Aiutaci a migliorare questi articoli! Questo articolo è una bozza!

"Saga di Arlong Park" è ancora incompleto o disorganizzato, aiutaci a migliorarlo!

La saga di Arlong Park è la quinta saga e appartiene alla saga del mare orientale.

Riassunto[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere fuggita con la Going Merry, Nami di dirige verso Coco, dove Arlong e la sua banda di uomini-pesce acclamano il suo ritorno.

In seguito l'imbarcazione di Usop, Zoro e Johnny arriva ad Arlong Park. Lo spadaccino decide di attaccare subito la fortezza, ma i due amici lo legano per non permettergli di agire. Due uomini-pesce intravedono l'imbarcazione, così Usop e Johnny si buttano in mare decidendo di raggiungere la terraferma a nuoto, lasciando solo Zoro, che viene catturato dagli uomini-pesce. Usop e Johnny scoprono così che un'intera città stata rasa al suolo e vengono attaccati da un uomo-pesce: Johnny riesce a fuggire, mentre Usop viene salvato da Nojiko, che lo porta a casa sua, dove gli rivela che lei è la sorellastra di Nami e che quest'ultima lavora per Arlong.

Zoro nel frattempo viene portato al cospetto di Arlong dove incontra Nami. Lei si mostra spietata nei suoi confronti dicendogli che poteva anche essere fatto fuori e che non gliene sarebbe importato nulla. Così Zoro si getta in acqua e viene salvato da Nami, smascherando le false dicerie di quest'ultima. La ragazza lo fa imprigionare, ma in seguito lo libera approfittando dell'assenza di Arlong. Lo spadaccino sconfigge tutti gli uomini-pesce presenti, uccidendone molti.

Quest'ultimo nel frattempo era andato a Coco per punire uno degli abitanti, Genzo, accusato di avere delle armi. Ma Arlong viene colpito da Usop che tenta di sconfiggerlo con la sua fionda, ma viene catturato e portato ad Arlong Park. Qui, Kuroobi sospetta che Nami abbia fatto fuggire Zoro, ma la ragazza smentisce tutto. Cerca poi di salvare Usop, fingendo di pugnalarlo e buttandolo in acqua. Johnny che ha assistito alla scena crede che Usop sia morto e corre a dare la notizia agli amici.

Zoro intanto raggiunge Coco facendosi trasportare da Hacchan e proprio qui viene a sapere dagli abitanti che Usop è in pericolo, così vi fa ritorno di corsa. La Shima Shima Shopping con a bordo Rufy, Sanji e Yosaku che prima avevano avuto a che fare con il mostro marino Momu, riesce ad approdare sull'isola travolgendo Zoro. Anche Johnny si riunisce a loro dando la notizia che Usop è morto per mano di Nami. Nel frattempo Pudding Pudding, un commodoro della Marina, comanda alle sue imbarcazioni di attaccare Arlong Park, ma la sua nave viene affondata da Kuroobi, Hacchan e Pciù, uccidendo tutto l'equipaggio.

Usop raggiunge Sanji, Zoro e Rufy e spiega loro che Nami ha solo cercato di salvarlo. A loro si aggiunge anche Nojiko che vuole spiegare il misterioso comportamento di Nami, ma Rufy se ne va poiché non gli importa del suo passato, mentre Zoro si addormenta durante il racconto. La ragazza rivela che lei e Nami erano due orfanelle trovate da Bellmer, una donna arruolata in Marina che, mentre pensava fosse giunta la sua ora in battaglia, trovò le due bambine e le portò con sé nel suo villaggio natale prendendosi cura di loro.

Otto anni prima dell'inizio della narrazione, sull'isola approdò la nave di Arlong che subito si impadronì di tutti i centri abitati imponendo una tassa mensile a tutti gli abitanti di 100.000 Simbolo Berry.png per gli adulti e 50.000 Simbolo Berry.png per i bambini. Poco dopo, un sottoposto di Arlong gli fece notare la casa di Bellmer, appena fuori dal villaggio. La donna viene a conoscenza della situazione ed essendo povera non poteva permettersi di pagare anche per le due bambine, le quali non erano comunque mai state registrate all'anagrafe del villaggio. Dopo avere pagato per lei, gli uomini-pesce fecero per andarsene, ma Bellmer rivelò di avere due figlie, dicendo che quella somma era per loro. Non avendo altri soldi, venne uccisa da Arlong. Quel giorno Nami venne portata via da Arlong, perché quest'ultimo aveva scoperto l'abilità di cartografa della bambina da alcune carte nautiche trovate da Hacchan e la costrinse a lavorare per lui facendole disegnare tutte le mappe dei mari in cambio di viveri. Stipularono comunque un accordo: se Nami fosse riuscita a procurarsi 100.000.000 Simbolo Berry.png avrebbe potuto comprare Coco, che sarebbe stato così libero. Nami rivelò la cosa solo a Nojiko, che tuttavia lo raccontò a tutti gli abitanti del villaggio, i quali fecero finta di nulla poiché non volevano essere di intralcio a Nami qualora avesse deciso di fuggire.

Nel frattempo il capitano di vascello Nezumi giunge a casa di Nami per confiscare tutto il denaro che lei aveva rubato in otto anni per salvare il villaggio. Nami fa di tutto per impedirlo fin quando non viene a scoprire che lo stesso Arlong aveva dato ordine di sequestrare tutto l'oro e capisce quindi che il patto stipulato con lui era solo una menzogna. In questa occasione, i marine feriscono con un proiettile Nojiko e trovano i 93.000.000 Simbolo Berry.png accumulati da Nami. Quest'ultima si reca da Arlong per fargli ammettere il suo gesto. Intanto i cittadini di Coco decidono di attaccare Arlong e i suoi sottoposti, così Nami cerca di fermarli poiché sarebbero andati incontro a morte certa, ma invano. Disperata, inizia a pugnalarsi la spalla in cui ha il Jolly Roger dei Pirati di Arlong, ma viene fermata da Rufy a cui la ragazza chiede aiuto.

Rufy raggiunge Arlong Park e lo attacca senza neanche pensarci, ma dopo una serie di attacchi rimane incastrato con i piedi nel cemento e viene gettato in acqua. Anche Zoro, Sanji e Usop affrontano tre uomini-pesce, contro cui inizialmente sembra che abbiano delle difficoltà, ma alla fine riescono ad avere la meglio. Rufy, che nel frattempo era stato gettato in acqua, viene salvato da Nojiko, Genzo e Sanji, che con un calcio distrugge il cemento che il suo capitano aveva ai piedi. Quest'ultimo torna all'attacco di Arlong e riesce a sconfiggerlo, distruggendo Arlong Park.

Nezumi raggiunge il luogo dello scontro, ma viene facilmente sconfitto e costretto a restituire con gli interessi quanto rubato, destinando tutto agli abitanti di Coco. Viene poi allontanato con i suoi sottoposti. Per l'affronto subito, contatta successivamente il quartier generale della Marina per fare mettere sulla testa del ragazzo una taglia molto alta.

Gli abitanti di Coco festeggiano per tre giorni senza sosta. Nami si fa tatuare da Noko un nuovo tatuaggio sulla spalla che rappresenta una girandola e un mandarino. Il dottore inoltre, medicando Zoro, rende Rufy consapevole del fatto che c'è bisogno di un dottore sulla sua nave.

Il giorno seguente Rufy e i suoi amici sono pronti a salpare e Nami si unisce definitivamente alla ciurma.

Differenze tra manga e anime[modifica | modifica sorgente]

Importanza della saga[modifica | modifica sorgente]

  • Nami si unisce ufficialmente alla ciurma e vengono spiegate le ragioni per il suo comportamento nelle precedenti saghe.
  • Viene introdotta la prima razza di non-umani, gli uomini-pesce.
  • Il rapporto di Nezumi, oltre agli incidenti precedenti, sarà la causa della prima taglia di Rufy.
  • Vengono presagiti diversi personaggi ed alcuni punti della trama saranno ripresi in seguito nella saga dell'isola degli uomini-pesce:
    • Viene rivelato il nome di Jinbe e il ruolo che ha avuto nell'attività di Arlong.
    • Viene rivelata l'esistenza della Flotta dei sette.
    • La ciurma incontrerà di nuovo Hacchan e Momu prima di raggiungere l'isola degli uomini-pesce.
    • La sconfitta dei Pirati di Arlong fa guadagnare una pessima reputazione alla ciurma di Rufy tra i Nuovi pirati uomini-pesce.
    • Hacchan dichiara di essere il secondo migliore spadaccino dell'isola degli uomini-pesce, alludendo a Hyozo.
    • Nako rende Rufy consapevole del bisogno di un dottore nella ciurma.

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.