Sarahebi è una Gifter dei Pirati delle cento bestie[1] e un'insegnante nella Capitale dei fiori.[2]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

È una giovane donna con gli occhi gialli e i capelli rosa che le arrivano sopra alle spalle. Porta il rossetto e tiene un fiore tra i capelli. Come gli altri Gifters, porta due corna nere sulla testa, anche se non le ha sempre. Indossa un kimono viola con un motivo floreale blu e chiuso da una fascia rossa.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

È fedele a Kurozumi Orochi, infatti nei suoi insegnamenti lo descrive come un eroe che ha difeso il Paese dalla famiglia Kozuki.

Forza e abilità[modifica | modifica sorgente]

Si occupa di fare propaganda ai bambini della Capitale dei fiori. Come piratessa di una ciurma di un imperatore, è probabilmente forte.

Frutto del diavolo[modifica | modifica sorgente]

Ha mangiato uno Smile che le permette di trasformarsi parzialmente in un serpente, facendole spuntare canini aguzzi, una lingua sottile e biforcuta, oltre a permetterle di allungare il collo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Saga del Paese di Wa[modifica | modifica sorgente]

Tiene una lezione ai bambini della Capitale dei fiori, insegnando loro che lo shogun protesse il Paese di Wa da coloro che volevano aprirne i confini.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Sara-hebi è un altro nome per indicare la nure-onna, un demone con il corpo di un serpente e la testa di una donna. Inoltre hebi in giapponese significa "serpente".
  • Nei crediti dell'episodio 909, viene chiamata Rokuro, in riferimento alle rokurokubi.

Note

  1. Vol. 94capitolo 943, pag. 9 ed episodio 941, Sarahebi compare quando Shinobu pensa ai Gifters.
  2. SBS del volume 95, il suo nome viene rivelato.

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.