Il regno di Tontatta si trova nel sottosuolo di Green Bit ed è la dimora dei nani che vivono sull'isola. Esso è governato dal tontacapo, Gancho.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Essere sempre sinceri e seri è una regola sociale nel regno, motivo per cui i suoi abitanti faticano a capire se si stia mentendo loro.[1]

Luoghi[modifica | modifica sorgente]

Aeroporto[modifica | modifica sorgente]

Qui decollano ed atterrano gli insetti che i nani usano come mezzo di trasporto per volare.[2]

Armi e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Il regno di Tontatta ha un esercito costituito da due squadre di insetti: le Pink Bee e gli Yellow Kab. Questi costituiscono una compagnia aerea, la Tontatta Airline.

In aggiunta a ciò hanno anche delle volpi-bus che possono tenere sulla schiena una ventina di nani e che sono estremamente veloci.

L'esercito del regno era comandato da Kyros sotto forma di rabbioso soldatino tonante, ma dopo la sconfitta di Do Flamingo ha sciolto l'armata. I nani si sono così riorganizzati ed il gruppo comandato da Leo, composto da duecento nani, è diventato la quinta divisione della Grande flotta di Cappello di paglia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Passato[modifica | modifica sorgente]

Il primo re Riku chiede scusa ai nani.

Oltre novecento anni fa, i nani presero il mare alla ricerca delle risorse di cui il loro Paese era privo, ma quando gli umani li scoprirono, finirono sull'orlo dell'estinzione.

Circa novecento anni fa, il re della famiglia Donquijote offrì loro risorse e ricchezze in cambio di un po' di lavoro, ma in realtà iniziò a sfruttarli, tanto che i nani chiamarono questo periodo "epoca della schiavitù". Dopo i cento anni del grande vuoto, la famiglia Donquijote abbandonò Dressrosa e la famiglia Riku prese il comando del regno, la quale decise di liberare i nani chiedendo loro scusa ed offrendogli al possibilità di prendere ciò che volevano nel regno giustificando il tutto come "opera dei folletti".

Quattrocento anni fa, Montblanc Noland visitò Green Bit e aiutò i nani del regno a cacciare gli esseri umani che devastavano la loro isola; questi ultimi gli costruirono una statua in suo onore e gli insegnarono a coltivare le zucche.[3]

Otto anni prima dell'inizio della narrazione, Do Flamingo tornò a Dressrosa e spodestò Riku Dold III facendolo passare per pazzo. Anche gli abitanti del regno di Tontatta iniziarono a credere che egli fosse impazzito per avidità. Do Flamingo successivamente costrinse con l'inganno cinquecento nani della tribù a lavorare come schiavi nella fabbrica di Smile e a produrre i frutti del diavolo artificiali, facendo credere loro che essi servano per curare il morbo di cui la loro principessa è affetta. Anche quest'ultima, in realtà sana, fu catturata per obbligarla ad usare i suoi poteri per curare i loro uomini.

Saga di Dressrosa[modifica | modifica sorgente]

Nico Robin incontra i nani.

I nani catturano Usop e Robin e li trascinano nel sottosuolo di Green Bit. La ragazza si scusa per avere catturato uno di loro in precedenza e promette loro di mantenere il segreto della loro esistenza. Usop sostiene anche di essere un discendente di Noland: a quel punto i nani cominciano a vederlo come un eroe. Iniziano anche a credere che la venuta di Usop sia un segno del destino e che sia finalmente giunto il momento di muovere guerra contro Do Flamingo.

A quel punto si dirigono al campo di girasoli dove il resto dell'esercito li sta attendendo.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Tonta in spagnolo e in catalano significa "sciocco"; chiara allusione all'ingenuità dei nani del regno.
  • L'esistenza del regno è stata anticipata nel flashback di Montblanc Noland quando dei bambini gli hanno chiesto di raccontargli di quando è stato nella "terra degli uomini piccoli".

Note

Navigazione[modifica | modifica sorgente]

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.