FANDOM


Urashima è un famoso lottatore di sumo del Paese di Wa.

Aspetto Modifica

È un uomo alto e grasso, con lunghi capelli scuri pettinati in un chonmage e due trecce e arti corti rispetto al tronco. Indossa un kimono chiaro con motivi quadrati, un mantello scuro, degli slip e una cintura da sumo con molti ciondoli. Porta inoltre dei sandali ai piedi. Ha dei tatuaggi sulle spalle e sulla parte sinistra del petto.

Carattere Modifica

È superficiale, orgoglioso e incline a imporre le proprie decisione sugli altri, facendo prevalere la propria posizione sociale e considerando insignificanti le classi inferiori. Nonostante questo ha chiesto con una certa cortesia la mano a Kiku, una donna di classe inferiore, quando visto il suo status avrebbe potuto direttamente rapirla e maritarla senza chiederglielo. È anche vendicativo, dato che ha provato ad uccidere la donna per averlo umiliato, inoltre non si fa problemi a usare mosse non consentite nell'incontro contro Rufy.

Forza e abilità Modifica

È il più rinomato lottatore di sumo professionista del Paese di Wa, facente parte della yokozuna, massima categoria di tale disciplina. Oltre al suo status di atleta, discende da una rinomata famiglia di samurai, pertanto è molto rispettato e può uccidere persone di classe inferiore senza alcuna ripercussione legale.[1]

Durante un torneo è riuscito a sconfiggere ventidue avversari di seguito senza riporatare neanche un graffio, e viene istituito un premio di cinquecento pezzi d'oro a colui che sarà in grado di sconfiggerlo. Non è tuttavia minimamente al livello di Rufy.

Capacità fisiche Modifica

È molto forte, riuscendo a battere brutalmente numerosi lottatori, rompendo loro molte ossa, con facilità. Tre di essi li ha affrontati in contemporanea e sconfitti con una mossa sola, mentre un altro l'ha scagliato lontano dal ring.

Armi Modifica

Porta con sé due spade, ma non si sa quanto sia abile nel loro utilizzo.

Storia Modifica

Saga del Paese di Wa Modifica

Si reca a Okobore per proporre a Kiku di sposarlo così da offrirle sempre il cibo delle fattorie prive di inquinamento e dandole l'opportunità di non lavorare più, ma viene rifiutato. La proposta viene interrotta, quindi Urashima invita la donna al torneo di sumo a cui avrebbe partecipato nel pomeriggio, per poi allontanarsi, intimorito da Zoro.[2]

Recatosi in un ristorante di Bakura, Urashima si lamenta della propria situazione con Kiku ma poi, sul suggerimento di Mouseman che lo invita a fare prevalere il proprio stato sociale, decide di prendersi la donna con la forza e getta il proprio cibo a terra ordinando ai gestori del locale di cucinargli il loro procione domestico.

Kikunojo taglia il codino di Urashima

Kiku taglia il codino ad Urashima.

Durante il torneo di sumo, lancia uno dei suoi avversari, che viene afferrato da qualcuno, accanto al quale avvista Kiku; ordina dunque ad altri combattenti di portargliela. La folla commenta quello che crede essere il fidanzamento tra Urashima e Kiku, che viene rapita dai lottatori. Urashima urla ai presenti di non insultare Kiku poiché lui può decidere del loro destino in quanto di una classe sociale più alta e poi corre verso la sua amata, la quale però sfodera la propria spada e gli taglia il codino.

Rufy sconfigge Urashima

Urashima viene sconfitto da Rufy.

Urashima si infuria per l'affronto e attacca Kiku, venendo però fermato da Rufy; i due si colpiscono alla pari e riescono a non uscire dal ring per un soffio. Il lottatore di sumo esige di potere vendicarsi di Kiku, ma il pirata lo sfida ed evita tutti i suoi attacchi, anche quelli contro le regole. Urashima ribadisce il proprio intento di uccidere Kiku e la propria invincibilità in quanto miglior lottatore del Paese di Wa, ma Rufy afferma di poterlo facilmente superare in quanto futuro re dei pirati e lo scaraventa lontano attraverso le case fino al palazzo di Holdem, distruggendolo.

Note

  1. Vol. 91capitolo 916.
  2. Vol. 91capitolo 915, Urashima lo rivela a Mouseman.

Navigazione Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.