One Piece Wiki Italia
Advertisement
One Piece Wiki Italia
Scopri altri articoli pronti alla lettura! Gente! Questo è un articolo fatto come si deve!

"Yasop" è un articolo completo ed esauriente!

Yasop è un ufficiale e il cecchino dei Pirati del Rosso.

Aspetto[]

È fisicamente molto simile ad Usop, con cui ha in comune anche le labbra; l'unico tratto in cui differiscono è il naso, che il figlio ha ereditato dalla madre. Nonostante in passato fosse abbastanza magro, con il tempo è diventato più muscoloso. Indossa una canottiera scura, dei pantaloni grigi a tre quarti, degli stivali e un cinturone a cui è appeso un sacchetto. Inoltre porta una collana al collo, un mantello beige con disegnate molte stelle blu e un fucile legato alla schiena. Ha dei rasta ocra lunghi fino alle spalle e sul braccio destro ha tatuato il suo nome.

A trentacinque anni indossava una camicia blu scuro, dei pantaloni verde scuro lunghi fino al polpaccio, delle scarpe blu con sopra delle fibbie e una fascetta dello stesso colore con scritto il suo nome.

A venticinque anni aveva invece i capelli neri e ricci, portava una fascetta rossa sulla testa e una canottiera grigio scuro. A trentacinque anni aveva i capelli biondi e mossi.

Galleria[]

Carattere[]

Ha un carattere per molti versi simile a quello del figlio, come la capacità di coinvolgere le persone accanto a sé nei festeggiamenti.[4] Inoltre, durante il tempo trascorso a Foosha, ha legato subito con il piccolo Rufy, avendo un figlio della sua stessa età.

Relazioni[]

Famiglia[]

Usop[]

Yasop è il padre di Usop,[5] del quale è molto orgoglioso. Infatti era solito parlare in continuazione di lui al giovane Rufy, tanto che quest'ultimo è riuscito a riconoscerlo subito semplicemente vedendolo. Il tratto che li accomuna, oltre a quello di essere entrambi pirati, è di essere dei cecchini formidabili.

Banchina[]

Banchina era sua moglie. Si separarono più di dodici anni fa per l'insistenza della donna a fare inseguire al marito il sogno di diventare un pirata.

Altri[]

Vista[]

In passato successe qualcosa tra loro due, ma non se ne conoscono i dettagli.[3]

Forza e abilità[]

Come ufficiale,[2] ha una certa autorità all'interno della ciurma. Yasop è un cecchino infallibile, capace a suo dire di colpire le antenne di una formica distante cento piedi senza ferire il resto dell'animale. Rufy stesso ammette di non averlo mai visto sbagliare un colpo.[6] La sua fama era inoltre tale che Shanks, quando andò a reclutarlo, aveva già sentito delle storie eccezionali sul suo conto.[7] Fare parte della ciurma di uno degli imperatori denota inoltre la sua forza. Ha saputo farsi una certa fama ed ha una taglia molto alta, il cui ammontare è ancora ignoto.[2]

Armi[]

Ha sempre con sé alcune pistole. In passato girava anche con un flintlock, mentre in seguito utilizza un moschetto.

Storia[]

Passato[]

Shanks incontra Yasop.

Vent'anni prima dell'inizio della narrazione, Shanks raggiunse Shirop ed incontrò Yasop, il quale si stupì quando scoprì che il pirata cercava proprio lui, chiedendogli di unirsi alla sua ciurma, cosa che non fece.

Tre anni dopo divenne padre di Usop. Quando quest'ultimo era ancora bambino, Yasop lasciò la casa per divenire un pirata a causa dell'insistenza della moglie, che lo convinse a perseguire i suoi sogni.

Si unì così ai Pirati del Rosso. Undici anni prima dell'inizio della narrazione, durante l'assalto a una nave del Governo Mondiale,[8] Lucky Lou trovò il frutto Gom Gom.[9]

Yasop raggiunse poi con la ciurma Foosha, che divenne il punto di appoggio per i loro viaggi. Qui conobbe Rufy, che chiese più volte di portarlo con loro.

Un giorno, mise una mela su un tavolino in una strada e la centrò con un proiettile, venendo elogiato per la sua bravura dal bambino. Lui gli disse così che poteva colpire le antenne di una formica distante cento piedi senza ferire il resto dell'animale.[6]

Raccontò molte volte a Rufy di avere un figlio della sua età e una di queste, mentre era ubriaco al Partys Bar, prese il bicchiere e cercò di infilarglielo in testa al bambino per essersi permesso di dirgli che glielo aveva già raccontato, aggiungendo che lo avrebbe fatto ancora. Salì poi sulla sedia dicendo che non poteva fare altro per una sola ragione: la bandiera dei pirati lo chiamava.[6].

Un anno dopo vide il bambino salire sulla polena e ferirsi con un pugnale sotto l'occhio per dimostrare il suo coraggio. Con il resto della ciurma raggiunge il Partys Bar dove brindò per Rufy e per il loro viaggio. Mentre festeggiava, sostenne che si stavano divertendo un mondo e Lucky Lou gli diede ragione, affermando che fare il pirata fosse la cosa più divertente. Shanks disse loro di non sparare baggianate, ma Lucky Lou replicò che stesse solo dicendo la verità, chiedendo conferma a Yasop e ad Hongo.

Quando altri membri cercarono di convincere il capitano a portare Rufy con loro, Shanks replicò che se qualcuno voleva poteva scendere dalla nave per cedere il posto al bambino, così Lucky Lou, Yasop e Hongo si allontanarono, con il primo che affermò che il discorso fosse chiuso, invitando gli altri a bere.

Vide poi entrare un uomo con i suoi sottoposti, il quale ruppe una bottiglia di sakè offertagli da Shanks per scusarsi che la sua ciurma aveva finito le scorte, riversandone il contenuto sul pirata. Saputo che si trattava di masnadieri, e dopo avere visto Higuma prendersi gioco di Shanks, li vide uscire dall'osteria.

La ciurma poi rise per quanto subito dal suo capitano. Ascoltò quindi Rufy criticare Shanks per non avere reagito e, assieme al resto della ciurma, rimase a bocca aperta quando vide il braccio del bambino allungarsi. Lucky Lou fece presente ai suoi compagni che il frutto Gom Gom che avevano rubato non c'era più, così fece un disegno che mostrò a Rufy, chiedendogli se lo avesse mangiato, cosa che egli confermò. Lui e il resto della ciurma partirono poi per un altro dei loro viaggi.

I Pirati del Rosso di fronte ai masnadieri.

Al loro ritorno, molti giorno dopo, si diressero al Partys Bar, davanti al quale videro i masnadieri e Higuma intenzionato ad uccidere Rufy. Vide così Shanks avvicinarsi e un masnadiero puntargli una pistola alla testa, ma Lucky Lou gli sparò, uccidendolo. Yasop si stupì quando i nemici li definirono vigliacchi. Sentì quindi la conversazione tra Shanks e Higuma, dopo la quale quest'ultimo ordinò ai suoi sottoposti di attaccarli, tuttavia Benn Beckman li sconfisse tutti da solo. Il masnadiero allora ricorse ad un fumogeno e fuggì portando Rufy con sé.

Il capitano salvò Rufy dal Padrone della scogliera che aveva appena divorato Higuma, perdendo però il braccio sinistro.

In seguito si preparano per lasciare definitivamente Foosha e sentì Rufy urlare che sarebbe diventato un pirata e che avrebbe trovato dei compagni più in gamba di loro, oltre a trovare i tesori più preziosi del mondo e che sarebbe diventato il re dei pirati. Yasop vide quindi Shanks lasciare il suo cappello al bambino, dicendogli che glielo avrebbe restituito quando sarebbe divenuto un grande pirata. La ciurma poi salpò.

I Pirati del Rosso incontrano i Pirati di picche.

Due anni prima dell'inizio della narrazione, i Pirati di picche irruppero nella grotta in cui i Pirati del Rosso stavano festeggiando, ma nessuno di loro fu sorpreso della visita improvvisa. Ace si presentò a Shanks, dicendogli dove era nato e cresciuto, citando Makino e i suoi insegnamenti sulle buone maniere. Nel sentire quel nome, i membri della ciurma dell'imperatore cominciarono a prestare più attenzione al discorso e accettarono il dono di Ace, ovvero una bottiglia di liquore. Il ragazzo disse a Shanks che Rufy era suo fratello e i Pirati del Rosso urlarono che avrebbe dovuto dirlo subito. La festa proseguì e i due capitani parlarono di Rufy e quando Shanks gli chiese se avesse visitato Rogue Town, Ace disse di non essere interessato a diventare il re dei pirati come suo fratello: lui voleva solo che la sua fama raggiungesse ogni angolo del mondo. L'imperatore allora gli chiese come potesse accrescere la sua fama se non puntasse a diventare il re dei pirati, ma il ragazzo rispose che il suo scopo era sconfiggere gli imperatori. Tuttavia, Shanks non era tra i suoi obiettivi, così gli chiese chi lo fosse, sentendosi rispondere il nome di Barbabianca. Tutti i Pirati del Rosso rimasero sorpresi da tale affermazione, ma Ace affermò senza indugio che i suoi nemici fossero la Flotta dei sette, gli imperatori e i draghi celesti.

Ace chiese a Shanks chi gli avesse procurato quella cicatrice sul volto e rimase sorpreso nel sentire che il responsabile fosse un semplice membro della ciurma di Barbabianca. Anche i Pirati del Rosso furono sorpresi visto che Shanks non parlava spesso di quella cicatrice. Il Rosso affermò che non sapeva cosa quel pirata stesse facendo, ma che in quei giorni la cicatrice non gli faceva male. La festa finì e i Pirati di picche lasciarono l'isola.

Saga di Rogue Town[]

Quando Drakul Mihawk raggiunge Shanks per mostrargli la prima taglia di Rufy, la ciurma decide di fare festa, nonostante avesse appena finito di darne una.[10]

Saga di Jaya[]

A Yukiryu, Yasop sente Rockstar informare che Barbabianca ha strappato una lettera di Shanks senza nemmeno leggerla. A conversazione conclusa, il suo capitano informa lui e altri ufficiali che partiranno, quindi di prepararsi a salpare. Sente poi Lucky Lou chiedere a Shanks se andranno a fare visita all'imperatore, cosa che viene confermata. Sente così Benn Beckman affermare che se facessero una cosa simile il Governo Mondiale non starebbe con le mani in mano, ma Shanks non se ne preoccupa, sostenendo che potranno anche intromettersi, ma non li lasceranno di certo fare i comodi loro. Sente poi il suo capitano ordinare la partenza, invitandoli a fare una bella scorta di alcolici perché ne avranno bisogno.[11]

Saga dopo Enies Lobby[]

Yasop e compagni assistono all'incontro fra Shanks e Barbabianca.

L'equipaggio distrugge una flotta della Marina messa alle loro costole.

Il suo capitano gli rivela che non ha intenzione di scontrarsi con Barbabianca prima che la ciurma raggiunga la Moby Dick. Mentre Shanks sale a bordo di quest'ultima per incontrare il suo parigrado, Yasop rimane sulla Red Force insieme ai suoi compagni. Poco dopo vede il cielo spezzarsi in due; Lucky Lou domanda quindi se ciò fosse l'inizio di una guerra, così Yasop rivela ciò che il capitano gli aveva riferito.[12]

Saga di Impel Down[]

Assieme alla sua ciurma intercetta Kaido, il quale a sua volta stava cercando di fermare Barbabianca prima che arrivasse a Marineford.[13]

Saga di Marineford[]

Yasop arriva a Marineford assieme al resto della ciurma per fare cessare le ostilità. Nonostante l'equipaggio sia pronto a ingaggiare battaglia, Sengoku accetta le richieste di Shanks e dichiara la fine della guerra.[14]

In seguito i Pirati del Rosso lasciano il campo di battaglia portando con loro i corpi esanimi di Ace e Barbabianca.

Saga dopo la guerra[]

Yasop, assieme al resto dei Pirati del Rosso e alla flotta di Barbabianca, partecipa ai funerali di Ace e Newgate sull'isola natale di quest'ultimo, nel Nuovo Mondo.[15] In seguito salpa con la Red Force.[16]

Salto temporale[]

La sua ciurma si scontra con i Pirati di Kidd e priva il loro capitano del braccio sinistro.[17]

Dalle tolde del mondo - La saga dell'uomo da cinquecento milioni[]

Nei pressi delle rovine di una città in cui si trova con la sua ciurma per partecipare ad un matrimonio, Yasop osserva il manifesto della taglia del figlio sul giornale e scoppia a ridere.[18]

Differenze tra manga e anime[]

Carattere[]

Da giovane Yasop era un bugiardo.[19]

Passato[]

Daddy Masterson, un marine ritenuto imbattibile con le pistole, venne sconfitto da Yasop con relativa facilità. In tale occasione il pirata rivelò di essere un padre senza speranza, incapace di fare qualunque cosa per la moglie e il figlio.[20]

Saga di Marineford[]

Yasop minaccia i Pirati di Barbanera puntando il suo fucile contro Van Ooger.[21]

Curiosità[]

  • Il suo cibo preferito è il pesce fresco.[1]

Note

Navigazione[]

Advertisement