivamente è).

Il sogno di Sabo è quello di girare intorno al mondo, andando per mare come pirata, al fine di scrivere un libro contenente tutte le notizie sui posti visitati e le cose viste. Tale desiderio potrebbe essere dettato in parte anche dal bisogno e desiderio di libertà che ha preso piede nell'animo del ragazzo in conseguenza all'atmosfera di rigidità e reclusione vissuta nella propria casa paterna e all'interno dello stesso regno di Goa, spingendolo a chiedersi con curiosità come sia realmente il mondo al di fuori delle mura della Città Alta e vissuto in libertà e innocenza. Tuttavia, Sabo è pronto a rinunciare al suo sogno se per il bene delle persone a lui care: infatti, egli si dimostra fedele e talmente affezionato ai suoi due amici, o, in questo caso, "fratelli", da essere disposto ad ubbidire al padre per non metterli in pericolo, essendo consapevole che il suo austero genitore attuerebbe realmente le minacce che più volte aveva già messo in atto nei confronti di Ace e Rufy.

Nonostante sia figlio di nobili, Sabo non agisce come un classico aristocratico farebbe, né si considera tale. Infatti, lui non guarda dall'alto in basso i meno fortunati, né si vanta della sua posizione sociale. questo è il netto contrasto che lo separa dal resto della sua famiglia, che vede il suo status come la cosa più importante e farebbe di tutto per mantenerlo o addirittura innalzarlo, così come guarda dall'alto in basso le persone di ceto inferiore. Sabo rifiuta completamente questi valori, e si è spinto a dire che si vergogna della sua posizione di nobile, cosa che può essere vista come una delle ragioni per le quali Sabo scappa di casa dirigendosi verso il Grey Terminal, che non ha nulla a che vedere col suo nobile retaggio. Dal momento che un nobile diventa propriamente tale all'età di diciotto anni, Sabo si prefigge di lasciare il regno di Goa appena compiuti i diciassette anni, per sfuggire all'idea di essere riconosciuto come ciò che più odia. Egli si riferisce ai nobili dicendo che "puzzano più della montagna di spazzatura, perché sono marci fino al midollo!".

Relazioni

Famiglia

Padre

File:Il padre di sabo.jpg

Outlook III è il padre di Sabo ed è il tipico nobile che tratta le persone di ceto inferiore come gli abitanti del Grey Terminal come spazzatura e si dimostra agitato quando teme di venirne contaminato. Ciò viene dimostrato quando uno schizzo del sangue di Ace, ferito da Porchemy, arriva al suo viso, ed egli si preoccupa di farsi immediatamente decontaminare. Inoltre, desidera fortemente che Sabo divenga il suo erede e, per questo motivo, pretende che segua sempre i suoi ordini. Arriva persino a minacciare di uccidere Ace e Rufy per convincerlo ad ubbidirgli. Egli ha intenzione di obbligare Sabo a sposare una ragazza appartenente alla famiglia reale in modo da elevare la sua posizione sociale, infatti per questo motivo, Sabo scappa di casa.

Madre

File:Madre di Sabo.png

Anche lei è un tipico esempio di nobile e cerca solo di elevare lo status suo e del marito. Ciò è stato chiaramente dimostrato quando Sabo ha risposto alle provocazioni di un ragazzino di un ceto nobiliare più elevato e in possesso di un'arma, generando una rissa e ferendosi. Nel momento in cui la madre lo è venuta a sapere si è immediatamente e profondamente scusata con la madre del ragazzino, ignorando le ferite del figlio e punendolo con uno schiaffo per aver messo in pericolo la sua posizione. Ha agito in maniera insensibile anche quando il figlio è stato riportato a casa dalla sua fuga, dandogli un benvenuto piuttosto freddo.

Stelly

Mentre Sabo si cura molto di Ace e Rufy, essendogli davvero affezionato, prova invece un notevole astio per il suo fratellastro Stelly. Quest'ultimo è un bambino che proviene da una famiglia di origini più nobili di quella di Sabo, ed è stato adottato dai genitori per convenienza. Essi vedono in lui un erede molto più promettente di quanto non si sia dimostrato Sabo. Di carattere prepotente e altezzoso, è un bambino viziato e codardo, che non esita ad usare parole molto dure nei confronti del fratello e a mostrarsi invece tenero e beneducato ai genitori. Stelly è a conoscenza del piano organizzato dai nobili per bruciare il Grey Terminal, e Sabo arriva ad aggredirlo pur di farselo illustrare.

Fratelli per giuramento

Monkey D. Rufy

Inizialmente, sia Sabo che Ace considerano Rufy come una minaccia, dal momento che il bambino scopre dove tengono nascosto il loro tesoro, e, avendo paura che vada a dirlo in giro, si ripropongono perfino di ucciderlo. Tuttavia, dopo avere visto il modo in cui Rufy resiste alle torture di Polchemy pur di non parlare, e quindi restare loro amico, lo introducono nel gruppo trattantolo come un fratello. Poco prima di salpare, Sabo scrive una lettera indirizzata ad Ace nella quale gli raccomanda di prendersi cura di Rufy anche da parte sua, essendo il loro prezioso fratellino.

Portuguese D. Ace

Ace è il migliore amico di Sabo e condivide con lui il sogno di diventare un pirata. A tale scopo, i due collaborano per lungo tempo mettendo insieme un tesoro da loro chiamato "fondo per la pirateria", che si prefiggono di usare in un prossimo futuro per la loro "carriera" di pirati. Si considerano come fratelli (stesso rapporto che Sabo ha con Rufy), e Sabo è disposto perfino a rinunciare ai propri sogni pur di salvare sia Ace che Rufy dalle ire del padre. Non è noto se il ragazzo sia a conoscenza del fatto che Ace è figlio di Gol D. Roger, anche se nell'anime si dimostra pienamente consapevole di ciò, informandone lo stesso Rufy.

Due anni dopo la morte di Ace, Sabo sembra apparentemente rammaricarsi del fatto che Ace non fosse lì per salvare la vita di suo fratello, come evidenziato dalla sua conversazione con Koala. Ha comunque visitato la tomba di Ace e lasciato tre tazze di sake accanto alla lapide di Ace, insieme ad un articolo di giornale che indica che Rufy sta bene. Nonostante il suo rammarico, Sabo rimane determinato ad ereditare la volontà di Ace vincendo i frutto Foco Foco.

Rivoluzionari

Koala

Sabo sembra ben conoscere e andare d'accordo con Koala.

Altri

Monkey D. Garp

Non è stato reso esplicitamente noto cosa pensi Garp di Sabo né viceversa, tuttavia il Marine è stato mostrato più volte nell'atto di allenare i tre ragazzini, Sabo compreso, quindi è possibile che lo consideri un po' come un terzo nipote. Non si sa se Garp sia a conoscenza dell'incontro di Sabo con suo figlio Dragon.

Monkey D. Dragon

Dragon e Sabo si sono incontrati nella città bassa, prossima al Grey Terminal, mentre il fuoco divampava all'interno di esso. Qui, il bambino ha confessato al rivoluzionario il suo disprezzo e la sua vergogna per le sua origini nobili. Dragon si è dimostrato stupefatto del fatto che, in un regno come quello di Goa, potessero nascere ancora dei bambini puri come lui. Non è stato reso noto se Dragon sia a conoscenza o meno del fatto dell'adozione di Sabo nella sua famiglia. In seguito, Sabo si è unito ai rivoluzionari sotto la guida di Dragon

Curly Dadan

Dadan è stata la madre adottiva dei tre fratelli. Ha dimostrato di provare affetto per Ace e Rufy e, dopo il suo arrivo, anche per Sabo. Inizialmente pare infastidita dalla sua presenza, avendo sentito spesso parlar male di lui e non volendo un altro bambino da mantenere. Col tempo, tuttavia, gli si affeziona, e si dimostra scossa dalla notizia della sua morte.

Makino e Woopslap

Makino e Woopslap sono gli unici ad essere a conoscenza del fatto che la famiglia Dadan abbia adottato i tre ragazzi, e ogni tanto vanno a fargli visita. Makino in particolare ha un buon rapporto coi tre, data la sua naturale gentilezza, e i bambini stessi la considerano come una sorella maggiore. Quando li va a trovare, gli porta spesso dei vestiti nuovi.

Forza e abilità

Sabo sembra avere un certo livello di abilità in combattimento, confermato nel momento in cui lui ed Ace uniscono le forze per battere Polchemy e salvare Rufy. L'arma abituale dei tre, al tempo, era costituita da un bastone ricavato da un vecchio tubo. Sabo è stato in grado di battere Rufy fino a cinquanta volte al giorno, così come è stato capace di sconfiggere Ace ventiquattro volte e perderne ventisei sempre contro di lui.

Si è dimostrato bravo anche a rubare, dato che lui ed Ace hanno sottratto più volte del denaro o altri oggetti di valore a varie persone del Grey Terminal per accrescere la il loro tesoro. Secondo Ace, che al tempo progettava che il ragazzo dovesse divenire il suo navigatore, Sabo possedeva anche delle discrete conoscenze nel campo della navigazione. Egli, infatti, quando ancora risiedeva con i genitori studiò per diverso tempo, perciò detiene anche un certo livello d'istruzione e delle buone capacità di ragionamento.

Storia

Passato

La tazza dei fratelli

Sabo nasce nel regno di Goa da genitori nobili, che aspirano a fargli sposare una ragazza appartenente alla famiglia reale per mantenere il proprio titolo nobiliare in un'elevata posizione, non tenendo conto, tuttavia, del parere del giovane, e in ogni caso non curandosi di lui come dei genitori dovrebbero fare. Esempio ne sia il fatto che, in un'occasione in cui era stanco dal lavoro, suo padre strappò un disegno che il figlioletto aveva fatto apposta per lui, facendolo restare molto male e dicendogli occupare il suo tempo a studiare piuttosto che a disegnare. Oppure l'occasione in cui Sabo si ferì in uno scontro con un bambino di status più elevato del suo, provocando le ire della madre, che non si preoccupò assolutamente delle ferite del figlio quanto piuttosto di scusarsi il più sentitamente possibile con la famiglia dell'altro ragazzino. Rendendosi conto che i genitori si curano di lui solo perché lo considerano uno strumento per mantenere alta - o comunque elevare- la loro posizione sociale, Sabo scappa verso il Grey Terminal, pressapoco all'età di cinque anni, facendosi credere morto dal padre e dalla madre. In seguito incontra Ace.

File:Sabo soldi.jpg

Un giorno Ace arriva sotto un grande albero al limitare del bosco di mezzo (ovvero il confine con il Grey Terminal), credendo di essersi lasciato alle spalle Rufy, con il quale ancora non ha stretto nessun rapporto. Da sotto, chiama il nome di Sabo. Il ragazzo gli risponde, dicendogli che è in ritardo e che lui ha già svolto il suo "lavoretto" in città. Ace ribatte che anche lui ha fatto lo stesso, e sale sull'albero con al seguito un sacco colmo di denaro, che mostra all'amico. Quest'ultimo, impressionato, conta i soldi e ammette che Ace ne ha raccolti più di lui, ma che in fin dei conti non importa chi ne raggranella di più, perché tutti andranno ad accumularsi nel loro fondo per la pirateria, che si trova appunto tutto dentro l'incavo del grande albero. I due parlano poi con entusiasmo del loro sogno di diventare pirati. Ace mette il denaro all'interno della botola che si apre su di un ramo dell'albero e dice a Sabo si chiuderla, temendo che qualcuno possa vederli.

Rufy, che si trova ai piedi dell'albero già da tempo, poiché è riuscito a seguire Ace, ha ascoltato tutta la conversazione e grida contento ai due ragazzi che anche lui vuole diventare un pirata. Ace e Sabo scendono svelti dal loro nascondiglio, adirati e preoccupati del fatto che il bambino abbia sentito tutto, e lo legano al grosso tronco dell'albero, determinati a non fargli diffondere il loro segreto. Rufy continua a mostrarsi gioioso e amichevole, fino al momento in cui i due ragazzi decidono di ucciderlo per impedirgli di parlare, essendo tuttavia indecisi su chi lo debba fare. A quel punto, Rufy si mette a strillare e chiedere aiuto in lacrime. I due gli intimano di far silenzio, ma, sentendo arrivare qualcuno, molto probabilmente richiamato dalle urla, lo slegano per andarsi a nascondere dietro un cespuglio.

Il "qualcuno" richiamato dalle urla è nientemeno che Polchemy, uno degli scagnozzi più fidati del temuto pirata Bluejam, che sta cercando Ace poiché quest'ultimo, senza saperlo, ha rubato il denaro appartenente ad uno dei suoi uomini, che lo deve consegnare al suo capitano entro il tramonto. Sabo ed Ace sono alquanto spaventati dalla pessima fama di Polchemy e, mentre si voltano per dire qualcosa a Rufy, non lo vedono più dietro al cespuglio dove si sono nascosti, bensì tenuto per la maglietta da Polchemy, che tenta di liberarsi. Il bambino chiama Ace in suo aiuto e il pirata, riconoscendone il nome, gli chiede se Ace sia un suo amico. Rufy non vuole parlare, e il pirata decide di portarlo con sé per fargli dire ciò che sa, a costo di torturarlo pesantemente.

Certi che presto Rufy rivelerà la posizione del tesoro e preoccupati di perderlo, Ace e Sabo lo trasferiscono in un altro nascondiglio, operazione che li tiene occupati fino al tramonto. Quando Ace gioisce per aver finito il duro lavoro di trasferimento, Sabo, che è andato a controllare se i pirati li stanno ancora cercando, arriva affannato da lui e gli dice, in preda all'agitazione, che Rufy non ha ancora parlato. Allora, i due ragazzi corrono sul luogo in cui Rufy continua a subire le torture del sempre più disperato Polchemy, consapevole della terribile punizione che Bluejam gli riserverà se non gli sarà recapitato il denaro. Proprio nel momento in cui il pirata perde la pazienza e sta per abbattere la sua lama su Rufy, Sabo ed Ace entrano nella casupola sfondando il muro e urlandogli di fermarsi. Sabo riesce a colpire Polchemy e a liberare Rufy, ma Ace è determinato a restare per combattere con Polchemy, dichiarando che, una volta che decide di affrontare un nemico, lui non scappa per nessuna ragione. Sabo gli urla di fermarsi, dicendogli che non è uno dei loro soliti avversari e che brandisce una spada, ma Ace non gli dà retta, e il ragazzo è costretto a combattere assieme a lui. I due, grazie all'unione delle loro forze, riescono infine a battere Polchemy.

Dopo il combattimento, i tre tornano nella foresta coperti di bende e Sabo rimprovera Ace per la sua abitudine di non scappare mai anche davanti ad un nemico del calibro di Polchemy, un vero pirata, e gli dice che per colpa dell'accaduto ora i pirati di Bluejam gli daranno una caccia spietata. Rufy piange, come sfogo della terribile esperienza, e ringrazia Ace per averlo salvato. Il ragazzo si altera, non sopportando più il pianto di Rufy, e gli chiede perché non abbia confessato l'ubicazione del tesoro a Polchemy anche a rischio della propria vita. Il piccolo risponde che se non l'avesse fatto non avrebbe più potuto essere amico di Ace, cosa a cui tiene tantissimo dal momento che non ha nessun altro di cui fidarsi, e la solitudine gli fa più male del dolore fisico. Questo scuote Ace, che ricorda bene come tutti provino odio nei suoi confronti dal momento che lui è il figlio di Gol D. Roger, e rimane sorpreso dal fatto di avere trovato una persona che tiene tanto a lui e che desidera dal profondo del cuore che viva e che sia suo amico. Tuttavia, egli afferma che non ama i bambini viziati e piagnucoloni, cosa che Rufy nega fermamente di essere.

Sabo interrompe il loro litigio e afferma che da quel momento in poi tutti e tre saranno presi di mira dai pirati. Per questo motivo, in modo da potere unire le forze in caso di necessità, lascia il Grey Terminal per andare ad abitare con Ace e Rufy presso il covo di Dadan, negativamente sorpresa dal ritrovarsi con un terzo bambino a cui badare. Sabo rimane coi banditi per un tempo indeterminato, durante il quale si reca assieme ai due amici a caccia di animali selvatici, ad allenarsi nella foresta e a sottrarre denaro o a scontrarsi coi teppisti del Grey Terminal.

File:Patto fratelli.jpg

In una giornata passata dai tre monelli a combinare guai in città, Sabo viene visto e riconosciuto da suo padre, che lo chiama per nome. Egli scappa, chiaramente preoccupato, ma il fatto non sfugge agli occhi di Ace e Rufy, che, una volta tornati sul monte Corbo, gli chiedono cosa gli nasconda. Dopo un po' di esitazione, Sabo rivela ai due che in realtà è nato in una famiglia nobile e che, contrariamente a come gli aveva detto, i suoi genitori sono acora vivi e lo stanno cercando. I due non si dimostrano particolarmente sorpresi, anche se Ace ammette che non se l'aspettava. Improvvisamente, Sabo si volta verso il mare, e dichiara ad alta voce che il suo sogno è di diventare un pirata, e girare il mondo libero da tutto e da tutti, raccontando in un libro le cose che vedrà.

Anche Ace riafferma la sua ambizione, ovvero quella di diventare un pirata famoso, il cui nome venga conosciuto dal mondo intero, che possa guardare dall'alto in basso tutti coloro che prima lo disprezzavano, essendo diventato un uomo di grande valore. Rufy, allegro e sereno come sempre, dice che vuole diventare il re dei pirati, lasciando di stucco sia Sabo che Ace. Dopo aver gridato al cielo i loro sogni, i tre ragazzi sigillano con delle coppe di sakè il loro patto di fratellanza, che li terrà uniti anche quando sarano fisicamente lontani l'uno dall'altro, indipendentemente da ciò che accadrà. Da quel momento in poi, i tre stanno sempre insieme, diventando inseparabili.

Dopo qualche tempo, il padre di Sabo, con l'aiuto dei pirati di Bluejam che si è preso l'impegno di assoldare, riesce a rintracciare i tre bambini. Dal momento che il padre del ragazzo ha assunto i pirati molto probabilmente per uccidere Ace e Rufy, Sabo non trova altra scelta che seguire il suo genitore con la sua promessa di lasciare i suoi "fratelli" liberi e incolumi. Sabo si allontana dai due ragazzi in lacrime, ed Ace grida, nel tentativo di fermarlo, di scappare, e che non può rinunciare così al suo sogno.

L'incidente di Sabo

Una volta tornato in città, Sabo viene portato alla stazione di polizia per discutere dei suoi crimini compiuti come fuggiasco. Suo padre intende obbligare Sabo a dire che sono stati Ace e Rufy a costringerlo a compiere le sue malefatte, e insiste per farlo mentire, tuttavia Sabo si rifiuta dicendo che è stato lui di sua spontanea volontà a commetterle, e non l'ha costretto nessuno. Allora il padre fa cadere la sedia dando un calcio alle gambe, e facendo in modo che anche Sabo cada per terra, e paga al poliziotto una considerevole somma di denaro in modo che si "prenda cura" della documentazione. A casa, Sabo incontra il suo fratellino adottivo, Stelly, che gli rivela le intenzioni dei nobili della Città Alta di dare fuoco al Grey Terminal l'indomani, e quindi prima dell'arrivo degli ispettori mandati dal Governo, in modo da non mostrargli il lato (a loro detta) "peggiore" del regno.

Stupefatto da tale pensiero ignobile, il ragazzo fugge nuovamente per cercare aiuto e avvisare del pericolo gli abitanti del Grey Terminal, ma scopre che tutti i residenti della Città Alta sono perfettamente a conoscenza e favore del piano, pronti a sostenerlo e a non curarsene allo stesso tempo, consapevoli di non doversi mostrare come i diretti responsabili. Dopo varie vicissitudini e passato un giorno, Sabo arriva all'entrata principale che separa la Città Bassa dal Grey Terminal, ma scopre che il fuoco è già stato appiccato. Prova ad entrare, ma, non riuscendovi, grida disperatamente di scappare ad Ace e Rufy, nella speranza che lo sentano. Scontratosi con le guardie per fargli aprire il cancello, rimane ferito ed è in quel momento che incontra Monkey D. Dragon, al quale confessa il suo odio per le sue nobili origini e la sua vergogna per essere nato adorno di tale titolo. Colpito dalle parole e dall'innocenza del ragazzo, Dragon si impegna per salvare gli abitanti del Grey Terminal.

Sabo morto

Il cappello di Sabo che galleggia fra i rottami della barca.

Dopo che l'incendio al Grey Terminal si è esaurito, Sabo viene ritrovato e portato a casa ancora una volta. Per evitare che scappi nuovamente, il padre blocca le finestre della sua stanza e arriva perfino ad assoldare una guardia personale, incoraggiando il figlio affinché faccia ciò che i genitori desiderano. Nonostante ciò, mentre i nobili mondiali si apprestano ad arrivare, Sabo riesce a scappare per la terza volta e a procurarsi un piccolo peschereccio salpando con l'intenzione di non tornare mai più in quel luogo per lui così ostile. Poco dopo aver levato l'ancora, si imbatte nella nave dei Nobili Mondiali San Jalmack lo vede e, disgustato dal fatto che un "misero cittadino" si permetta di intralciare la sua rotta issando per giunta una bandiera pirata, spara un colpo da un pesantissimo fucile (più simile ad un cannone portatile) sulla nave, che prende fuoco. Il piccolo Sabo, esterrefatto dal gesto, cerca di spegnere il fuoco con la sua giacca, ma il nobile, deciso ad eliminarlo, spara un altro colpo sulla nave, che finisce in pezzi.

Dogura, che ha assistito a tutto questo, dal momento che era andato alla ricerca di Sabo, torna al covo della famiglia Dadan e riferisce ad Ace e Rufy quanto ha appena visto, affermando sconsolato che Sabo è ormai morto. Ace si rifiuta di credergli, e lo aggredisce, tanto che per calmarlo Dadan e i suoi lo devono legare ad un albero. Il giorno dopo, un gabbiano-postino porta in consegna una lettera di Sabo, indirizzata ad Ace e scritta dal ragazzo prima di salpare. In essa, Sabo chiede ad Ace di prendersi cura di Rufy anche per lui, dato che ha deciso di partire. Dopo averla letta, Ace scoppia in un pianto disperato.

Saga di Dressrosa

Durante il blocco D, Sabo riesce in qualche modo a entrare nel colosseo. Interrompe la conversazione tra Rufy e Bartolomeo e dichiara che il frutto Foco Foco non può essere dato a Rufy. Bartolomeo risponde con rabbia, spiegando che Sabo non ha nessun diritto di parlare con il fratello di Ace pugno di fuoco e allo stesso tempo future re dei pirati. Sabo risponde di sapere già queste cose su Rufy. Dopo aver spinto Bartolomeo, Sabo si rivolge a Rufy. Dopo aver compreso la sua vera identità, Rufy scoppia in lacrime gridando per la sorpresa.

Quando Rufy lascia il colosseo, Sabo parla con Koala tramite un lumacofono, dicendole del suo incontro con Rufy. Koala gli dice che anche se avesse partecipato alla guerra Marineford, non sarebbe cambiato nulla. Viene poi rivelato che Sabo ha donato dei travestimenti a Rufy e indossato i suoi panni da gladiatore avendo così assunto l'identità di Lucy. Sabo poi dice Koala di informarlo su eventuali notizie sulla situazione sotterranea, aggiungendo che sta andando a riprendersi il frutto di Ace. Sabo afferma poi che deve ereditare la volontà di Ace mentre si incammina verso l'arena.

Curiosità

Sabo adulto

Sabo ormai cresciuto insieme ai due fratelli, come appare sulla cover del capitolo 596.

  • Sulla copertina del capitolo 596, Sabo viene mostrato come un ventenne. Viene ritratto alto e muscoloso come Ace, indossa ancora gli abiti che portava da bambino adattati al suo corpo ormai cresciuto e impugna come arma il suo vecchio bastone-tubo. Il tatuaggio di Ace non ha la S sbarrata, per cui la cover rappresenta i tre fratelli come se fossero cresciuti insieme.
  • In "One Piece Green" viene rivelato che la S sbarrata da una X tatuata sul braccio di Ace è stata voluta da quest'ultimo in onore di Sabo.
  • Un indizio della presenza di un terzo fratello era già presente nel capitolo 558, dove si intravede una terza tazza di sake oltre a quelle di Ace e Rufy che sigillano il loro patto di fratellanza.[2]
  • L'aspetto di Sabo è simile a quello del personaggio Artful Dodger, dall'opera "Oliver Twist" di Charles Dickens. Anche lui, infatti, faceva parte di una banda di ladri bambini. Il suo aspetto combacia con quello di Sabo per il cappello a cilindro e la giacca da adulto con le maniche arrotolate.

Note

  1. SBS del volume 60, viene rivelato il suo compleanno.
  2. SBS del volume 60.

Navigazione

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.