FANDOM


Sindh era uno dei bambini rapiti tenuti prigionieri a Punk Hazard, finché non è stato liberato dai Pirati di Cappello di paglia.

Aspetto Modifica

Sindh è diventato molto più grande dei bambini normali per via degli esperimenti compiuti su di lui a Punk Hazard. Ha la testa molto grossa, sproporzionata al resto del corpo, con capelli biondi spettinati. Indossa una maglietta senza maniche e dei pantaloni corti, fino al momento in cui Kin'emon non ha dato dei cappotti a tutti i bambini.

Carattere Modifica

Sindh ha il normale carattere dei bambini. Non appena ha incontrato Franky ha esclamato che era un robot bellissimo e si è messo a cantare una canzone per festeggiare. Quando ha visto che la testa di Kin'emon parlava si è spaventato moltissimo. Al momento di fuggire dalla stanza in cui era tenuto prigionieri era preoccupato ed impaurito.

Quando l'astinenza dall'NHC10 ha iniziato a farsi sentire Sindh è diventato violento.

Forza e abilità Modifica

NHC10 ira

Sindh attacca Rufy mentre è in crisi per l'astinenza da NHC10.

Per via degli esperimenti effettuati da Caesar Clown, Sindh è diventato un bambino gigante e per questo molto forte, al punto da riuscire con un pugno a spedire Monkey D. Rufy contro una parete.

Storia Modifica

Passato Modifica

Ad un certo punto è stato sottratto al padre dicendo che era molto malato e che sarebbe stato riportato a casa una volta guarito.

Saga di Punk Hazard Modifica

Barbabruna attacca Caesar

Barbabruna impedisce a Sindh, in crisi di astinenza, di fare del male a Usop e Nami.

Quando Nami, Sanji, Chopper e Franky finiscono nella stanza in cui vengono tenuti i bambini, Sindh e gli altri implorano gli sconosciuti di essere riportati dalle loro famiglie. Dopo essere usciti dal laboratorio ed essersi rifugiati su una delle montagne innevate dell'isola, i bambini iniziano ad avere una crisi dovuta all'astinenza da NHC10, che Caesar Clown gli forniva giornalmente sotto forma di caramelle. Sindh prima soffre terribilmente, poi diventa aggressivo ed attacca i pirati, ma Usop riesce a sedarlo facendogli respirare del gas narcotico; dopodiché Sindh e gli altri vengono anche incatenati per la loro incolumità.

In seguito i bambini si risvegliano e attaccano Nami e Usop, per poi seguire Caesar, che li riporta al laboratorio.

Quando la ciurma di Rufy si infiltra nel laboratorio Mocia e Chopper cercano di impedirgli di mangiare nuovamente le caramelle. In loro aiuto intervengono anche Nico Robin e Nami, ma i bambini continuano ad inseguire Mocia che ha rubato il sacchetto pieno di caramelle che avrebbero dovuto essere distribuite. La bambina le ingoia tutte, così Sindh quasi impazzisce dalla furia, ma poco dopo arrivano i marine e tutti i bambini vengono sedati.

Non appena si risveglia Sindh segue Nami, TonyTony Chopper, Robin e i marine verso l'uscita mentre scappano dal Regno della morte. A loro si uniscono piano piano tutti gli altri e la fuga prosegue attraverso la montagna su un carrello. Giunto all'aperto, Sindh vede il Generale Franky e rimane estasiato.

I bambini vengono curati da Law, il quale rimuove dal loro corpo le sostanze velenose dopo la sconfitta di Caesar Clown, Buffalo e Baby 5. Tutti i bambini si preoccupano della sorte di Mocia e Chopper li rassicura. Dopodiché chiedono a Nami se li riporterà a casa, ma Tashigi si intromette ed afferma che è compito della Marina restituire i bambini ai loro cari. Prima di partire, tutti quanti mangiano il cibo che Sanji ha preparato e festeggiano la vittoria.

Giunto il momento di levare le ancore, Sindh e gli altri desiderano salutare ancora una volta la ciurma di pirati, ma i marine glielo vietano dicendo che solo i bambini cattivi vogliono vederli. Partono urlando che un giorno anche loro diventeranno dei pirati, con la disapprovazione dei marine della base G-5.

Saga di Dressrosa Modifica

Poco dopo avere saputo della sconfitta di Don Quijote Do Flamingo a Dressrosa e del gesto di Fujitora, Tashigi informa Sindh e gli altri bambini che li avrebbe portati da Vegapunk entro pochi giorni.

Navigazione Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.